Show Posts
Pages: 1 ... 29 30 [31] 32 33 ... 93
451  International / Hardware / Re: Come memorizzare un valore on: May 03, 2014, 03:17:42 am
Quote
...sfruttano la eeprom interna di arduino e vorrei evitare, visto che il valore va salvato ogni volta che cambia lo stato del sistema il che potrebbe...

Non hai completato la frase, ma forse ti riferivi al relativamente limitato numero di scritture sulla EEPROM interna.

Le scelte alternative non sono molte: SD esterna, EEPROM (seriale) esterna oppure RTC.

Quest'ultima possibilità mi sembra la più conveniente: un modulino RTC con DS1307 di cui puoi utilizzare la memoria RAM che quasi mai viene utilizzata e che è sotto batteria.

Oppure il modulo Tiny RTC che in più ha una memoria EEPROM aggiuntiva.
452  International / Software / Re: Quale software usare per disegnare un prototipo per domotica on: May 02, 2014, 10:01:23 am
Hai ragione: ecco il link esatto:

www.sketchup.com/it/download/all

Rammenta che la versione PRO è a pagamento mentre la normale è free (almeno sino a qualche tempo fa)
453  International / Software / Re: Quale software usare per disegnare un prototipo per domotica on: May 02, 2014, 09:03:44 am
Prova qui:

www.sketchup.com/it/downlalload/
454  International / Software / Re: Quale software usare per disegnare un prototipo per domotica on: May 01, 2014, 05:05:39 am
Io uso con molta soddisfazione SKETCHUP di Google
455  International / Hardware / Re: SSR serie DR 24D 12R della Cridom e Arduino on: April 28, 2014, 12:37:15 pm
Non a caso ho fatto l'esempio di un LED: quel tipo di SSR utilizza un fotoaccoppiatore per commutare il suo stato.

Come tutti i LED, non puoi collegare ai suoi capi direttamente la tensione di controllo altrimenti il LED potrebbe bruciarsi.

Occorre quindi limitare la corrente in funzione della tensione di pilotaggio: con 5V, ad esempio, per una corrente max di 10mA il valore del resistore deve essere 5V / 0.01A cioè 500 che puoi approssimare a 480 ohm.

Alcuni SSR dispongono di un circuito di limitazione della corrente di ingresso e forse il tuo SSR ricade in questa categoria: in questo caso non dovrebbe esserci bisogno di un resistore in ingresso.

Tuttavia, consiglio sempre di metterlo (almeno inizialmente) e verificare la corrente di ingresso: se è troppo bassa riduci il suo valore progressivamente.
456  International / Hardware / Re: SSR serie DR 24D 12R della Cridom e Arduino on: April 28, 2014, 02:19:57 am
Ogni uscita di Arduino UNO e MEGA2560 può supportare al massimo 40 mA con un totale massimo (qui vado a memoria) di 200 mA.

Ipotizzando un consumo medio di 20mA per uscita (ad esempio un LED), puoi connettere un massimo di 10 porte ad altrettanti SSR.

E' sempre bene inserire una resistenza limitatrice del valore di  240 ohm (5V / 20mA) su ciascuna uscita onde evitare che, in caso di corto, il micro venga danneggiato.
457  International / Hardware / Re: Dissipazione massima motore passo-passo Nema 17 on: April 27, 2014, 11:17:32 am
Mi sfugge l'utilità di sapere quanti watt è capace di dissipare un NEMA 17.

Forse ti riferisci alla potenza assorbita: questa dipende dalla corrente assorbita e dalla tensione di funzionamento, essendo la corrente legata alla resistenza degli avvolgimenti.

Se, invece, hai montato questo motore e questo si surriscalda, probabilmente lo stai alimentando con una tensione superiore a quella indicata dal suo datasheet.

Prova a vedere questo link: reprap.org/wiki/NEMA_17_Stepper_motor
458  International / Hardware / Re: prolunga servo on: April 26, 2014, 10:13:49 am
L'unica caratteristica da considerare è la corrente che attraversa i fili di alimentazione rosso e nero.

Nel tuo caso (servo da 9 g/cm) la corrente è inferiore ad 1A e quindi puoi tranquillamente tagliare il cavo ed fare una aggiunta  con fili della stessa sezione o superiore.
459  International / Hardware / Re: Collegare 2 RFID RC522 ad Arduino (SPI) on: April 25, 2014, 02:59:11 am
Sulla MEGA questa è la corrispondenza dei pin SPI:
MISO  50  ICSP4
MOSI  51   ICSP1
SCK    52  ICSP3
SS       53

Il secondo RFID non funziona poiché RST è in realtà collegato a MISO (50) ed il chip select è collegato a MOSI (51)
460  International / Hardware / Re: Far rimanere il segnale digitale a 1 per un po' di tempo in più? on: April 22, 2014, 12:09:01 pm
Un semplice circuito RC dovrebbe fare al caso tuo.

In pratica è un circuito anti rimbalzo per pulsanti, ma puoi ottenere lo stesso risultato, in modo più elegante e funzionale, via software.
461  International / Software / Re: spegnimento pc da lan con arduino on: April 19, 2014, 04:47:04 am
Guarda questo articolo:

backlab.wordpress.com/2013/06/05/accendere-o-spegnere-un-pc-in-rete-lan-wan/
462  International / Hardware / Re: Arduino+Ethernet Shield+Modulo Rele (PROBLEMINO) on: April 18, 2014, 10:34:13 am
Ognuno dei relè della foto sopporta 10A a 250V cioè 2500VA, la potenza di una stufetta, quindi li puoi utilizzare tranquillamente per delle lampade che assorbono molto meno.
463  International / Generale / Re: acs712 on: April 18, 2014, 04:39:40 am
Esatto, imponendo il cos(fi) = 0.9 in pratica riduci del 10% la Potenza Apparente (Papp = V * A).

Facciamo un esempio.
Supponiamo che il carico sia 2000W e di tipo resistivo (una stufetta) e che la tensione sia costante a 230V.
E' facile calcolare la corrente che circola: 2000W / 230V =  8.7A

Con il tuo circuito ed il tuo sketch (trascurando anche gli altri errori) misurerai un potenza del 10% inferiore e cioè 1800W.
464  International / Generale / Re: acs712 on: April 17, 2014, 04:05:32 am
Per calcolare esattamente la Potenza Attiva o Reale (P) bisogna conoscere tensione, corrente e angolo di sfasamento tra tensione e corrente (fi) espresso da cos(fi).

Infatti, P = V * I * cos(fi) ove V ed I possono essere calcolati come la radice quadrata della somma di N campioni al quadrato diviso N, ovvero RMS (Root Mean Square).

Nel tuo sketch hai fatto alcune assunzioni:
1 - tensione rete costante a 220V (in realtà sono 230V)
2 - sfasamento costante cos(fi) = 0.9 (in realtà dipende dal carico)
3 - tensione ADC 5V costanti (in realtà può essere leggermente diversa, ad esempio 4.9 oppure 5.1)
4 - N periodi in esame con N intero, cioè multipli di 20ms (in realtà con 1000 campioni, essendo la velocità 8620 campioni/secondo, N non sarà intero)

Tutte le assunzioni portano a degli errori, alcuni tollerabili, altri meno.

In particolare, l'errore più grande è quello del cos(fi) costante.
465  International / Hardware / Re: Interferenza trasmittente antenna di un radicomando on: April 14, 2014, 10:00:00 am
Non dici che tipo di RxTx usi (frequenza, canali , modulazione, ecc.)

Immagino che sia un modello economico e senza quarzo.

Questo spiegherebbe la scarsa stabilità: compra un paio di moduli AUREL (Rx e Tx) od anche cinesi ma di qualità su frequenza consentita 433.92MHz e vedrai la differenza (anche senza antenna).

Ce ne sono in AM ed in FM: scegli quelli in FM se la tua zona è interessata da disturbi o trasmettitori non a norma.

Pages: 1 ... 29 30 [31] 32 33 ... 93