Show Posts
Pages: 1 ... 69 70 [71] 72 73 ... 119
1051  International / Generale / Re: studiare un altro microcontrollore.. on: January 07, 2013, 09:08:35 am
anche dovessero aumentare i prezzi di "qualche" euro io  e credo altri saremmo disposti a sostenerlo aquistano sia scheda base che i relativi utili shield.
 Buona giornata e buone realizzazioni!!
                                                                                    Antonio

personalmente non spenderei un centesimo di  euro per avere questa certificazione... anzi mi darebbe fastidio anche il solo sapere che hanno dato soldi alla microsoft.
Io non spenderei un millesimo di euro in più per arduio per una cosa inutile solo perchè te non vuoi premere un bottoncino!!!!
RIBADISCO: ANCHE IO HO UN ENVY DV7 E NON E SUCCESSO NULLA TOGLIENDO LA FIRMA DIGITALE!!!!
Se non la vuoi togliere passi ai PIC, ARM, TEXAS INSTRUMENTS ecc...
1052  International / Generale / Re: connubio Arduino - Videosorveglianza on: January 07, 2013, 09:05:10 am
Soluzione idiota: metti ben in vista delle telecamere "farlocche" (cotano 10 euro e si muovono e lampeggiano) e metti in posti meno visibili quelle vere: il ladro spacca quelle finte e lascia intatte quelle vere.
Oppure instali una telecamera DOME antivandalo  smiley-twist per romperla fa talmente tanto casino che sveglia tutti smiley-wink
1053  International / Generale / Re: studiare un altro microcontrollore.. on: January 06, 2013, 11:38:22 am
Ciao a tutti! essendo io decisamente scettico sulla procedure di disabiltazione della firma digitale dei driver in Windows8, in quanto ho potuto constatare la "permalosità" di questa nuova creatura Microsoft; vi chiedo:

 ESISTE UNA FAMIGLIA DI MICROCONTROLLORI SU FILOSOFIA ARDUINO AVENTE LA FIRMA DIGITALE? smiley-roll
Scusate ancora il mio essere scettico ma non vorrei far incavolare il mio nuoo notebook HP ENVY dv7.. smiley-red
In attesa dei Vostri interventi presso questo thread e certo della Vostra comprensione ,vi auguro buoni progetti ed altrettante brillanti realizzazioni!!!

                                                                                                 Antonio da Milano
DIsabilita pure la filma digitale... anche io ho un ENVY DV7 e non si è rotto nulla.
Probabilmente non esistono altri micro con facilità di programmazione pari ad arduino ad un costo accessibile e con la firma digitale per il semplice motivo che avere la firma digitale di microsoft su un driver costa centinaia di ero (da quello che ho lettoP spesa che, ad esempio, arduino non si può prmettere.
Spero di averti tolto timori
Ciaooooo
C
1054  International / Generale / Re: info per un progetto on: January 05, 2013, 04:42:51 pm
Cece99 che ne dici ti basta tutto questo voltaggio il modello finito e equipaggiato come segue :
2 batterie da automobili da 12v , 4 batterie da moto da 6v per tutta la questionee elettronica, 3 batterie al litio da 7,4v per le pompe idrauliche ti basta come rifornimento di energia elettrica calcola che tutto il modello avrà un peso di circa 195 kg in acqua quindi la zavorra non basta ancora….  smiley-grin smiley-grin
Allora... pensavo avessi solo una batteria ai polimeri di litio, non pensavo che tu avessi una centrale nucleare nella barca smiley-grin
1055  International / Generale / Re: info per un progetto on: January 05, 2013, 04:00:12 pm
ciao superlol
Il modello navigherà in una piscina di 20 x 20 mt o al massimo su un laghetto.. si quello che dici e giusto ma visto che fa solo una simulazione.
Il modello che sto realizzando da ben 6anni di progettazione e ricercare soluzioni per le varie realizzare dei vari pezzi del modello per riuscire da realizzare un modello quasi fedele dell’originale..
La nave l’originale aveva i più grandi cannoni mai installati su una nave da guerra di quell’epoca erano da 460mm sparava un proiettile del peso di 1360kg la sua velocità del proiettile era 805m/sec a ben 42.050 metri e la parabola era di 11.900 metri…….mica male…per quel tempo

Ciao
Rolf

ciao cece99
come già spiegato non posso fare una centrale elettrica sul modello le torri devono essere indipendenti da tutto il resto perché le torri devono essere anche estratte  dalla loro sede per il trasorto con tutti quei fili che lo collegano diventa una mega insalata, e meglio avere solo 2 o al massimo 3 da scollegare ed estrarre il blocco che compone della torre.
Quindi devo solo prendere solo 4 arduini 3 per le torri e 1 per i telemetro con i loro xbee… mi sono un po’ documentato su internet e ho visto dei video molto interessati sulla soluzione di comunicazione tramite xbee…e molto accattivante la cosa e le cose di questo genere mi intrippano un sacco se ti capita di passare la model expo di verona 2013 a marzo dovrebbe essere come tutti gli anni il 2 - 3 mi provi nel padiglione delle piscine il club e Associazione Modellismo & Storia DLF Pontassieve se tutto va come deve vedrai il mio modello non terminato e solo in parte funzionante non in acqua per magari per il 2014 l'opera sara finita speroooooo……
Ciao
Rolf

L'idea degli xbee è ottima ma volevo capire un paio di cose: gli xbee occupano dello spazio, ce l'hai? Gli xbee consumano energia elettrica, la nave deve navigare, poi gli basta la batteria?
1056  International / Generale / Re: connubio Arduino - Videosorveglianza on: January 05, 2013, 12:21:31 pm
Ciao

Quote
Nel mio condominio aumentano i casi di furto ed ho in mente di realizzare un sistema di videosorveglianza. Ho proposto ai condomini:
compriamo 10 IPCam wireless, un paio di Access Point, un piccolo Server poco potente con hardware compatibile Linux, uno Storage di buona capacità e usiamo un software opensource (tipo Zoneminder) per la gestione. Solo che... le IPCam sono davvero troppo grosse! Impossibile nasconderle all'occhio del ladro. Un ladro che se le trova davanti, come prima cosa le spacca in due. Da qui sorge la domanda iniziale.

come prima cosa ZoneMinder con un server poco potente fa poco, specie se deve gestire svariate telecamere.

Poi, andando in OT, se vuoi usare camere mini, puoi usare quelle radio che hanno una ricevente con presa RCA.
Lato server avrai un adattatore RCA -> USB (ce ne sono multiporta), sul sito ZM trovi anche la lista delle compatibilità.
Proprio quelle intendo!
Ma poi esistono anche quelle da "007" che sono piccolissime e grandi come un bottone di una giacca: sul tronco di una pianta nel pianerottolo e via in wireless fino al server.
1057  International / Generale / Re: info per un progetto on: January 05, 2013, 12:15:38 pm
tranquillo tranquillo non ho fretta ho altre 1000 cose da rivedere e devo riprogettare con il CAD il nuovo telemetro e devo controllare tutto il nuovo sistema idraulico tutto da capo.. smiley-mad smiley-mad smiley-mad non arriva la pressione boooo???
 
comunque ti ringrazio moltissimo
Rolf

Se ti posso essere d'aiuto ti consiglio di evitare di comprare tanti arduini smiley, per i posti dove devi comandare 2-3 cose ti consiglio di installare degli attiny85 (molto piccoli e si programmano come arduino), per quelli dove devi fare molti calcoli, cose complesse o che necessitano molti pin ti consiglio degli atmega8 o 328 (rispettivamente 1 dollaro e 5 euro) e poi comandare tutto puoi usare un arduino MEGA o UNO (dipende dalla complessità delle operazioni che devi fare).
E poi far comunicare tutti i chip in I2C.
Se hai dubbi fammi sapere.
Ciaooo
C
1058  International / Software / Re: Simboli strani sul monitor on: January 04, 2013, 12:37:03 pm
Grazie ragazzi, io stavo per mollare tutto :-)
cmqe per quanto riguarda l'alimentazione, quale alimentazione intendi? perché Arduino viene alimentato con un alimentatore, mentre il relè con un altro alimentatore.
per i consigli di leo72 appena posso cercherò di montare subito un fotoaccoppiatore e vi farò sapere se si risolve qualcosa
Io per alimentatore intendo quello di arduino
1059  International / Software / Re: Simboli strani sul monitor on: January 04, 2013, 12:19:54 pm
Non ho letto tutto il post ma potrebbe essere che l'alimentatore non è ben filtrato e a causa del ripple esce quel casino (è successo anche a me tempo fa...), se si ti consiglio di filtrre meglio l'alimentazione
1060  International / Software / Re: Simulare pressione tasti con arduino UNO on: January 04, 2013, 12:06:09 pm
Mi sto affossando sempre di più smiley-sad, ho trovato un bel codice per pic 18F4550 che simula una tastiera, ma il pc non me lo riconosce (dopo averlo programmato correttamente col pickit2), questo è il pacchetto con tutti i files:
https://www.dropbox.com/s/w0lxjzmdpw9ppwi/MikroC_PRO_Keyboard.rar
1061  International / Generale / Re: info per un progetto on: January 04, 2013, 11:59:11 am
Grande astrobeed hai centrato il punto della mia idea quindi non e solo un sogno ma una cosa realizzabile per questo ti ringrazio moltissimo.
Sono pienamente d’accordo con quello che hai esposto ho un paio di domande ancora e vorrei capire e se possibile:

Dici bene devo solo simulare:
1 –  Mi hai scritto (un servo rc partendo dai motoriduttori ) la cosa che mi era venuta in mente e che dovrei recuperare il circuito integrato + potenziometro da un servo digitale e al posto del motore collegare i due motoriduttori e questo che intendevi???
2 – ho trovato questo tipo di microtelecamera potresti daremi una dritta se possono andare bene per quello che hai detto per la questione del telemetro.
Penso che possa andare bene nel telemetro non ho molto spazio e queste telecamere per cellulare sono ottime per il mio punto di vista tu che ne dici e una cosa fattibile:
http://www.ricambi-cellulari.com/48-camere-per-cellulari
le dimensioni che ho per alloggiare la micro camena sono queste il foro e di 10mm e il quadrante dove deve andare la telecamera e di 6x6mm ma si po’ modificare visto che lo devo ricostruire per effettuare  queste modifica.
Ho un' altra domanda scusami ma sono uno che domanda motissimo che mi viene spontanea da chiederti e possibile inserire due telecamere sul telemetro ??

Mi dispiace la versione sparante con colpi a salve (tipo quelle utilizzati per i scaccia cani per intendere ) verrà progettato dopo aver terminato il modello ma ti terrò informato quando questo progetto inizierà…

Non so proprio come ringraziati per il grande aiuto che mi stai dando

Cordialmente
Rolf


Xcece99
Ti ringrazio molto per la tua preoccupazione di quando si svuoteranno le mie tasche ma visto che ora come ora ho perso il conto di tutte le volte che si sono svuotate mi viene male solo l’idea ma quando hai la passione di questo hobby non hai un budget difinito.
Grazie per questa passione che la coltivo da quando avevo 10 anni a oggi e devo ringraziare tutto questo che ho fatto anche divendare una specie di dopolavoro questo hobby mi stimola sempre nuove idee e Vi ringrazio tutti voi che sto scoperndo questo nuovo mondo dove le mie idee possono diventare realta e non solo dei sogni.
Non mi spavento di spendere € 75.- o qualcosa di più ho tre oggettini realizzati da me in rhino 3D e ho dato da stampare in prototipazione rapida e che mi sono costati € 200.- ti allego foto sono stati realizzati a 0.016micron gli ho fatti realizzare dalla 3dz.
Comunque ti ringrazio per esserti preoccupato per le mie spese non e da tutti preoccuparsi per gli alti oggi giorno..
Cordialmete
Rolf

Che belle...... ma lo sai che io sto costruendo una stampante 3d smiley-razz
1062  International / Generale / Re: connubio Arduino - Videosorveglianza on: January 04, 2013, 05:39:58 am
Ciao a Tutti.
Secondo Voi si può realizzare un sistema di videosorveglianza miniaturizzato, con Arduino?

Nel mio condominio aumentano i casi di furto ed ho in mente di realizzare un sistema di videosorveglianza. Ho proposto ai condomini:
compriamo 10 IPCam wireless, un paio di Access Point, un piccolo Server poco potente con hardware compatibile Linux, uno Storage di buona capacità e usiamo un software opensource (tipo Zoneminder) per la gestione. Solo che... le IPCam sono davvero troppo grosse! Impossibile nasconderle all'occhio del ladro. Un ladro che se le trova davanti, come prima cosa le spacca in due. Da qui sorge la domanda iniziale.
Mmmm, forse con un arduino Due e molta esperienza, ti conviene comprare delle telecamere miniaturizzate con filo (grandi come un bottone) oppure wireless, no ip cam che sono grosse e far convergere i segnali su un c dotato di scheda di acquisizione video.
1063  International / Software / Re: Simulare pressione tasti con arduino UNO on: January 04, 2013, 05:38:08 am
so che c'è uno stack usb della microchip ma la domanda è: funziona su MikroC? L'IDE della microchip la odio, MikroC Pro me gusta.

Ovviamente no, il C18 di Microchip è un C ANSI, il MikroC è un C non ANSI dotato di librerie "pappa pronta", in stile Arduino, e non è compatibile con il C18.
Però non devi scrivere codice, devi solo compilare, e comunque MPLAB, o MPLABX, è a diversi anni luce dal MikroC come performance e strumenti di lavoro, per giunta è gratis a differenza del MikroC che devi pagarlo, non tanto però sono sempre dei bei soldini.

Ok, allora potrei usare il C18 ma non saprei da che codici cominciare per poi unirli, io so solo i delay e come mettere ad HIGH le uscite su MikroC mica sono un genio, hai qualche tutorial su come simulare i tasti della tastiera?
1064  International / Generale / Re: info per un progetto on: January 04, 2013, 05:02:17 am
Bhè, gli Xbee sono ottimi ma costosi, ti consiglio di puntare a moduli a 433mhz (1 euro contro i 25 euro per un xbee)

Deve lavorare in network, realtime, con diversi nodi, ti ci voglio proprio vedere farlo con i moduli cinesi (= schifezza illegale in Italia) a 433 MHz o con i bluetooth, la scelta degli Xbee, serie 2 con mesh network, è l'ideale per questa applicazione.

Capito, ma sembra piuttosto costosa la cosa, io se fossi in lui farei comunicare il tutto in i2c o rs485 , penso proprio che 2 cavetti in più non gli cambino la vita, anzi, gli alleggeriscono il portafoglio di qualche almeno 75 euro.
C
1065  International / Software / Re: Simulare pressione tasti con arduino UNO on: January 04, 2013, 04:58:58 am
Infatti, non mi aspetto una programmazione facile smiley-grin forses se Astrobeed fa un giretto un questo 3d mi da una mano smiley-grin.

La USB non è una cosa semplice da gestire, però Microchip mette a disposizione vari applicativi pronti all'uso, devi solo ricompilarli per il micro che utilizzi, p.e. 18F2550, per gli usi più comuni come il convertitore USB-UART, ovvero non devi scrivere nemmeno una riga di codice.
io avevo utilizzato un pic18F2550 come usb-ttl in un mio progetto (che sprecone....), so che c'è uno stack usb della microchip ma la domanda è: funziona su MikroC? L'IDE della microchip la odio, MikroC Pro me gusta.


Qualsiasi altra idea è ben accetta!


E fatti sta schedina con v-usb e fagli vedere a sti rosiconi come si fà !!!  smiley-mr-green

Hai già tutto in casa, ci metti forse mezz'ora a farla tutta.

P.S. falla anche su millefori, io la prima l'ho fatta su breadboard e ha funzionato, cura bene però i collegamenti usb, corti e quanto più identici possibile.

P.S.2. ho finito i c.s. sennò te ne mandavo un paio dei miei.

Quasi quasi mi faccio il pcb, ma devo comprarmi il cloruro perchè si è depositato ed è diventato duro come una roccia smiley-lol.

PER TUTTI, pensavo di simulare le hot key (tipo quelle sulle tastiere da pc fisso con il volume cambia traccia ecc. in tasti dedicati), così da rendere il mio sistema compatibile con tutti i lettori audio, cosa ne pensate?
Pages: 1 ... 69 70 [71] 72 73 ... 119