Go Down

Topic: Pavimento sensibile alle variazioni di peso. É fattibile? (Read 1 time) previous topic - next topic

Standardoil

C'è una cosa che si chiama TARA: una volta arredato tutto azzeri il peso....
Cioè,  azzeriamo il peso tutte le volte che facciamo la spesa?
Serve un'indicazione dallo OP
Prima legge di Nelson (che sono io): A parità di risultato maggiore è il pensiero, minore il lavoro. Quindi prima di fare pensa!
Non si da retta a studenti: andate a copiare da un'altra parte...
Lo hai visto su Youtube? -> lo chiedi su Youtube

docdoc

Serve un'indicazione dallo OP
Concordo, e l'ho scritto anche io, perché quale sia l'ambito di applicazione non è affatto ininfluente nella scelta progettuale.
Ripeto la mia domanda, auto-quotandomi (per cui ora serve una risposta dall'OP altrimenti è inutile continuare a fare congetture e proporre soluzioni):

tutto dipende da quali sono i costi previsti, il carico reale massimo, la durata minima, ed il costo e frequenza prevista per la manutenzione ed eventuali interventi, tutti parametri che non conosciamo, quindi i nostri consigli, compreso il mio, lasciano il tempo che trovano...

PS e, in fondo, di cosa stiamo parlando? Di un museo dove devono verificare se qualcuno ruba una statua di 60 kg?

Alex "docdoc" - ** se ti sono stato d'aiuto, un punto karma sarà gradito, clicca su "add" qui a sinistra, vicino al mio nome ;) **

steve-cr

Cioè,  azzeriamo il peso tutte le volte che facciamo la spesa?
Serve un'indicazione dallo OP
Il discorso della TARA è semplice: realizzi la stanza, la arredi di tutto punto e azzeri la TARA: da questo momento qualsiasi cosa entra deve prima o poi uscire.
Quindi se il peso è superiore a ZERO (o ZERO +/- una certa percentuale) c'è qualcuno in quella stanza. Dato che parliamo di un processore ed un software, possiamo sapere quanto peso è entrato e quanto ne è uscito, quindi quanto ne rimane. E l'azzeramento della TARA si può fare con un pulsante tutte le volte che si ritiene opportuno, all'inizio di ogni "ciclo di controllo", per esempio.
Samantha Cristoforetti: "Mi fai fare un giro sul tuo ultraleggero?". "Certamente, però piloto io !"

grzmrc

Pur non avendo tanti dettagli mi avete fornito tutto quello che mi serve per partire. Perdonatemi se Il campo d'applicazione lo ho volutamente tenuto nascosto.
Ho solo qualche problema a reperire velocemente i componenti per il modellino. Le celle di carico segnalate arrivano a metà ottobre e per me è un po' troppo in la'.

Ho provato anche a guardare i circuiti interni delle bilance commerciali (vedi pic https://www.dropbox.com/s/bz5eyki0zbllzgp/IMG_20180923_132704.jpg?dl=0)

ma vedo arrivare i cavetti dalle celle di carico ad un unico PCB che poi si collega all'LCD e non so poi se sono in grado di ricavare info su arduino.

Non è che avreste anche altri link per acquistare 4 celle di carico da ciorca 5kg. Non mi interessa se anche le pago di più.
grazie

gpb01

...Perdonatemi se Il campo d'applicazione lo ho volutamente tenuto nascosto.
... cosa qui molto poco gradita/tollerata>:(

Cioè ... stai sfruttando la piattaforma "openSource", stai sfruttando "consulenza gratuita" ... permetti almeno che il progetto DEVE essere open?  ... altrimenti, se è cosa così segreta, paga dei consulenti privati e tieni pure tutto segreto !

La filosofia con cui qui si va avanti è quella dei progetti open e della condivisione !!!

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

grzmrc

Quello che dici é ovviamente condivisibile, soprattutto se qualcuno riuscisse a brevettare qualcosa di commercialmente appetibile.
Io non mi arricchiró con una bilancia che ha scopi umanitari e non commerciali, in aiuto a persone malate/disabili. La gratificazione di presentarlo per primo peró la voglio. Chiedo scusa

docdoc

Io non mi arricchiró con una bilancia che ha scopi umanita4i e non commerciali, in aiuto a persone che stanno male. La gratificazione di presentarlo per primo peró la voglio. Chiedo scusa
Si ma in questo caso comprenderai che le informazioni che ci hai volutamente tenuto nascoste erano utili a darti consigli più mirati e quindi più utili, non ti pare?
Poi se vuoi nascondere il vero scopo, di fatto puoi anche non descrivere l'intero contesto ma limitarti quantomeno a dare informazioni diciamo "simili" (che so, dire che vuoi realizzare un sensore per la gabbia di un canile, o proteggere un corridoio di ingresso ad una zona controllata) ossia qualcosa di plausibile ma che abbia praticamente gli stessi vincoli del tuo progetto.
Avresti risposte più precise ed in tempi inferiori...
Alex "docdoc" - ** se ti sono stato d'aiuto, un punto karma sarà gradito, clicca su "add" qui a sinistra, vicino al mio nome ;) **

steve-cr

Io non mi arricchiró con una bilancia che ha scopi umanitari e non commerciali, in aiuto a persone malate/disabili. La gratificazione di presentarlo per primo peró la voglio. Chiedo scusa
Beh, posso capire almeno la gratificazione, dato che in quel campo girano sempre meno soldi...
I dati per me sono sufficienti, poi che ci pesi una persona o un cane (da 60 kg lo vedo grosso !  :)  ) non mi interessa.
I "pavimenti galleggianti" esistono da anni, anche se non sono montati su celle di carico, e senza scomodare Tom Cruise in Mission Impossible, ce ne sono di diversi tipi, dal pavimento unico alla singola mattonella.
Nelle banche o negli uffici di nuova generazione sono tutti "pavimenti galleggianti" perchè sotto passano i cavi di telefonia, reti, forza motrice eccetera: sollevi qualche mattonella e inserisci qualsiasi cavo.
Avendo esperienza di decenni nella carpenteria metallica, è veramente semplice realizzare un quadrato, come dicevo, di tubolare 80x80 (le verghe sono di 6 metri), ed appoggiarlo su quattro celle. Successivamente si salda tutto il reticolo interno da realizzare con angolari o tubi piu piccoli, che sopporterà le "mattonelle" le quali possono essere in legno o ceramica. Si collegano i fili, si riempie di mattonelle incastrate e il gioco è fatto.
Samantha Cristoforetti: "Mi fai fare un giro sul tuo ultraleggero?". "Certamente, però piloto io !"

Etemenanki

...
Non è che avreste anche altri link per acquistare 4 celle di carico da ciorca 5kg. Non mi interessa se anche le pago di più.
grazie
credo che il link che ti vevo postato https://www.amazon.it/Aihasd-digitale-elettronica-portatile-pesatura/dp/B075KKH416/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1537452654&sr=8-1&keywords=celle+di+carico+10kg sia fra i piu economici (considerando che ti danno anche le schedine con gli integrati necessari a leggerle, che altrimenti dovresti acquistare a parte, oppure costruirti 4 amplificatori differenziali identici per strumentazione) ... la pagina riporta 6 modelli diversi, occhio a scegliere quelle giuste prima di acquistare ...

questo https://www.amazon.it/elettronica-portatile-sensore-HX711-pesatura-Raspberry/dp/B076PZFRDM/ref=sr_1_2?rps=1&ie=UTF8&qid=1537885169&sr=8-2&keywords=cella+carico+hx711+5kg&refinements=p_76%3A1%7C1-%7C490211031 dice di consegnare prima, ma chiede il doppio ... altri in Italia (homotix.it, robotitaly, eccetera) ti vendono le celle, ma devi acquistare le schedine con i convertitori a parte ...

Le schedine le devi prendere comunque, ma una sola volta, poi le potrai "riciclare" collegandole alle celle definitive, sono universali, non legate al tipo di cella che usi ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

steve-cr

Ho provato anche a guardare i circuiti interni delle bilance commerciali (vedi pic https://www.dropbox.com/s/bz5eyki0zbllzgp/IMG_20180923_132704.jpg?dl=0)

Dalla foto vedo che ci sono quattro celle di carico a tre fili che vanno sul piccolo circuito per essere collegate tutte insieme.
Ma vedo con piacere che l'uscita del circuitino è a 4 uscite con le lettere somiglianti aelle celle di carico tipo HX711 (e la sigla sembra quasi scritta al contrario apposta...) e cioè E+ e E-

Quindi prelevando quei quattro segnali e collegandoli ad una schedina HX711 (è una sigla che imparerai a memoria da tanto se ne usano sulle celle) avrai una uscita CLK e DATA da applicare a due ingressi di Arduino...
Samantha Cristoforetti: "Mi fai fare un giro sul tuo ultraleggero?". "Certamente, però piloto io !"

Standardoil

il messaggio scritto dallo OP e citato da steve-CR
Beh, posso capire almeno la gratificazione, dato che in quel campo girano sempre meno soldi...
...
è stato rimosso
vorrei far notare che quando lo ho chiesto io, se era per persone diversamente abili NON abbiamo avuto risposta
lo OP, scusatemi l'espressione" sta "ciurlando nel manico", dicebdo e non dicendo, con l'evidente intenzione di sfruttare le nostre informazioni.
anche se fosse vero che sta facendo tutto questo per persone con problemi, il tenerlo nascosto e cercare di essere il primo a farlo NON è una buona pratica, e NON viene utilizzata nel campo in questione; fidatevi, io non frequento solo ingegneresse meccaniche, ma anche architette impegnate nella disabilità, vedo come lavorano tra di loro, e vedo come NON tengono segreto il loro lavoro
Prima legge di Nelson (che sono io): A parità di risultato maggiore è il pensiero, minore il lavoro. Quindi prima di fare pensa!
Non si da retta a studenti: andate a copiare da un'altra parte...
Lo hai visto su Youtube? -> lo chiedi su Youtube

grzmrc

Ho avuto l'informazione che cercavo. Vi sono grato per avermi indirizzato alle celle di carico.
Se "Ciurlo nel Manico" non mi aiutate più, ma per favore non mettiamoci a litigare. Lasciare stare questa discussione e tra qualche giorno(il tempo che mi arrivino le celle e di stesura del codice) sarà mia cura fornire i dati mancanti affinchè diventi "open" -anche se la cosa si rivelasse inutile perché tanto non mi vergogno.
Non so come lavorano le "architette", io probabilmente sono ad un livello molto inferiore e non ho la formazione adatta. Semplicemente credo di avere avuto un'idea che potrebbe essere utile.

docdoc

Concordo con Standardoil, se fosse un progetto dedicato a persone disabili sarebbe una cosa ben più che positiva (ed anche un maggior stimolo ad aiutarti), ma ripeto, se anche volessi tenere lo scopo reale per te, sarebbe bastato non "ciurlare nel manico" e dare un esempio di applicazione come avevo suggerito. Se pensi di farne un progetto open, appena avrai fatto il tuo prototipo avresti potuto comunque dare le informazioni "di base" e relative solo al problema specifico. Se lasci tutto nel vago, dicendo che è un progetto per persone con disabilità ma che vuoi tenerlo per te per non farti "rubare" l'idea ma che non vuoi guadagnarci, beh, scusa ma sono concetti un pochino in contrasto tra loro non trovi?
Comunque fai come credi, puoi anche terminare qui visto che pare che il problema che ti interessava lo hai risolto, qui nessuno voleva rubarti nessuna idea né lucrare sulle tue.

PS: Ma, scusa, neanche il contrario ossia potrebbe seccarci un poco se tu sfrutti la nostra buona volontà per lucrarci tu in qualche modo... Ma non voglio saperlo, ti prego, finiamola qui.
Alex "docdoc" - ** se ti sono stato d'aiuto, un punto karma sarà gradito, clicca su "add" qui a sinistra, vicino al mio nome ;) **

zoomx

Non è per niente empirica: se compri al LIDL una pesapersone elettronica hai già il tuo "modellino di pavimento" e ci puoi fare i tuoi esperimenti: vedrai che anche spostando il peso negli angoli non cambia nulla perchè poi vengono lette sempre tutte le celle di carico e vengono sommate.
E' così perché i bordi non sono ancorati e il piano è unico e rigido.

Tutti i pavimenti si flettono, si potrebbero usare dei clinometri ma sui costi non saprei dire, dipende dalla precisione che serve e da quanto si flette il pavimento.

Standardoil

Flusso o no che sia il pavimento, se non arriva a toccare, la somma delle forze misurate rimane uguale alla somma dei pesi applicati
Semmai ne cambia la distribuzione, non la somma
Prima legge di Nelson (che sono io): A parità di risultato maggiore è il pensiero, minore il lavoro. Quindi prima di fare pensa!
Non si da retta a studenti: andate a copiare da un'altra parte...
Lo hai visto su Youtube? -> lo chiedi su Youtube

Go Up