Go Down

Topic: Stampante 3d, come, quando, dove, e perchè (Read 48 times) previous topic - next topic

pitusso

Ciao
Quote
siamo seri chi ha mai provato un laser di un masterizzatore?

:smiley-yell:
perchè sei malfidente?
Tagli carta, incidi (non tagli) legno... se guardi poi su youtube trovi un sacco di asini che hanno montato il laser di un masterizzatore su un puntatore, e bucano bottiglie di plastica e fanno scoppiare palloncini...

Iz2rpn

#56
Oct 22, 2012, 10:42 pm Last Edit: Oct 22, 2012, 10:51 pm by Iz2rpn Reason: 1


perchè sei malfidente?



nooooooo aspe mi spiego meglio, mi lascia perplesso l'uso di un semplice lm317 per pilotare un diodo laser tutto qui mi lascia perplesso questo, pensavo fosse un componente leggermente più critico, cmq se funziona e un ottimo inizio, vado in discarica a recuperare un masterizzatore... :P

ma se volessi tagliare il legno?

http://www.ebay.it/itm/1W-1-5W-445nm-A140-Blue-Laser-Diode-In-Copper-Module-W-Leads-/170917249313?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item27cb764121#ht_5863wt_1344


pitusso

Ciao,
in teoria ti basterebbe motorizzare l'asse Z, in modo da abbassare man mano il fuoco.
Per intenderci, guarda questa variante (basata sugli stessi componenti di recupero, a parte il laser da 1W):
http://builders.reprap.org/2010/08/selective-laser-sintering-part-8.html




Iz2rpn


Ciao,
in teoria ti basterebbe motorizzare l'asse Z, in modo da abbassare man mano il fuoco.
Per intenderci, guarda questa variante (basata sugli stessi componenti di recupero, a parte il laser da 1W):
http://builders.reprap.org/2010/08/selective-laser-sintering-part-8.html






che stupido vero hai ragione è questione di trovare il punto di fuoco del laser, in questo modo potrei tagliare si un pezzo di legno non troppo spesso, praticamente lo scaverei, abbassando il laser per riportarlo a fuoco sul pezzo. Geniale, ho notato che tutti utilizzano quelli di un dvd rom, dovrei avere già tutto quello che mi serve per farlo funzionare. Grazie

Pietro

alfplata

Salve, sono un amputato di gamba e non centro niente con il vostro forum, scoperto per caso. Uno dei drammi collaterali di un'amputato e' lo sguardo, incolpevolmente curioso, delle persone che ti incontrano nel campo visivo, in particolare modo in estate ed in alcuni posti. Io personalmente non vado al mare, in piscina, o in nessun posto dove debba scoprire la gamba, da circa tre anni. Mi rendo perfettamente conto che le coperture estetiche in espanso elastico o peggio ancora i rivestimenti in silicone, che dovrebbero simulare la pelle umana, mal celano e alcune volte rendono ancora piu' penoso l'aspetto della protesi. E' molto piu' sano e gradevole evidenziare con un pizzico di "arte" quello che non potrà piu' essere replicato. Scusandomi per questa premessa entro nell'argomento. Ho trovato nella rete dei siti dove, per mezzo della stampa 3D, si creano delle scocche in polimeri che pur ricreando la rimappatura corporea dell'arto amputato, non hanno l'immagine odiosa delle consuete coperture standard.
Purtroppo il produttore non commercializza in Italia e l'azienda di stampa prototipi in 3D che ho trovato in Italia vuole inviato un file STL che non sono in grado di produrre.
Sapreste indicarmi un sito di stampa in 3D che provvede anche alla realizzazione del progetto CAD? In alternativa un disegnatore CAD che possa realizzare il progetto? Posso inviare un disegno tecnico con le misure da applicare, per la parte "artistica" mi accontenterei anche solo di alcuni bassorilievi.
Grazie dell'attenzione e..... scusate per l'intrusione.
Alfio

http://www.bespokeinnovations.com/content/what-drives-us

http://www.bespokeinnovations.com/content/gallery

http://www.youtube.com/watch?v=7WaxyuS8vDc&feature=related

Go Up