Go Down

Topic: Trasformatori bassa tensione e consumi (Read 3 times) previous topic - next topic

uwefed

Michele
per me sei un po troppo ottiminsta.
Dubito che gli alimentatori switching raggiungano i 95% di efficcenza.
Comunque l' eficenza massima hanno vicino alla potenza massima o almento su 3/4 di essa.
A vuoto o basso consumo hanno sempre rendimenti pessimi.

Ciao Uwe

Michele Menniti

Uwe, io parlavo della circuiteria NON dell'alimentatore, ho diversi modulini dc-dc che sono garantiti per un efficienza del 95%, chiaro che nel suo insieme poi questo valore scende; invece non sapevo che a bassi consumi la cosa peggiorasse così tanto come dici, pensavo che ci fosse una sorta di feedback per modulare l'attività dello switching in base al consumo.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

gingardu

non c'è twcnologia nuova negli alimentatori,

le tipologie sono sempre quelle

lineari e switching

la stabilizzazione puo essere effettuata sulla  sulla bassa tensione   lineari e switching.

oppure direttamente sul 220  che viene raddrizzata e filtrata  (diventando 310 volt continua  :smiley-surprise:   )  e poi viene trasferita su un condensatore   tramite un interruttore elettronico
appena il condensatore raggiunge il basso voltaggio specificato (es 12 volt)  l'interruttore elettronico   si apre,  quando  il voltaggio   si abbassa di pochi millivolt dallo standard l'interruttore elettronico  si richiude,  switching   in poche parole,

non nascondo che sono un po inquietanti gli switching   sulla 220  sopratutto roba cinese,

c'e solo un condenzatore elettrolitico e un transistor che ti separano da i 300 volt

Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Go Up