Go Down

Topic: Digispark, che ne pensate? (Read 2465 times) previous topic - next topic

ale92

per forza...l'unico modo per avere risultati accettabili (anche se mai paragonabili a quelli di kickstarter) è "sfruttare" tutto il terrritorio europeo

Madwriter


ciao

Quote
per gli europei c'è indiegogo ma sono sicuro che non è l'unico...se non avevo letto male avevo visto che c'era uno solo per italiani


come diceva Federico, qualche post fa, in Italia c'è Eppela:
http://www.eppela.com/

C'era stata anche una presentazione ad un evento a Roma.. appena ritrovo il link lo posto., al WorldWideRome (dove anche Massimo ha fatto un talk):
makers.worldwiderome.it
qui il fimato di presentazione:
http://makers.worldwiderome.it/stream/interventi/chiara-spinelli-eppela-lidea-e-solo-il-primo-passo/

Cmq in italia secondo me si faticherebbe ad ottenere i risultati che si vedono su Kickstarter... problema di numeri, di cultura, etc

Vabbe indiegogo  ha visibilita internazionale non è male non so se sia conosciuto come kickstarter però è da provare vi faro sapere :D
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

ale92

riesumo un pò il topic per darvi una novità...ora kickstarter funziona ufficialmente anche per utenti del regno unito.
ora voi direte giustamente "e a noi che ce frega" (come si dice dalle mie parti) adesso ci arrivo.
non so come o perchè ma ho visto anche un paio di progetti italiani su kickstarter quindi penso sia più una cosa europea più che ristretta al regno unito, non so c'è da approfondire.
e visto che era venuto fuori un interesse da parte di alcuni utenti allora ho pensato di mettervi al corrente.
questo è il progetto che ho visto ora su kickstarter fatto da un nostro compaesano e come vedete non è un italiano all'estero perchè sulle info del creatore c'è scritto italia

lollotek

Non importa la nazionalità di chi fa il progetto. L'importante é che il conto bancario dove finiscono le offerte sia in una delle nazioni abilitate.
Ci sono già stati molti altri progetti di italiani che hanno aperto il conto all'estero o che si sono appoggiati ad altre persone.
Però stiamo andando un po' OT, qui si parlava del digispark..

Go Up