Go Down

Topic: Monitoraggio ambientale, lo lasciamo solo alle istituzioni preposte? (Read 4 times) previous topic - next topic

paolometeo2

Salve a tutti, non sono nuovo a questo forum, anche se sono intvenuto poche volte. Da un paio d'anni traffico con arduino e l'elettronica. Il ramo che mi appassiona di piu' e' quello del monitoraggio ambientale, a questo scopo ho costruito contatori geiger, misuratori di parametri meteo vari, consumi elettrici ecc. ecc. Sto pensando adesso ad una stazione per misurare la qualita' dell'acqua del canale martesana che passa sotto casa mia (chi e' di Milano sa di cosa sto parlando). Una cosa fondamentale e' creare dispositivi a baso costo, anche a scapito della loro precisione, in modo tale da dare a tutti la possibilita' di cimentarsi in questa attivita' e di moltiplicare i punti di misura. Infatti sono convinto che le Istituzioni preposte al monitoraggio ambientale, es. ARPA, non siano sufficienti a conoscere lo stato dell'ambiente e segnalare eventuali infrazioni. Inoltre possono essere soggette al controllo politico. Quindi penso che misurare l'ambiente in cui viviamo sia un diritto di tutti. Campi elettromagnetici, radiazioni ionizzanti, discariche abusive, immisioni inquinanti in aria o in acqua, sono tutte situazioni in cui sicuramente l'elettronica amatoriale puo' dare un contributo con sistemi di allerta e misura.
La faccio breve, chi ha voglia di partecipare a queste sfide mi contatti e esprima pure il suo parere in merito.
saluti
paolo

lesto

ciao, il progetto è interessante.
Il problema è COSA vuoi misurare e con quali costi: qualsiasi sostanza a questo mondo in quantità troppo elevata o troppo bassa può creare problemi.
Quindi quale tipologie (organiche o inorganiche), anzi quali sostanze vuoi misurare?

esempio:
puoi misurare ossigeno, anidride carbonica, ozono, idrogeno, azoto, radon, metano, etc... senza contare concentrazioni di pm10,9,8,7,6,5,4,3,2,1 etc.. (micron è un''unità di misura, e il PM10 è mooolto meno pericoloso di PM di dimensione inferiore...) e stiamo parlado solo dell'aria, ed elementi inorganici. e già siamo nelle strumentazioni mooolto costose (microscopi elettronici nel caso del PM)
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

paolometeo2

Se parliamo di inquinamento dell'aria, mi rendo conto che un'analisi dei singoli gas, sia difficoltosa, però alcune cose come il particolato non sono impossibili da misurare. Bisogna aspirare l'aria attraverso un filtro (tipo aspirapolvere) e poi misurare il peso del filtro, non è impossibile. Per quanto riguarda l'acqua è possibile misurarne la conducibilità, legata alla presenza di sali, la torbidità, la radioattività, la temperatura...Piccole telecamere azionate da pir possono monitorare eventuali scarichi abusivi. Bisogna ovviamente pensare a dei sensori a basso consumo che possano trasmettere dati a breve distanza.

lesto

niente telecamere con arduino, solo per scattare una foto a bassisisma risoluzione impiega 20-30secondi.

su sparkfun trovi tantissimi tipi di sensori, come salinità, ph, contenuto di ossigeno etc... così ti fai un'idea di prezzi e complessità di montaggio /programmazione (ci sono sia esempi di codice che video di funzionamento, se sei fortunato)
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

paolometeo2

Sei sicuro che non si possa comandare una fotocamera o una webcam con Arduino? Ovviamente le immagini devono essere scaricate su sd card e visualizzate a posteriori. Mi sembra di aver visto qualcosa in giro.

Go Up