Go Down

Topic: Domanda su Pachube/Cosm (Read 3909 times) previous topic - next topic

Brunello

Dato che il Wattcher ha incuriosito pure me...

A parte il sistema con trasduttore da collegare al contatore... che come sistema capisco.

Come cavolo fa' a misurare il consumo deegli apparecchi quando viene solamente inserito in una presa ....

remino

Buongiorno,
cerco un attimo di spiegare il funzionamento del Wattcher.

Il trasmettitore, munito di una fotocellula, viene collegato sul contatore (nel mio caso meccanico, con il disco che gira) ed è tutto.

Il ricevitore, viene collegato alla 230 di casa, questo ricevitore ha bisogno di una costante che è leggibile sul contatore r/Kw dove r è il numero di giri che il contatore esegue per arrivare a 1Kw.
Grazie a questa costante il Wattcher fa il suo lavoro.

Sul disco del contatore cè una tacca che segna ogni giro.

Di conseguenza se il carico in casa è minimo, per esempio 200w, il disco del contatore ci metterà piu tempo a fare un giro, cosi il wattcher ci mettera (circa 20 sec.) per attualizzarsi.
Altra cosa quando in casa cè attività, già dai 800w in su il Wattcher si attualizza ogni 5 sec. circa.
Nella guida del wattcher cè scritto che gli intervalli fra un giro e l'altro vengono calcolati internamente, creando una media approssimativa.

Il margine di errore del Wattcher è di 20 W.

Quando lo installai, spensi tutti i carichi di casa, e mi segnava appunto circa 20 W, accendendo poi una lampadina da 100W mi segnava 120w , ho fatto diversi test con Fon,microonde ecc... tutte le misure erano esatte con quel famoso margine di 20w.

Escluderei quindi che il wattcher sia mal tarato.

Con questo non voglio dire che l'arcuino non funzioni, anzi, son ben felice di tutto cio che sto apprendendo.

Prima dei consigli di Massimo , avevo collegato un partitore di 1.65 Volt a un polo del Sensore e l'altro direttamente all'Entrata analoga A0/1/2.

In questo modo avevo un' Offset = 1.65V e da li l'onda del sensore poteva essere captata sia in negativo che in positivo.
MA per qualche motivo non si è rivelata una buona idea, non riuscendo a tararlo a dovere.

LA soluzione di Massimo mi sembra la piu pulita e fluida dal punto di vista logico del tutto.

Sul circuito, penso, vi sia un Offset troppo basso (se guardi la prima foto che ti ho mandato) pari a circa -80mV.

Non è da escludere un Errore mio nella costruzione del modulo.

Ultima domanda : Non riesco a trovare la specifica del mio sensore dove venga elencata l'uscita di 1Vp.

Stamattina tornero in azienda a riprendere l'oscilloscopio, voglio misurare in tempo reale cosa si vede nell'entrata degli analogici dell'arduino, saranno mV ma sono curioso lo stesso.

Intanto vi auguro un buon inizio di giornata....

Caro Saluto
Remo

remino

Riciao,
dopo quanto scritto sopra, sono tornato in ditta a rileggere i valori della taratura (ho dimenticato il cell e non ho potuto fare una foto).

Ho comunque notato (non so l'espressione in italiano) che come valore Max dell' uscita mi segnava 3.28V e come valore minimo -40 mV.

Vale a dire che dovrei compensare quei 40mV nello sketch ? Tradotto in step ca. 13 per sonda ?

Confermo inoltre che L'arduino comincia a rilevare segnali dai 1200W in poi (sempre con il benedetto wattcher come referenza).

Al pomeriggio prendero l'oscilloscopio e mi collego direttamente sulle Entrate A0/1/2, sapro sicuramente molto di più.

Intanto grazie per l'aiuto, in qualche modo dovro sdebitarmi !!

Saluti

Remo

remino

Per informazione,
ecco come sono collegati i sensori nel Tableau.
Le estremità dei cavi erano collegati a dei miniJack 3.5mm, li ho dovuti tagliare non avendo la femmina.

I cavetti del sensore a questo punto sono collegati a una specie di morsettiera.

Saluti

Remo

cyberhs

Le caratteristiche del sensore: nicegear.co.nz/obj/pdf/SCT-013-datasheet.pdf
Ecco quelle di un'altra marca: www.seeedstudio.com/document/SCT013-030V%5B1%5D.pdf

Differiscono relativamente alla precisione ed ai dettagli sul resistore di carico: nel primo +/- 3% e nessuna indicazione sul valore del resistore, nel secondo +/- 1% e resistore da 62 ohm.

In ogni modo, ho trovato un altro schema elettrico di connessione che non utilizza alcuna amplificazione né raddrizzamento: lo sto studiando.

Forse era quello a cui ti riferivi (ma non mi potevi fornire il link a suo tempo?)

remino

Ciao Massimo,
io posseggo il secondo sensore SCT013-030 appunto col resistore interno da 62 Ohm.

Per quanto riguarda lo schema di cui ti parlavo, non era altro che un consiglio di Uwe che misi in Atto.

2 resistenze ed una uscita da 1.65V che dava l'offset al sensore.

In questo modo lo "0" era impostato a 1.65V e si puo misurare un'intera Sinusoide.

Io invece sto pensando se è possibile combinare questo Offset di 1.65V con un'amplificazione del segnale.

Comunque con la vecchia opzione (partitore) facendo un normale analog read vedevo i valori oscillare sopra e sotto i 512(1.65V) cio a significare che qualcosa arrivava.

Saluti
Remo

cyberhs

Quando un circuito elettronico non funziona come dovrebbe, bisogna avere il coraggio di ammetterlo e cominciare da zero.

Il circuito che ti ho fornito funziona perfettamente, ma, lavorando con operazionali, bisogna aspettarsi qualche problema da risolvere, ad esempio l'offset.

Prima di addentrarci nella soluzione del problema, ho preferito fare una pausa di riflessione.

Cercando su Internet ho trovato una libreria (EmonLib) fatta apposta per quel tipo di sensore.

Da essa ho tratto spunti per un nuovo approccio che sto valutando.

Devi avere un po' di pazienza, però.

remino

Aggiornamento : dimentica quello che ho detto riguardo la soglia di riconoscimento segnale. Ho notato or ora che la soglia di riconoscimento avviene dopo i primi 25 Step...in altre parole 0.0032*25 = 80 mVolt -->ca. 248 watt

Se puo aiutarti.....

saluti

Remo

remino

Caro Massimo,
ho tutta la pazienza,anzi mi sento pure in imbarazzo !!!

Remo

cyberhs

Come ti ho annunciato, ho rivisto le cose e sono giunto ad un circuito probabilmente molto simile a quello tuo di partenza.

In pratica ogni sensore verrà collegato ad un partitore che preleva l'alimentazione dai 3.3V di Arduino.
Il trimmer serve a stabilire l'offset ovvero la posizione della forma d'onda con un trimmer (il minimo dell'onda deve corrispondere il più possibile con lo zero.

Il condensatore da 1 od anche 10 mF serve a "stabilizzare" la tensione (ma credo se ne potrebbe fare a meno, in quanto i 3.3V sono già stabilizzati).

Se ci limitassimo a questo, però, avremmo sempre il solito problema della risoluzione: perderemmo i campioni che vanno dal picco massimo dell'onda (2.82V) sino ai 3.3V del riferimento.

Ecco che interviene un quarto partitore (max) che fornisce alla Aref esattamente 2.82V.

Per il software lasciami pensare ancora un po' ed intanto monta questi partitori.

remino

Ciao Massimo,
vedo se in serata riesco a saldarlo.

Comunque per quanto riguarda la RL da 62 Ohm, non cè ne bisogno, il nostro sensore la ha incorporata questa resistenza.
a fondo pagina di questa specifica --> http://nicegear.co.nz/obj/pdf/SCT-013-datasheet.pdf

Solo per i sensori con uscita di corrente hanno bisogno di una resistenza di carico.

Vado a saldare e tarare....(senza la RL)

Grazie
Saluti

Remo

cyberhs

#56
Sep 01, 2012, 08:39 pm Last Edit: Sep 01, 2012, 08:43 pm by cyberhs Reason: 1
Sì, sapevo della resistore interno incorporato nel sensore: l'ho inserita per calcolare l'esatto valore delle altre.

A proposito di resistori interni, Arduino ne possiede uno da 32k in parallelo all'ingresso del convertitore AD e l'avevo dimenticato.

Di conseguenza il valore del resistore R6 diventa 10k.

remino

Il resistore da 32 KOhm devo a questo punto inserirlo ?
Se mi dici che  è interno All'Arduino.....

Cmq il circuito è finito, faccio il cambio dei resistori, ma la taratura la faró domattina....

Grazie ancora e buona serata.

Remo

cyberhs

#58
Sep 01, 2012, 09:18 pm Last Edit: Sep 01, 2012, 09:30 pm by cyberhs Reason: 1
No, il resistore da 32k non deve essere inserito, mi serve solo per fare i calcoli corretti.

Ma (adesso l'ho letto) i sensori sono due in corrente ed uno in tensione? Questo non me lo avevi detto!

Questo comporta una taratura più difficile.

remino

Posseggo 3 sensori identici
Sct013-030 con uscita in tensione 1v

Domanda...i 3 aref che dovrei tarare per le 3 sonde....alla fine solo una la colleghero sull aref giusto?

Saluti Remo

Go Up