Go Down

Topic: [Montata e finita] Verifica e consigli per PCB scheda relé (Read 8689 times) previous topic - next topic

lesto

quello che dici è corretto, ma in realtà avreti più una sistiazione fatta così: \ con un pò la pancia a rientrare. direi che il fenomeno è trascurabile se non dimentichi le cose nell'acido per giorni :)
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

cyberhs

ExpressPCB Design Tips
The table below gives rough guidelines of how wide to make a trace for a given amount of current.
10 mil      0.010"     0,3 A
15 mil      0.015"    0,4 A
20 mil      0.020"    0,7 A
25 mil      0.025"    1,0 A
50 mil      0.050"    2,0 A
100 mil    0.100"   4,0 A
150 mil    0.150"    6,0 A


riciweb

Ciao,

@ lesto
Se dimentico la piastra nell'acido per giorni, vuol dire che oltre al rame, in qualche modo ho corroso anche l'ultimo neurone che ho in testa  :D :D :D, ad ogni modo grazie.

@ cyberhs
Ma la quantità di corrente che può attraversare una pista, non dipende anche dallo spessore del rame?
In particolare ho acquistato una piastra con spessore del rame pari a 70um (normalmente sono 35um), ed ho potuto disegnare le piste a 104mil...
Ti prego, dimmi che quella tabella è per le piastre standard!!!  :smiley-sweat: :~
Io ho usato dei calcolatori on-line ( http://www.plcforum.it/TraceWidth.html oppure http://www.desmith.net/NMdS/Electronics/TraceWidth.html ).

Riccardo.
Riccardo

cyberhs

Quella tabella sono le linee guida di un produttore di PCB (PCBExpress) che usa una spessore di rame di circa 0.0017" (0.04318 mm).

Ovviamente se lo spessore è maggiore bisogna tenerne conto ed usare un calcolatore come uno di quelli da te indicati.

Se vuoi ridurre la larghezza delle tracce, ti conviene stagnare la loro superficie (cosa che io farei comunque)


riciweb

Ok,
grazie per la precisazione, in quanto allo stagno, avrai capito che sono un novellino alquanto ansioso  :., quindi stai certo che le piste le stagnavo comunque...

Grazie ancora.

Riccardo
Riccardo

riciweb

Ciao a tutti,
eccomi di nuovo, ma questa volta per farvi vedere, il risultato dei vostri preziosi consigli  :), come immaginerete, non sono riuscito al primo tentativo  :smiley-sweat:, in realtà questo è il terzo e per fortuna ultimo in quanto mi sembra sia accettabile  :D.
Non mi dilungo oltre se non per invitarvi a vedere la foto in dettaglio, ci ho tenuto molto per riconoscervi l'aiuto che mi avete dato.
Ma non pensate che la finisca qui  ]:D, appena avrò finito, manderò le foto della scheda finita e solo allora chiuderò il topic.

Grazie a tutti.

Riccardo.
Riccardo

lesto

sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

PaoloP

Complimenti.
Ho visto che l'hai invertita, quindi sistemi i componenti sull'altra faccia e saldi su questa. Giusto?

riciweb

@Lesto
Anche a me non sembra male  8), soprattutto a confronto delle PCB dei primi due tentativi... ho fatto di quei casini...  :smiley-red:

@PaoloP
Si è così, almeno in questo caso, sul lato componenti non c'è nessuna pista di rame, ma questa scheda è molto semplice per fortuna ed ho potuto disegnare le piste su un lato solo.

Ciao.

Riccardo
Riccardo

Brunello

si, bravo.

Pero' quando metti un piano di massa, deve essere tutto a massa.
Le zone centrali non lo sono


riciweb

Quindi ho sbagliato tutto?  :smiley-eek:
Oppure è un errore più di concetto che reale?  :smiley-sad-blue:
Questa cosa l'avevo vista anche io, ma da principiante, ho pensato che tutto sommato potevano anche rimanere lì ed in più era molto meno rame da rimuovere a vantaggio di una più facile riuscita dell'incisione (anche se poi quello postato è il terzo tentativo).
Ora cosa dovrei fare?
Dei ponticelli sul lato componenti? (esteticamente credo orribili, ma se servono li faccio)
O posso lasciare le cose come stanno?

Ciao.

Riccardo
Riccardo

gingardu

#56
Nov 08, 2012, 08:56 am Last Edit: Nov 08, 2012, 09:13 am by gingardu Reason: 1

Ciao a tutti,
eccomi di nuovo, ma questa volta per farvi vedere, il risultato dei vostri preziosi consigli  :), come immaginerete, non sono riuscito al primo tentativo  :smiley-sweat:, in realtà questo è il terzo e per fortuna ultimo in quanto mi sembra sia accettabile  :D.
Non mi dilungo oltre se non per invitarvi a vedere la foto in dettaglio, ci ho tenuto molto per riconoscervi l'aiuto che mi avete dato.
Ma non pensate che la finisca qui  ]:D, appena avrò finito, manderò le foto della scheda finita e solo allora chiuderò il topic.

Grazie a tutti.

Riccardo.



ho dato un occhiata di sfuggita  ma mi sembra che ci siano errori pesanti,

ora tralasciando  il fatto  come hai collegato le uscite  (che ti potrebbero servire propio cosi)  di solito si portano fuori sia il normalmete chiuso che in normalmente aperto,

1) mai visto un rele alimentato in quel modo,   :smiley-eek-blue:

primo perche un rele va alimentato direttamente col piu e il meno alla sua tensione di esercizio,
questo perche deve passare la giusta corrente e esercitera la giusta forza sui contatti  e funzionera correttamente  
un rele 12 volt probabilmente se lo alimenti a 7-8-9-  volt scattera lo stesso  ma i contatti verrano chisi con meta forza e se gli applichi la corrente max si rovinano i contatti

2)  mai visto un rele senza un diodo inverso  vicino a i pin di alimentazione,

devi dfare almeno queste modifiche
1 alimentare i relè direttamente
2) mettere un diodo vicino a i pin di alimentazione,
3) i led li alimenti direttamente in parallelo all'alimentazione del rele
4) il 220 ha bisogno di uno spazio minimo tra le piste al massimo li stagni per bene  ma ci va piu spazio possibilmente piu sta lontano dalla bassa tensione e meglio è  niente piano di massa sotto il 220  ]:D
5) gli angoli a 90 gradi  delle piste   se possibile evitali
Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

PaoloP

Gin, studiati l' ULN2803.  ]:D

Le altre risposte le lascio agli altri.

riciweb


ho dato un occhiata di sfuggita  ma mi sembra che ci siano errori pesanti,


Dunque dunque...
Sono un principiante, provo a risponderti, ma tieni ben presente quello che ho appena scritto e se scrivo stupidaggini correggimi.
Forse hai veramente dato un'occhiata di "sfuggita"


ora tralasciando  il fatto  come hai collegato le uscite  (che ti potrebbero servire propio cosi)  di solito si portano fuori sia il normalmete chiuso che in normalmente aperto,

1) mai visto un rele alimentato in quel modo,   :smiley-eek-blue:

primo perche un rele va alimentato direttamente col piu e il meno alla sua tensione di esercizio,
questo perche deve passare la giusta corrente e esercitera la giusta forza sui contatti  e funzionera correttamente  
un rele 12 volt probabilmente se lo alimenti a 7-8-9-  volt scattera lo stesso  ma i contatti verrano chisi con meta forza e se gli applichi la corrente max si rovinano i contatti


Si le uscite mi servivano esattamente così, ma effetivamente se avessi voluto pensare la scheda per un uso più generico avrei dovuto fare le piste e di conseguenza aggiungere anche i morsetti per i contatti normalmete chiusi (NC), ma ho preferito fare così per semplificare un pochino le cose...
Non ricordo di averlo scritto, ma se anche fosse i morsetti vicini al condensatore, servono proprio per alimentare la scheda a 12VDC.


2)  mai visto un rele senza un diodo inverso  vicino a i pin di alimentazione,


Effettivamente per il diodo ho chiesto, e mi è stato fatto notare che ce ne è gia uno all'interno dell'ULN2803, anche io avevo il datasheet davanti ma mi era sfuggito completamente, se però hai altre argomentazioni, scrivimele pure, sono su questo forum per imparare.


devi dfare almeno queste modifiche
1 alimentare i relè direttamente
2) mettere un diodo vicino a i pin di alimentazione,
3) i led li alimenti direttamente in parallelo all'alimentazione del rele
4) il 220 ha bisogno di uno spazio minimo tra le piste al massimo li stagni per bene  ma ci va piu spazio possibilmente piu sta lontano dalla bassa tensione e meglio è  niente piano di massa sotto il 220  ]:D
5) gli angoli a 90 gradi  delle piste   se possibile evitali


1) Non capisco cosa intendi con alimentare i relé direttamente, in pratica, "dovrebbe" funzionare così (molto in soldoni  :smiley-red:): mando un segnale sul gate dei uno dei darlyngton all'interno dell'ULN2803 e permetto il passaggio della corrente per far si che la bobina del relé a cui è collegato, sia alimentata e scatti facento chiudere i contatti sulla 220, allo stesso tempo la corrente attraversa sia la bobina che il darlygnton scorrendo dal positino al negativo/GND. (perdonami la semplicità della descrizione meglio di così non so ancora fare)
2) Ti ho già risposto, ma ti invito di nuovo a correggermi se hai altre argomentazioni
3) Funzionano come led di stato, insieme alla bobina dei relé, quindi non sono già in parallelo? (credo anche qui di non aver capito cosa intendi)
4) Si ho imparato che quello che scrivi è vero, ed usando dei calcolatori on-line oltre ad aver acquistato una piastra con rame di spessore doppio rispetto allo standard (70um contri i 35um soliti) ho potuto disegnare le piste come le vedi in particolare le piste sono larghe 106mil e distano tra loro mai meno di 90mil.
5) Li ho evitati il più possibile, avrei dovuto anche sulla parte a 12VDC, è questo che intendi?

Grazie per la tua attenzione, perdonami se sono poco tecnico nell'esprimermi ma ritieniti libero anche nel correggermi nelle espressioni, ho molto da imparare...

Riccardo.
Riccardo

riciweb

Ciao a tutti,
so che faccio un po' la figura dello scolaretto entusiasta, ma ci tenevo a condividere, così visto che finalmente stanotte ho avuto tempo di fare un po' di saldature ecco qua, malgrado me ma GRAZIE A VOI, FUNZIONA!!!
Certo, dovrò fare un po' di prove più serie, tenerla in funzione e altro ma ora ci tenevo a ringraziavi tutti ancora una volta.

Riccardo.







P.S. Sotto è ancora da pulire e laccare e delle saldature non sono proprio contento ma spero con la pratica di fare meglio.
Riccardo

Go Up