Show Posts
Pages: [1] 2 3 ... 101
1  International / Hardware / Re: calibrazione servo on: Today at 05:40:55 pm
Astro, addirittura un PID?

Pensavo fossero più semplici.

Non hai uno schema sottomano?
2  International / Hardware / Re: calibrazione servo on: Today at 05:12:49 pm
Ora che ci penso, quel tipo di servo è usato nel robot De Agostini ed è del tipo a rotazione continua.

Quindi fornire 90° (1500 μs di impulso) dovrebbe corrispondere a motor fermo, 0° (500 μs) e 180°  (2000 μs) piena velocità in senso orario e antiorario rispettivamente, mentre gli angoli intermedi dovrebbero corrispondere a velocità intermedie nei due sensi.

myservo.attach(9, 500, 2000);
3  International / Hardware / Re: calibrazione servo on: Today at 12:08:34 pm
La sintassi completa del comando attach è la seguente:

servo.attach(pin, min, max)

in cui min e max corrispondono alle ampiezze degli impulsi corrispondenti alla posizione 0° e 180°.

Le ampiezze sono espresse in microsecondi e valgono normalemente 544 e 2400.

Puoi provare a modificare questo valori per modificare le posizioni relative.

4  International / Hardware / Re: arduino bloccato da teleruttore!! on: Today at 11:56:11 am
E' estremamente pericoloso fornire tensione di rete alla breadboard!

I contatti non sono fatti per sopportare quella tensione!

Comunque, la vicinanza delle linea in tensione con i pin di Arduino sicuramente fornisce dei disturbi.  
5  International / Generale / Re: Controllo pulsante/rele impianto on: September 19, 2014, 12:26:18 pm
Con l'utilizzo di sistema a pulsanti a 24Vcc che commutano relè bistabili su carichi a 230 Vac, le uscite dei relè di Arduino lavoreranno a bassa tensione in parallelo a pulsanti già esistenti e quindi il certificatore non dovrebbe avere nessun problema.

Puoi, perciò, usare anche schede a relè multipli.

Ti ricordo però che è necessaria anche la scheda di input (di solito optoisolata) per conoscere lo stato dei relè di potenza.

Per ottenere la cosa, la soluzione più semplice è quella che prevede per i relè bistabili un contatto ausiliario alimentato a 24Vcc che fornisca il segnale alla scheda input di Arduino.

Ricapitolando, per ogni carico a 230Vac, Arduino necessita di una uscita digitale ed una entrata digitale.
6  International / Hardware / Re: Dubbi Relay Shield 2.1 on: September 19, 2014, 02:39:06 am
Quote
da quello che ho capito raccapezzolandomi a fatica è che, settando i pin 2-7-8-10 su HIGH si attivano i rispettivi relè..

A quanto dice la seguente pagina Relay Shield 2.0, i pin sono il 4, 5 6 e 7:

http://www.seeedstudio.com/wiki/Relay_Shield_V2.0

mentre questa è per il Relay Shield 2.1  , i pin sono il 2, 7, 8 e 10:

http://www.dfrobot.com/wiki/index.php/Relay_Shield_for_Arduino_V2.1_(SKU:DFR0144)
7  International / Generale / Re: Controllo pulsante/rele impianto on: September 18, 2014, 11:16:59 am
Un impianto domotico serio deve essere certificato da un tecnico abilitato.

Dubito molto che possa certificare una scheda "fai da te" anche costruita con tutti i crismi.

E' preferibile rivolgersi a relè DIN per un cablaggio più pulito e a norme.

Tra l'altro sono facilmente sostituibili .
8  International / Hardware / Re: connettere arduino mega a tft 320qvt on: September 18, 2014, 03:26:05 am
Se il modulo è questo

http://imall.iteadstudio.com/display/tft-lcm/im120419005.html

puoi scaricare la libreria ed un esempio nella sezione download della pagina.
9  International / Software / Re: Libreria FastLED on: September 17, 2014, 12:30:33 pm
https://github.com/FastLED/FastLED/wiki/Basic-usage
10  International / Generale / Re: consiglio per creare un quadretto per arduino (domotica) on: September 17, 2014, 10:49:52 am
A parte i quadretti elettrici fatti per contenere guide DIN e relativi moduli, puoi anche pensare a qualcosa di generico:
https://www.futurashop.it/contenitori-per-elettronica/plastici/ip65/contenitore-plastico-abs-ip65nema4-265x185x95-8220-g378

Tuttavia il fattore estetico è importante e probabilmente potresti desiderare qualcosa dotato di sportello trasparente per accedere ai comandi e per LCD: fai un salto da un fornitore di materiale elettrico e fatti mostrare qualche contenitore di questo tipo.
11  International / Generale / Re: Dubbio su quale motore acquistare on: September 17, 2014, 10:26:55 am
Se il motore serve per la trazione meglio usare un motoriduttore ed un ponte H per invertire il senso di marcia.

https://www.futurashop.it/motoriduttore-1431-asse-a-90%C2%B0-7300-gm9?filter_name=motoriduttori
12  International / Hardware / Re: Knock con piezo on: September 17, 2014, 05:13:26 am
Quote
...un trasduttore acustico che può essere sia piezo che magnetico (un altoparlante)...

Scusa Astro, ma forse dimentichi il vero cicalino magnetico: simile ad un relè la cui armatura una volta attratta interrompe il circuito di alimentazione, innescando così una oscillazione.
13  International / Hardware / Re: Knock con piezo on: September 17, 2014, 03:36:19 am
Come ho detto prima, il "piezo" è un trasduttore piezoelettrico che può funzionare anche come altoparlante.

Il BUZZER (cicalino) è un piezo dotato di oscillatore monotonale ed in alcuni casi bitonale, usato per segnalazione acustica.

Ovviamente abbisogna di una tensione continua da 3 a 12V per funzionare e non può essere utilizzato come microfono.
14  International / Hardware / Re: Knock con piezo on: September 16, 2014, 05:41:46 am
Sì è fattibile anche senza usare stadi di amplificazione/filtraggio (se non software).

Quello proposto nel video è un piezo con autoapprendimento del "knock-knock".

In pratica memorizza il numero dei colpi e la pausa tra essi.

Interessante progetto.

15  International / Generale / Re: Stirrer con arduino on: September 16, 2014, 05:14:30 am
Tu hai parlato di un agitatore per il mosto che, per quello che so, richiede una rotazione lenta di una pala all'interno del vaso contenitore.

Alcuni hanno risolto il problema con un semplice motoriduttore prelevato da uno spremiagrumi collegato ad una pala, il tutto montato sopra il vaso.

L'idea di usare una pala "less contact" sulla scorta degli agitatori da laboratorio mi pare una buona idea, ma creando un vortice non si compromette la qualità del mosto?

Ecco perché suggerirei una via di mezzo, cioè aumentare la dimensione della pala e diminuire la velocità di rotazione.
Pages: [1] 2 3 ... 101