Show Posts
Pages: [1] 2 3 ... 132
1  International / Hardware / Re: Quale trasmettitore / ricevitore utilizzare? on: Today at 08:56:39 pm
Queste sono le soluzioni che ho adottato io:

Costosa:  

APC220



Economica:

LC1000R



Trasmettono dati seriali TX-RX a livello TTL, quindi serve  sempre una MCU lato sensore, che legga/interpreti  il sensore e spedisca i dati sulla seriale con i soliti Serial.print().

I primi funzionano molto bene anche in strutture in muratura, con distanze relativamente grandi. I secondi qualche decina di metri, senza però avere troppe interferenze nel percorso.
2  International / Hardware / Re: Arduino Tre on: Today at 08:51:36 pm
Arduino TRE altro non è che l'unione sullo stesso pcb di una BeagleBone e una mcu ATmega 32u4, è un progetto che nasce già obsoleto, se ti serve un sistema Linux embedded è meglio che ti orienti verso prodotti più recenti come la CubieBoard V2 o V3.

Azz che delicatezza!  smiley-mr-green

Cmq andiamo bene, è dalla DUE in poi che escono solo prodotti obsoleti, già sorpassati da altri competitors!  Gli Italiani non si smentiscono mai!  smiley-lol
3  International / Hardware / Consigliatemi un MOS a logic level on: Today at 08:49:00 pm
Di solito lavoro con MOS ad alta potenza, che conosco a memoria, però adesso avrei bisogno di qualche MOS, sia a canale P che N, che lavorino direttamente con Vgs a 5V o anche 3,3V, da collegare direttamente alla MCU, senza driver quindi. Nei data sheet vengono definiti Logic level MOS-FET.

Qualcuno ha già qualche sigla in mente?
4  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 24, 2014, 10:14:39 pm
Intel 4004 a 4 bit...

La maggior parte delle applicazioni dove vengono impiegati 8 bit, funzionerebbero ugualmente, senza calo i prestazioni, anche con un 4 Bit.
In pratica 8 Bit sono ridondanti.
5  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 23, 2014, 07:37:37 pm
La scheda è naturale evoluzione verso i 32Bit. E oramai ci vuole un ARM, se no sei out..

Il Cortex-M0+ è la scelta migliore per sostituire - con il minimo trauma possibile - la vecchia UNO, che naturalmente penso continuerà a campare indisturbata per altri anni.

Di 32 bit in DIP credo esistano solo i PIC32MX dei poveri, che sono 32 bit castrati.



La scelta verso un LQFP a 48 pin era il minimo comune denominatore. Speriamo solo che ci sia una compatibilità vera e non piena di pezze.
6  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 23, 2014, 06:55:31 am
Ciao Massimo,
IDE 2,0 è stato presentato anche all'ultimo Arduino day (a Roma da Vanzati) e l'ho trovato molto molto interessante, sicuramente un bel passo in avanti rispetto a quello attuale...
Faccio solo un paio di considerazioni da utente hobbista finale di basso livello:
  • I pin a 3,3V e 7mA fanno pensare, ma di sicuro un Arduino Basic Connection dedicato a questi nuovi parametri darebbe una bella spinta anche alla Arduino 2 e a chi come me in prima istanza diversamente scarterebbe queste schede, in pratica dico che se si vuol fare avvicinare anche i principianti a schede così performanti ma "difficiline" volendo il modo c'é.
  • Uno dei motivi per cui la Uno ha successo è anche il formato dip disponibile per il 328, ma un'altro dei motivi per cui spesso la Uno viene scartata è la poca flash (non i pochi pin per cui c'è la mega), io come molti e come tanti nel tempo hanno chiesto e non solo sulla board italiana, come mai non si pensi ad un'evoluzione della Uno con processore ad esempio 1284, anche questo si trova in DIP e non è cosa da poco. So che ci sono già schede di altri belle e pronte, ma perché non farne una ufficiale e supportata ufficialmente come si deve?

Riccardo  smiley



Qua devo difendere le scelte progettuali. La migrazione verso i 3,3 V oramai, più che opinabile, è doverosa. Inoltre continuano ad esistere le schede (UNO e MEGA) a 5V.

La UNO non è limitata, è PERFETTA per quel che deve fare e 32K non sono pochi (chi ha programmato in Assembly cosi da 1k di Flash, sa cosa voglio dire). Con meno di 32K ho fatto progetti di automazione che muovono macchinari di complessità inaudita.

La UNO doveva-deve rispondere all'esigenza della massima semplicità, e flessibilità sottostante alla sua semplicità.

La UNO ha una parabola di utilizzo, poi è ovvio che sta stretta, ma non è lei ad non essere adeguata, sono le necessità che si devono rivolgere ad oggetti con scopi diversi. Bisogna sempre tenere a mente che la UNO è uno strumento didattico, non una MCU con velleità di sofisticazione.

Il problema non è la UNO, il problema è di chi, dopo 6 mesi di "traffici", sta ancora attaccato alla UNO!

Stesso discorso per la questio DIP Vs SMD. C'è l'evoluzione della Specie ed anche dell'Elettronico.
Dopo tot che si maneggiano i DIP bisogna evolversi verso l'SMD (e imparare a  trattarli-saldarli). Non siamo più ai tempi dell' SN7400 e NE555...
7  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 23, 2014, 06:42:44 am

Comunque se secondo alcuni di voi ci vogliono 20EUR per progettare una scheda , offro 200EUR a  chiunque vuole farsi due soldi e progettare una scheda per noi (ovviamente rilasciata in OSHW) smiley

fatemi sapere

m




Accetto la sfida! Scegli il processore, e Lunedì mattina hai Schema elettrico, elenco componenti, manuale descrittivo tecnico in PDF e Gerber con pin-strip Arduinico!  smiley-lol

Ovviamente il master progettato con tutti i crismi, masse a punto stellare, percorsi alimentazione razionali  con studio di condotte e radiate (misure alla mano) ti faccio perfino tutte le piste dati di uguale lunghezza per evitare qualsiasi skew!  
8  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 23, 2014, 06:39:08 am
Si tratta di dollari, sdoganamento, e tasse il costo sale.
Inoltre è nella fase iniziale affrontata anche da raspberry, quindi ancora i distributori non hanno scorte.

Per questi motivi io eviterei di prendere questa board come paragone, anche se ha richiesto molto più ore di lavoro di Arduino Zero.

Sicuramente in euro si attesterà sulle 120-150 € iva inclusa, ma c'è da vedere verrà distribuita in Europa.

Ciao.

Mauro,  mi scendi sotto i piedi...
9  International / Generale / Re: Arduino ZERO ... nuova board ... on: May 22, 2014, 07:48:51 pm
Non per fare polemica, ma per spirito di osservazione critica. Quanto tempo si impiega a sviluppare una ZERO, (un chip MCU, e una manciata di componenti) e quanto è servito per sviluppare una Raspberry? La Rasp costa 40€, vedremo quanto costa la ZERO. E non parliamo di scopi diversi perchè stiamo parlando della stessa classe di oggetti.

A sentire certi discorsi, i produttori di questo oggetto da fantascienza (99$ alias 75€) dovrebbero andare in estrema perdita., tanto da andare in fallimento. Qua si che c'è una valanga di ore-uomo di ingegnerizzazione, eppure costa una fesseria, e non stiamo parlando di ST che regala le schede, ma di una Azienda che vuole fatturato...

http://www.parallella.org/board/

10  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 22, 2014, 07:58:22 am
della design, della scatoletta che la conterrà, ecc. ecc.

Sono anni uomo da ammortizzare ...  smiley-roll

Guglielmo


Hahaha... smiley-lol Non volermene gpb, ma sei tu ad avere le idee molto confuse...

11  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 22, 2014, 07:54:20 am
io aggiungerei che per costi di sviluppo non si deve pensare al solo hardware, tolto il discorso marketing resta lo sviluppo del software. Cioe' scrivere la AnalogWrite avra' richiesto tempo con la UNO, ma di certo su questa non funziona, va modificata, e cosi' tutte le altre fuzionalita' e la modifica dell'IDE stesso. Non so pero' dire quanto tempo richiede questa cosa.
Nel frattempo hanno guastato funzionalita' che andavano bene su 1.x e non riescono a risolvere (vedi upload tramite programmatore e bootloader dell'ATmega8  smiley-lol)

Ecco, abbiamo scritto nello stesso momento la stessa considerazione.
12  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 22, 2014, 07:47:43 am
Io non ho idee molto, confuse,  ma al contrario, molto chiare. Non difendiamo l'indifendibile

Se vuoi possiamo anche fare insieme una analisi nel minuto dettaglio per produrre una scheda del genere in un lotto di 1000 pezzi, comprensiva di ore-uomo per l'ingegnerizzazione dello schema, selezione componenti, ricerca sul mercato, masterista, ed infine il PCB compreso montaggio pick-in-place. Poi vediamo dove andiamo a finire come costi finali, pur aggiungendoci IVA e un "giusto" ricarico del 50%.

Il costo per lo sviluppo di una board di quel genere è ridicolo, specie distribuito sui numeri Arduino, e non certo distribuito sui 100 pezzi che può fare una piccola azienda che produce oggetti di nicchia.

Lo sviluppo, il lavoro grosso piuttosto, sta nell'implementazione del software, perchè dietro quel digitalWrite(); si che c'è davvero molto lavoro. Però allora spostiamo la questione del costo dall'Hardware al Software... e quindi? E quindi a qualcuno di intelligenza nella media, può venire qualche sospetto su tutte le considerazioni sull'Open Source, oggetti didattici per ragazzetti squattrinati, Open Software e compagnia cantante con cui ci si riempie pomposamente la bocca, perchè alla fine della festa l'OpenSoftware lo si fa pagare caro in forme occulte, E ovviamente qualcuno diventa ricco.

E dov'è il problema? Nessuno nella forma, ma nella sostanza, perchè in sostanza si prende per il culx la gente!

13  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 22, 2014, 06:21:28 am
Non me le sono dimenticate  Paolo, è che le dó per scontate su un micro ARM-Cortex.

E' arrivato il markettaro.... smiley-lol. Ok, GPb, è vero che incidono i costi di sviluppo... MA MI SPIEGHI CHE COSTI DI SVILUPPO ha una scheda del genere, eh? Cè un chip con nemmeno tutti i pin tirati su delle strip. Mi dai 20 euro e ti faccio progetto ed anche il Gerber di quell'oggetto.

Ma dai su...  smiley-roll-blue
14  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 21, 2014, 07:14:28 pm
Microcontroller   ATSAMD21G18, 48pins LQFP
Operating Voltage   3.3V
Digital I/O Pins   14, with 12 PWM and UART
Analog Input Pins   6, 12-bit ADC channels
Analog Output Pins   1, 10-bit DAC
DC Current per I/O Pin   7 mA
Flash Memory   256 KB
SRAM   32 KB
EEPROM   up to 16KB by emulation
Clock Speed   48 MHz
----------------------------------

Niente di trascendentale. Vediamo compatibilità  reale e costi.

E' vero che ST è grande, ma anche il costo di produzione non è che sia di migliaia di euro. Idem per la  ZERO.
Quella scheda non dovrebbe costare più di 25 euro con il giusto ricarico. Quanto costa quel chip per lotti di 1000 pz? 3 $? 2,50 $?
E poi cosa c'è sopra? 3 connettori, un LDO e una manciata di componenti passivi.

Mi sono sbagliato, 25e sono anche troppi!
15  International / Generale / Re: Arduinio ZERO ... nuova board ... on: May 21, 2014, 02:39:37 pm
La DUE la uso moltissimo. Se si usa un Display TFT da 7" con funzioni grafiche e geometriche (rappresentazioni assi di motori, posizioni, sensori, etc.) una MEGA segna il passo.

Purtroppo, per l'Hobbista, 50euro di scheda sono veramente troppi, specie viste le alternative performanti e più economiche.

Mi pare che poi il supporto sia scadente, alcune cose non funzionano (l'orologio RTC  ed altre funzioni "latitanti"promesse, sono state poi implementate?).

Arduino UNO non ha rivali, sotto ogni aspetto, ma chi migra verso piattaforme più performanti, ha già un background sufficiente per rivolgersi a tutte quelle alternative più economiche che vanno anche meglio, anche senza un supporto assoluto, (che ripeto, per la DUE non brilla...).

A me la zero interessa, ma pour parler... prestazioni e costi?

Se vogliono 30-40 per detta scheda, se la possono anche tenere, e continuo ad andare con STM32Fxxx o ARM su MBED (chi l'ha detto che si può usare SOLO il compilatore On-line??)

Ma poi una cosa...  Ma per quale motivo tutte le robe "Arduino" devono costare di più di quello che dovrebbero? (alla larga markettari che giustificheranno con improbabili questioni di Mercato verticalizzato, polarizzazione orizzontale del settore, posizionamento strategico bi-polare, voltile cambio Yuan-Rupia modulato dal prezzo del brent sula piazza di Londra ecc. ecc )
Pages: [1] 2 3 ... 132