Pages: [1]   Go Down
Author Topic: Rete resistiva con fotoresistenza per uscita da "sleep"  (Read 963 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Offline Offline
Newbie
*
Karma: 1
Posts: 42
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao a tutti, vi spiego meglio il progetto che sto realizzando.
Nella parte finale del mio garage ho una serie di cianfrusaglie messe a terra ed un grill, alcune sere quando vado a metterci l'auto sento che sposto un po' il tutto con il paraurti...non che sia un grandissimo problema  smiley ma se evito è meglio.
Ho comprato un ping sensor e ho fatto un po' di prove, l'idea è di accendere un led rosso quando devo fermarmi e tenere acceso un led verde fintanto che posso avvicinarmi..magari facendolo lampeggiare più o meno velocemente a seconda di quanto manca all'accensione di quello rosso.
Il codice non è un problema, ho già fatto un po' di prove e il tutto funziona anche perchè è abbastanza semplice.
La cosa che mi rimane da finire è come svegliare arduino  che sarà in sleep, in garage non ho una presa di corrente e quindi sarà alimentato da una pila.
Ho pensato ad una rete resistiva con una fotoresistenza in modo che quando entro con i fari accesi il tutto si risvegli, ma non so come realizzare quest'ultima parte...immagino mi serviranno delle resistenze ed un comparatore...
Grazie
Paolo
« Last Edit: July 28, 2012, 09:05:50 am by paolo86 » Logged

Tuscany
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 78
Posts: 2163
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Secondo me neanche serve il comparatore.
Dallo Sleep si esce quando sul Pin2 arriva un segnale LOW, quindi se metti in serie fotocellula e resistenza ( la fotocellula con un capo a massa e la resistenza con un capo al positivo ) dimensionando opportunamene la resistenza ( dipende dal valore della fotoresistenza ) si avra' ( nel collegamento in comune ) un valore LOW solo quando la fotoresistenza e' pienamente illuminata.

In quanto poi a mettere in Sleep Arduino, e' tutta da vedere.  Tu metti in sleep l'Atmega, ma il resto della circuiteria continua ad assorbire parecchio.
Dovresti fare uno standalone e senza nemmeno il regolatore di tensione ( che consuma pure lui )



Logged

Offline Offline
Newbie
*
Karma: 1
Posts: 42
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Si, l'idea è quella di mettere l'atmega in standalone su una millefori.
Per quanto riguarda l'alimentazione sono un po' indeciso...inizialmente volevo mettere l'atmega a 1Mhz e alimentarlo a 3V ma il ping va comunque 5v..quindi mi sa che mi tengo i 5V come alimentazione
pensavo di collegare l'alimentazione di tale sensore con un bjt in modo da spegnerlo quando il chip è in sleep..e di accenderlo solo quando serve.

Ho misurato la fotoresistenza...passa da pochi ohm quando è illuminata a un valore enorme quando si trova al buio..qualcosa come 10M..se così devo metterla in serie con una resistenza piccola giusto?
tipo 100ohm in modo che quando è illuminata io abbia una tensione vicina ai 5V
« Last Edit: July 28, 2012, 06:29:52 am by paolo86 » Logged

Tuscany
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 78
Posts: 2163
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

No, quando e' illuminata devi avere una tensione vicino allo Zero.
Il collegamento e' inverso a come dici tu.

Quindi serve una resistenza di valore piu' alto di quello che ha la fotoresistenza illuminata



* fotores.png (1.63 KB, 172x304 - viewed 31 times.)
Logged

Offline Offline
Newbie
*
Karma: 1
Posts: 42
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ho testato il circuito con una resistenza da 10k e una fotoresistenza che al buio ha un valore di pochi OHM e alla luce sta attorno ai 105K, alla luce la tensione in ingresso al pin digitale è circa 0.6 mentre al buio sta sui 4,4 quindi il tutto viene interpretato correttamente; ma se le condizioni di luce sono ambigue..cioè se la fotoresistenza si porta ad un valore pari alla resistenza posta in serie, sul pin digitale avrei 2,5V  e qui non so cosa fa il circuito...perchè penso che arduino non interpreti correttamente tale valore di tensione non sapendo se è uno 0 alto o un 1 basso...in sostanza ho impredicibilità. Ora che mi ricordo era per questo che volevo usare un comparatore....
che dici?
Grazie
« Last Edit: July 28, 2012, 09:05:22 am by paolo86 » Logged

Pages: [1]   Go Up
Jump to: