Go Down

Topic: Chiarimento su Relay. (Read 3270 times) previous topic - next topic

astrobeed

#15
Sep 10, 2012, 04:39 pm Last Edit: Sep 10, 2012, 04:42 pm by astrobeed Reason: 1

Supporta anche la corrente alternata quindi in teoria posso usarlo sulla normale AC di casa


Dato che i relè meccanici altro non fanno che chiudere un contatto è ovvio che puoi usarli sia in alternata che in continua, le tensioni massime di lavoro, DC e AC, dipendono dall'isolamento, la corrente massima dalle dimensioni dei contatti.
Di relè ne esistono tanti modelli diversi con usi diversi, ce ne sono di specializzati per un uso specifico piuttosto che general purpose, p.e. esistono relè adatti per commutare segnali RF, altri per commutare grossi carichi AC, etc, è difficile fare un discorso generale che va bene per tutti i relè.

Edit: ti sconsiglio caldamente di collegare la 220 AC di casa su un relè cinese  :smiley-mr-green:

Madwriter

Quote
Edit: ti sconsiglio caldamente di collegare la 220 AC di casa su un relè cinese 

ahahahahaha immagino  :smiley-mr-green:
Ne conosci qualcuno adatto alla domotica(quindi per lo più grossi carichi AC) magari su shield singolo?
Quindi posso mettermi dopo l'interrutore normale perchè l'interruttore normale interrompe la fase giusto ?
Disegnino:
              |
              |
              |
  interruttore on/off standard
              |
              |
              |
     relay --> arduino
              |
              |
              |
      Carico es Lampada

posso giusto?cioè ho un solo cavo da collegare al relay giusto?
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

cyclone

ma perchè andare a mettere parti elettromeccaniche come i relè sulla 220 ?
potresti semplicemente utilizzare un triac pilotato da un bel fototriac MOC30XX, elimineresti scintille e soprattutto il fastidio di sostituire dopo un pò il relè.

Inoltre con un codicetto semplice semplice e scegliendo un MOC30XX random phase, potresti regolare la luminosità delle lampade, nel caso in cui il carico siano appunto lampade.

ciao

Madwriter


ma perchè andare a mettere parti elettromeccaniche come i relè sulla 220 ?
potresti semplicemente utilizzare un triac pilotato da un bel fototriac MOC30XX, elimineresti scintille e soprattutto il fastidio di sostituire dopo un pò il relè.

Inoltre con un codicetto semplice semplice e scegliendo un MOC30XX random phase, potresti regolare la luminosità delle lampade, nel caso in cui il carico siano appunto lampade.

ciao

interessate,semplicemente perchè non conoscevo i triac mmm qualche link ad un triac che farebbe a caso mio?come si collega ad arduino?come si comanda?come si dimmera?
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

cyclone

#19
Sep 10, 2012, 08:04 pm Last Edit: Sep 10, 2012, 08:55 pm by cyclone Reason: 1
Se vuoi un dimmer controller sostituisci l'optotriac con un MOC3052(random phase)
poi dovrai gestire un interrupt con il segnale zero-crossing per controllare il triac a parzializzazione di semionda.

Se lo lasci con il MOC3041(zero-crossing-detection) potrai utilizzarlo come interuttore ON/OFF

Per il triac scegli un 400Volt 1/2 A minimo

ciao

Madwriter

Da questo capisco che non ci sono moduli triac già belli è fatti vero? :smiley-mr-green:
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

cyclone

#21
Sep 11, 2012, 08:34 am Last Edit: Sep 11, 2012, 08:39 am by cyclone Reason: 1
e allora questi cosa sono?
http://it.rs-online.com/web/c/?searchTerm=rele+stato+solido&sra=oss

il problema è che non ne trovi a meno di 10 euro, anche per piccole potenze.

vedi questo
http://it.rs-online.com/web/p/rele-stato-solido/7385632/

Madwriter

Quote
Relay a stato solido.chiamati anche "statici" o "circuiti a PWM", disponibili per lavorare con tensioni alternate, hanno la caratteristica di non avere contatti meccanici. Sono costituiti da due circuiti elettronici separati galvanicamente tra loro tramite un fotoaccoppiatore (più spesso con optotriac: un fotoaccoppiatore con un fototriac al posto del fototransistor), la parte operante in serie al carico, è costituita da un triac, attivato e disattivato tramite un segnale a livello logico che pilota il fotoaccoppiatore. Esiste una tipologia definita "zero crossing", la quale effettua la chiusura e l'apertura del circuito, in prossimità del passaggio sullo zero della sinusoide, minimizzando il picco di corrente generato sulla linea. Sono forniti per potenze varie, da pochi watt a qualche chilowatt. Il loro costo è elevato, virtualmente immuni da usura, sono impiegati in circuiti sottoposti ad alta frequenza di azionamento e dove necessita alta affidabilità nel tempo.

Wikipedia.
Quindi i relay a stato solido funzionano con i triac.
Questo ad esempio è adatto per arduino ed è carissimo:
http://www.ebay.com/itm/NEW-SainSmart-2-Channel-5V-Solid-State-Relay-Module-Board-OMRON-SSR-AVR-Arduino-/260957404239?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item3cc245fc4f
questo è più generico(non so se va bene per arduino) e costa moolto di meno:
http://www.ebay.com/itm/SSR-25-DA-Solid-State-Relay-For-PID-Temperature-Controller-25A-Output-24V-380V-/350500401778?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item519b73b272
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

cyclone

Potrebbero andare bene entrambi,
ricordati che cmq questi sono relay statici ON/OFF,
quindi non li puoi utilizzare come Dimmer....

ciao


Madwriter

#24
Sep 11, 2012, 12:08 pm Last Edit: Sep 11, 2012, 03:28 pm by Madwriter Reason: 1

Potrebbero andare bene entrambi,
ricordati che cmq questi sono relay statici ON/OFF,
quindi non li puoi utilizzare come Dimmer....

ciao



entrambi collegabili direttamente ad arduino?
ps il dimmer non è importante.  :smiley-mr-green:
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

riciweb

Ciao a tutti,
con il permesso di Madwriter, mi inserisco in questo topic, per chiedere anche io dei chiarimenti sui relay e a questo punto anche sui mocxxxx:
Da diverso tempo, uso per il mio progetto, lo schema elettrico della Ardupower ( http://www.panu.it/ardupower/) come scheda relay per accendere/spengere ogni cosa, sia esso un riscaldatore 230vac, un'elettrovalvola 24v o altro, pur rimanendo nei limiti del datashet del relay che uso io (http://it.rs-online.com/web/p/products/0376824/?cm_mmc=IT-PPC-0411-_-google-_-3_EEM-MPN-_-40.52.8.230.0000_Broad a doppio contatto perché preferisco interrompere entranbe le linee), sfruttando il fatto che attivando il relay un contatto meccanico, ci posso fare on/off per più o meno qualsiasi cosa...
Poi ho letto il vostro suggerimento sui mocxxxx e mi sono ricordato di questo topic:

http://arduino.cc/forum/index.php/topic,58108.15.html

dove viene presentata una scheda di potenza con i moc3041 e mi sono chiesto:

  • E' possibile usarla alla "garibaldina" come faccio con i relay o per i moc in questione, ci sono delle limitazioni?

  • Esistono moc "a doppio contatto" come i relay che uso? (Io non sono riuscito a trovarli, ma sono anche una zappa quindi chiedo... :smiley-red:)

  • I moc li attivo direttamente con arduino o eventualmente con un pcf8574 oppure quest'ultimo è debolino come corrente emessa ed è meglio uno shift register?


Grazie a tutti per la pazienza.

Riccardo.
Riccardo

Madwriter

Ragazzi una domanda se ho un relay collegato alla rete elettrica che comanda una lampada e puff questo si rompe(il relay) che succede?incendi,esplosioni o niente? :smiley-mr-green:
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

Go Up