Show Posts
Pages: 1 2 [3] 4 5 ... 10
31  International / Hardware / Re: Arduino Due-Audio-testare componenti on: December 06, 2012, 02:48:57 pm
ciao federico,

realizzo effetti da un bel pezzo e da poco ho iniziato con un ampli...

quello che vuoi fare te lo sconsiglio poiché perderesti tanto ma tanto di quel tempo che non ne vale la pena.. cambiare a manina ci si mette 10 secondi... sicuramente non puoi cambiare il componente e suonare insieme... il tutto potevi benissimo farlo con un arduino uno + tanti relè + tanti transistor da usare come interruttori + resistenze per gestire i transistor come interruttori e quindi farli variare tra interdizione e saturazione...

io ho trovato una soluzione utilizzando un looper, cosi memorizzo la traccia, e nel mentre cambio i componenti.. inutile dire che cambiare il componente a circuito alimentato è masochismo (non per se stessi, ma verso la scheda che di punto in bianco si trova senza un componente).

32  International / Generale / Re: consigli eagle cad on: December 06, 2012, 02:40:07 pm
grazie mille della risposta..

e per quanto riguarda la larghezza, considerando che è un atmega328 che pilota un chip per i2c, un shiftregister, un sensore IR, e dei pulsanti di input, su che larghezza generale potrei stare?
33  International / Generale / consigli eagle cad on: December 06, 2012, 01:02:14 pm
Ciao a tutti...

piccolo consiglio...sto realizzando la mia prima scheda seria con eagle cad...

così, per sfizio ho generato in automatico le piste... ora io devo sottostare alle seguenti necessità:

- piste su un solo lato
- no componenti smd

solo che generando in automatico non capisco come regolare la larghezza delle piste...

inoltre, ammesso che le piste siano abbastanza larghe (quelle generate di default sono 0.254), volevo chiedere consigli per risolvere il problema delle piste mancanti.. voi come agireste?

considerate che posso realizzare la scheda o tramite p'n'p o tramite bromografo
vi ringrazio in anticipo

34  International / Software / Re: iniziare seriamente con avr studio on: December 06, 2012, 12:13:00 pm
personalmente dovrei lavorare principalmente con atmega328 per il momento.. ripeto, sarebbe a scopo puramente didattico
35  International / Software / iniziare seriamente con avr studio on: December 06, 2012, 04:12:54 am
Ciao a tutti,

in questo periodo ho sfruttato parecchio le schede Arduino e imparato abbastanza a programmare con Arduino IDE... ora però, a scopo puramente didattico, volevo iniziare a programmare un ATmega328-pu con AVR Studio... quindi di fatto passare da assembler o per il c..

ora però ho un dubbio... fino ad oggi io ho utilizzato come programmatore un USBtinyISP... mi domandavo, è utilizzabile anche con AVR Studio?
consigli generali per iniziare?


vi ringrazio in anticipo per le risposte
36  International / Software / Re: Quesiti produzione pcb on: November 22, 2012, 09:27:05 am
scusa le mille domande...

se quindi utilizzo la vaschetta terminato tutto estraggo il cloruro conservandolo per altre incisioni giusto? ma la vaschetta poi non si rovina in modo permanente con il cloruro?
37  International / Software / Re: Quesiti produzione pcb on: November 22, 2012, 06:32:58 am


1- stampo il master su foglio acetato trasparente, lo metto nel bromografo tra vetro e pcb (stando attendo al verso di stampa) e accendo il bromografo...
domanda 1: la tempistica è solo frutto di prove vero?

2- immergo la pcb uscita dal bromografo in soluzione soda caustica - acqua
domanda 2: in che dosaggio? la soda caustica c'e l'ho sotto forma di piccole palline solide...

3- una volta che raggiungo un bel contrasto pulisco la pcb e la immergo in una soluzione di acido muriatico e acqua ossigenata...
Il materiale da usare può essere: acqua ossigenata a 40 volumi (in farmacia) e acido cloridrico (muriatico) al 70% (in ferramenta); bisogna usarne quanto basta per coprire appena la scheda.



volendo il punto 3 è sostituibile con il tradizionale sistema con il cloruro ferrico (quello scuro per intendersi) che vendono un po ovunque nei negozi di elettronica... giusto? inoltre, secondo te, se scegliessi la via del cloruro, questo strumento può essere utile o è una cavolata? http://www.ebay.it/itm/VASCHETTA-INCISIONE-PER-CIRCUITO-STAMPATO-ET20-2-LITRI-/281021582875?pt=Attrezzature_e_strumentazione&hash=item416e310e1b&_uhb=1#ht_1573wt_1397
38  International / Software / Re: Quesiti produzione pcb on: November 21, 2012, 05:29:17 am

Quote
2- immergo la pcb uscita dal bromografo in soluzione soda caustica - acqua
domanda 2: in che dosaggio? la soda caustica c'e l'ho sotto forma di piccole palline solide...


Quello venduto specificamente riporta le dosi sulla confezione, comprato altrove non saprei dirti, sarebbe utile l’esperienza diretta di qualcuno, così aggiorno il post relativo.


quindi in negozio trovo già la soda caustica diluita con acqua con determinate percentuali?
39  International / Software / Re: Quesiti produzione pcb on: November 21, 2012, 04:27:46 am
Ciao,

ok quindi come appreso da innumerevoli tutorial mi confermi anche te il passaggio per la soda caustica... sembra una cavolata, ma avere il riscontro da voi mi rassicura smiley

la stampante che utilizzo è http://www.sbmweb.com/images/products/sharp/BW%20Series/Sharp%20M162ESharp%20AR-M162E.php

ad ogni modo volevo provare con il bromografo... penso sia più preciso...

L’ultimo passaggio è lo sviluppo della piastra; una volta spento il Bromografo e levata la piastra, vedremo con un lievissimo contrasto i disegni delle piste impressionati sulla piastra; a questo punto essa va immersa in una bacinella contenente una soluzione a base di acqua e idrossido di sodio, si vende anche nei negozi di elettronica sotto forma di bottiglie o bidoncini, spesso definito “sviluppo per fotoresist”. La piastra andrà levata dalla bacinella quando il disegno delle piste avrà raggiunto un buon contrasto e risulterà ben visibile. Siamo pronti per la fase finale.

non mi sono chiare un po di cose però... da quello che ho appreso deduco che:

1- stampo il master su foglio acetato trasparente, lo metto nel bromografo tra vetro e pcb (stando attendo al verso di stampa) e accendo il bromografo...
domanda 1: la tempistica è solo frutto di prove vero?

2- immergo la pcb uscita dal bromografo in soluzione soda caustica - acqua
domanda 2: in che dosaggio? la soda caustica c'e l'ho sotto forma di piccole palline solide...

3- una volta che raggiungo un bel contrasto pulisco la pcb e la immergo in una soluzione di acido muriatico e acqua ossigenata...
Il materiale da usare può essere: acqua ossigenata a 40 volumi (in farmacia) e acido cloridrico (muriatico) al 70% (in ferramenta); bisogna usarne quanto basta per coprire appena la scheda.
domanda 3: mi sorge un dubbio... come misuro quelle percentuali??? se dev'esser "quanto basta per coprire la scheda" suppongo sia meno di un litro... secondo voi esistono vaschette o bacinelle graduate?


grazie mille per le dritte
40  International / Software / Quesiti produzione pcb on: November 20, 2012, 04:22:17 pm
Ciao a tutti... volevo porvi dei quesiti per analizzare insieme le varie tipologie di processo per la produzione PCB e il relativo indice qualità/prezzo..

io ho iniziato con il metodo p'n'p, ovvero press'n'peel... utilizzando questi fogli http://www.banzaimusic.com/Press-n-Peel-Blue.html riuscivo a trasferire le piste sulla basetta che poi andavo a corrodere con l'acido...
volevo domandare, con questa tecnica quanto posso spingermi a far strette le piste?

poi ho acquistato il kit e mi sono realizzato un bormografo... ammetto che devo ancora provare ad incidere una pcb per il fatto che trovo voci discordanti sul processo.. mi potreste illuminare? alcune guide dicono di immergere la basetta in una soluzione di soda caustica, altre di acqua ossigenata... voi cosa mi consigliate? quanto posso spingermi a fare strette le piste?


in fine volevo chiedere se conoscevate qualche sito onesto per la realizzazione di pcb su piccola scala e senza costi eccessivi...

vi ringrazio...

saluti


 [post edit] chiedo scusa ho notato solo ora la sezione errata
41  International / Hardware / Re: Sensore IR on: November 14, 2012, 08:33:55 am
Alla scheda colleghi il tx, quindi hai tutta la versatilità che vuoi, ciò che dovrà pilotare lo stabilisci di volta in volta col software.

perfetto... grazie mille
42  International / Hardware / Re: Sensore IR on: November 14, 2012, 07:27:43 am
nulla di particolare... siccome non mi è più possibile lavorare con tutti componenti volanti/breadboard ecc ho deciso di realizzare una scheda mia di prototipazione dove ho lcd, sensori temperatura, sensori luce, relé, shiftregister ecc...e dato che mi restano liberi due digital pin (uno normale e uno pwm) volevo piazzarci il sensore IR ricevitore...

in questo modo poi ho tutto su una unica scheda (che programmo tramite USBtinyISP) e posso concentrarmi unicamente sulla programmazione...

quindi l'uso del sensore ricevitore IR vorrei fosse più versatile possibile, appunto perché è una scheda per lo "studio"
43  International / Hardware / Re: Sensore IR on: November 14, 2012, 06:52:51 am
In genere quelli color fumé sono trasmettitori, la resistenza sui trasmettitori può scendere fino a 150 ohm, ma bisognerebbe avere i data-sheet per conferma, non puoi localizzarli dove li hai presi?
Il TX lo alimenti tramite un pin digitale però a me risulta che dovrebbe comunque lavorare a 38KHz, ma non li ho mai usato in coppia con fotodiodi.
Il fotodiodo lo leggi sul pin analogico, l'impostazione con la pull-down mi sembra corretta

Hai ragione... i modelli sono TEFT4300 e TSUS4300... mi era sfuggito di specificarli prima

volevo montare sulla mia scheda arduino il ricevitore per poi inviargli segnali da un'altra scheda dove è presente l'emettitore... fattibile?
44  International / Hardware / Sensore IR on: November 14, 2012, 06:32:34 am
Ciao a tutti..

tempo fa avevo acquistato un emettitore e un ricevitore IR. Sono i seguenti:


dato che di IR non ne so una mazza, vi chiedo....

1- quale dei due è l'emettitore e quale è il ricevitore???
2- è corretto basarsi sui valori citati da questo post? http://arduino.cc/forum/index.php/topic,78338.msg591820.html#msg591820 ovvero 
    EMETTITORE:  GND ---> R=270/330ohm ---> emettitore ---> pin digitale (non PWM)
    RICEVITORE:   GND --> R=10k  --> PIN ANALOGICO --> ricevitore ---> +5V

vi ringrazio in anticipo

45  International / Software / Re: lcd e i2c on: November 13, 2012, 08:40:48 am
Quote
Sai che aiutiamo volentieri, ma siamo anche curiosi, cosa  era il problema?
Ciao Uwe
Quote
Le pull-up?
Credo si riferisse alla differenza tra l'indirizzo del PCF8574 che è 0x20 e l'indirizzo del PCF8574A che è 0x38..
Confermi ?

Confermo  smiley-cool

ad ogni modo, mi sembra leggermente più lento, meno reattivo, rispetto al collegamento tradizionale... è una mia impressione?
Pages: 1 2 [3] 4 5 ... 10