Show Posts
Pages: 1 ... 24 25 [26] 27 28 ... 63
376  International / Generale / Re: [Consiglio]Oscilloscopio on: June 23, 2013, 01:47:16 pm
Dipende dalle tue esigenze.

Se già possiedi un'oscilloscopio (e non credo sia il tuo caso) entrambi sono dei "giocattoli" simpatici, ma che danno solo un'idea del segnale.

Entrambi, ad esempio, hanno una sensibilità di 20mV e ti potrebbe servire una sensibilità di almeno 2mV, inoltre la velocità di campionamento (il primo di 48 ed il secondo di 72Msample/s) ti consente di vedere fenomeni sino ad un massimo di 10-15 MHz effettivi: considera che il campionatore del RIGOL DS1052E viaggia a 1 Gsample/s e il DSO è dichiarato per 50MHz!

Il teorema di Nyquist afferma che la velocità di campionamento minima deve essere almeno il doppio della massima frequenza del segnale, ma se si vogliono apprezzare i particolari del segnale occorre che sia almeno 10 volte!

Se invece sei al primo acquisto e ti serve qualcosa di utile, spendi di più per un'oscilloscopio analogico anche usato, ma che ti consenta di fare misure più accurate.

377  International / Hardware / Re: LCD 16x2 - mi sembra il display rotto, ma non sono sicuro on: June 22, 2013, 11:40:45 pm
...e bravo Uwe!
378  International / Hardware / Re: Arduino Mega + elettrovalvole 9V on: June 22, 2013, 10:00:40 am
In pratica, l'impulso di apertura (ON) a 9V (210ma), deve durare almeno 250ms, mentre quello di chiusura (OFF) a -1.6V (50mA) deve durare 60ms.

Il segno negativo delle tensione in chiusura è probabilmente dovuto alla magnetizzazione del solenoide subita nella fase ON, ma credo che si otterrebbe lo stesso effetto applicando una tensione di -9V ottenuta invertendo le polarità.

Certo una elettrovalvola particolare!
379  International / Hardware / Re: LCD 16x2 - mi sembra il display rotto, ma non sono sicuro on: June 22, 2013, 09:40:44 am
Mi dispiace, ma ho proprio paura che sia guasto!  smiley-sad
380  International / Software / Re: Arduino + Ethernet Shield R3 on: June 22, 2013, 09:34:57 am
Hai ragione Guglielmo: ero stato portato fuori strada dalla parola "scheda" che voleva essere "shield".

Allora mi correggo: anche lo shield Arduino possiede su firmware l'indirizzo MAC e, ovviamente, non è modificabile.
381  International / Software / Re: Animazione display on: June 22, 2013, 09:25:36 am
Code:
for(r=1;r<9;c++){    //quadrato

Mi sembra che il ciclo for sia sbagliato: la variabile r non viene mai incrementata!

Forse volevi scrivere:

Code:
for (r=1; r < 9; r ++){    //quadrato
382  International / Software / Re: Arduino + Ethernet Shield R3 on: June 22, 2013, 09:04:58 am
Premetto che non ho ancora usato lo shield Ethernet, ma conosco in teoria come funziona la rete.

Ogni nodo della rete possiede un indirizzo hardware dato dal MAC: nella maggior parte dei casi l'indirizzo MAC è su firmware e quindi non modificabile. mentre sullo shield questo è personalizzabile.

Va da se che l'indirizzo MAC deve essere diverso da quello degli altri nodi presenti sulla rete.

Nel tuo caso ci sono tre nodi: quello della scheda del PC, quello del router (che probabilmente funge anche da switch) e quello dello shield.

Seguendo questo ragionamento non ha senso imporre che il MAC dello shield sia uguale a quello della scheda sul PC.

Ma esiste un meccanismo più semplice per individuare un nodo della rete: l'IP address.

In particolare, come ti hanno già detto, per le reti private locali (LAN) si possono usare tutti gli indirizzi tipo 192.168.X.Y, avendo cura di dichiarare una subnet mask 255.255.255.0 e di indicare per il gateway l'indirizzo IP del router.

Naturalmente tutti i nodi della stessa rete LAN devono avere un indirizzo IP diverso, ad esempio:
PC          192.168.1.1
Router    192.168.1.0
Shield      192.168.1.2
383  International / Hardware / Re: Legge di ohm e componenti. Cerco di capire il perché anche a livello logico. on: June 21, 2013, 06:20:44 pm
Dal datasheet del DS18B20 si evince che funziona con una tensione compresa tra 3.0 e 5.5V ed assorbe mediamente 1mA a 5.0V.

Quindi, con Arduino che lavora a 5.0V la resistenza di polarizzazione deve essere tale da non far passare più di 1mA: 5.0V / 0.001A = 5k ohm.

Il valore commerciale più vicino a 5k sarebbe 5.1k ma si preferisce concedere un po' più di corrente optando per 4.7k.

Questa la teoria, ma in pratica se tu usassi un resistore da 3.3k non cambierebbe molto: circa 1.5 mA di corrente massima.
384  International / Hardware / Re: Lettura consecutiva valori ingressi analogici on: June 21, 2013, 07:10:33 am
Se usando un potenziometro da 10k non riesci ad ottenere l'escursione da 0 a1023, significa che c'è un problema hardware
385  International / Hardware / Re: Lettura consecutiva valori ingressi analogici on: June 21, 2013, 05:28:43 am
Il fatto che non vai oltre i 250 indica una corrente di 4mA cioè, guarda caso, lo "zero" del segnale 4/20mA.

Può darsi che il tuo convertitore non fornisca 0-5V ma bensì 1.25 - 5V, ma a questo punto mi sfugge la sua utilità.

I farei a meno dei convertitori: un resistore da 220 ohm 1% di precisione ai capi del segnale 4/20mA è probabilmente più affidabile.

386  International / Hardware / Re: Dubbio display LCD on/off on: June 20, 2013, 06:53:01 pm
Scusate se mi intrometto, ma "accendere e spegnere il display" non è riferito alla retroilluminazione?

Che senso ha fare il "clear" hardware dello schermo?

Penso che il collettore del transistor vada applicato sul pin -LED, non vi pare?
387  International / Software / Re: Reset Software con Arduino Mega 2560 (problema) on: June 20, 2013, 12:23:28 pm
In passato ho risolto il problema con un semplice NE555 che funge da watchdog esterno e con tempi impossibili per il watchdog del micro (mi servivano tempi dell'ordine di una decina di secondi.

Questo perché con la MEGA il watchdog NON FUNZIONA a causa di un problema dell'IDE.

A quanto so, con la versione 1.0.5 (o qualcuna precedente) il problema dovrebbe essere stato corretto.
388  International / Hardware / Re: Combinazione di shield on: June 18, 2013, 12:24:04 pm
Visto che hai a disposizione alcune porte seriali. ti consiglio il display LCD-03 4x20 che ha una interfaccia seriale oppure I2C selezionabile con ponticello.

Ha la caratteristica di pilotare anche una keypad 4x3, quindi con solo due fili non solo piloti il display, ma anche una tastierina oppure una serie du pulsanti configurati in matrice.
389  International / Hardware / Re: Presentazione scheda controllo luci per collaborazione on: June 17, 2013, 05:13:03 pm
Prova a vedere questa soluzione (ti ho anche un po' "ripulito" lo schema).

A questo indirizzo trovi i relè da 5V: www.electronic.it/product/22550/Rele-a-doppia-Bobina-x-Start-e-Reset-(ON-e-OFF)-1-scambio.html
390  International / Hardware / Re: Presentazione scheda controllo luci per collaborazione on: June 17, 2013, 04:06:45 am
Se il tuo problema è lo sbroglio con Eagle, sono a tua disposizione.

Tuttavia credo anche si potrebbe fare una notevole semplificazione usando un darlington ULN2803.

Inoltre ti ho trovato i relè da PCB adatti a questo uso
Pages: 1 ... 24 25 [26] 27 28 ... 63