Pages: 1 ... 5 6 [7]   Go Down
Author Topic: ATmega328P a 3.3V, funziona I2C?  (Read 3074 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Lamezia Terme
Offline Offline
Shannon Member
****
Karma: 410
Posts: 11975
Le domande di chi vuol imparare rappresentano la sua sete di sapere
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

io nella parte finale leggo sul multimetro un bel 312, anche se devi starci accorto perché è di lato.
a mio modesto parere, col massimo rispetto per le AN, che non sono scritte certo per far perdere tempo, ci sono fattori diversi da prendere in considerazione: in quel video stanno usando il flussante gel, lo stagno senza piombo (che se non erro fonde prima) e la prestagnatura di un PCB già prestagnato, condizione quest'ultima irreplicabile da noi poveri creatori di cs col ferro da stiro; p.es. ci sono ottime possibilità, passando la treccia sul cs e senza il componente, che se ne venga appresso anche il rame, mandando il pcb alle signore disponibili. D'altra parte la prestagnatura è l'unico modo per creare uno strato preriscaldato che permetta una rapida saldatura, che credo sia il vero nocciolo della questione: il tempo, che conta moltissimo, come si vede anche in quel video.
Non penso che cercherò mai di memorizzare quel bordello di tempi e temperature, ho già la mia bella battaglia a tenere il componente con la pinzetta e saldarlo con l'altra, ho trovato la mia tecnica di saldatura e non ho mai danneggiato nulla finora, a parte una volta che ho preteso di levare una R smd usando il saldatore stilo, l'ho carbonizzata perché vi è rimasta attaccata.
In definitiva nel caso di quel tipo di componente la prestagnatura oltre che obbligatoria è indispensabile, io per levare lo stagno in eccesso non uso la treccia ma la pistola aspirante, non si corre il rischio di danneggiare il rame. La treccia è fondamentale quando si saldano i pin; in quel caso sono essi stessi che proteggono il rame, mentre la treccia si porta via tutto l'eccesso, garantendo la saldatura. Bisogna cercare di essere rapidi e se qualcosa va storto avere la pazienza di aspettare che la zona si raffreddi un poco senza insistere con l'aria calda.
Logged

Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Marche
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 32
Posts: 2261
azioni semplici per risultati complessi
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Guarda Michele che non è per nulla difficile prestagnare il pcb, anzi... con la punta del saldatore adatta e con il flussante si fa in un attimo. Non serve nemmeno la treccia dissaldante, se fai caso alla seconda foto che ho messo si vede che il pcb è stato prestagnato.
Per i qfn le pinzette nemmeno servono, non hanno i "piedini" perciò non è possibile saldarli nel modo tradizionale.
Logged

Pages: 1 ... 5 6 [7]   Go Up
Jump to: