Show Posts
Pages: 1 [2] 3 4 ... 25
16  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 23, 2014, 06:35:04 am
Ciao Massimo,
IDE 2,0 è stato presentato anche all'ultimo Arduino day (a Roma da Vanzati) e l'ho trovato molto molto interessante, sicuramente un bel passo in avanti rispetto a quello attuale...
Faccio solo un paio di considerazioni da utente hobbista finale di basso livello:
  • I pin a 3,3V e 7mA fanno pensare, ma di sicuro un Arduino Basic Connection dedicato a questi nuovi parametri darebbe una bella spinta anche alla Arduino 2 e a chi come me in prima istanza diversamente scarterebbe queste schede, in pratica dico che se si vuol fare avvicinare anche i principianti a schede così performanti ma "difficiline" volendo il modo c'é.
  • Uno dei motivi per cui la Uno ha successo è anche il formato dip disponibile per il 328, ma un'altro dei motivi per cui spesso la Uno viene scartata è la poca flash (non i pochi pin per cui c'è la mega), io come molti e come tanti nel tempo hanno chiesto e non solo sulla board italiana, come mai non si pensi ad un'evoluzione della Uno con processore ad esempio 1284, anche questo si trova in DIP e non è cosa da poco. So che ci sono già schede di altri belle e pronte, ma perché non farne una ufficiale e supportata ufficialmente come si deve?

Riccardo  smiley

17  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 21, 2014, 04:19:33 pm
Si ok, volevo solo esporre il metodo, non a caso io stesso ho preso soluzioni a PH 4, 7 e 10 proprio per arrivare a fare
plug-n-calibra-n-play, e se fai un sw lato pc che aiuta nella calibrazione diventa una cosa semplice
Mi sono espresso semplificando, ma è questo che intendevo.
Certo che il metodo delle 3 sonde è fico, ma i costi salgono un bel po'  smiley-eek-blue
Grazie per il link, me lo studio!  smiley-lol

@ tutti
Provo a richiedere, un voltage converter come questo va bene per giocare con gli operazionali a doppia alimentazione?

Ciao Riccardo
18  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 21, 2014, 12:45:49 pm
Per la doppia alimentazione, ok, tant'é che mi ero messo a giocare appunto con  LM2663, invano però da quello che scrivi  smiley-confuse a questo punto un voltage converter come questo può andare meglio per quello che voglio fare?
(è l'unico che ho trovato in europa e che arrivi in una settimana, altrimenti cina e ragnatele sulla bread finche non arriva  smiley-sad )
Sul plug and play, intendevo che comunque la calibrazione va fatta in ogni caso con le soluzioni, ma cercando di ovviare via sw a quella hardware, non sono espertissimo, ma per quanto possa degradare una sonda, una volta stabiliti via sw gli scostamenti massimi e minimi in teoria  dovrei anche essere in caso di capire se sto lavorando con una sonda troppo degradata... credo.... spero.... bho!!!
Per farmi capire: se con soluzione PH7 ho una lettura che corrisponde a PH5 allora la sonda è andata, avoglia a calibrare...
In pratica potrei stabilire da subito che posso leggere affidabilmente tra PH2 e PH12, quindi tenermi i margini alto e basso per eventuali decadimenti della sonda e se in fase di calibrazione, fatti i dovuti calcoli mi accorgo che li supero stampo un warning sul display... bho io l'ho  pensata così...  smiley-slim

Riccardo.
19  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 19, 2014, 01:32:23 pm
Ciao,
chiedo scusa, ma sono qui che cerco di far funzionare il mio circuitino, ma non mi torna una cosa, per generare la tensione negativa, sto usanto un LM2663, in particolare il circuito a pag 1, il voltage inverter, uso condensatori elettrolitici da 47uF 25V.



La mia perplessità è che alimentando il circuito ovvero +5V su V+ (PIN smiley-cool, non riesco a misurare i fatidici -5V tra OUT (PIN 5)  e GND, li riesco a misuare solo tra V+ e OUT, il circuito è montato correttamente, di questo sono sicuro, quindi la domanda è: E' giusto che sia così?
Ho googlato, ma non trovo risposte...  smiley-confuse
20  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 17, 2014, 10:21:23 am
 smiley-cry Ho capito, mi volete morto!!! ora è ufficiale, ho una lista di to do lunga 1 KM e continuate a mandarmi link da studiare aiutoooooooo.... va bhe aggiungo pure sta cosa, ma ora sono concentrato su oprazionali e PH, ieri è arrivato tutto e mi prudono le manine  smiley-grin

Ciao Grazie e buona domenica a tuttiiiiii

Riccardo.
21  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 17, 2014, 03:58:30 am
@Lesto
Grazie, lo provo di sicuro  smiley

@Leo72
vedrai com'è facile cambiare tono alla frequenza generata semplicemente modificando un registro del microcontrollore, senza routine bloccanti (ovviamente devi usare un pin PWM agganciato ad uno dei timer liberi del micro).
Lo scrivi come fosse una passeggiata, io ti ringrazio, ma non credo di essere all'altezza, per il momento  smiley-small , di intevrenire sui registri del micro sapendo cosa sto facendo, sicuro che me lo guardo il codice, ma i copiati non mi piacciono... Devo studiarmi un bel pò di cosette prima  smiley-roll-sweat

Ciao e grazie sempre per il supporto/sopporto
Riccardo
22  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 16, 2014, 06:34:17 am
Il problema non è unire gnd1 e 2, perché internamente arduino li tiene già connessi, ma unire gnd1 a tutte le altre masse.
Semplicemente metti il simbolo gnd, triangolo rovesciato, anche su Gnd1, gnd2 lascialo libero

Ho capito cosa intendi, nel week end correggo, grazie  smiley

Ciao Riccardo, la R che ti ho consigliato semplicemente limita la corrente e quindi protegge sia il buzzer che il pin di Arduino; non conoscendo le caratteristiche del buzzer ti ho fornito un valore standard; quello che usai io quando abbiamo pubblicato con Leo l'articolo del Micrologio con sveglia assorbiva tanto, al punto che dovetti aggiungere un transistorino, ma a quel punto mi pare che poi aggiungemmo il pilotaggio in PWM per poter regolare il volume.
Regolammo la frequenza. Il buzzer era pilotato in modo che in modalità sveglia emettesse una sequenza di toni a 2 frequenze distinte, che non disturbassero eccessivamente e che non fossero troppo acute per risultare non udibili a chi aveva un pò l'"orecchio duro", come si suol dire  smiley-wink smiley-wink

Michele, grazie, ho capito bene cosa intendevi e la mia intenzione è appunto proteggere il buzzer, per adesso, non mi interessa regolare il volume mentre per i tono diversi ho agito diversamente, so che il delay anche se microsecond andrebbe evitato, ma così il sw è più leggero...

Code:
void Cicalino (byte tono)
{ for (int i = 0; i < 90; i++)
{ digitalWrite(buzzer,HIGH);
delayMicroseconds(tono);
digitalWrite(buzzer,LOW);
delayMicroseconds(tono);
}
}

Molto terra terra  smiley-roll

almeno 5 anni fa ho comprato un riscaldatore 1) piu grande del necessario, 2) comprandone uno che costasse un po di piu, sperando nella qualità. funziona ancora e non ha dato mai problemi.
prendendolo sovradimensionato si dovrebbe riuscire anche a consumare meno corrente.
per quanto riguarda le celle di peltier so che qualcuno ha provato a raffreddarci cpu overcloccate, ma so che creano problemi di condensa: infatti se da una parte raffreddano dall'altra riscaldano. se ci provi sono curiosissimo.. :-)
per quanto riguarda la/le ventole arrivano ad abbassare la temperatura dell'acquario fino a 3-5 gradi, credo, solo un anno ho fatto dei test, a dire il vero molto sommari, ma ho appena ordinato una ventola decente, quest'estate faccio dei test e faccio sapere..
il lato negativo delle ventole è la forte evaporazione, principio sul quale si basa il raffreddamento a ventola..

Grazie per le info, le terrò presenti  smiley-wink

Ciao e grazie a tutti Riccardo.
23  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 15, 2014, 02:29:56 am
il buzzer è pilotato in pwm??? una R da 100 ohm non gli farebbe comunque male...

Ciao Michele, grazie della tua attenzione.
Il buzzer, non è pilotato in PWM, ho scritto solo una piccolissima funzione che lo fa suonare se si premono i tasti o se c'è un allarme.
Ad ogni modo ho googlato il tuo suggerimento  smiley-roll ed ho visto che alcuni la mettono ed altri no, non sono esperto di questo componente, così ho fatto un pò di prove ed ho sentito che con la R il suono è leggermente meno squillante, probabilmente la R più che "regolare" il volume protegge il buzzer stesso, ad ogni modo l'ho inserita.

sullo schema di principio il GND arduinico e' connesso solo ai sensori temperatura, visto che addirittura si chiama gnd1 e gnd2 meglio specificare che c'e' un solo piano massa

Ciao Testato, grazie anche a te della tua attenzione.
Davo la cosa per scontata, ora ho unito le due masse, credo sia sufficiente  smiley-neutral

Buon giorno a tutti,
 Il buzzer se Riciweb non ha cambiato qualcosa dallo schema iniziale del post era collegato sulla porta A0 di arduino no alla porta D7 come ora evidenziato.
A Riciweb mi puoi far capire a cosa cerve ic 74ac14d che fino a oggi non lo ho mai visto su i tuoi schemi?
Bel lavoro

In quale immagine vedi questo collegamento? nello schema funzionale io lo vedo collegato tra D7 e GND smiley-roll-sweat

Nel schema elettrico del post iniziale, il buzzer è effetivamente collegato al Pin A0 usando però quest'ultimo come Pin digitale, ho effettivamente cambiato il collegamento in ragione del fatto che ho iniziato a lavorare con le sonde in particolare dal PH (http://forum.arduino.cc/index.php?topic=237008.msg1709539#msg1709539), così ho preferito tenere libere le porte Analogiche per gli sviluppi futuri.
Il 74ac14d l'ho inserito da poco, tempo fà mi sono messo a lavorare sul miglioramento della gestione dei tasti nel progetto, sia lato hardware che software leggi qui http://forum.arduino.cc/index.php?topic=214535.0 a breve pubblicherò anche lo sketch aggiornato.  smiley

Ho aggiornato cone già scritto il post dove presento i moduli, ed allego anche quì il file con la raccolta dei moduli aggionato.

Grazie a tutti.

Riccardo.
24  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 14, 2014, 06:37:50 am
Son sicuro che non lo realizzerò mai ma... complimenti davvero per l'impegno! Vi seguo e leggo parecchio di quel che fate e devo dire che è un bel progetto.  smiley-wink

Grazie Leo, vorrei fare molto di più ma vuoi il tempo a disposizione, vuoi che mi devo studiare tutto ecco che alla fine riesco a fare meno di quanto voglia  smiley-slim

Ciao Rici,
dopo parecchi mesi per cui ho abbandonato l'"allineamento" al tuo progetto, ho ripreso in mano le cose e lo sketch adesso mi funziona perfettamente.
ora gira su questo hardware:  i due sensori temp, un rtc gia bell'effatto, tastiera ed lcd. In più io ho una ventola per abbassare temperatura dell'acquario, ed un normalissimo feeder elettronico collegato ad arduino.
mi manca la scheda/ciabatta relays e l'lluminazione, ma sto aspettando una plafo a led, quando mi arriva faro sapere, anzi probabilmente faro prima delle domande.. :-)
ti faccio, tanto per cominciare, i complimenti per il tuo maniacale ordine (a partire dalla stesura dei cavi a finire all'esposizione) la grandissima gentilezza, e per l'impegno che ci metti.

Grazie, ma sono complimenti immeritati credimi

Hardware:
  • Perchè hai costruito lo stadio di alimentazione? non bastava prendere la 5v dal pin di arduino?
  • se volessi comprare una scheda relays gia fatta, potresti suggerirmi quale? anzi, le caratteristiche che deve avere?
  • i PCB su oshpark.com vengono realizzati con i componenti gia saldati, o senza componenti? immagino la seconda, in questo caso se li volessi gia belli e pronti?

Software:
  • secondo me è inutile intervenire sull' accensione del riscaldatore in caso di temperatura bassa, i riscaldatori hanno il loro termostato, credo sia piu utile intervenire su una ventola in caso di temperatura eccessivamente alta. io ho modificato lo sketch in questo senso, anche se per ora accendo e spengo la ventola semplicemente al superamento di una temp limite
  • sarebbe utile poter visualizzare (anche in un sotto menu, come in "stato luci") le temp di entrambi i sensori e magari anche di dare la possibilita di considerare la media dei due o meno (credo che qualcuno tenga sotto controllo anche la temp della sump)
  • Nel calcolo della percentuale di utilizzo delle luci, si dovrebbe dare la possibilita di non considerare la luce blu, io per esempio in acqua dolce userò il canale a luce blu solo per illuminazione lunare notturna, e se di giorno la blu è spenta non si arriverà mai a segnalare il 100%...
  • segnalo https://github.com/brunialti/MENWIZ libreria per gestire menu su lcd: sono ignorante in elettronica, e non ho approfondito, magari non fa al caso nostro... o magari puo semplificare..
ps: non trovo il PCB del modulo alimentazione...

Hardware:
  • Arduino, ha si un'uscita a 5V, ma fornisce poca corrente, non sufficiente in ogni caso per alimentare tutte le periferiche attuali, attualmente anche l'LM7805 usato fino ad ora, con 1Ah di erogazione è quasi al limite, non ho ancora fatto misurazioni, precise, ma inizia a scaldare, considerando le cose che ci andrò ad alimentare ecco che ho iniziato ad usare un DC-DC step down basato su LM2956, si trovano a pochi euro e possono arrivare ad erogare 3Ah
  • Una possibile scheda relé potrebbe essre questa questa, o simile, guardati intorno ad ogni modo
  • I pcb di OSH Park non sono popolati, per farteli fare già montati, non saprei consigliarti, ma considerando che te ne serve uno o due se vuoi la scorta, essendo coniderati come prototipi visto il numero di pezzi rischi di spendere una piccola fortuna, ad ogni modo non saprei consigliarti
  • Conosco benissimo l'ottima MENWIZ, all'inizio abbiamo anche cercato di usarla, ma abbiamo visto che prende parecchia flash ed abbiamo rinunciato

Software:
  • E' vero quello che dici, ma in passato ho avuto problemi con termostati a dire il vero economici, pilotare una ventola per controllare la temperatura nel limite alto invece personalmente mi sembra poco efficace, raccontami la tua esperienza in merito se hai tempo. Io per me in futuro sto pensando ad uno scambiatore di calore basato su celle di peltier, vedremo cosa riuscirò a fare, ma non se ne parla a breve
  • Si sarebbe utile dare questa e nolte altre possibilità di personalizzazione, ma la flash di Arduino è poca, per ora lascio le cose come stanno finché non ho finito, poi valuterò le varie possibilità
  • La visualizzazione della percentuale dipende da tutte e tre le linee e da come è impostata la loro luminosità massima, inoltre è pensata per un uso generale, tu ad esempio con una ci gestisci la luce blu, altri la lunare altri altri tipi di spettro, in considerazione quindi di un uso generico, ho agito in questo modo, ma sei ingrado di modificarti il software da quello che dici, quindi fai come ti senti più comodo

Spero di essere stato chiaro, nel caso fatti risentire...

@tutti
C'è qualche anima buona che controlla i miei strafalcioni/PCB?  smiley-lol

Ciao Riccardo.
25  International / Megatopic / Re: Ardu-Acquarium Controller v. 3.0 on: May 13, 2014, 12:30:17 pm
Ciao,
ho rielaborato i disegni dei PCB che avevo postato qualche tempo fa, e dei quali ho anche postato alcune foto di quelli fatti realizzare e funzionanti.
Ho corretto un paio di errori, migliorando alcune cosine, ma soprattutto creando per ognuno di essi oltre alla versione SMD, anche la versione DIL, prima però di aggiornare il post iniziale riguardante l’HW, vorrei che qualche buon’anima mi controllasse…  smiley-grin
Per cominciare l’interfaccia display e switch:


Questo è lo schema.


Questo il pcb versione DIL


E questo il pcb versione SMD

A seguire il modulo tasti:


Lo schema e a seguire tre versioni dello stesso modulo ma con tasti diversi:


Il pcb con tasti tipo Navimec

  
Il pcb con tasti tipo Omron grandi


Il pcb con tasti tipo Omron piccoli

A seguire ancora il modulo Lights PWM che ho già corretto con voi ma che ripubblico anche in versione DIL:


Lo schema

 
Questo il pcb versione SMD


Questo il pcb versione DIL

Ho disegnato anche uno schemino che ho definito funzionale, per illustrare come tutto l’insieme lavori, non so se si fa così o c’è un modo migliore di procedere, a me sembra che renda chiare le cose, diversamente se avete suggerimenti fatevi sotto.  smiley


Schema funzionale.

In linea di massima, non vedo errori,  smiley-roll ma so di essre un principiante, così prima di aggiornare il post iniziale, vorrei essere sicuro di non aver fatto Riccardate.  smiley-grin
In allegato al post ho messo lo zip con i file originali.

Come sempre, ringrazio anticipatamente per il tempo che vorrete dedicarmi.  smiley
Riccardo.

@edit 15/05/2014
Corretto e sostituito lo schema funzionale: Aggiunta R da 100Ohm sul buzzer invertiti i contatti sulla scheda Relay
aggiornato anche il file allegato.




26  International / Hardware / Re: [OT] Altri mondi... altri Arduino... on: May 10, 2014, 12:51:07 am
x iscirzione...

LO FACCIO LAMPEGGIARE; ECCO!
Alla fine poi si risolve in questo modo. Si fa lampeggiare un LED!

ROTFL!!!

A riuscirci....  smiley-confuse

Riccardo
27  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 05, 2014, 10:40:46 am
Grazie per i link,
ma evita di usare le cartine tornasole per verificare le misure della sonda, a meno che tu non abbia accesso a cartine da laboratorio/certificate quelle che si trovano nei negozi sono pericolosamente inaffidabili smiley-eek, ho smesso di usarle anni fa...

Ciao
28  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 05, 2014, 06:17:52 am
La questione dell'LM358 scordala, era solo una mia domanda da ignorante per capire se si poteva evitare sull'hardware il voltage inveter, l'altra sonda non la conosco, io mi sono ordinato quella della atlas scientific https://www.atlas-scientific.com/product_pages/sensors/ph-sensor.html, mi sembra un'ottimo compromesso tra quelle da due soldi che si trovano su ebay e le ultra costose professionali tipo hanna instruments, in più atlas ha un kit di soluzioni per provare a fare il ripristino degli elettrodi quando questi decadono troppo... https://www.atlas-scientific.com/product_pages/chemicals/ph-reconditioning.html vendono anche su ebay http://stores.ebay.it/Atlas-Scientific?_trksid=p2047675.l2563, peccato i costi di spedizione  smiley-confuse

L'auto calibrazione alla fine dovrebbe avere esattamente il meccanismo che hai descritto, ma senza interfaccia PC, tutto via Arduino, dando però l'opportunita di selezionare i valori delle soluzioni di riferimento che si stanno usando, così la cosa diventa più flessibile da usare, nel wiki doc della sonda che hai postato c'è la tabella con i valori in mV di una sonda idele, ed è da li che poi bisogna iniziare. Compensando in base alla temperatura dell'acqua, avevo da qulche parte i link con le formule ma non li trovo più, alla fine però si trattava di una costante fortunatamente, se hai qualcosa tu mi eviti di rimettermi a caccia.  smiley-lol

Ciao.


29  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 05, 2014, 03:30:47 am
scusate la mia ignoranza, ma senza alimentazione negativa come si fa a leggere i voltaggi negativi (PH > 7)?

Ciao Lesto,
in fatto di elettronica, ignorante come me ce ne sono pochi, non so risponderti, ma di fatto LM358 è a tutti gli effeti un operazionale a singola alimentazione, quindi probabilmente in qualche modo fa...
 smiley-twist smiley-twist smiley-twist  Ma poi... Se sti benedetti operazionali hanno tutti bisogno dell'alimentazione doppia, perché ancora non li fanno col voltage inverter incorporato????? Possibile che devo pensare a tutto io!!!!   smiley-twist smiley-twist smiley-twist

Scherzi a parte, PHduino, me lo sono già spulciato a dovere, ed insieme a lui tanti altri, ma io spero di arrivare ad un progetto in cui non ho bisogno di interventi manuali per regolare il guadagno o altro, come appunto succede con il link che hai suggerito, nemmeno per la prima installazione, vorrei arrivare ad un circuitino ben fatto che abbia bisogno al massimo di ricalibrarsi in base al decadimento della sonda e basta ed anche quest'ultima sia possibile nel modo più semplice, sempre con le soluzioni di riferiemnto chiaramente, ma via software.
Il rischio credo si unicamente nella perdita di affidabilità nelle letture agli estremi della scala, ma in un acquario, poter leggere ad esempio da PH2 a PH12, è più che sufficiente, anche troppo, per quella che è la mia esperienza.

Lo chiedo anche a te, secondo te i miei calcoli sono giusti?

Giusto per la cronaca, la sonda che danno con quel progettino è tristemente famosa per inaffidabilità e ciofecaggine...  smiley-slim

Grazie ad ogni modo per avermi letto  smiley

30  International / Hardware / Re: Misurare il PH on: May 02, 2014, 02:00:41 pm
Grazie per le precisazioni Uwe,
sto imparando in questi giorni cosa significa giocare con le sonde PH, fino ad ora avevo usato in passato misuratori belli e pronti, ma mi rendo conto che costruirsene uno non è semplice, così in questi giorni studiando gli operazionali e avendo a disposizione pochi mezzi e conoscenze scarse, mi baso principalmente su calcoli riferiti a grandezze ideali, va da se che poi in realtà è come dici tu ed è per questo che ho già ordinato soluzioni  con PH 4, 7 e 10, in più le misurazioni vanno compensate in base alla temperatura, ma per queste cose agirò poi lato software.
Per la parte Hardware, quella che ho postato prima, tu hai consigli da darmi?
Sono sulla buona strada?

Grazie Riccardo.
Pages: 1 [2] 3 4 ... 25