Go Down

Topic: Stampante 3d, come, quando, dove, e perchè (Read 50806 times) previous topic - next topic

PaoloP

#165
Sep 24, 2014, 12:29 pm Last Edit: Sep 24, 2014, 12:33 pm by PaoloP Reason: 1
Esistono ditte che riciclano il PLA o l'ABS delle stampe uscite male.
Ho amici che ne hanno bustoni pieni. Credo che sia l'attività del futuro.
Nessuna Start-Up si è interessata all'argomento?

EDIT: http://www.filabot.com/collections/filabot-core/products/filabot-original-ex2?variant=943215765
Costa troppo.  :smiley-fat:

lesto

#166
Sep 24, 2014, 12:36 pm Last Edit: Sep 24, 2014, 01:45 pm by lesto Reason: 1
scusa sarò superficiale ma a me non pare una cosa così complessa fare una macchina del genere

il filmanto costa 27€ la bobina da 1kg, (prezzo a random su internet, http://www.filamentostampanti3d.com/filamento-abs-nero.html) e ha una desità di 1g/cm^3

ora facendo i conti, 1kg = 1000gr =(dalla densità) 1000cm^3, pari a 1 litro!

quindi possiamo dire che il costo filamento-liquido è SICURAMENTE nello stesso ordine di grandezza, poi possiamo far scoppiare un dibattito sul fatto che un costo doppio valga la precisione, però l'idea liquido diventa possibilissima.

se invece parti dal granulat a 5€/kg allora parti da un ordine di grandezza inferiore, ma l'investimento, lo spazio, i costi accessori e i tempi di lavorazione crescono
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

cece99

Conta che con le stampanti FDM puoi stampare ABS/PLA/PA6(nylon)/TPU ecc.
Con quelle DLP o roba come la peachy stampi resine SIMILI ad ABS/PLA ecc. ma NON stampi VERO ABS/PLA ecc.
Per quanto riguarda quelle a polvere, secondo me fanno... polvere! Ho un amico che ne ha una con una stanza dedicata ed è tutto impolverato. Inoltre o stampi con polvere di gesso o con polvere di una materia plastica di cui ora mi sfugge il nome, conta anche che ti serve un "collante" che per le stampanti artigianali è vodka (???) + acqua e poi comunque il pezzo deve essere imbevuto nella colla cianoacrilica altrimenti si rompe se lo guardi (questo non vale per i modelli più recenti e comunque PROFESSIONALI). Però è interessante la possibilità di stampare in full color.
Se dovessi abbandonare l'FDM probabilmente andrei sul DLP (il tempo di stampa è dato dall' oggetto più alto, quindi se stampi 1 torre eiffel ci vogliono 3h mentre se ne stampi 10 nello stesso piatto ci vogliono sempre 3h).
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

icio


Esistono ditte che riciclano il PLA o l'ABS delle stampe uscite male.
Ho amici che ne hanno bustoni pieni. Credo che sia l'attività del futuro.
Nessuna Start-Up si è interessata all'argomento?

EDIT: http://www.filabot.com/collections/filabot-core/products/filabot-original-ex2?variant=943215765
Costa troppo.  :smiley-fat:



le stampe venute male dopo essere granulate fanno la stessa trafile del granulato quindi valgono ...3 euro/kg

il progetto gratuito dell'estrusore di LYMAN versione 5 costa poco, trovi tutti i 30 pezzi circa su thingiverse e ha 2 motori passo passo e un motore DC , con circa 300-500 euro dovresti farcela , ha anche lo strumento per misurare il diametro del filo e che quindi regola il tiraggio




lesto


le stampe venute male dopo essere granulate fanno la stessa trafile del granulato quindi valgono ...3 euro/kg


se la logica non mi inganna le stampe venute male sono una PERDITA secca che aumenta il costo al kg REALE, il fatto di poterle recuperare vuol dire LIMITARE la perdita.

Esempio: compro 1KG di PLA/ABS a 20€, ma 0.5KG li butto per errori di stampa: il costo reale è stato di 20€ al 0.5KG di materia finita, il che vuol dire 40€/kg.
SE puoi recuperare la palstica, allora RIENTRI nel range 20€/kg


Esattamente come non ho conteggiato il liquido che rimane sulle pareti o sgocciola fuori o "scade" (che io sappia anche il PLA e ABS lo fanno) o chissà che altro ( il costo di ammortamento, costo dell'usura della macchina, dell'energia/tempo umano consumata, della manutenzione ordinaria e straordinaria, e chissà che altro)
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

Testato

la pubblicita' non mi sembra ammessa sul forum, visto che hai scritto questa stessa frase in altri topic stai facendo anche cross-post
Aspettati una bacchettata sulla mano  XD
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

lesto


la pubblicita' non mi sembra ammessa sul forum, visto che hai scritto questa stessa frase in altri topic stai facendo anche cross-post
Aspettati una bacchettata sulla mano  XD



urca, oserei persino parlare di spam... mi porta la memoria indietro al vecchio forum, quando post di pillole e simili erano all'ordine del giorno.

@stampiamoin3d: esiste una sezione apposita di mercato in cui puoi pubblicizzare il tuo sito ed eventualmente i tuoi prodotti; altrimenti un bel link in firma e tanti interventi utili in varie discussioni è il modo più elegante e corretto per pubblicizzarsi in questo forum.
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

leo72


cece99

Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

leo72

Dipende dai punti di vista.
Utente nuovo, nessuna presentazione, nessun rispetto delle regole (post pubblicitari, cross-posting, uso personale del forum e non per aiutare o chiedere aiuto), 3 messaggi e 3 messaggi di spam. Il ban è il minimo, avrei potuto cancellargli l'account ma ho voluto lasciarglielo perché se gli va di scrivermi e di spiegare le sue ragioni, magari se sono in buona e lui è disposto a usare il forum per ciò per cui è nato, ne possiamo riparlare

Lucailvec

Io vorrei dire la mia sulle stampanti...in un anno ne ho viste e toccate tanto e mai più come ora sono convinto che il problema di TUTTE le stampanti è la meccanica.
Cuscinetti lineari in teflon, guide lineari, cuscinetti a riciclo che tengono sempre la stessa tensione, struttura in metallo con i profilati per automazione, asse z fisso che scende ( ci sarà un perché la makerbot formisce le migliori macchine in commercio nella fascia medio bassa ), piedini in gomma per le vibrazioni e un casino di accorgimenti più disparati e costosi sono gli unici che portano una precisione decente di stampa.

La 3drag è ottima se vuoi stampare oggetti più grandi di un palmo di mano, ma la cosa illegale è che ti vendono quell asse z con la possibilità di montarci 300 grammi di dremel.
Punterò su una nuova stampante che sicuramente avrà una meccanica decente confidando nell esperienza fatta in questi anni.

Sapete un posto dove vendono delle guide lineari intorno a Milano ?


astrobeed

La 3drag è ottima se vuoi stampare oggetti più grandi di un palmo di mano, ma la cosa illegale è che ti vendono quell asse z con la possibilità di montarci 300 grammi di dremel.
Che il punto "debole" della 3DRag è l'asse Z mosso da un solo motore, cosa facilmente risolvibile, è un dato di fatto, comunque non crea problemi per la stampa 3D.
Non capisco cosa intendi con "oggetti più grandi di un palmo di mano", io ci stampo supporti per sensori grandi pochi cm con spessore di 2 mm senza problemi e vengono benissimo.
La modifica col Dremel, tramite stampa del relativo supporto, è solo ad uso foratura PCB, non serve per avere una CNC, funziona benissimo provata personalmente.
Avevo già postato questo esempio di supporto per IR Sharp stampato con la 3DRag, lo ripropongo per farti capire di cosa parlo per pezzi di piccole dimensioni, ovviamente la stampante deve essere messa perfettamente messa a punto per ottenere stampe di questo livello.

Dario Gogliandolo

La 3Drag secondo me è un'ottima stampante e per me l'unico problema è l'asse Z, per diversi fattori:

1) La barra filettata M8 non va bene per sollevare l'asse in quanto è assolutamente poco precisa, infatti succedeva spesso che i layer avessero altezze diverse l'uno dall'altro. Tuttavia questa differenza di altezza viene notata soltanto se si decide di stampare con layer molto sottili. Io ho risolto montando una barra filettata trapezoidale.

2) Almeno nella mia ho lottato dal primo giorno con i cuscinetti lineari del carrello di sollevamento dell'asse Z. Sono incredibilmente rumorosi ed è praticamente impossibile rendere perfettamente parallele le barre rettificate sulla quale scorre l'asse Z. Nella mia ho notato che i supporti che tengono le barre rettificate sono leggermente inclinati in varie posizioni e non tutti sono alti uguali. È roba di meno di un millimetro, ma durante la calibrazione dei cuscinetti lineari ho sempre avuto problemi nel trovare una posizione "comoda" per tutti e quattro i cuscinetti. Al momento sono riuscito a trovare una posizione discreta che permetta il corretto funzionamento, ma se scorro l'asse Z senza barra filettata sento ancora degli orrendi rumori provenire dai cuscinetti. La soluzione potrebbe essere montare dei cuscinetti IGUS Drylin al posto di quelli a sfera.

3) Come già detto da astrobeed, il fatto che l'asse Z venga sollevato da un lato solo crea un po' di oscillazioni nel braccio dell'estrusore, soprattutto se, come nel mio caso, i cuscinetti fanno un po' fatica a scorrere. Ciononostante in rete si trovano diverse soluzioni che vanno dal montaggio di un altro motore per il lato opposto, al montaggio della sola barra filettata con trasferimento del moto da un lato all'altro tramite cinghia. Io penso che appena potrò opterò per la cinghia che muoverà la seconda barra filettata.

Per il resto se proprio si cerca la massima precisione si potrebbe a sostituire l'estrusore con uno più preciso. Io fra poco acquisterò quello di immaginaecrea per filamento da 1.75mm e con nozzle da 0.30mm. Un utente del forum della 3Drag (Alefusi) ha eseguito queste modifiche e con il suddetto estrusore è riuscito ad ottenere una precisione abbastanza alta (nel suo sito trovate altre immagini).

Se si vuole stampare ABS il piatto originale andrebbe sostituito con un MK2 (anche se nel forum della 3Drag sono state trovate delle soluzioni per poter stampare col piatto originale) e questo, al contrario di quanto è stato detto sul forum della 3Drag, è molto meno complicato del previsto, perchè così come suggerito da astrobeed in un thread aperto da me, è sufficiente collegarlo al posto dell'originale senza apportare modifiche alla scheda e senza l'aggiunta di ulteriori driver: così facendo io stampo senza problemi e il mosfet del piatto resta abbastanza tiepido (io ho anche una ventola 8cm * 8cm che spara sulla scheda). Se si cambia il piatto è necessario anche sostituire l'alimentatore originale con uno con maggiore amperaggio. Su ebay si trovano facilmente alimentatori da 12V 20A a circa 30€ (non so se sono cineseria o roba seria, anche se...), io ho optato per il montaggio di un alimentatore per PC, che però va bilanciato, altrimenti con l'aumentare dell'assorbimento si avranno cali di tensione.

Secondo il mio modesto parere queste modifiche sono sufficienti per avere una buona RepRap con una buona precisione di stampa.

È anche vero che io non ho mai visto un'altra stampante 3D in vita mia se non la mia stessa e per adesso l'unico termine di paragone che utilizzo sono dei MakerBolt inviatimi come campioni dalla MakerBot - stampati con una Replicator 2 - che, dopo ogni modifica, confronto con quelli sfornati dalla mia 3Drag.
Video demonstration of my Dashboard OBDII -> http://goo.gl/m8Pqp

Lucailvec

beh astro vai a stampare un planetario con il corpo di diametro di 5 cm poi ne parliamo, sono sicuro che certe scelte siano state fatte in buona fede per tenere basso il prezzo però se si vuole stampare sul serio come qualità siamo molto lontani a parte casi estremi...non sto parlando di lito o robe varie, sto parlando di una meccanica ottima da cui partire a perfezionare la macchina. a parte particolari casi questa fantomatica meccanica non si trova mai in giro.
Basta vedere la 3d marchiata arduino come gestisce le cose e non è un caso che makerbot, e altre buone stampanti utilizzano più o meno quelle scelte.
Con mano ne ho toccate tante di stampanti e non erano tutte prusa anzi, solo una volta mi è capitato di vederle haha

quello che sto dicendo in soldoni è che si parte da un livello a migliorare le cose. Se poi siete riusciti ad ottenere buoni risultati ben venga ma se la qualità è quella che si cerca FORSE bisogna prendere una delle tante strade giuste.

Concludo chiedendo:
Meglio l'estrusore montato sul movimento xy oppure montato esternamente con la guida che porta il filo all'hotend ?

Go Up