Go Down

Topic: Amperometro con Sensore ACS758 (Read 6026 times) previous topic - next topic

leo72

Code: [Select]
int maxLett = 0;

(...)
if (lettura>maxLett) { maxLett = lettura; }
(...)

la variabile verrà sempre aggiornata col massimo valore letto, fin dall'inizio (perché qualunque lettura sarà sempre maggiore di 0)

dalubar

Quote
la variabile verrà sempre aggiornata col massimo valore letto, fin dall'inizio (perché qualunque lettura sarà sempre maggiore di 0)

Ed è interessante notare che questo è anche il meglio che un algoritmo possa fare: O(n)

hozone

ciao,
se qualcuno fosse interessato, ne parlo in questo post, abbiamo "quasi" risolto, ci sono dei problemi con il settaggio della sensitività
http://arduino.cc/forum/index.php/topic,133144.0.html

llluca

Ciao,
Mi piace molto questo sensore!
vorrei chiederti non dovrebbe esistere una differenza di lettura nel intercettare  il neutro o  la fase?


Grazie


pablos


Ciao,
Mi piace molto questo sensore!
vorrei chiederti non dovrebbe esistere una differenza di lettura nel intercettare  il neutro o  la fase?


Grazie


No altrimenti non avrebbe senso l'utilizzo dell' interruttore differenziale, la corrente che entra dalla fase deve essere uguale a quella che esce dal neutro (una differenza anche minima corrisponde a dispersione). Questo vale se parliamo di sistema  monofase, per il trifase il discorso cambia, il neutro può avere sezione 1/3 inferiore della fase quindi si deduce che che la corrente sul neutro non è la somma delle correnti sulle 3 fasi e nemmeno quella di una singola fase.

ciao
no comment

uwefed


Ciao,
Mi piace molto questo sensore!
vorrei chiederti non dovrebbe esistere una differenza di lettura nel intercettare  il neutro o  la fase?
Grazie

Parlando di un sistema monofase e non trifase.
In teoria sí in pratica no.
La corrente che "entra" nel conduttore di fase deve uscire da qualche parte. Una piccola parte di corrente di dispersione esce nella terra, ma parliamo di corrente della grandezza massima intorno al mA. Questa corrente deriva dai condensatori nel filtro antiradiodisturbi, dai condensatori parasitari che ci sono tra fase e terra (= involucro) e da dispersioni nel isolamento.
Detto questo l' unica via che ha la maggior parte della corrente é "uscire" dal condutor neutro.
Percui si ha quasi la stessa corrente sia nel conduttore di fase che in quello neutro. La differenza é la direzione della corrente. Visto che parliamo di correnete alternata dove cambia la direzione della corrente 100 volte al secondo non é significativa di parlare di una direzione. La corrente tra neutro e fase é sfasata di 180 gradi. In una misura dove é importante la direzione perché é relazionata alla tensione basta montare il sensore sul neutro al rovescio rispetto a un montaggio sulla fase.

Ciao Uwe

pablos

No, non ci deve essere dispersione sulla terra, se un apparato è costruito seriamente e isolato correttamente nessun mA deve andare perduto, che poi sul collettore di terra di un condominio ci troviamo diversi ampere è un alro discorso (somma di tutte le dispersioni).

Comunque su un circuito monofase in ambito civile la dispersione non deve superare i 30mA che corrisponde ad una differenza di potenziale massima di 48v oltre il quale diventa pericoloso per il corpo umano, in ambito medico i 10mA..... 

La corrente che entra dalla fase deve essere uguale a quella che esce dal neutro, se non lo è uno spreco di energia, inoltre non deve superare una certa soglia per non diventare un pericolo.
no comment

hozone

per quanto riguarda il settaggio di sensitività avete riscontrato i miei stessi problemi? (vedi post sopra)
tks

Go Up