Go Down

Topic: Stampante 3d, come, quando, dove, e perchè (Read 50867 times) previous topic - next topic

Dario Gogliandolo


Quote
il problema è che non riesco al momento a capire quando una temperatura è troppo bassa.


quando il motore inizia a perdere passi estrudendo "a vuoto" (senza stampare), significa che la temperatura è troppo bassa.
Quando estrudento "a vuoto" la plastica si arriccia come la coda di un maialino, allora la temperatura è decisamente troppo alta.


Chiarissimo! grazie mille! :)
Video demonstration of my Dashboard OBDII -> http://goo.gl/m8Pqp

icio

Sono arrivati tutti i pezzi per la mia 3DP  , appena mi passa il raffreddore continuo la sua costruzione :D

cece99

Io sto provando il TPU e l'ABS anche se sono senza piatto riscaldato ... :(
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

alegiaco


Quote
il problema è che non riesco al momento a capire quando una temperatura è troppo bassa.


quando il motore inizia a perdere passi estrudendo "a vuoto" (senza stampare), significa che la temperatura è troppo bassa.
Quando estrudento "a vuoto" la plastica si arriccia come la coda di un maialino, allora la temperatura è decisamente troppo alta.



Il 90% dei problemi di stampa, sono problemi di estrusione. Se ci dai anche un trucco per la retraction siamo pronti a stampare qualsiasi materiale senza paura di sbagliare mai

pitusso

ciao @alegiaco  :)
sula retraction, si tratta di fare dei test.

Per la configurazione iniziale relativa ai fattori di estrusione, uno dei tool migliori è questo kit:
http://www.thingiverse.com/thing:5573

unitamente alla galleria dei fail  :P
http://www.flickr.com/groups/3d-print-failures/

M

icio

La mia stampante è quasi finita, mi manca l'Hot End  che è sbagliato, mi manca del materiale termoplastico ad alta temperatura per il thermal barrier, appena lo trovo lo prendo e quando mi arriverà lo tornirò e la provo, per ora tutti i test pratici sembrano a posto, avevo delle forti vibrazioni sull'asse X ma le ho risolte cambiando puleggia e tensionamento della cinghia
per ora sono impegnato in altre cose ma alla fine vi mostrerò il tutto

http://www.dmxpassion.altervista.org/pg016.html


icio

Ecco , adesso funziona:

http://youtu.be/DHL8Mr_KMQY

L'anno prossimo ne farò una più grande e più bella :)


pitusso

@icio
gli stepDc driver son una figata, te l'ho giò detto e lo ribadisco  :P

Testato

Quale è il vantaggio di far muovere il piatto invece dell'estrusore ?
Farli muovere entrambi ?
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

icio


PaoloP


Quale è il vantaggio di far muovere il piatto invece dell'estrusore ?


L'asse Z si deve muovere di uno step per ogni singolo layer. In base alle dimensioni di stampa può essere un movimento molto lento.
Far muovere il piatto invece che la testina semplifica la meccanica in quanto non devi movimentare tutti il blocco degli assi x e y.
Poi c'è chi inverte le cose e fa muovere il piatto in x e y e la testina su z.
Ma sempre separando le cose.
Invece normalmente nelle CNC è la testina ad avere tutti i movimenti, comprese le rotazioni.
Ma li è anche una questione di ancoraggio del pezzo e della base che deve essere solida.
Fanno eccezione i torni CNC dove è il pezzo che ruota e la testina trasla.

lesto

scusate ma io sono rimasti impressionato da quelle a polvere.. alla fine è il concetto opposto di una CNC laser, l laser invece che tagliare scoglie un piccolo strato.
La velocità di preparaszione di un layer è impressionante, e il numero teorico di layer cresce tantissimo, limite massimo è la granularità delle polveri..

quali sono le problematiche di questo sistema? ho visto che esistono anche dei liquidi, come la stampante 3d da 100$
http://www.peachyprinter.com/ non si potrebbe creare un ibrido, con laser stile cnc e un piccolo dosatore che aggiunge liquido inveche che layer di polveri?

http://www.youtube.com/watch?v=80HsW4HmUes&list=UU0rVS9zY1j56DjKsiQzs41A
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

icio

Il costo dei materiali!  Polveri e liquidi da polimerizzare costano anche 300euro/kg , per le aziende che fanno prototipi non è un problema ma nelle case comuni ovvio che sì!

Comunque visto che anche il filo costa troppo mentre il granulato PLA costa 5 euro/kg  assieme a mio fratello stiamo costruendo 1 estrusore per fare il filo in casa dal granulato, forse anche 2

Testato

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

lesto

#164
Sep 24, 2014, 12:25 pm Last Edit: Sep 24, 2014, 12:29 pm by lesto Reason: 1
ma a questo punto un bel "frullatore" e il PLA lo faccio in plovere..

cmq se leggi la peachyprinter aveva il problema dei costi del liquido, salvo poi scoprire che in grosse quantità i prezzi erano mooolto inferiori.. e quindi han trovato un tizio che ha iniziato a sviluppare la sua "ricetta" e non intende fare prezzi da ladro per piccole quantità (ed è indipendente dal progetto, collaborano e basta, quindi tutti dovremmo beneficiarne)


edit: link: http://www.makerjuice.com/
attualmente siamo sui 55$ al litro (non so se è la loro ricetta), se mi date il costo a volume del PLA facciamo un confronto
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

Go Up