Go Down

Topic: si può lasciare arduino collegato alla rete elettrica per un lungo periodo? (Read 5277 times) previous topic - next topic

alberto39

Salve, giorni fa ho realizzato un progettino con arduino e relè shield e con il telecomando della tv mi fa accendere ho spegnere la lampada della mia stanza, io per ora la uso solo la sera cioè, da quando tramonta il sole a sorgere lascio arduino collegato alla rete elettrica cioè sotto tensione e cosi la relè shield che ha alimentazione sua. La domanda che vi voglio fare è posso lasciare arduino sempre sotto tensione? o devo fare attenzione a qualcosa??

grazie per l'attenzione



http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=kR8bgt0RFus

menniti

Se i componenti sono dimensionati correttamente puoi stare tranquillo, semmai devi vedere la qualità dell'alimentatore esterno che usi, se è porcheria cinese prima o poi ti molla e fai danno; se invece è di buona qualità non c'è motivo di preoccupazione.
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

alberto39


Se i componenti sono dimensionati correttamente puoi stare tranquillo, semmai devi vedere la qualità dell'alimentatore esterno che usi, se è porcheria cinese prima o poi ti molla e fai danno; se invece è di buona qualità non c'è motivo di preoccupazione.

Ciao Michele, gli alimentatori sono di buona marca,ma sono stati fatti in cina ma..., la cosa che mi preoccupava di più era per arduino non voglio perderla, poi il TSOP34838 Supply Voltage Range: 2.7v a 5,5v  io lo ho collegata ad arduino alla 3,3v quindi penso che vada bene giusto?

il link dove c'è scritto il voltaggio supportato http://it.farnell.com/vishay/tsop34838/fotodiodo-ricevitore-ir-38khz/dp/4913139

menniti

#3
Sep 27, 2012, 12:39 pm Last Edit: Sep 27, 2012, 09:55 pm by Michele Menniti Reason: 1
mi pare che ne avevamo parlato.... hai messo la resistenza da 100 ohm in serie ed il condensatore da 4,7µF in parallelo al TSOP? In tal caso può lavorare all'infinito  ;)
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

alberto39


mi pare che ne avevamo parlato.... hai messo la resistenza da 100 ohm in serie ed il condensatore da 4,7ohm in parallelo al TSOP? In tal caso può lavorare all'infinito  ;)

si si ne avevamo parlato, ma il giorno dopo sono andato nel mio ferramenta di fiducia e li aveva finiti, se tu mi dici che sono indispensabile domani vado.

menniti

Il datasheet li riporta nello schema applicativo, come già ti dissi io stesso ho notato notevoli miglioramenti, meglio metterli ;)
compri componenti elettronici alla ferramenta :smiley-eek-blue:?
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

tuxduino

Mi sorge un dubbio: la posizione di riposo del relè è con bobina eccitata o no ? Nel primo caso tenerlo acceso 24/7 ne accorcerebbe molto la vita utile, penso.

lupastro81

io ho da circa 6 mesi una arduino uno alimentata 24 su 24...   
interfacciata con una decina di minirelè pilotati da transistor, ho interfacciato anche gli ingressi, mi fa da antifurto, gsm (un vecchio nokia con i fili saldati sulle piste dei pulsanti della tastiera) , e apricancello (quando chiamo il telefono vibra e al posto del motorino del vibracall ho messo un fotoaccoppiatore per interfacciarmi con l'arduino)
problemi = ZERO!

lupastro81

io ho da circa 6 mesi una arduino uno alimentata 24 su 24...   
interfacciata con una decina di minirelè pilotati da transistor, ho interfacciato anche gli ingressi, mi fa da antifurto, gsm (un vecchio nokia con i fili saldati sulle piste dei pulsanti della tastiera) , e apricancello (quando chiamo il telefono vibra e al posto del motorino del vibracall ho messo un fotoaccoppiatore per interfacciarmi con l'arduino)
problemi = ZERO!

lupastro81

alimentata a 12 volt con un alimentatore pagato 13 euro

da 2000ma

uwefed


mi pare che ne avevamo parlato.... hai messo la resistenza da 100 ohm in serie ed il condensatore da 4,7ohm in parallelo al TSOP? In tal caso può lavorare all'infinito  ;)

Intendi 4,7µF?

menniti



mi pare che ne avevamo parlato.... hai messo la resistenza da 100 ohm in serie ed il condensatore da 4,7ohm in parallelo al TSOP? In tal caso può lavorare all'infinito  ;)

Intendi 4,7µF?

ovviamente, correggo, grazie della segnalazione :)
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

uwefed

@alberto39
metterei dei fusibili non autoripristinanti tra elettronica e alimentazione. Se succede un corto almeno si spegne l'Arduino.
Ciao Uwe

menniti


Mi sorge un dubbio: la posizione di riposo del relè è con bobina eccitata o no ? Nel primo caso tenerlo acceso 24/7 ne accorcerebbe molto la vita utile, penso.

a riposo il relé è diseccitato e non consuma nulla, per 24/7 intendi 24/24h?
Comunque un relé sempre eccitato consuma corrente ma non penso ci sia molta influenza sulla vita media, che invece è molto più provata da continui on/off
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

uwefed

24/7 significa 24 ore acceso per 7 giorni la settimana.
I relá sono fatti per essere alimentati/ecitati  di continuo 24/7. L' unica cosa che cambia é la bolletta a fine mese. È buona prassi programmare in modo che i relé sono spenti a utenza spenta.

Solo particolari casi (per esempio sistemi di alarme dove un relé disecitato segnala qualce anomalia é opportuno tenerlo in situazioni normale  ecitato di continua. In questo modo controlli oltre l' alarme anche l' alimentazione.

Ciao Uwe

Go Up