Show Posts
Pages: 1 ... 621 622 [623] 624 625 ... 831
9331  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 18, 2011, 04:25:31 pm
Quello denominato "LEDIRTX" è un LED IR (trasmettitore), quello denominato "LEDIRRX" è un fototransistor (ricevitore).
Per farli funzionare devi pilotare il LED IR a 38000 Hz (frequenza dell'infrarosso), applicando il segnale all'anodo (A) mediante una R da 100ohm e mettendo il catodo (K) a GND (massa o negativo).
La frequenza la puoi ottenere tramite Arduino o con un qualsiasi circuito oscillatore astabile, tipo il 555, trovi centinaia di schemi su Internet (basta cercare "555 e infrarossi")
Per vedere se il LED IR sta trasmettendo guardalo con la webcam del cellulare o con una fotocamera digitale, lo vedrai acceso, se è spento c'è un problema.
Una volta che sei sicuro che trasmette puoi pensare a configurare il fototransistor:
Il +5V al C del fototransistor, l'E ad una R da 1K con l'altro capo a GND; sull'E prelevi una tensione proporzionale alla quantità di luce infrarossa che riceve, ci metti un tester e verifichi le variazioni all'avvicinare o allontanare del LED IR e ti rendi conto di ciò che puoi fare con questa coppia di componenti.
9332  International / Generale / Re: Arduino Due on: November 17, 2011, 06:21:29 pm
Quindi, ragazzi, dal forno al surgelatore per allungare il numero di cicli! smiley-money
9333  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 17, 2011, 06:20:15 pm
I C da 100nF non servono per dare stabilità alla tensione bensì per prevenire autooscillazioni e bloccare i disturbi che potrebbero falsare i valori in uscita dai sensori. Immagino non servano altrimenti li avrebbero previswti sullo schedino com'è possibile anche che non li abbiano messi dando per scontato che chi li usa sappia che sono componenti standard.

Sui sensori NON stavo mettendo in dubbio il collegamento/funzionamento, l'ho chiarito dal primo post che ero certo che avevi preso uno schema applicativo, tu hai usato il plurale ed io osservavo che sono alimentati in modo differente, tutto qui, ora mi è chiaro a cosa serve quel circuito, ma prima che ne potevo sapere?  smiley-roll-sweat
9334  International / Generale / Re: Che fotodiodo ricevitore potrei usare ? on: November 17, 2011, 05:49:10 pm
Beh, è assolutamente normale che il sensore riceva un fascio in condizioni standard e che tale fascio venga interrotto, altrimenti che czz di barriera sarebbe?
Dovete immaginarla come quei fasci rossi che si vedono nei film tipo Entrapment (Sean Connery e quella mega-gn della Zeta-Jones) a proteggere i tesori dei musei.
Se invece facesse il contrario dienterebbe come il gioco di caccia all'orso dei miei tempi (anni 70) dove sparavi un fascio di luce con un fucile di plastica ad una sagoma d'orso che camminava su un binario, se lo colpivi lanciava un urlo e si girava nella direzione opposta, hai voglia a colpirlo, alla fine l'unica cosa che moriva era il tuo portafogli  smiley-money
9335  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 17, 2011, 05:44:09 pm
Scusa Leo, vogliamo approfondire questa cosa dei sensori? Non sono convinto di aver ben capito.
Sono collegati in maniera differente, dallo schema si evince (correggimi se sbaglio) che mentre U2 è sempre alimentato, U1 lo è SOLO se il pin 7 dell'84 va in HIGH, anche se con un breve ritardo dovuto a C3. Ho creduto di capire che questo circuito servisse per attivare il sensore SOLO quando serve.
Avendo tu scritto in un passaggio "il circuito si mette in riscaldamento dei sensori" ho pensato ad un errore, visto che tu puoi controllare solo uno dei due, quanto ad alimentazione, non so se sono stato chiaro.
Un C da 0,1µF cer/pol per ogni sensore, sull'alimentazione, io lo prevederei, se non ti complica la vita.
9336  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 17, 2011, 04:42:39 pm
Jumper: ok, solo che io metterei una R anche sul +5V, in tal modo quando programmi
C2: sì, fa lo stesso, anzi la norma dei disaccoppiatori è sempre il ceramico o poliestere; forse anche i sensori lo gradiscono, ma probabilmente è già on-board
Sensori: ho scritto "schemati" NON schermati, intendendo dire che hai applicato lo schema del datasheet smiley-lol.
Riguardo il "riscaldamento" tu parli al plurale ma lo schema dice che il B1 di U2 va a GND.
La soluzione del tri-state mi sembra eccessiva, una volta che avrai fatto il lavoro mica vai da tuo suocero 12 volte al giorno a riprogrammare, mettere tre jumper (il dip-switch NON va bene, ho sbagliato prima...) significa fare le cose per bene e cambiare facilmente da programmazione a funzionamento, facendo in modo che la modalità programmazione coincida per il progr con la pull-up, ripeto che le pull-down possono dare problemi, io li ho avuti.
9337  International / Generale / Re: Che fotodiodo ricevitore potrei usare ? on: November 17, 2011, 03:28:03 pm
Ah, ok, quindi la scelta è tra reed e IR; devi fare attenzione, l'IR attraversa il vetro e anche superfici sottili come tende, quindi c'è il rischio che aprendo la finestra non si interrompa nulla, ma solo quando entra qualcuno potrebbe interrompere il fascio.
Devi studiartela bene con un prototipo, altrimenti ti spari mezzo budget per qualcosa che non va e poi ti mettono a fare il cane da guardia come Pinocchio al posto del defunto Melampo!
9338  International / Generale / Re: Che fotodiodo ricevitore potrei usare ? on: November 17, 2011, 03:13:52 pm
Non ho capito granché l'infrarosso mica ti passa i muri, come lo colleghi ad una centrale se non puoi forare? Ovvio che l'unica soluzione resta il wireless+contatto reed o quel che è. Con l'IR hai solo il vantaggio di poter creare una barriera che col TSOP può essere larga anche decine di metri, ma poi il pilotaggio di una centrale deve avvenire tramite filo o wireless, non puoi fare diversamente.
9339  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 17, 2011, 03:07:57 pm
Il jumper JP1 mi sembra impostato male, ma vorrei capire come intendi farlo funzionare.
Sulla base di Q1 metterei una pull-down di 22K, tanto per stabilizzare il TR.
Il C2 usalo ceramico che è non polarizzato, più piccolo e comodo da usare.
Il C1 lo metterei da 47 o anche 100µF, devi tener conto dei picchi di assorbimento, un po' di serbatotio non fa mai male.
I sensori sono certo che li hai "schemati" come da datasheet, quindi niente da dire....
Sull'ISP invece non sono d'accordo, a parte che la pull-down di BUTTON secondo me non ti fa fare la programmazione o comunque potrebbe crearti problemi, sei sicuro che "sparare" sequenze di bit a pilotare il VReg facciano bene al sensore?
Come ti dissi in altra occasione, MISO, MOSI e SCK dovrebbero essere liberi da carichi pilotati e da pull-down; se capisco cosa devi fare con quel JP "program" forse si potrebbe adottare la soluzione che ho usato io con successo, un doppio jumper (visto che uno dei tre segnali non aveva problemi) o anche un dip-switch che è anche più elegante...
9340  International / Generale / Re: Che fotodiodo ricevitore potrei usare ? on: November 17, 2011, 02:58:09 pm
Una ventina? smiley-eek
Considera che il tutto è alimentabile a soli 5V, se i circuiti non devi montarli distanti tra loro e servono per un'unica applicazione, ti basterebbe un solo 555 per generare la frequenza, uno di quei mosfet che ami tanto e tutti i LED IR messi in parallelo tra loro, ma ognuno con la sua R di limitazione.
Anche per i ricevitori potresti usare i 20 TSOP ma collegandone 3 o 4 su un solo tiny85, di più se usi il tiny84.
9341  International / Generale / Re: Che fotodiodo ricevitore potrei usare ? on: November 17, 2011, 02:40:41 pm
Ciao ratto, non è solo una questione di filtri: il fotodiodo ed il fototransitor funzionano in modo analogico, il primo è molto meno sensibile del secondo, il TSOP34838 (questo è quello a 38KHz, frequenza dell'infrarosso) invece lavora in modo digitale: LOW quando riceve un fascio IR, HIGH quando NON lo riceve.
Sul numero di NOVEMBRE di Elettronica IN uscirà esattamente ciò che ti serve (NE555+DIODI IR+ attiny85 + TSOP34838), ma devi pazientare una ventina di giorni, in compenso funziona alla grande!  smiley-wink
9342  International / Generale / Re: arduino uno e sensore pir SE-10 on: November 17, 2011, 02:29:18 pm
Il disegno che hai postato è perfetto, ma se il sensore ha bisogno di lavorare a 12 V ovviamente non va bene, quindi fai la prova a 5V e vedi cosa succede, se va vuol dire che il primo ha subito un qualche danno, se non va applichiamo lo schema col partitore.
Il criterio d'uso di pull-up e pull-down è piuttosto semplice: intanto gli ingressi di Arduino, essendo ad alta impedenza potrebbero, quando sono settati come INPUT, captare dei disturbi e comportarsi in maniera anomala, questo è il motivo per cui si deve usare una pull-XX: essa serve cioè a fissare sul pin il livello di tensione che ti aspetti quando il sensore NON è attivo.
Esempio 1: hai un sensore che normalmente fornisce un segnale LOW, quando si attiva passa su HIGH; in questo caso usi una pull-down, cioè una R dal pin di Arduino verso GND, così sei sicuro che in assenza di segnale l'INPUT veda LOW; quando arriva il segnale HIGH la pull-down viene "battuta" e l'INPUT vede HIGH.
Esempio 2 (esattamente l'opposto): hai un sensore che normalmente fornisce un segnale HIGH (il tuo caso), quando si attiva passa su LOW; in questo caso usi una pull-up, cioè una R dal pin di Arduino verso +5V, così sei sicuro che in assenza di segnale l'INPUT veda HIGH; quando arriva il segnale LOW la pull-up viene "battuta" e l'INPUT vede LOW.

Quando però un sensore lavora ad una tensione >5V (p.es. 12V) NON puoi inviare direttamente l'HIGH al pin di Arduino perché lo bruceresti, ecco che ricorri al partitore di tensione per ridurre il range 0-12V a 0-5V.
9343  International / Generale / Re: Mouse USB on: November 16, 2011, 05:03:22 pm
ma come vedete qui si stanno aprendo mondi.

il fatto che non abbia senso tecnicamente parlando e' un discorso, mentre il fatto che non funziona e' completamente diverso.
Ogni uno fa quello che vuole, astro non lo usera' mai, altri, come tutti quelli che hanno fatto progetti funzionanti con Vusb invece la usano.

come vedete le strade sono nettamente differenti:
1) la VUSB e' uno scherzo e non funziona
2) la Vusb funziona ma e' di difficile implementazione
3) la Vusb funziona al primo colpo, ma ha come limiti a.b.c
Come dite Voi, guagliò tu tiene a capa tosta!
Delle tre "strade" che indichi una è reale (e te lo stiamo dicendo in vari modi, devo riconoscere che la metafora della bici senza sellino è estremamente calzante smiley-yell), le altre due sono DAVVERO "Virtual", perché finora NESSUNO le ha viste funzionare!!!!!
Quanto al fatto che esista un "progetto": un giorno o l'altro te ne manderò uno che disegnai nel 1982, un Generatore di Funzioni da 10Hz a 200KHz, spettacolare, le varie sezioni provate su millefori, tutte perfettamente funzionanti, realizzai lo schema elettrico, disegnai il PCB, lo mandai in stampa nel laboratorio dell'Industria elettronica con cui collaboravo (Wilbikit, magari qualcuno l'ha sentita nominare...), lo montai ed alla fine non funzionava un CZZ!! Niente di niente, giorni e giorni a riguardare scheda e PCB e "sezionare le sezioni". Niente, andava solo in quel determinato modo sulle millefori, spostato da lì NISBA!
Ora tutti penseranno che era sbagliata una pista, o una sezione caricava troppo l'altra, un corto, un ponticello, un componente difettoso, pensate quello che volete, quel circuito funzionava solo in quel modo, contro ogni legge dell'Elettronica, perché parliamo anche di basse frequenze. Ecco perché NON credo alla logica del "il progetto esiste e deve funzionare".
Testato, ne vogliamo uscire? Rivedi la tua scaletta e mettilo al primo posto, fatti ste prove e non ne parliamo più. smiley-wink
Altrimenti qui si fanno fiumi di chiacchiere, anche completamente a sproposito, senza arrivare da nessuna parte.
9344  International / Generale / Re: Mouse USB on: November 16, 2011, 07:03:33 am
ho una macchina fotografica per le mani, interessa  smiley-lol
c'è anche la femmina nuda?  smiley-razz
Quote
Quel tipo (che sei stato tu in data tot, e saro' io in data tit) non sta' sbagliando niente, sta imparando nuove cose. E tu sai bene la differenza tra il sentirsi dire che non funziona, e lo sperimentare che non funziona. Se anche veramente non funziona alla fine avrai assimilato nuove info.
Nel caso specifico le possibilità sono due:
1 - a te funziona, allora io riprendo le prove sulla base di ciò che hai fatto tu per vedere cosa ho sbagliato
2 - a te non funziona nel qual caso non avrai imparato una benemerita mazza, visto che ti avevo già detto io che non funziona.

Anch'io, nonostante i consigli di Astrobeed, visto che BrainBooster era più che convinto, ho voluto fare l'esperienza, ed è finita come sai.
E' vero che si impara anche dalle esperienze negative, ma siccome qui si tratta di programmare un micro, mettere alcuni R-C-D, per poi vedere che non funziona, non ho imparato nulla di ciò che non sapevo già.
L'augurio che posso farti è che la famosa data "tit" non arrivi mai, così sperimenterai ed imparerai cose nuove, senza perdere tempo inutilmente, anche se qui pecco di presunzione, e se la data "tit" dovesse arrivare ti auguro sinceramente di riuscire, così almeno non dovrò più dire di aver perso una mare di tempo a vuoto. smiley-wink
9345  International / Generale / Re: Mouse USB on: November 16, 2011, 04:52:25 am
sul sito di virtualusb c'e' esattamente un oscilloscopio a doppia traccia.

Peccato che tutti quelli che hanno provato Vusb hanno incontrato grosse difficoltà per farlo funzionare, o non ha proprio funzionato del tutto.
L'ho già detto e lo ripeto, è un modo "stupido" per cercare di gestire la USB visto che esistono MCU con il SIE implementato in hardware che non solo funziona sicuramente, ma è 100 volte più efficiente di qualunque emulazione software il tutto ad un costo di pochi centesimi in più rispetto ad un micro senza USB.
Sai Astrobeed, ormai mi sento uno di quegli eremiti predicatori che tutti ascoltavano ma a cui nessuno credeva; dopo aver perso intere giornate a fare sperimentazione di ogni tipo, ogni volta che vedo uno sventurato cadere nella trappola della tentazione "si fa facilmente e con poco" cerco di dissuaderlo, ma non c'è nulla da fare, la tentazione è fortissima.
Da quando mi hai consigliato l'MCP2200 ho risolto ogni mio problema, l'ho perino implementato con grande successo in un bel progetto che ormai è quasi alla fine, ho giurato a me stesso che mai più avrei messo mano a VUSB o putt del genere, non ne vale la pena!!
Poi, di colpo. arriva "tizio" che dice: lo sai che con VUSB puoi fare un intero Arduino, addirittura senza il 328, 50 centesimi ed è fatta?
D'altra parte, se il mondo non fosse fatto di polli come me che ci credono, come potrebbero vivere quei "simpaticoni" di truffatori napoletani che tanto bene furono illustrati nel film "pacco, contropacco e contropaccotto" ? Troppo geniali i napoletani, ed io posso dirlo a testa alta smiley-wink
Pages: 1 ... 621 622 [623] 624 625 ... 831