Arduino Forum

International => Italiano => Hardware => Topic started by: superzaffo on Jan 05, 2013, 08:43 pm

Title: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 05, 2013, 08:43 pm
Ciao ragazzi, ho un dubbio e visto che devo lavorare con i 220v e quindi prima di inserire la spina mi voglio togliere il dubbio...
Sto facendo un circuito di test da questo schema che ho trovato https://www.dropbox.com/s/p7p7pw9yjib2pf1/triac_rc.gif
Io lo sto facendo con un triac BT138-800 e moc3041.
I dubbio è questo, guardando sempre in rete poi ho trovato questo http://arduino.cc/forum/index.php?topic=36127.0 e guardando il datasheet del triac ho paura di aver invertito i pin T1 e T2.
Questo potrebbe avere influenza nel funzionamento ?

grazie
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 05, 2013, 11:54 pm
Aggiornamento...
Ho scambiato i collegamenti del triac, invertendo i collegamenti T1 e T2. Funziona perfettamente, ma noto una cosa...
Alcune lampade a basso consumo lampeggiano, quando invece di rimanere spente. mentre quando attivo i 5v funzionano come dovrebbero.
Allora mi è venuto il dubbio del condensatore da 10nF del circuito snubber. se lo tolgo non ho + il problema.
La misurazione della tensione in uscita con il condensatore, con i 5v spenti, non di 0 ma va dai 30 ai 50 V mentre senza condensatore è quasi 0.
Il circuito di snubbing è fatto con un condensatore da 10nF e una resistenza 39ohm da 2W.
E' normale che si comporti così ? non dovrebbe solo dar una mano all' accensione del triac ?

Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: uwefed on Jan 06, 2013, 12:24 am
È importante non invertire T1 e T2 del triac perché il gate é riferito a uno dei due e il carico dovrebbe essere collegato a T2.

Le lampadine a risparmio energetico visto che hanno un loro inverter/alimentatore switching interno normalmente non possono essere pilotate da triac. Questa la causa del comportamento strano.

Il circuito snubber serve per proteggere l'interuttore o triac nello spegnimento del carico.
Da http://en.wikipedia.org/wiki/Snubber:
Snubbers are frequently used in electrical systems with an inductive load where the sudden interruption of current flow leads to a sharp rise in voltage across the current switching device, in accordance with Faraday's law. This transient can be a source of electromagnetic interference (EMI) in other circuits. Additionally, if the voltage generated across the device is beyond what the device is intended to tolerate, it may damage or destroy it. The snubber provides a short-term alternative current path around the current switching device so that the inductive element may be discharged more safely and quietly. Inductive elements are often unintentional, but arise from the current loops implied by physical circuitry. While current switching is everywhere, snubbers will generally only be required where a major current path is switched, such as in power supplies. Snubbers are also often used to prevent arcing across the contacts of relays and switches and the electrical interference and welding/sticking of the contacts that can occur.

Ciao Uwe
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 06, 2013, 03:12 pm
Grazie uwefed..
Ma allora se devo gestire 3 lampade da 125 Watt a basso consumo, senza relè normali, (ON-OFF) cosa consigli ?
Relè a stato solido ? e se si, quale modello da pcb  ? So che tu preferisci quelli a vite non per pcb  ;)

PS. Ora ho invertito T1 e T2 e il carico è collegato a T1 e funziona.. Tu forse volevi dire che il carico deve essere su T2 perchè questo è l' ottimale, ma anche se è su T1 funziona lo stesso ?

Grazie
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 07, 2013, 12:41 pm
Ho provato una lampada a basso consumo diversa... e questa non mi fa l' intermittenza...  :smiley-eek:
uwefed, perdonami, ma cosa mi consigli per gestire queste lampade, solo per on e off ?
Io vorrei rifare la mia vecchia scheda relè meccanici con un tria o qualche SSR ddu pcb...

grazie
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: menniti on Jan 07, 2013, 01:08 pm
Io non ho mai sentito di regolatori per lampade a basso consumo, d'altra parte un conto era gestire la luminosità della resistenza di una lampada ad incandescenza, un conto è questo caso. Su queste lampade ormai montano di tutto, non solo i cinesi ma anche alcune grandi case, che si sono inventate le LBC "economiche"; i circuiti interni fanno veramente schifo. All'inizio queste lampade erano garantite per 6 anni di durata, io le cambio mediamente una volta all'anno, max due anni, con un uso assolutamente normale; infatti la storia della durata ora è sparita dagli scatoli, visto che non si può comprare altro. A mie spese ho verificato come queste lampade economiche immettono disturbi sulla rete; in corridoio di casa ne ho una che durante la notte, al buio totale, fa un lampeggio rapidissimo ma regolare.
Giorno fa ho comprato in un Brico delle lampade nuove che hanno la vecchia forma e trasparenza delle lampade ad incandescenza, hanno però un doppio "filamento", sono garantite per un risparmio del 30%, ma ancora non ho avuto il tempo né di provarle né di capire come funzionano, visto che l'incandescenza ora dovrebbe essere proibita. Comunque sono belle, mi sono stufato di questi mini-neon che dopo un po' anneriscono e dopo due po' si bruciano; se queste vanno bene me ne f... del presunto risparmio maggiore.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: leo72 on Jan 07, 2013, 01:13 pm
So che ci sono lampade a risparmio energetico dimmerabili, ma costano molto di più e non sono facilmente reperibili. Abbasando semplicemente la tensione quelle normali appunto lampeggiano perché la scarica non è sufficientemente forte per poter accendere i gas del tubo
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 07, 2013, 01:21 pm
si veramente: le lampade fluorescenti sono uno scandalo: le garantiscono (anche grandi marche) per 10 anni... ma che vadano a quel paese: altro che dieci anni: durano un anno scarso.
Ho notato comunque che non sono per nulla adatte ad accensioni frequenti...
Inoltre in azienda i tempi che furono abbiamo cambiato i vecchi reattori per le fluorescenti con delle "innovative" plafoniere di nota marca che taccio perchè natale è passato da poco... dopo 6mesi massimo un anno le scariche staccano lo stagno dal circuito in prossimità di alcuni condensatori... e ti credo che risparmiano: se ne rimangono spente...

Comunque in essenza dimmerizzare una lampada vecchio stampo ad incandescenza, nuovo stampo alogena o led dovrebbe essere piuttosto semplice... sulle fuorescenti so che ci sono dei circuiti che lo fanno ma sicuramente con quelle commerciali non combini nulla... Comunque (scusate se sono tardo) qui questo triac si vuole fare solo acceso e spento LENTAMENTE oppure si vuole creare una dimmerizzazione?
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 07, 2013, 02:19 pm
No, si vuole solo fare un bel ON-OFF delle lampade... voglio sostituire la mia vecchia scheda relè.  XD
Ti confermo che le lampade a basso consumo non sono fatte per essere accese e spente a tempi brevi tra loro. Io ne ho trovate che sopperisco a questo  problema.. ma naturalmente costano di più.
Ma non è questo il problema.. le mie lampade saranno accese per 13 ore al giorno continuamente...  ;)
Quello che non capisco è perchè una a gate spento dia dei lampeggi e un altra di marca diversa no... e poi se ul triac-optotriac non vanno bene... cosa posso usare al posto dei relè meccanici....
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 07, 2013, 02:41 pm

No, si vuole solo fare un bel ON-OFF delle lampade... voglio sostituire la mia vecchia scheda relè.  XD
Ti confermo che le lampade a basso consumo non sono fatte per essere accese e spente a tempi brevi tra loro. Io ne ho trovate che sopperisco a questo  problema.. ma naturalmente costano di più.
Ma non è questo il problema.. le mie lampade saranno accese per 13 ore al giorno continuamente...  ;)
Quello che non capisco è perchè una a gate spento dia dei lampeggi e un altra di marca diversa no... e poi se ul triac-optotriac non vanno bene... cosa posso usare al posto dei relè meccanici....


ah... sti cazzi... a gate spento il triac si accende lo stesso pur non avendo "forza" ?
Sono molto ignorante su queste cose: no credo di poterti aiutare... l'unica cosa che mi viene in mente (ma ripeto che sono piuttosto scarso) è che arrivi qualche forma di tensione al gate: in effetti si eccitano per nulla... poi rimangono accesi fino al passaggio per lo zero quindi può darsi che si veda qualche segnale....


scusate... aggiungo una cosa che non ho capito... su alcuni schemi viene messa una resistenza tra gate e A1, in altri c'è una resistenza solo sul triac del fotoaccoppiatore che limiti gli ampere a quel componente... ma una resistenza tra A1e gate in caso di carico capacitivo non rischia di eccitare il gate?

Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: rslogix52 on Jan 07, 2013, 05:45 pm
Ciao a tutti. Per il problema dell' accensione fievole della lampa anche quando il triac è spento prova a invertire la spina con cui colleghi la lmpada perchè a me mi è successo con una lampada da tavolo che con interruttore spento al buio si vedeve una luminoscenza che è scomporsa invertendo la spina Tecnico.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: menniti on Jan 07, 2013, 06:55 pm

Ciao a tutti. Per il problema dell' accensione fievole della lampa anche quando il triac è spento prova a invertire la spina con cui colleghi la lmpada perchè a me mi è successo con una lampada da tavolo che con interruttore spento al buio si vedeve una luminoscenza che è scomporsa invertendo la spina Tecnico.

sì, infatti il problema deriva dal fatto che anche la sola fase riesce a dare un principio di innesco che poi non va a buon fine in quanto il circuito non chiude; invertire i fili significa lasciare sempre collegato il neutro e il problema si risolve, ma resta pur sempre un problema.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 07, 2013, 10:37 pm
allora.. per le prove che ho fatto.... era come intuivo..
Se stacco il condensatore che ha in serie la resistenza per il circuito snubber... il problema non si presenta più... infatti il lampeggio sembra proprio una scarica di un condensatore (infatti misurando la tensione si vede che un po' ne passa e a picchi) e se (anche con il condensatore) installo nel portalampade un altra lampada, ma di marca e tipo diversa ma sempre a basso consumo, questa non ha il problema...
Secondo uwefed non si possono usare i triac con questo tipo di lampade... ma non capisco perchè alcune lo fanno e altre no... e cosa dovrei usare se voglio togliere i relè meccanici...  :smiley-fat:
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 07, 2013, 10:58 pm

allora.. per le prove che ho fatto.... era come intuivo..
Se stacco il condensatore che ha in serie la resistenza per il circuito snubber... il problema non si presenta più... infatti il lampeggio sembra proprio una scarica di un condensatore (infatti misurando la tensione si vede che un po' ne passa e a picchi) e se (anche con il condensatore) installo nel portalampade un altra lampada, ma di marca e tipo diversa ma sempre a basso consumo, questa non ha il problema...
Secondo uwefed non si possono usare i triac con questo tipo di lampade... ma non capisco perchè alcune lo fanno e altre no... e cosa dovrei usare se voglio togliere i relè meccanici...  :smiley-fat:


io ho provato un circuito "essenziale" e mi funziona... era quindi come ipotizzavo sopra che la base ti rimaneva per qualche motivo eccitata...
Per la fluorescente che non si accende con il triac penso che uwe intendesse che non si dimmerizza ma no che non si possa in assoluto accendere o spegnere... comunque domani sera provo.... osram e filips
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 07, 2013, 11:18 pm
Che circuito essenziale hai provato ? Perchè ti ripeto che anche a me funziona... ma con una lampada questa blinka.. mentre un altra no... senza il circuito snubber funzionano tutte.. ma lo snubber è utile come un salva triac o aiuta triac...
Rileggi la risposta di uwefed e mi sembra molto chiaro...
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 08, 2013, 08:34 am

Che circuito essenziale hai provato ? Perchè ti ripeto che anche a me funziona... ma con una lampada questa blinka.. mentre un altra no... senza il circuito snubber funzionano tutte.. ma lo snubber è utile come un salva triac o aiuta triac...
Rileggi la risposta di uwefed e mi sembra molto chiaro...


senza snubber... praticamente un triac un fototriac ed una resistenza ... comunque stasera come ti dicevo salvo imprevisti provo meglio.
Probabilmente lo snubber va un po' tarato cambiando eventualmente il condensatore o le resistenze in base al carico...speriamo scriva uwe...
in ogni caso io non mi strapperei i capelli per lo snubber: è per carichi induttivi e di per se una lampada a fluorescenza del vecchio tipo a reattore è un carico induttivo ma le nuove lampade "elettroniche" migliorano la situazione (almeno sulla carta) e poi... sono 10-15 watt in tutto di lampada quindi non credo succedano 'ste gran cose.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 08, 2013, 01:05 pm
Non sono proprio 25 watt... ma sono 3 lampade da 125watt effettivi.. naturalmente comandate separatamente...
poi oltre alle lampade ho altri dispositivi da pilotare, tra cui due pompe, delle resistenze di calore , un umidificatore ad ultrasuoni.. d
Ok fai pure la prova e speriamo che uwe mi dia qualche consiglio, perchè vorrei togliermi dalle scatole i "vecchi" relè meccanici... on con i triac o con gli RSS.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: menniti on Jan 08, 2013, 01:07 pm
ma che fastidio ti danno i relé meccanici? ho sempe adorato quei ticchettii XD che peraltro ti dicono subito se qualcosa non va, come quando mi si incollarono i contatti di un relé del cancello elettrico, problema individuato all'istante :D
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 08, 2013, 01:12 pm
:D :D :D
lo so michele.. mi ti dirò che quel tick che senti genera molta interferenza ... e con i sensori che ho che metterò, mi potrebbero queste causare dei problemi.
Per farti un esempio... io ho la tv distante dai relè circa 2mt e appena c'è un tick il sonoro della tv sparisce per circa mezzo secondo.. Tv lcd a led della samsung.. per cui per evitarmi in futuro noie possibili vorrei sostituirli...  8)
Poi ti dirò... magari dopo mi mancheranno quei tick tick  XD  XD  XD
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: menniti on Jan 08, 2013, 01:15 pm
ma a questo si rimedia, registrali in audio ora che li hai, e quando ti verrà il desiderio li mixi con l'audio della tv :smiley-mr-green:
[OT] sull'altro fronte purtroppo nulla di nulla, mi spiace, però vedo che vi siete fermati anche tu e tonid :smiley-sad-blue:
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 08, 2013, 01:24 pm
eh eh  XD effettivamente...
no sull' altro fronte, sinceramente volevo aspettare te e tonid e procedere assieme... vedrò domani di spedirtene un altro in un altro modo...
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 08, 2013, 01:38 pm

Non sono proprio 25 watt... ma sono 3 lampade da 125watt effettivi.. naturalmente comandate separatamente...
poi oltre alle lampade ho altri dispositivi da pilotare, tra cui due pompe, delle resistenze di calore , un umidificatore ad ultrasuoni.. d
Ok fai pure la prova e speriamo che uwe mi dia qualche consiglio, perchè vorrei togliermi dalle scatole i "vecchi" relè meccanici... on con i triac o con gli RSS.


cosa intendi per effettivi? tre lampade fluorescenti da 125W cadauna??? Il faro che mi illumina un lato della  casa di notte fa 70W (ioduri metallici)... fa la luce di una alogena da 500W... è come un faro della strada... :smiley-eek:
Le pompe da acquario anche li hanno pochissimi watt ma comunque sono carichi induttivi ai quali prestare attenzione, le resistenze sono carichi resistivi pressochè puri... e li si si sale facilmente di watt...
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 08, 2013, 01:51 pm
Si.. sono lampade particolari per le piante da 20000 lux ciascuna.. Quella che tu usi mi brucerebbe le piante nel giro di 2 secondi con il calore che fa  :D
Non sono esattamente pompe per gli acquari ma per nebulizzare e quindi con molte bar... mentre si .. le resistenze sono naturalmente carichi resistivi... ma per fortuna non di molti watt  ;)
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 09, 2013, 08:59 am

Si.. sono lampade particolari per le piante da 20000 lux ciascuna.. Quella che tu usi mi brucerebbe le piante nel giro di 2 secondi con il calore che fa  :D
Non sono esattamente pompe per gli acquari ma per nebulizzare e quindi con molte bar... mentre si .. le resistenze sono naturalmente carichi resistivi... ma per fortuna non di molti watt  ;)


mi è passata la voglia dell'acquario... ma quanto paghi di enel?  XD
...però non mi è passata la voglia di venire a capo di 'sto triac... allora ti dicevo ieri sera ho ricomposto su il circuito con il triac ed il moc... la prima versione è un triac BC???, una resistenza, un MOC30vattelapesca. La resistenza è tra il moc ed il gate giusto per non saper ne leggere ne scrivere....mi pare ma non mi ricordo esattamente che sia da 1k... non c'è altro.
la seconda versione è uguale alla prima ma ha tra T1 e T2 una resistenza da 100ohm e un condensatore ceramico da 0.01uF.
Ho attaccato due tipi di lampade: una osram normale da 14W ed una cinesata a palla gigante da 35Watt.. ho lanciato il programma blink e blinkano tra l'altro con sorprendente regolarità (in considerazione che l'accensione non è una fase immediata ed infallibile)... non mi è sembrato il caso di protrarre l'esperimento per più di 30-40 secondi perchè le fluorescenti soffrono l'accensione e lo spegnimento... sarebbe da tenerle accese almeno 15 minuti...
Comunque vanno sia con l'attenuatore che senza attenuatore. La differenza con il tuo circuito iniziale è la resistenza che tu metti tra gate e T1 che trovo in tanti circuiti ma non in tutti (e probabilmente i valori dei componenti sparsi per il circuito): non ho avuto modo di provare questa cosa per motivi di tempo (lo so sono 3 secondi ma ho famiglia...)...magari provo stasera

Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 09, 2013, 09:28 am
Eh eh il mio non è un acquario.. ma un orchidario... magari appena ho un attimo posterò una foto.  :D
Non farle blinkare, perchè così magari non vedi il problema.. tienile spente... metti a LOW il pin arduino e vedi se la lampada fa dei lapeggi come se si scaricasse il condensatore..
Molto probabilmente il problema potrebbe essere nella resistenza in serie al condensatore.. magari troppo piccola... però il bello è che alcune lampade non lo fanno e alcune si..
Peccato che uwe non risponde perchè mi sarebbe piaciuto sapere se è la stessa cosa per gli ssr o con questi il problema potrebbe essere risolto.... mi sembra strano che nessuno abbia avuto questo problema, anche perchè sono bandite dalla vendita le classiche lampadine ad incandescenza...
Ma tu la stai provando su breadborad ? perchè io, non fidandomi molto di questa, mi sono soffato un piccolo circuito sulla mille fori..
Grazie
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 09, 2013, 09:51 am


Ma tu la stai provando su breadborad ? perchè io, non fidandomi molto di questa, mi sono soffato un piccolo circuito sulla mille fori..
Grazie


no no mille fori e saldata bene anche: non so mica che contatti ci sono dentro la bread...
Stasera ri-provo... però spenta è stata a lungo con o senza alimentazione... e chiaramente non ho notato nulla... anche il discorso di invertire fase e neutro l'ho fatto ma non ho avuto nessun riscontro.... provo di nuovo comunque...
Una banalità: a parte che se guardi la luce diretta poi vedi luce per 10 minuti ma è abbastanza normale che permanga una certa fluorescenza del tubo per diversi minuti: non accensione vera e propria ma una tenue fluorescenza dovuta alla natura della patina fluorescente interna del tubo che rimane eccitata.
Altra cosa: nei fotoaccoppiatori spesso c'è un terminale che è la base/gate che non viene utilizzato... quello basta sfiorarlo ed accende il contatto a tradimento... su questo moc mi sono guardato bene dal provare a toccarlo (non so manco se c'è) per via della 220 ma volevo chiederti di assicurarti che non ci siano fili o contatti troppo lunghi che prendano elettricità per aria.
Un'altra cosa: vivi per caso in un forno a microonde?  XD (scherzo ovviamente)

Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 09, 2013, 10:11 am
Eh eh eh .. no qsecofr... non sono dentro ad un microonde.. ma non manca poi molto...  XD  XD
Non è un problema di fluorescenza... vedi che blinka. E non è nemmeno un problema di pin degli opto.. perchè quelli non utilizzati non li ho nemmeno stagnati e non ci sono contatti strani.
Infatti se tolgo il condensatore il problema su quella lampada (che tra l' altro è attinica) sparisce.

Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 09, 2013, 09:48 pm
ora sto provando un SSR, vedremo i risultati
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 09, 2013, 11:12 pm

ora sto provando un SSR, vedremo i risultati


allora ho riprovato... è vero la lampada (philips) lampeggia.... staccando lo snubber la lampada rimane spenta...
Ho notato mettendo in parallelo un altro condensatore che peggiora... al che per farlo migliorare ho messo una resistenza in serie (in pratica sono passato da 100 ohm a 300 sullo snubber) ed il fenomeno chiaramente scompare.
Lo scambio fase neutro non comporta alcun cambiamento nel mio caso...
...uwe dove sei?  :smiley-red:
Ho tolto di mezzo quindi tutto ed ho attaccato solo la lampada e lo snubber direttamente alla 220 e come pensavo lo fa lo stesso (no triac no fotoaccoppiatore nulla... solo filo lampada e R-C...
Allora: il mio pensiero è questo: lo snubber è un condensatore messo a cavallo di un interruttore che funziona (il triac): durante l'onda positiva il condensatore si carica, quando la tensione arriva a 0 il condensatore comincia a scaricarsi e quella misera corrente è sufficiente a generare il lampeggio.
Se metti lo snubber su un relay ti fa il lampeggio uguale... o si attenua lo snubber o non so.



Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 09, 2013, 11:28 pm
Ok quindi confermi le prove che ho fatto io. Nella scheda relè che ho non c'è lo snuber e quindi non so se lo fa o no anche con quelli..
Se misuri la tensione di uscita con lo snubber, vedi che no è a 0 ma (se ricordo bene) arriva fino a 10-12 volt.. nel momento dell' onda alta..
Aumentando la resistenza, tu hai detto che il lampeggio scompare... quindi potrebbe essere solo un problema di valore ?
Ho schemi che parlano tutti di valori diverse delle resistenze quindi vorrei anche poter capire le formule per trovare i valori giusti  :*
Spero che qualcuno ci possa illuminare... anche per capire un eventuale piano B se questo non può andare...
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: tonid on Jan 10, 2013, 12:28 am
Lo snubber non serve quando non si usa un carico induttivo come ad esempio un motore,se state pilotando carichi come una lampadina io non lo metterei....
Vi posto però un link interessante http://www.thierry-lequeu.fr/data/AN437.pdf (http://www.thierry-lequeu.fr/data/AN437.pdf)
Dategli un occhio  :)
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: qsecofr on Jan 10, 2013, 08:02 am

Lo snubber non serve quando non si usa un carico induttivo come ad esempio un motore,se state pilotando carichi come una lampadina io non lo metterei....
Vi posto però un link interessante http://www.thierry-lequeu.fr/data/AN437.pdf (http://www.thierry-lequeu.fr/data/AN437.pdf)
Dategli un occhio  :)


sarebbe una lampada fluorescente da 150Watt quindi sarebbe un carico induttivo... imho notevolmente smorzato dal fatto che comunque è una lampada elettronica non il vecchio reattore.
Interessante il documento... da una distrattissima lettura ho visto che per un motore enorme mettevano uno snubber piccolissimo... poi me lo studio meglio... comunque per questa applicazione lo snubber non lo metterei neanche io.
Title: Re: Schema triac e optotriac
Post by: superzaffo on Jan 10, 2013, 09:45 am
Bello il documento.... grazie... quindi sono sempre più convinto anche io di non mettere lo snubber... anche perchè per quello che devo gestire io.. non è così alto..
Nel documento fanno esempi da 1500 watt in su... e usano dei C e R molto bassi... inoltre dicono (come avevo notato io) che lo snubber comunque lascia passare della tensione, che potrebbe causare problemi a certi tipi di carico.. come ad esempio le elettrovalvole ecc...