Go Down

Topic: Pt100 e Smartec UTI (Read 5 times) previous topic - next topic

GianfrancoPa

Ah, ok!!

In ogni caso nel datasheet (pag 14) dice che vanno bene quelle al 5%:

RBIAS (Pt100, self-heating for
200K/W = 80 mK)
2.2 kW (5%),
I = 2 mA

RBIAS (Pt1000, self-heating for
200K/W = 80 mK)
6.2 kW (5%),
I = 600 mA

Vuol dire che vanno bene o no?
Gianfranco

lesto

mai detto che non vanno bene, ma che ti sballano un poco i valori.. sta a te decidere se ti va bene quella precisione
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

GianfrancoPa

Ovvio, più precisa è la rilevazione meglio è, soltanto che al momento non mi ritrovo delle resistenze così precise, ad anche se dovessi ordinarle passerebbero dei giorni. Ora che ne ho capito l'importanza nel progetto finale opterò per questo tipo di resistori!!

Nel datasheet parla di diverse cause che possono alterare la precisione:
-Un errore interno del chip fa si che la precisione del dato per una PT100 abbia una forchetta di +-40 mOhm, un fattore costruttivo dell'integrato;
-La lunghezza cavo del sensore;
-Aumento della temperatura interna dell'integrato. Con una Rbias di 2.2kOhm dovrei ridurre l'errore a 80mK (milli-Kelvin???);
-La rilevazione della terza PT100 ha un errore sistematico e stabile di 0.9 Ohm

In ogni caso il problema che al momento vorrei risolvere è quello delle rilevazioni ballerine, cambiano, mutano troppo velocemente con salti considerevoli! Vorrei sfruttare al massimo la precisione del sensore (Classe B, +-0.3°C), ma se ogni secondo il dato sballa di 0.5°C rendo tutto inutile, al posto suo uso un seplice ds18b20 :D
Gianfranco

lesto

uhmm prova a fare al cavo del sensore un'armatura collegata a GND, in pratica gli fai una gabbia di faraday che ne limita parecchio l'effetto antenna.

forse avvolgerla nella carta stagnola, e poi collegare la stagnola a terra può bastare.
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

GianfrancoPa

é un tentativo che sicuramente proverò, ma prima di stasera non potrò fare alcun tentativo.

Fino ad allora il cervello continuerà a frullare... :D

Curiosando le sito della smartec ho trovato altri documenti interessanti. In questo http://www.smartec-sensors.com/assets/files/pdf/manuals/DCPtN.PDF si legge letto altre cosette, come, ad esempio, che fino a mezzo metro di cavo il segnale è stabile. Oltre mezzo metro potrebbero nascere dei problemi. Ecco l'estratto:

In standard UTI applications, the Pt 100 excitation is a square wave voltage between E and F (AC signal), via the series connection of Rbias and Rref (see UTI Data sheet). This works fine as long as the cables are short (under 0,5 meter). When the connecting cables need to be longer, the parasitic capacitances between the connecting wires and /or the grounded cable shield will degrade the signal. Please refer to application note APPUTI08 for more information about this matter

Se questo potrebbe essere la causa dei problemi, potrei accorciare il cavo del sensore (a mali estremi...) che è lungo 1 metro. La restante metà potrei inoltre cortocircuitarla per simulare una pt100 a 4 cavi. Ho detto una fesseria? :D
Gianfranco

Go Up