Go Down

Topic: Scrittura codice per impianto birra cerco collaboratori Monza/Milano (Read 8909 times) previous topic - next topic

astrobeed


non basta rilevare la temperatura con un sensorino e accendere e spegnere il riscaldatore per mantenere la temperatura prefissata? :smiley-mr-green:


Si come no, infatti gli ingegneri non servono a nulla, rottamiamoli tutti  :smiley-mr-green:
Cece lascia perdere, questa cosa non fa per te, prima studia un pochino di teoria del controllo che poi ne riparliamo, per giunta sei minorenne e questo topic è ad alto contenuto alcolico  (v.m. 18) :D :smiley-mr-green: :D

Michele Menniti

Ehi grandi, non mi maltrattate il mio Ardufiglioccio Cecé ]:D, è volenteroso ed educato, merita di essere stimolato e non abbattuto come un tordo. Però Astro ha ragione, Cecé, ancora sei piccolo per frequentare certi ambienti, alla tua età ci si ubriaca anche solo con il vapore dell'alcool :smiley-mr-green: sul resto ti consiglio di non insistere, per esperienza, quando Astro comincia a tirare fuori la storia della rottamazione degli Ingegneri vuol dire che la sua pazienza è al limite, se insisti ti spara un post che al solo leggerlo ti fa venire il mal di testa e già te ne ha dato un assaggio prima. Vieni con me va, che ti porto al Blink Store :D
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

cece99


Ehi grandi, non mi maltrattate il mio Ardufiglioccio Cecé ]:D, è volenteroso ed educato, merita di essere stimolato e non abbattuto come un tordo. Però Astro ha ragione, Cecé, ancora sei piccolo per frequentare certi ambienti, alla tua età ci si ubriaca anche solo con il vapore dell'alcool :smiley-mr-green: sul resto ti consiglio di non insistere, per esperienza, quando Astro comincia a tirare fuori la storia della rottamazione degli Ingegneri vuol dire che la sua pazienza è al limite, se insisti ti spara un post che al solo leggerlo ti fa venire il mal di testa e già te ne ha dato un assaggio prima. Vieni con me va, che ti porto al Blink Store :D

Ma che è sto PID? Su wikipedia non si capisce un tubo :d.
@Astro: spara pure il megapost, tanto ho già mal di testa, forse sortisce l'effetto contrario :D
@MickeyMouse :smiley-yell: ho scritto in questo topic solo perchè anche io dovrei fare un sistema che mi tenga costante una temperatura.
E poi, non temete, l'odore della birra manco mi piace quindi sicuramente non mi metto a produrla  :smiley-yell:
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

Madwriter

cece rimuovi il tuo post o subirai l'ira di Mike e di Astro  :smiley-sweat:
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

astrobeed

#19
Oct 15, 2012, 11:01 am Last Edit: Oct 15, 2012, 11:27 am by astrobeed Reason: 1

Ma che è sto PID? Su wikipedia non si capisce un tubo :d.


Ecco la dimostrazione che non sei in grado di gestire una problematica di questo tipo, non per colpa tua, ma perché ti mancano le nozioni di base, sia matematiche che fisiche e di teoria del controllo, per affrontare l'argomento, cose che apprenderai nel corso dei tuoi futuri anni scolastici, superiori e università, se prendi il giusto percorso di studio.
In tutti i casi la sola teoria non basta per risolvere questo genere di problemi, è necessaria anche una discreta esperienza pratica.

Michele Menniti


cece rimuovi il tuo post o subirai l'ira di Mike e di Astro  :smiley-sweat:

no, no, è che è una toppa (da noi significa "ubriaco fradicio" :smiley-yell:) e va compreso, non penso che in condizioni normali si azzarderebbe a provocare così, se poi gli ha dato di volta il cervello ne riparliamo ]:D
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Madwriter



cece rimuovi il tuo post o subirai l'ira di Mike e di Astro  :smiley-sweat:

no, no, è che è una toppa (da noi significa "ubriaco fradicio" :smiley-yell:) e va compreso, non penso che in condizioni normali si azzarderebbe a provocare così, se poi gli ha dato di volta il cervello ne riparliamo ]:D

è piccolo per bere io ho iniziato qualche anno dopo  :smiley-mr-green:
"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi..." Albert Einstein

cyberhs

#22
Oct 15, 2012, 12:11 pm Last Edit: Oct 15, 2012, 12:14 pm by cyberhs Reason: 1
Cece, il PID è l'acronimo di Proporzionale Integrativo Derivativo, un parolone che ha il suo fondamento sul calcolo degli integrali e le derivate.

In soldoni, l'esempio migliore è quello del controllo di una temperatura in una stanza effettuato tramite un normale termostato.

Supponiamo di aver impostato il termostato su 21°C. Quando la temperatura scende al di sotto di questo valore, il termosifone inizia a scaldare e coninua così finchè la temperatura non ritona a 21°.
Ma se osserviamo l'andamento della temperatura, notiamo che, dal momento in cui parte il termosifone, la temperatura scende ancora fino a raggiungere un minimo di (supponiamo) 19° per poi risalire fino a 21° (e quindi il termosifone si spegne), ma la temperatura nel frattempo continuerà a salire sino ad un massimo (supponiamo) di 22,5°, per poi ridiscendere.
Il perché di questo comportamento non è difficile da capire: esiste una sorta di ritardo tra l'azionamento del nostro controllo e la risposta del sistema controllato (teoria dei sistemi).
Il ritardo di intervento crea il problema che la temperatura della stanza oscilla tra 19° e 22,5°.
Soluzione: bisogna creare un controllo che accenda il termosifone prima che raggiunga i 21° (in discesa) e che lo spenga prima che ritorni a 21° (in salita).
Come si può fare a calcolare gli istanti esatti? Rifletti bene e capirai che senza ulteriori basi matematiche la cosa è piuttosto difficile.

cece99


Cece, il PID è l'acronimo di Proporzionale Integrativo Derivativo, un parolone che ha il suo fondamento sul calcolo degli integrali e le derivate.

In soldoni, l'esempio migliore è quello del controllo di una temperatura in una stanza effettuato tramite un normale termostato.

Supponiamo di aver impostato il termostato su 21°C. Quando la temperatura scende al di sotto di questo valore, il termosifone inizia a scaldare e coninua così finchè la temperatura non ritona a 21°.
Ma se osserviamo l'andamento della temperatura, notiamo che, dal momento in cui parte il termosifone, la temperatura scende ancora fino a raggiungere un minimo di (supponiamo) 19° per poi risalire fino a 21° (e quindi il termosifone si spegne), ma la temperatura nel frattempo continuerà a salire sino ad un massimo (supponiamo) di 22,5°, per poi ridiscendere.
Il perché di questo comportamento non è difficile da capire: esiste una sorta di ritardo tra l'azionamento del nostro controllo e la risposta del sistema controllato (teoria dei sistemi).
Il ritardo di intervento crea il problema che la temperatura della stanza oscilla tra 19° e 22,5°.
Soluzione: bisogna creare un controllo che accenda il termosifone prima che raggiunga i 21° (in discesa) e che lo spenga prima che ritorni a 21° (in salita).
Come si può fare a calcolare gli istanti esatti? Rifletti bene e capirai che senza ulteriori basi matematiche la cosa è piuttosto difficile.

Ecco che ho capito :D, io personalmente calcolerei i ritardi di accensione e spegnimento andando per tentativi XD
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

niki77

Meno male che hai capito.

Invece di non quotare il messaggio subito precedente a quello che scrivi ancora non l'hai capito.
Cosi oltre ad utilizzare inutilmente byte nello storage del server (o NAS) del forum si rendono i thread anche meno leggibili.
Mi spieghi a cosa serve?
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

cece99


Meno male che hai capito.

Invece di non quotare il messaggio subito precedente a quello che scrivi ancora non l'hai capito.
Cosi oltre ad utilizzare inutilmente byte nello storage del server (o NAS) del forum si rendono i thread anche meno leggibili.
Mi spieghi a cosa serve?


Tipo così :smiley-yell:?
Lo faccio solo per far capire meglio a chi sto rispondendo  :smiley-roll-sweat:
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

Michele Menniti

Niki intende dire, e secondo me ha ragione, che se rispondi al post immediatamente prima del tuo non c'è bisogno di quotarlo, ma è anche vero il fatto che a volte quando si sta per pubblicare, specialmente se si scrive parecchio, si trovi uno o più post pubblicati un istante prima ed allora si crea casino perché si è costretti a quotare; insomma occorrerebbe evitare, ma penso sia una cosa fattibile solo nei discorsi in cui entrano due, max tre persone; in un Topic molto attivo penso sia problematico, oppure si ricorre semplicemente alla citazione del nome senza quotare l'intervento, forse è la cosa migliore.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

cyberhs

Cece, supponiamo che, dopo aver fatto tutte le prove necessarie, tu abbia raggiunto un risultato accettabile.

Ma cosa succede se la temperatura esterna si alza o si abbassa repentinamente?

Il sistema con i tuoi ritardi continuerà a funzionare?

La risposta è no, poiché la velocità di azione è cambiata, ma quella di reazione no.

Ho reso l'idea?

cece99

Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

astrobeed


Ma cosa succede se la temperatura esterna si alza o si abbassa repentinamente?


Non solo, ma cosa succede se cambia la massa da tenere a temperatura costante o la sua resistenza termica, ovvero la composizione del liquido ?
Non si può realizzare un sistema di controllo con lo spannometro empirometrico e sperare che poi funzioni bene in tutte le condizioni, equivale al classico prendere le misure col calibro, segnare col gessetto, tagliare con l'accetta  :smiley-mr-green:

Go Up