Go Down

Topic: Qualcuno usa il Press'n Peel blue per il toner transfer? (Read 16 times) previous topic - next topic

Michele Menniti

Ho comprato la confezione da 5 fogli un anno fa; dopo l'esperienza dei nanetti ieri mi sono cimentato a realizzare un PCB monofaccia tutto in SMD, quindi con piste e pad notevolmente ridotte :smiley-sweat: Devo dire che la stampa sul foglio PnP, pur usando una HP 600dpi è venuta benino. In questo caso in realtà l'elemento coprente non è il solo toner ma anche il materiale blu del foglio, quindi non avevo dubbi sul piano di massa. Ricordando le difficoltà avute con i semplici PCB dei nanetti, ieri ho stampato tre copie del disegno del PCB. Solo una è venuta abbastanza decente ma l'ho dovuta ritoccare col pennarello, le altre due hanno presentato chiazze di toner, o meglio chiazze di blu, che proprio non si sono volute staccare dal foglio. In compenso le parti che hano aderito al rame sono venute perfette e rimaste tali anche dopo l'incisione.
Ho lavorato a circa 170-180°C e ho passato sul foglio anche diversi minuti.
Le istruzioni dicono che dovrebbe bastare fare in modo da riscaldare tutto il disegno ed il relativo rame, poi lasciar arffreddare e quindi tirare la pellicola.
Effettivamente ho tirato la pellicola quando era tutto ancora tiepido, possibile che il distacco avvenga solo dopo il raffreddamento?
Ecco la domanda del Topic, qualcuno usa regolarmente questi fogli? Che risultati ottiene? Che tecnica usa?
Una sola preghiera, sul Forum si è parlato in abbondanza di ogni possibile tecnica, fino alla nausea, quindi non chiedo consigli su che tecniche alternative adottare, né voglio che questi diventi l'ennesimo Topic sulla preparazione dei c.s.; vorrei solo far funzionare questo sistema e quindi mi servono consigli idonei, ma dati per esperienza, non per supposizione. Grazie.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

ratto93

Io li uso come scritto nelle istruzioni e i risultati, visto il costo sono deludenti.... a volte alcune piste mi vengono interrotte, dovrei provare con una laminatrice.
Meglio la fotoinceisione, senza dubbio
Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

Michele Menniti


Io li uso come scritto nelle istruzioni e i risultati, visto il costo sono deludenti.... a volte alcune piste mi vengono interrotte, dovrei provare con una laminatrice.

Se si trattasse di qualche pista... in due su tre prove a me mancavano intere chiazze, roba impossibile da ricostruire. Ora che leggo meglio le istruzioni parla di pulire il rame con l'alcool, mentre io prima ho usato gli ultrasuoni con una miscela che contiene anche sapone liquido, e poi abbondante sciacquata con acqua, ma forse è rimasta qualche traccia di sapone. Tu l'hai usato l'alcool? hai misurato dal temperatura del ferro da stiro? quanto tempo l'hai tenuto il foglio a stirare?
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

niki77

Qualcosa non ha funzionato direi, perchè io la uso spesso e non ho mai avuto problemi.
La settimana scorsa ho fatto 24 mini pcb da 14*11mm pannellizzati e sono usciti molto bene.
la temperatura del ferro io la tengo però al massimo, e attendo che si raffreddi un po ma non del tutto prima di 'peelare'.
C'e da dire però che non ho mai fatto piste più sottili di 2 decimi.
Non penso che incida il fatto che i fogli sono datati, io ne ho una scorta del 2005 e uso ancora quelli.
Ha pulito bene prima della stiratura il rame con acetone?
Ha sbavato i bordi del pcb con la lima?
Magari c'e una piccola sporgenza sul bordo che non fà aderire bene il ferro alla superficie.
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

alexdb

#4
May 20, 2012, 05:35 pm Last Edit: May 20, 2012, 05:37 pm by alexdb Reason: 1
allora, prima usavo anche io i press n peel, ma visto il costo sono passato a carta fotografica che mi da risultati uguali...
comunque con i press n peel riesci a fare piste anche da 10 mil,  io usavo un ferro da stiro normale, e tra il foglio blu e il ferro mettevo un pezzo di carta normale (perchè se no il foglio blu si scioglieva...)

il trucco è passare bene bene dappertutto e schiacciare, quando il toner si stacca dal foglio blu cambia colore, si nota molto la differenza fra toner attaccato al foglio(più opaco) e toner attaccato al rame (più lucido e più nero), per sicurezza dai più di una passata...

forse non riesci perchè il ferro è troppo freddo..non so il mio quanto scalda, ma so che si scioglie la pellicola se non metto un foglio in mezzo...

EDIT: dimenticavo, quando è tutto bello freddo stacchi pian pianino la pellicola, e per pulire la basetta io la pulisco con un pò di detersivo per i piatti, spugna di quelle che grattano un pò e basta...:)

Michele Menniti

@ Niki77: grazie, mi hai tolto il dubbio dei fogli datati, io li ho comprati lo scorso anno, ma avevo il dubbio che fossero di chissà quando.... Il problema delle piste non esiste, quando attacca vengono perfette anche quelle da 10mils, come sta confermando Alexdb. Le piastre (ho provato su un paio) le ho passate prima con una spugna abrasiva (quelle nere semirigide per le casseruole ed i fornelli) e poi con la carta abrasiva da 00 (il tipo finissimo), peraltro la pellicola era sempre più stretta della piastra quindi i bordi non li ho mai toccati. Invece ho tanti dubbi proprio sulla pulitura del rame, e dire che nella "sala chimica" (il bagno del mio lab :)) avevo due boccettine di acetone e non mi ricordavo più perché le usavo :~). Dopo la lisciatura con la carta abrasiva ho messo le piastre nella vaschetta ad ultrasuoni (una miscela di varie sostanze, tra cui sapone per piatti) e quindi le ho lavate sotto acqua corrente, ma forse l'acetone o l'alcool avrebbero agito a fondo. Da provare. Grazie! XD

@ Alexdb: completiamo con i PnP. Ho usato in una delle prove il ferro al massimo e quando ho visto che la pellicola si scioglieva ho diminuito la temperatura, però il trucco del foglio di carta lo devo provare; anch'io penso che la temperatura deve essere massima. Le differenze del toner staccato le ho notate ed ho anche pressato moltissimo ma niente, è come se in quei punti si rifiutasse di staccarsi dalla pellicola o di aderire al rame. Altra cosa è che non ho aspettato che si raffreddasse, ma comunque era evidente che non si era staccato. Per togliere il toner io uso spugnetta e alcool, poi acqua corrente.

Riepilogando: 1 - Lisciatura del rame  2 - pulitura con acetone 3 - passaggio del ferro  con forte pressione e al massimo della temperatura, usando un foglio protettivo per la pellicola  4 - raffreddamento 5 - lavaggio con spugnetta.
Rifaccio una prova, il mio PCB è un 4x4. Nelle istruzioni (i figlo sono presi da Futura) c'è scritto che hanno presentato questo prodotto sul n° 47; ho tutta la collezione, voglio proprio leggere questo articolo; vedo con piacere che non ne avete bisogno, ma se uscisse quaòche elemento nuovo lo posto qui.. Grazie ad entrambi! XD

Invece vorrei saperne di più sulla carta fotografica, credo di avere kili di campioni di ogni specie, ieri ne ho provate un paio, ma di tipologia strana; puoi descrivermi quella che usi tu (superficie, grammatura, ecc.)?
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

ratto93

Uso la triellina o l'alcool a 99° per pulire le basette di solito
Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

Michele Menniti


Uso la triellina o l'alcool a 99° per pulire le basette di solito

La trielina è dannosissima per i materiali plastici, l'ho abolita dal mio lab chimico, l'alcool puro mi sembra esccessivo, ovvio che tu, essendo un dinamitardo, non abbia altro per le mani. A parte la battuta comunque anche tu hai problemi, e questo non mi rincuora; quindi mi resta da provare l'acetone e l'alta temperatura.
Comunque ho solo 2,5 fogli di PnP, ma se non ottengo risultati soddisfacenti non li compro più.

A proposito, ma Voi dove li comprate questi fogli di PnP (Niki77 ha già detto di una scorta del 2005)?

Vorrei provare qualche tipo di carta fotografica, sarebbe più economica, ma vorrei le caratteristiche.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

alexdb

Quote

Invece vorrei saperne di più sulla carta fotografica, credo di avere kili di campioni di ogni specie, ieri ne ho provate un paio, ma di tipologia strana; puoi descrivermi quella che usi tu (superficie, grammatura, ecc.)?

io ho provato con la carta semilucida e anche con quella lucida della epson, non so dirti di che grammatura è perchè me l'ha data un mio amico, ma immagino che sia tra i 170 e i 250 circa..

comunque l'unica differenza sostanziale è quando devi toglierla...
perchè è molto più difficile capire se si è attaccato per bene l'inchiostro al rame perchè la carta non è trasparente come i press n peel...quindi devi insistere mooolto di più con il ferro, se no può succedere che qualche puntino resti attaccato al foglio...
poi aspetti che si raffreddi e la togli normalmente..

ti consiglio magari di fare un pò di pratica con i press n peel, poi prova con la carta fotografica e dovresti riuscirci...
se va tutto liscio riesci ad ottenere i stessi risultati ad un prezzo irrisorio.. :)

Michele Menniti

OK, grazie. Avevo messo un po' da parte la pratica del fai-da-te, ma ora che no iniziato a lavorare con la tecnologia smd, quando non si tratta di circuiti troppo complessi, si riescono a fare PCB monofaccia, diversamente non potrei in alcun modo testare i prototipi, se non facendomi fare i PCB da un service.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

ratto93

La trielina l'ho usata dopo aver avuto risultati molto scarsi e perchè ce l'avevo su uno scaffale a prendere la polvere,  l'alcool puro ( non lo uso per fare il dinamitardo di sicuro, visti i recenti avvenimenti ci scherzerei poco su queste cose, non vorrei trovarmi qualche pattuglia sotto casa per aver letto delle cazzatine scritte qui sul forum...)
Ad ogni modo l'alcool io non lo compro più da anni, perchè comprare una cosa che bene o male si può avere quasi gratis ? o con una spesa irrisoria, se vi interessa sapere come, ditemi e magati apriamo un Topic OT.

Tornando in tema, io con i PCB non ho molta dimestichezza, ci tengo a precisarlo, preferisco farmi una millefori con 150 componenti che un PCB con 10 componenti che non va.
Per quanto riguarda le PNP ho visto molta gente che le usa come scritto nella guida, solo che stampa vari master e dopo aver incollato il primo strato di toner passa al secondo e così via, al che non credo la precisione sia buona.
Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

alexdb

#11
May 20, 2012, 09:15 pm Last Edit: May 20, 2012, 09:17 pm by alexdb Reason: 1

La trielina l'ho usata dopo aver avuto risultati molto scarsi e perchè ce l'avevo su uno scaffale a prendere la polvere,  l'alcool puro ( non lo uso per fare il dinamitardo di sicuro, visti i recenti avvenimenti ci scherzerei poco su queste cose, non vorrei trovarmi qualche pattuglia sotto casa per aver letto delle cazzatine scritte qui sul forum...)
Ad ogni modo l'alcool io non lo compro più da anni, perchè comprare una cosa che bene o male si può avere quasi gratis ? o con una spesa irrisoria, se vi interessa sapere come, ditemi e magati apriamo un Topic OT.

mi hai incuriosito! :D ]:D
Quote

Tornando in tema, io con i PCB non ho molta dimestichezza, ci tengo a precisarlo, preferisco farmi una millefori con 150 componenti che un PCB con 10 componenti che non va.

be ma vuoi mettere un bel PCB con una millefori? è tutto molto più ordinato, affidabile e quasi professionale... :)
Quote

Per quanto riguarda le PNP ho visto molta gente che le usa come scritto nella guida, solo che stampa vari master e dopo aver incollato il primo strato di toner passa al secondo e così via, al che non credo la precisione sia buona.


be non penso che riesci ad arrivare ad 10 mil così... 8)

ratto93



[...]

mi hai incuriosito! :D ]:D
Quote

Tornando in tema, io con i PCB non ho molta dimestichezza, ci tengo a precisarlo, preferisco farmi una millefori con 150 componenti che un PCB con 10 componenti che non va.

be ma vuoi mettere un bel PCB con una millefori? è tutto molto più ordinato, affidabile e quasi professionale... :)

Parliamone, non cè problema.

Non hai mai visto i miei circuiti su millefori però..

Per il discorso dei 10mil concordo, non ci arrivi neanche col binocolo (come si suol dire)
Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

niki77


.... peraltro la pellicola era sempre più stretta della piastra quindi i bordi non li ho mai toccati.


Il limare i bordi della piastra serve ad evitare che il ferro da stiro si sollevi in una sbavatura impedendogli di aderire perfettamente alla superficie, e non ha niente a che vedere con la dimensione della pellicola.

Ho tralasciato di dire che anche io interpongo qualcosa tra la pellicola ed il ferro, ma non un foglio di carta bensì un sottilissimo ritaglio di cotone ( tessuto, non idrofilo!)
Penso che trasferisca meglio il calore rispetto alla carta.
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Michele Menniti

Non iniziate ad andare fuori tema, sta cosa dell'alcool se vuoi dirla dilla però, non stare co sto sbattimento, lo dico, non lo dico, direi di dirlo, forse lo dico, forse non lo dico :smiley-sweat: oppure chiudi l'argomento, decidi tu.

Sul discorso millefori anch'io ho fatto ottimi lavori, ancora funzionano benissimo, ma io ho spiegato chiaramente che ho ripreso a fare i PCB perché sto lavorando con gli SMD. Non so se hanno fatto millefori per SMD ma nello specifico sto testando un circuito con frequenze fino a 1GHz, quindi di millefori manco a parlarne ;)

@ Niki77: hai ragione, non avevo pensato a questo particolare, forse per il fatto che dopo la stirata generale, uso la punta del ferro per passare sulla pellicola centimetro per centimetro, ma comunque come detto faccio sempre una passata con la carta vetrata, diciamo una ulteriore accortezza.
OTTIMA l'idea del panno di cotone (ne ho buste intere...) invece del foglio di carta, sono d'accordo sul fatto che sia certamente meno isolante dal punto di vista termico; comincio a pensare di aver usato temperature troppo basse per timore di fondere la pellicola. Ora sto per leggere l'articolo a cui facevo riferimento, vediamo cosa ne esce.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Go Up