Show Posts
Pages: 1 ... 635 636 [637] 638 639 ... 846
9541  International / Generale / Re: Relè 220V e Arduino on: November 19, 2011, 03:59:51 pm
Domanda: Per saldare tra loro 2 fori che distano circa 3 punti della millefori, come e' meglio farlo? con un ponticello (uno di quei fili a singola anima che tu mi dicesti di non utilizzare nelle breadboard) oppure solo con lo stagno come ho fatto io?
Puoi usare anche una R da 0 ohm: fai un ponticello che un occhio esperto vede ma un occhio inesperto no. Così è anche un lavoro più pulito, ed inoltre non hai problemi di contatti essendo il corpo della R isolante.
Leo, se ti riferisci ad un componente lato componenti (scusa la doppiatura) ha un significato solo se devi scavalcare delle piste in un PCB, altrimenti è già quello che vuole fare lui, un ponticello di filo isolato dalla guaina, infilato nella parte superiore e saldato in quella inferiore
9542  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 19, 2011, 08:18:20 am
L'uso dei LED, comuni o IR, come ricevitore invece di trasmettitore, è una tecnica a cui sta lavorando parecchio gbm (gioblu, appunto); se cerchi sul forum ha aperto 2-3 Topic in proposito e lì sono uscite anche informazioni che spiegavano perché potessero funzionare ed in che modo funzionano.
Di più non so dirti, non ho sperimentato queste tecniche, ho lavorato invece parecchio con i TSOP, ma il mico scopo era ben diverso.
D'altra parte i test indicati da gioblu sono semplici da fare, ha fornito tutte le informazioni hw/sw, seguile, se lui dice di aver raggiunto ottimi risultati stai pur certo che è vero, Giovanni è una persona seria, garantito!
9543  International / Generale / Re: Relè 220V e Arduino on: November 19, 2011, 08:12:02 am
come mai non consigli i fili a singola anima sulle breadboard? lo chiedo perchè li uso e non vorrei incappare in qualche problema...
Personalmente insisto sempre sui cavetti specifici, hanno un filo morbidissimo e le estremità rigide sottili, perfette per i contatti delle breadboard e facilissime da innestare.
I fili rigidi classici sono più spessi, quando li tagli ma anche durante l'uso, se la punta si piega un poco, tendono ad allargare i contatti delle bread (che tu non vedi visto che sono all'interno) e alla lunga questi iniziano a fare falsi contatti, con tutto ciò che ne deriva (v. breadboard che SPERO Fabrizio abbia buttato, come da mio consiglio smiley-twist)
Se anche le punte non si deformano, il fatto che sono tutti rigidi, ad ogni movimento che gli fai fare fanno comunque leva sui contatti interni.
L'unica tipologia di filo rigido che uso è quella dei pontichelli (anche molto lunghi), in pratica fili fatti così |_________| che tu innesti in due fori per unire due punti della bread (li vedi nelle immagini della mia Guida): sono abbastanza sottili ed il loro "corpo" è a perfetto contatto con la superficie della bread e quindi non è esposto a movimenti di flessione o torsione, dannosi per i contatti della bread.
Poi c'è gente, come ho letto recentemente, che cammina con le matasse da 100mt di filo telefonico e non ha problemi, io impazzirei e faccio tante di quelle prove sulle bread che a quest'ora le avrei dovute cambiare tutte. smiley-money
9544  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 19, 2011, 08:00:27 am
Ho fatto una prova ed in effetti il ricevitore che ho io è molto influenzato dalle condizioni ambientali in cui si trova, adesso c'è luce piena dove mi trovo ed ho notato che se il ricevitore è esposto alla luce solare non sente minimamente il segnale che gli trasmetto, viceversa se copro i due sensori con le mani il tutto sembra funzionare bene, comunque il fototransistor ha uscita nulla se non riceve nulla e uscita alta se riceve il segnale. Credo che questo problema della luce renda il ricevitore praticamente inutilizzabile ( i due componenti li ho messi uno davanti all'altro a circa 3 cm di distanza)
Questi tipi di sensori si usano in genere messi all'interno di cilindri plastici o contenitori protetti da plexiglass che bloccano la luce solare, o ancora in ambienti interni. Il mio scopo, vista la tua richiesta, era quello di farli funzionare e ci siamo riusciti.
Il TSOP invece lo puoi usare in qualsiasi ambiente, anche totalemnte esposto al sole, perché, come ha ben spiegato Uwe, ha un filtro che fa passare esclusivamente segnali tra 36 e 40KHz. L'unico problema è che, almeno quelli che ho provato io finora, sono di tipo digitale, quindi non danno un'uscita proporzionale al segnale che arriva, ma un impulso o uno stato LOW.
9545  International / Generale / Re: Relè 220V e Arduino on: November 19, 2011, 07:10:40 am
Domanda: Per saldare tra loro 2 fori che distano circa 3 punti della millefori, come e' meglio farlo? con un ponticello (uno di quei fili a singola anima che tu mi dicesti di non utilizzare nelle breadboard) oppure solo con lo stagno come ho fatto io?

Ciao.
Ciò che non va per le breadboard può andare sulle millefori, entrambi i metodi sono validi. Riguardo il taglio, ho visto quella terribile "curva", ecco perché ti davo consigli in merito.
9546  International / Generale / Re: Relè 220V e Arduino on: November 19, 2011, 06:01:51 am
Ciao Fab, qualche consiglio. PRIMA di tagliare una millefori, parti da uno spigolo, inizia a mettere i componenti, in modo ordinato, senza saldarli; quando sei soddisfatto della disposizione traccia con una matita un'area rettangolare o quadrata attorno ai componenti, in corrispondenza delle file di fori liberi, questo ti permetterà di tagliarla con maggiore facilità, usando un seghetto o il Dreamel con il dischetto. Fai in modo che lo spazio che lasci attorno ai componenti sia tale da poter prevedere, come dice Uwe, 4 fori per poter, a fine lavoro, fissare la scheda in modo affidabile, mediante 4 viti.
Sul lato componenti metti tutto ordinatamente, è con i fili lato saldature che devi poi collegare tutto; non usare le resistenze come hai fatto con quella, creando quel brutto "ponte"; in tal modo chi vede la scheda la vede fatta come si deve, che poi sotto ci siano fili intrecciati non ha importanza. In ultimo, parlando di relé e di 220V fai in modo da usare fili di diametro adeguato sulla parte che trasporta la 220, altrimenti introducono una resistenza, scaldano e possono anche bruciarsi.
Ciao.
9547  International / Generale / Re: Ho bisogno di alcuni consigli!! : ) on: November 19, 2011, 02:58:15 am
smiley-confuse forse non mi sono spiegato molto bene ..quello che vorrei sapere è se.. quel kit ha le funzioni di arduino.. cioè, se io programmo il "kit" tramite arduino, poi lo stacco, lo alimento e fa la stessa cosa della 2009 ..la porta usb serve solo a programmare? Beh, come hai detto prima, il kit lo posso programmare tramite arduino giusto? Quindi in pratica il kit diventa arduino no?? Non so se sono chiaro.. comunque grazie!! :d
E' come dice Federico, io ti ho dato risposta a tutto ciò che hai chiesto, ma poiché non hai alcuna esperienza non sai di che parlo. Allora ti dò questo consiglio e tagliamo al testa al toro: se vuoi imparare ad usare Arduino e hai intenzione di sviluppare applicazioni hardware e software, ciò che vuoi comprare come primo acquisto va benissimo, sfrutterai di sicuro tutto.
Devi solo comprendere la differenza che passa tra Arduino e il kit:
Arduino comprende tutto ciò che ha il kit, ma in più ha il convertitore USB-seriale che serve per la programmazione ma anche per la comunicazione con il serial monitor (nel caso dovessi usare questa tipologia di "periferica"), inoltre ha un'uscita a 3,3V per alcuni tipi di periferiche, ha il connettore ISP per la relativa programmazione e poi ha tutti i connettori strip per il collegamento col mondo esterno.
Il kit è quindi solo una parte di Arduino e NON puoi definirlo un Arduino, puoi però usare Arduino per programmare il microcontrollore ed usare poi quest'ultimo per una specifica applicazione, senza aver più bisogno di Arduino, in questo caso si parla di stand-alone.
Più chiaro di così mi viene difficoltoso spiegartelo per ragioni di tempo, ma il consiglio sull'acquisto te l'ho dato, penso dovrebbe bastare così.
Ciao.
9548  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 18, 2011, 05:27:46 pm
Dovrebbe essere il pin 11
9549  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 18, 2011, 05:19:40 pm
Ecchemmefrega  smiley-grin
L'importante è che funzioni bene. Come detto, vorrei farci il PCB. Se non funziona, spendo molto di più  smiley-twist

Funziona, funziona  smiley-wink
Prima di andare "in stampa" conta su di me  smiley-wink
9550  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 18, 2011, 05:18:02 pm
Mi è sorto un altro dubbio, ho trovato questa frase sul sito nella descrizione del comando analogWrite : "The frequency of the PWM signal is approximately 490 Hz."
se io modifico il duty cycle usando il comando analogWrite() posso per esempio generare solo la semionda positiva alla frequenza desiderata, però così facendo non otterrò mai un segnale a 38kHz con duty cycle al 50% giusto?
Guarda, la cosa migliore è la soluzione software scoperta (il termine non è esagerato...) da Astrobeed:
In void setup metti queste tre righe:
Code:
OCR2A = 208;
  TCCR2A = 0b01000011;
  TCCR2B = 0b00001001;
non ricordo in questo momento su quale pin esce la frequenza, leggiti gli interventi sul Topic
9551  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 18, 2011, 05:07:33 pm
Ok. Aggiungerò anche la R sulla base di Q2. Sei un "tesssoro"  smiley-yell
sssssssìììì, nel senso che te lo sto facendo ssssspendere a botte di R aggiunte  smiley-confuse
9552  International / Generale / Re: Ho bisogno di alcuni consigli!! : ) on: November 18, 2011, 05:06:27 pm
Arduino è Arduino.
Il kit è un semplice circuito di un atmega328 in stand-alone.
Un circuito in stand-alone è il miglior sistema per rendere un'applicazione di Arduino definitiva
Un circuito stand-alone può diventare un Arduino se lo doti di un'interfaccia USB-Seriale tipo quella che ti stanno consigliando nella sezione "OPZIONALE"
Puoi comprare atmega aggiuntivi e programmarli a tuo piacimento, CON o SENZA bootloader; puoi mettere il bootloader della UNO su un micro e poi montarlo su Arduino 2009; fino a prova contraria ho usato il 2009 come una UNO facendo così.
9553  International / Generale / Re: Aiuto infrarossi TX e RX on: November 18, 2011, 05:03:47 pm
I TSOP e il led tx li trovi in qualsiasi dispositivo, perchè farlo sbattere con circuiti e componenti aggiuntivi per adattare i LEDIR quando bastano 3 componenti ....
ciao

LED TX e LED IR sono la stessa cosa, per quanto ne so, se parliamo di infrarossi.
Il TSOP non funziona come un fototransistor, almeno quelli che ho provato io finora in uscita danno un segnale digitale e non analogico.
Tu non hai spiegato il motivo del tuo insuccesso, quindi io gli ho spiegato come farli funzionare; il fatto che non ci sia riuscito tu non significa che quei componenti siano inutilizzabili.
Se tutto ciò non bastasse, lui ORA ha in casa quei due, PRIMA di domani non può comprare un TSOP, FALLO divertire per una serata smiley-wink

@ Brainconfusion: naturalmente hai bisogno di uno strumeto per misurare la frequenza in uscita dal pwm; se non lo hai sarà un pò dura stare lì ad osservare il LED IR con la fotocamera finché non si accende  smiley-eek-blue
9554  International / Generale / Re: Rilevatore di fughe di gas on: November 18, 2011, 04:39:00 pm
Direi che è perfetto così smiley-lol
Fai solo una prova, perché non so che effetti può avere sul filtro, metti una R da 22K anche tra base di Q2 del e GND, per lo stesso motivo di Q1.
Riguardo le R di pull-up sui jumper in posizione "ISP": nel caso di PROG se non ricordo male ti serve per la sua operatività, nel caso di V_REG, se non ti serve, non è necessario usarla, è sufficiente che il pin sia "libero", quindi potresti non metterla; il fatto che gli altri due pin MISO e SCK siano in pull-up non ha alcuna importanza rispetto a questo.
9555  International / Generale / Re: Ho bisogno di alcuni consigli!! : ) on: November 18, 2011, 04:27:27 pm
Grazie Alex, sempre gentile, la prox volta metti url invece di link, così il link diventa funzionante  smiley-wink
Pages: 1 ... 635 636 [637] 638 639 ... 846