Go Down

Topic: Monitoraggio ambientale, lo lasciamo solo alle istituzioni preposte? (Read 4 times) previous topic - next topic

lesto

comandare sì, se la telecamera dispone di debita interfaccia. Elaborare immagini o flussi video con arduino no.
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

paolometeo2

Tra i primi progetti che avrei in mente c'e' il sensore di torbidita' dell'acqua, da applicare al canale martesana. Il sensore dovrebbe essere sempre immerso in modo da segnalare la presenza di acqua torbida e, nei limiti del possibile il grado di torbidita'. Vorrei provare a disporre un led rgb ad una certa distanza da un fotodiodo, per la misura dell'attenuazione. Poi un altro fd a 90 gradi rispetto al led per la misura dello scattering laterale. Il led RGB permetterebbe la misura su tre lunghezze d'onda nel visibile. Il rapporto tra i segnali dei due fd dovrebbe essere indipendente da variazioni di intensita' del LED. Ovviamente il tutto va meglio indagato dal punto di vista teorico pero' dovrebbe essere fattibile. I due FD e il led dovrebbero essere collocati in un tubo di plastica che garantisca la protezione dalla luce esterna, ma nel contempo lasci scorrere l'acqua al suo interrno. Il tubo, assieme ad altri sensori potrebbe essere ancorato ad un sasso. All'interno di un involucro stagno andrebbe Arduino con un tranceiver per trasmettere i dati ad un ricevitore a terra. Ovviamente l'antennina andrebbe collocata su un galleggiante. Le dimensioni del tutto potrebbero essere tali da far rimanere abbastanza nascosto l'oggetto, specialmente se posto sotto un ponte o qualche salice piangente. La taratura puo' essre fattaa con sostanze apposite che vengono impiegate proprio per questi sensori oppure utilizzando osservazioni a vista dello stato dell'acqua, opportunamente fotografate.
Dunque un po' di bricolage e varie misure di risposta di fd. Se interessa posso riportare su questo topic i risultati a mano a mano che vado avanti.

lesto

quella del led mi pare un'ottima idea, un altro sistema facile veloce ed economico è misurare la resistenza dell'acqua: un pin lo metti a 5v, lasci lo spazio di 1 o 2mm e poi un altro cavo che va a un pin analogico. Misurando la tensione sul pin analogico sei in grado di dare la resistenza dell'acqua, che varia in base alla salinità e alle sostanze disciolte o trasportate.

una schedina SD è facile da collegare, e quindi raccoglie i dati, poi un un transcivers a 433kHz (lenti ma economici, per intenderci sono quelli dei cancelli) una volta ogni tanto vai con un pc (con arduinino + trnsreciver), invii un codice speciale che ti manda tutti i dati su SD.

Per evitare che si riempie la SD io farei un rolling buffer, ovvero i dati più vecchi vengono sostituiti in favore di quelli nuovi. In parole povere, se la SD va da 0 a 10000 byte, quindo arrivi a 10000 ricominco da 0 :)
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

paolometeo2

L'idea del sensore subacqueo per la misura della torbidità e conducibilità è riassunta nel disegno allegato. Rimane da fare delle prove per capire le distanze ottimali tra sorgente luminosa e FD. Per quanto riguarda l'acquisizione e trasmissione dati, userei i Jeenode che sono Arduino compatibili e sono dotati di un tranceiver da 869 MHz. Li ho già provati e funzionano abbastanza bene, tirano fino a 200 m senza ostacoli e soprattutto costano poco. Se ne possono usare diversi, ognuno con il suo ID(nel caso di più sensori) i pacchetti possono essere ricevuti da uno di loro programmato da ricevitore e analizzatore dei dati.

lesto

mi piaccion questi jeenode, sono molto economici per quello che offrono.
Però non usane uno a sensore, un arduino regge un sacco di sensori in contemporanea senza alcuna difficoltà :)

i circuiti li metterei il più vicino possibile all'elettronica, altrimenti le letture del fotodiodo sono influenzate dal "rumore ambientale", che mi aspetto essere più forte in acqua che a terra (il semplice fregare dell'acqua sul cavo CREDO crei delle tensioni elettrostatiche sulla guaina del cavo che si scaricano poi sl filo interno)

lo stesso vale per l'antenna, ma con un minimo di protocollo che divide i dati da trasmettere in pacchetti, e ne richiede la ritrasmissione se un codice di controllo non ha successo, dovrebbe essere più che sufficiente, magari impieghi un paio di secondi in pià per scaricare ma comunque rimane un'operazione da fare una volta ogni tanto.
In caso limite puoi schermare il cavo antenna fino a pelo dell'acqua
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

Go Up