Go Down

Topic: Piccolo schema con scala di resistenze (Read 494 times) previous topic - next topic

sdr84

Ciao a tutti
Scusate la domanda stupida, ma stavo cercando di ricreare il circuito che trovate in allegato fisicamente su una basetta, sfruttando lo stesso stile della tastiera musicale del libro, solo che non creado di averlo fatto corretto, qualcuno saprebbe crearmi un esempio con fritzing per favore??

Mi sento veramente tonto a non riuscirci, ma "confesso" che sto cercando di imparare e quindi sono abbastanza alle prime armi con l'elettronica

Grazie mille
S

speedyant

Quale libro?
Attenzione che dallo schema sono resistenze con tolleranza 1%, diverse da quelle che si trovano normalmente nei vari kit. Dovrebbero avere cinque fasce di colore invece delle solite quattro.

sdr84

Ciao
Scusa il ritardo, ed intanto ti ringrazio per la risposta.

Il libro dal quale prendevo ispirazione era quello del kit originale ed era l'esempio della tastierina musica con scala di resistenze usando quindi solo 1 ingresso e la massa.

Mentre io usando quell'esempio della tastiera appunto volevo ricreare quello che avevo messo in allegato, solo che non riesco a farlo funzionare correttamente, e quindi ottenere sempre valori in lettura diversa sia premendo tasti singoli che combinazioni di tasti.
Nel tentativo di simulare il precedente schema ho fatto una cosa del genere, vedi allegato export di fritzing.

Leggo poi dunque il valore da 0 a 1023 a seconda di cosa viene premuto, ed in base al valore eseguo alcune funzioni.
Il mio problema è che alcuni valori si ripetono, non ricordo esattamente quali, ma per esempio il valore del primo pulsante (es 700) era anche lo stesso se premevo per esempio il secondo ed il terzo pulsante insieme.

Purtroppo non posso cambiare valori delle resistenze perchè devo interfacciarmi con quello schema che già esiste.

Sapresti aiutarmi in qualche modo?? Sai dirmi dove sbaglio??
Grazie tanto
S


gpb01

#3
Nov 16, 2017, 09:28 am Last Edit: Nov 16, 2017, 09:28 am by gpb01
Leggo poi dunque il valore da 0 a 1023 a seconda di cosa viene premuto, ed in base al valore eseguo alcune funzioni.
Il mio problema è che alcuni valori si ripetono, non ricordo esattamente quali, ma per esempio il valore del primo pulsante (es 700) era anche lo stesso se premevo per esempio il secondo ed il terzo pulsante insieme.
Quel genere di configurazione funziona SOLO se premi un pulsante alla volta. Se premi più pulsanti assieme e chiaro che crei dei paralleli di resistenza per cui il valore equivalenete e magari vicino a quello della resistenza di un altro bottone e non puoi più capire cosa hai premuto.

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

sdr84

Buon giorno
Capisco... ma il fatto è che il primo allegato che ho messo, è una schemo che già funziona in quel modo ed esiste fisicamente già fatto così, solo che usa una scheda elettronica per i fatti suoi.

Io devo cercare di sostituire questa scheda elettronica senza però cambiare il resto possibilmente.

Quindi, la mia domanda è:
- quello che ho creato con fritzing è equivalente allo schema allegato nel primo post??
- Inoltre, credo che il circuito originale credo lavoro dai 9v ai 12v massimo, ma si tratta solo di pulsanti...potrebbero crearmi problemi con i 5 volt di arduino?? perchè, provo a spiegarmi meglio, tolto il problema della pressione dei 2 tasti che però è fondamentale per il mio progetto, ho anche provato ad interfacciarmi direttamente con il circuito originale, ma senza successo nel leggere alcun dato.

Perdonatemi se le domande possa essere stupide.

Grazie a chiunque voglia aiutarmi.

Etemenanki

Per quanto riesca a ricordarmi, le scale che consentono di premere piu pulsanti alla volta sono in pratica l'equivalente delle scale di resistenze utilizzate nei DAC con proporzione R/2R ... in pratica, queste ... forse intendevi una di quelle ?
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

sdr84

Si credo sia quel sistema che viene sfruttato dal circuito originale.

Provo a farmi capire meglio.

Ogni tasto ha una funzione diversa, e se li premo in coppia per esempio le funzioni si sommano.

Supponiamo:

pin 7 - led1
pin 8 - led2
pin 9 - led3

Poi ho questo coi pulsanti:

puls A -> led1 on
puls B -> led2 on
puls C -> led3 on

Se li premo in coppia per esempio A+B allora accendo sia led1 che led2 e via dicendo.

Purtroppo io, lato arduino posso fare quello che mi pare, lato hardware dovrei cercare di mantenere tutto quello che è già preesistente. Perchè vorrei cambiare meno possibile il macchinario al quale devo creare una scheda alternativa.

I 3 pulsanti sarebbero i comandi di un tubo flessibile di un certo macchinario, ce non so se potremmo mai cambiare quella schedina HW (reale) che al momento funziona leggermente sopra i 5v.

Per questo non capisco, come mai essendo semplicemente pulsanti non riesco a leggere nulla dal circuito originale mentre se lo faccio su breadboard riesco.

Grazie mille come sempre intanto

icio

#7
Nov 18, 2017, 11:59 pm Last Edit: Nov 19, 2017, 11:59 am by icio
La realizzazione su PB non corrisponde allo schema , sullo "schema schema-elettrico.jpg" la R9 è collegata tra +5V e  A0 mentre sulla PB la hai collegata tra GND e A0

sdr84

Scusa l'ignoranza, cosa significa PB??
E come dovrei modificare il mio schema per farli corrispondere??
Grazie mille

icio

Proto Board

sposta il pin della R9 da GND a +5V

Etemenanki

Spostare la R9 non serve, se lo fai avrai sempre VCC all'uscita ...

Lo schema che ha postato all'inizio e' semplicemente una resistenza variabile (che verra' quindi letta dal circuito originale in un certo modo), mentre sulla protoboard sta cercando di fare una cosa diversa ... se noti, in quello schema il pin centrale non e' collegato, mentre R9 e' una resistenza fissa collegata ai due pin usati ... ed ogni pulsante si limita a collegargli in parallelo un'altra resistenza di diverso valore ... per cui ad ogni combinazione di pulsanti ottieni semplicemente un diverso valore complessivo ... sulla protoboard invece sta cercando di leggere diversi valori di tensione in uscita alimentando la scala resistiva, e' una cosa completamente diversa ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

sdr84

Ciao a tutti
A dire il vero io sto cercando di ricreare lo schema del primo post sulla protoboard per testarlo poi con arduino in maniera più semplice senza interfacciarmi al circuito originale.
E appunto il mio dubbio è sempre stato di capire se mi stavo muovendo nella giusta direzione oppure no.
Cosa che ancora onestamente non ho capito.

Etemenanki

Be', senza il resto dello schema originale, e' un po difficile indovinare esattamente come il circuito esistente fa a leggere i tasti ... nello schema che hai postato inizialmente, ci sono due pin, a cui e' collegata la R9, poi ogni pulsante ne aggiunge una in parallelo ... per cui alle varie combinazioni di pulsanti corrisponde per forza un valore di resistenza sempre differente sui due pin ... quindi posso immaginare (ma non ne posso essere sicuro), che il tuo circuito abbia quel pezzo di circuito con le resistenze ed i pulsanti che fa parte di una qualche rete resistiva (per cui la tensione in uscita dalla rete cambia ad ogni pulsante premuto, ma quindi ci deve essere almeno un'altra resistenza, come minimo, sul resto del circuito), oppure che sia collegata ad un circuito specifico che ne legge il valore in qualche altro modo ... ma piu di cosi, senza altre informazioni, non saprei dirti ...

Come dice sempre uwe, ho la sfera di cristallo con le batterie scariche ... ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Etemenanki

#13
Nov 21, 2017, 03:47 pm Last Edit: Nov 21, 2017, 03:50 pm by Etemenanki
A proposito, se fai un semplice calcolo per i paralleli, vedi che con quei valori il circuito da una resistenza diversa per ogni combinazione di pulsanti premuti, e per la precisione (eliminando i decinali)

nulla=8810
p1=2703
p2=1860
p1+p2=1213
p3=505
p1+p3=447
p1+p2+p3=371

... ammetto che sembra una scala non molto logica, ma se ad esempio il sistema avesse previsti piu valori, e nel tuo caso ne fossero stati usati solo tre, questo potrebbe spiegare che la scala non sembri ne lineare ne logaritmica ... altro non mi viene in mente ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Go Up