Pages: [1] 2   Go Down
Author Topic: quache consiglio per progetto "convivenza" impianto elettrico+pannelli solari  (Read 2192 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

E una decina di giorni che sto "giocando" con arduino, e mi sto divertendo.
Adesso vorrei realizzare un progetto che posso usare la corrente dei pannelli solari
assieme all' impianto elettrico,
voglio una specie di commutazione intelligente con dei relè in modo che l'la corrente dei pannelli
ha la precedenza ad essere consumata
faccio un esempio mettiamo che in casa c’è un consumo di 900 watt  e i pannelli sono proprio al limite ma riescono a dare corrente a tutto,  se accendo il microonde (o qualcos’altro) il consumo e troppo per i pannelli,
voglio che il microonde sia "commutato per prendere la corrente dall'enel,
oppure se per qualche tempo il consumo in casa e basso  2-300 watt  voglio che il resto della corrente  dei pannelli
sia adoperata per qualcos'altro tipo dirottare la corrente a far funzionare qualcosa (mini compressori, scaldaacqua)

da dove si potrebbe cominciare?   che sensori e che tipo programmazione?
qualche spunto?

ho messo già in conto che questo progetto richiederà almeno un interruttore magnetotermico salvavita in più
« Last Edit: June 16, 2012, 02:31:57 am by GINGARDU » Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Genova
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 38
Posts: 3287
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Alla faccia dell'impianto intelligente, non so cosa ci fai con quel salvavita in più, ma non è quello che devi mettere in conto.
Vuoi sapere davvero come farlo?

Tira via tutti i cavi che hai nell'impianto elettrico esistente e porta ogni utilizzatore al quadro generale, un misuratore di corrente per ogni utenza, un teleruttore (per ogni utenza > di 2kw), un relè doppio scambio (per ogni utenza < di 2kw), bene a questo punto ogni relè e teleruttore avrà 2 linee dal quale attingere o da enel o dai pannelli, dopo aver realizzato un quadro elettrico a 6 ante il computer con 50.000 controlli e calcoli deciderà quale utenza migliore potrà essere commutata e sfruttare l'energia dei pannelli al 100%.
Oppure porta 2 linee a ciascun utilizzatore, riempi le pareti di scatole relè + amperometri A/D e km di cavi di comando e controllo oltre ai sensori di temp, luce, ecc. Oltre a questo prepara una bella montagna di dollari.

Però scusa qual'è il problema ... se hai una produzione di 900w dal solare e hai un consumo di 1000w tu dall'enel prendi solo quei 100w che ti mancano.
Sei ancora convinto di volerlo fare così? smiley se hai una soluzione migliore sono curioso di sapere smiley

ciao
« Last Edit: June 15, 2012, 06:48:11 pm by pablos » Logged

no comment

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Alla faccia dell'impianto intelligente, non so cosa ci fai con quel salvavita in più, ma non è quello che devi mettere in conto.
Vuoi sapere davvero come farlo?

Tira via tutti i cavi che hai nell'impianto elettrico esistente e porta ogni utilizzatore al quadro generale, un  ecc. Oltre a questo prepara una bella montagna di dollari.

Però scusa qual'è il problema ... se hai una produzione di 900w dal solare e hai un consumo di 1000w tu dall'enel prendi solo quei 100w che ti mancano.
Sei ancora convinto di volerlo fare così? smiley se hai una soluzione migliore sono curioso di sapere smiley

ciao

mah.. se la metti cosi  mi metti subito in crisi,    smiley-sad   lo so che gli impianti della maggior parte delle case  sono fatti in modo  assurdo, e che rifare tutto ha un costo improponibile,
devo trovare il sistema (con il vostro aiuto) di poter usare (utilizzare) tutta (o la maggior parte) della corrente prodotta da i pannelli,  senza scomodare contratti con l'enel  che richiedono costi da 20.000  euro in su tra pannelli e istallazione,

l'idea è:, pannelli e inverter e null'altro (magari in  futuro si potrà aggiungere dei pannelli in più),
che poi alla fine in una casa media si potrebbe ragionare per stanze (con qualche eccezione) e di solito
gli elettrodomestici raramente passano da una presa all'altra (frigo lavatrice forni scaldabagni)

l'idea del relè doppio scambio è ottima e costa poco,  proviamo a fare un esempio con 2 soli elettrodomestici,

il frigorifero che consuma 150-200 watt a intermittenza e un mini compressore che anche lui consuma 150-200 watt,
i pannelli erogano 200 watt,

come si può fare far funzionare il tutto cosi:

se manca il sole il frigo funziona con l'enel, 
 se c'è il sole  il frigo funziona con i pannelli
 se c'è il sole  e il frigo si stacca in automatico  si accende il mini compressore,
quando si riattacca il frigo si spegne il mini compressore

se si trova un sistema per questo siamo già a meta strada (secondo me)
« Last Edit: June 16, 2012, 02:33:57 am by GINGARDU » Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

magari messa in questo modo potrebbe fare meno "spavento":

arduino1 ha 6 ingressi analogici il che significa che si potrebbero collegare 6 misuratori di corrente (anche non precisissimi)

alla fine si riduce il tutto a comandare 6 rele sulle uscite in base a i dati in ingresso
penso che qui la maggior parte degli utenti smaliziati riuscirebbe a far funzionare i sei rele in tutti i modi pensabili,  smiley
Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Rome
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 1
Posts: 987
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

prima di imbarcarti in un progetto del genere ti conviene documentarti bene,non puoi attaccare i pannelli direttamente a un inverter, perché la loro tensione va da 0 al massimo nel corso della giornata.
per staccarti da enel ti serve un impianto a isola (a batteria), quindi anche un regolatore di carica, possibilmente MPPT (alto rendimento).
sul mio blog ci sono una serie di articoli sul mio impianto ad isola (cerca "scooter fotovoltaico"), sennö c'é il forum di energeticambiente e quello di energierinnovabili.
cmq anche a me interesserebbe lo switch automatico, per ora lo faccio a mano!!
Logged

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

prima di imbarcarti in un progetto del genere ti conviene documentarti bene,non puoi attaccare i pannelli direttamente a un inverter, perché la loro tensione va da 0 al massimo nel corso della giornata.
per staccarti da enel ti serve un impianto a isola (a batteria), quindi anche un regolatore di carica, possibilmente MPPT (alto rendimento).
sul mio blog ci sono una serie di articoli sul mio impianto ad isola (cerca "scooter fotovoltaico"), sennö c'é il forum di energeticambiente e quello di energierinnovabili.
cmq anche a me interesserebbe lo switch automatico, per ora lo faccio a mano!!
si dai, bisogna mantenere le cose separate, quello che viene prima, pannelli e inverter, si presuppone che ci siano gia e siano collegati correttamente,
poi anche es: se uno ha un impianto della casa fatto  50 anni fa con 2 fili che corrono da pertutto dando alimentazione a tutto senza il filo di terra  smiley-money  anche qui ci potrebbero essere problemi
bisogna avere l'impianto dove tutte le canaline convergono in un posto mi pare che adesso gli impianti li fanno tutti cosi,
lo switch automatico come lo hai chiamato tu (nome azzeccatissimo)  è una cosa geniale se fatto bene, bisogna tendere a diminuire di molto la bolletta piu tosto che staccarsi completamente dall'enel,
se metti il lik dei tuoi progetti gli do un occhiata
Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Genova
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 38
Posts: 3287
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Quote
senza scomodare contratti con l'enel  che richiedono costi da 20.000  euro in su tra pannelli e istallazione
Faccio un po' di fatica a capire cosa vuoi dire e che tipo di impianto hai in questo momento.
La spesa di 20.000 ce l'hai se NON scomodi enel ovvero se te lo fai da solo senza vendere energia. Altrimenti spendi la metà circa con gli incentivi (se ci sono ancora) la metà rimanente andrebbe azzerandosi negli anni con la vendita di energia.
Forse non ho capito, tu hai un impianto fotovoltaico per conto tuo? non sei connesso a enel con un contatore bidirezionale?
O non hai ancora i pannelli installati e stai parlando al futuro?

ciao
« Last Edit: June 16, 2012, 05:03:44 am by pablos » Logged

no comment

Genova
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 38
Posts: 3287
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Quote
bisogna avere l'impianto dove tutte le canaline convergono in un posto mi pare che adesso gli impianti li fanno tutti cosi
Purtroppo non si fanno così, nessuno concentra tutte le guaine in un punto neanche negli impianti moderni, ma in una scatola di zona, in una casa di dimensioni medie ne puoi trovare 4-5 scatole connesse tra loro da 2-3 dorsali e poi al quadro generale. Nel tuo caso sarebbe molto più complicato e oneroso. Senza prevedere impianti particolari concentrare tutte le guaine in un punto solo a parte problemi di logistica è un problema di costi, un impianto così ti costerebbe 6 volte tanto di uno normale
« Last Edit: June 16, 2012, 05:14:40 am by pablos » Logged

no comment

Fidenza, Parma
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 9
Posts: 783
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Quote
senza scomodare contratti con l'enel  che richiedono costi da 20.000  euro in su tra pannelli e istallazione
Faccio un po' di fatica a capire cosa vuoi dire e che tipo di impianto hai in questo momento.
La spesa di 20.000 ce l'hai se NON scomodi enel ovvero se te lo fai da solo senza vendere energia. Altrimenti spendi la metà circa con gli incentivi (se ci sono ancora) la metà rimanente andrebbe azzerandosi negli anni con la vendita di energia.
Forse non ho capito, tu hai un impianto fotovoltaico per conto tuo? non sei connesso a enel con un contatore bidirezionale?
O non hai ancora i pannelli installati e stai parlando al futuro?
ciao

Ciao, pablos ha ragione, bisogna prima ben capire cosa vuoi fare!
A casa mia ho il fotovoltaico con contratto con la GSE, ho due contatori: uno conta quello che entra ed esce ed il secondo la produzione del fotovoltaico; se casa mia assorbe meno della produzione dei pannelli funziona tutto con l'energia di questi, altrimenti viene acquistata o venduta la differenza all' enel in modo del tutto automatico.
Logged

ArduMAP: Mappa degli utenti che utilizzano Arduino.
http://www.guglio.net/ArduMAP

Rome
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 1
Posts: 987
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Io ho la fortuna di avere un impianto diviso in due tra illuminazione e prese, e ho collegato batterie+pannello al primo, così posso "illuminarmi di sole" anche di notte. :-)
Con 4 stanze e 25W "fluorescenti" per stanza, considerando che non stanno accese tutte contemporanesamente per 24 ore, ma al massimo metà delle stanze per al massimo 6 ore al giorno, risulta che bastano circa 3 o 400 Wh al giorno, quindi basterebbe un pannello da 100, massimo 200W.
Al momento sto provando con uno da 60W e riesco a "illuminarmi" al massimo per 3 ore al giorno nel salone, dove ho due lampadone da 15+15W fluorescenti, ma conto di espandermi (questo era solo un esperimento) , e soprattutto di mettere i pannelli sul tetto, invece che in giardino dove hanno 5 ore di sole al giorno!

Comunque leggevo di un tizio che usa un "relè di massima" per l'autoswitch, che non so cosa sia ma pare non richieda circuiti elettronici aggiuntivi!
Logged

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Io ho la fortuna di avere un impianto diviso in due tra illuminazione e prese, e ho collegato batterie+pannello al primo, così posso "illuminarmi di sole" anche di notte. :-)
Con 4 stanze e 25W "fluorescenti" per stanza, considerando che non stanno accese tutte contemporanesamente per 24 ore, ma al massimo metà delle stanze per al massimo 6 ore al giorno, risulta che bastano circa 3 o 400 Wh al giorno, quindi basterebbe un pannello da 100, massimo 200W.
Al momento sto provando con uno da 60W e riesco a "illuminarmi" al massimo per 3 ore al giorno nel salone, dove ho due lampadone da 15+15W fluorescenti, ma conto di espandermi (questo era solo un esperimento) , e soprattutto di mettere i pannelli sul tetto, invece che in giardino dove hanno 5 ore di sole al giorno!

Comunque leggevo di un tizio che usa un "relè di massima" per l'autoswitch, che non so cosa sia ma pare non richieda circuiti elettronici aggiuntivi!


si l'idea e giusta  di preciso come hai risolto la " faccenda del differenziale o salvavita
es se un filo in un lampadario tocca il metallo che cosa scatta? 
oppure è tutto a bassa tensione?,
spiega che sono curioso  smiley
Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Rome
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 1
Posts: 987
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

si l'idea e giusta  di preciso come hai risolto la " faccenda del differenziale o salvavita
es se un filo in un lampadario tocca il metallo che cosa scatta? 
oppure è tutto a bassa tensione?,
spiega che sono curioso  smiley
Per il momento ho ignorato del tutto il problema, trattandosi di un esperimento; poi immagino che mi toccherà mettere un secondo salvavita. (ma prima devo capirci qualcosa di salvavita, differenziali e magnetotermici, perchè non ci capisco un'acca).
Al momento, il filo che prima dal salvavita andava all'interruttore principale delle luci, adesso parte dall'inverter invece che dal salvavita; quindi c'e' sempre di mezzo l'interruttore generale, ma non so se quello abbia qualche funzione di sicurezza o se sia solo un semplice interruttore.
Logged

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 0
Posts: 689
AHHAH
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

una volta -agli inizi- se l'impianto produceva piu' di quello che consumavi il contatore girava al contrario, ora gira solo in un senso... l'enel non vuole che immetti energia nella rete se la rete non ha energia quindi si possono installare solo inverter omologati che funzionino cosi'

se non ti interessa di regalare energia alla rete gli inverter grid connected li attacchi praticamente in parallelo, rimane che l'inverter NON deve dare energia se manca il 220v dell'enel
Logged

Offline Offline
God Member
*****
Karma: 8
Posts: 691
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

una volta -agli inizi- se l'impianto produceva piu' di quello che consumavi il contatore girava al contrario, ora gira solo in un senso... l'enel non vuole che immetti energia nella rete se la rete non ha energia quindi si possono installare solo inverter omologati che funzionino cosi'

se non ti interessa di regalare energia alla rete gli inverter grid connected li attacchi praticamente in parallelo, rimane che l'inverter NON deve dare energia se manca il 220v dell'enel

cumque questo e un "fare" completamente diverso,
 un conto e isolare in perfetta sicurezza un ramo dell'impianto elettrico e alimentarselo con i pannelli,

altra storia è mettere un inverter in parallelo all'impianto dell'enel  cosa pericolosa e dipendiosa inverter costosi e complicati
Logged


Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Genova
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 38
Posts: 3287
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Però non hai ancora risposto
Logged

no comment

Pages: [1] 2   Go Up
Jump to: