Go Down

Topic: distinguere se una batteria (ricaricabile) sta dando o prendendo corrente (Read 1 time) previous topic - next topic

gingardu

c'è qualche "sistema"  per  distinguere se una batteria (ricaricabile) sta dando o prendendo corrente

anche solo facendo accendere un led 
Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

Michele Menniti

ma in che tipo di circuito? una batteria che viene ricaricata e all'occorrenza alimenta un circuito in genere ha il "percorso" di corrente gestito correttamente tramite diodi. Di norma si controlla la presenza o meno della tensione di carica. Puoi dare maggiori informazioni o meglio mostrare lo schema applicativo a cui ti stai riferendo?
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

gingardu

in qualsiasi circuito  dove è presente una batt. ricaricabile,

come faccio a  sapere   se la batt  sta ricevendo corrente?
Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

astrobeed


come faccio a  sapere   se la batt  sta ricevendo corrente?


Semplicemente misurando il verso della corrente, se è positiva la batteria sta alimentando il circuito, se è negativa la batteria è sotto carica.
Ci sono vari sensori che svolgono questa funzione, p.e. questo, ovviamente dovrai sceglierne uno adatto alle correnti in gioco.


gingardu



come faccio a  sapere   se la batt  sta ricevendo corrente?


Semplicemente misurando il verso della corrente, se è positiva la batteria sta alimentando il circuito, se è negativa la batteria è sotto carica.
Ci sono vari sensori che svolgono questa funzione, p.e. questo, ovviamente dovrai sceglierne uno adatto alle correnti in gioco.




ma qualche spira di filo  attorno al cavo positivo potrebbe funzionare lo stesso?

voglio solo far scattare un "allarme " se la batteria sta erogando corrente (invece di riceverla),

quello del link sembra piu un amperometro  e costa quasi come un tester (scarso)  :smiley-eek-blue:

mi basterebbe una cosa on off  senza tranciare cavi
Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

astrobeed


ma qualche spira di filo  attorno al cavo positivo potrebbe funzionare lo stesso?


Ce ne sono pure di più economici, dipende di quanta corrente parliamo, solo l'IC costa meno di 2 Euro.
Con un sensore contacless (spira attorno al cavo) spendi anche di più visto che serve un apposito sensore, che costa caro, e la relativa elettronica di condizionamento, è comunque una cosa abbastanza complessa da implementare in DC.

Michele Menniti

la difficoltà sta proprio nella bidirezionalità; si potrebbe pensare a mettere due diodi in antiparallelo, uno per la corrente di carica ed uno per la corrente di scarica, a valle di quest'ultimo poi puoi realizzare un circuito; ma tutto si può fare solo vedendo com'è strutturato, perché c'è sempre in ballo la tensione e corrente di carica. Alla fine basterebbe creare un punto in cui c'è tensione solo se la batteria eroga corrente e lì fai ciò che ti serve.


Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

uwefed

Se vuoi avere delle misure precise devi usare un amperometro per corrente continua come per esempio la schedina proposta da astrobeed.
Un altra possibilitá é un a resistenza e un amplificatore instrumentale, ma hai bisogno di un alimentazione piú grande di quella della batteria.

Se vuoi avere una cosa meno precisa (e dipende dal tipo di accumulatore)  puoi andare sulla tensione della batteria. Quando viene caricata é piú alta rispetto a quando viene scaricata. A secondo della curva di carica/scarica e dal valore di corrente puó essere una cosa abbastanza funzionante ma mai cosí immediato come la misura della corrente.
Ciao Uwe


gingardu



ma qualche spira di filo  attorno al cavo positivo potrebbe funzionare lo stesso?


Ce ne sono pure di più economici, dipende di quanta corrente parliamo, solo l'IC costa meno di 2 Euro.
Con un sensore contacless (spira attorno al cavo) spendi anche di più visto che serve un apposito sensore, che costa caro, e la relativa elettronica di condizionamento, è comunque una cosa abbastanza complessa da implementare in DC.


ma scusa....    visto che è una batteria   quindi  corrente continua   mettendo delle spire   attorno al cavo  (10-20)   e se passano 2-3  ampere qualche millivolt li  dovrei  ottenere 
o la faccio troppo semplice?
Le cose si possono considerare facili in due casi: quando le si conosce bene o quando non le si conosce affatto...

astrobeed


Michele Menniti

d'altra parte fai prima a provare che a postare, per rendertene conto... ;)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

uwefed


ma scusa....    visto che è una batteria   quindi  corrente continua   mettendo delle spire   attorno al cavo  (10-20)   e se passano 2-3  ampere qualche millivolt li  dovrei  ottenere 
o la faccio troppo semplice?

Dov'eri quando a scuola hanno spiegato l' induzione elettrica?
U = integrale dFi /dt  (tensione é l' integrale del cambio di flusso magntico nel tempo)
La corrente elettrica continua non produce nessun cambiamento di campo magnetico o di cambiamento di flusso magnetico.
Oltre il fatto che avvolgere un filo intorno a un conduttore non é un trasformatore e giá per quello non funziona neanche con corrente alternata. Devi prendere un nucleo di materiale feromagnetico e avvolgere tutti 2 i cavi (uno della batteria, basta 1 spira e l' avvolgimento che legge la corrente.)

Per misurare una corrente continua puoi usare un trasformatore (spira intorno a un nucleo dove passa anche un cavo della corrente continua ma devi metterci anche 2 avvolgimenti che uno deve essere dato una tensione alternata e sul altro deve essere controllato se la corrente continua mette in saturazione il nucleo e percui esce una tensione minore. 
Oppure usi un elemento Hall come giá proposto da astrobeed in forma del ACS714 che ha giá tutto integrato.
Oppure una resistenza e amplifichi la tensione che c'é sulla resistenza quando passa corrente.
http://it.wikipedia.org/wiki/Induzione_elettromagnetica

Ciao Uwe

astrobeed


Dov'eri quando a scuola hanno spiegato l' induzione elettrica?
U = integrale dFi /dt  (tensione é l' integrale del cambio di flusso magntico nel tempo)

Uwe sei un cattivone, non si fanno queste cose sotto Natale, gli hai tolto tutto il divertimento di provare a giocare con le spire e i presunti mV  :smiley-mr-green:

Michele Menniti

In realtà il cattivone sono io che gli ho detto di fare la prova, Uwe ha solo generosamente dimostrato che la prova sarebbe stata inutile. Il fatto è che Ging non vuole svelare che sta facendo, alla fine con uno schema elettrico davanti la soluzione si implementerebbe facilmente, credo. Tanto per dirne una, se stiamo parlando di una batteria ricaricabile, poiché il circuito di ricarica è sempre protetto contro le tensioni inverse, basta mettere un LED+R in parallelo a quest'ultimo e la questione è finita, no?
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Go Up