Pages: 1 [2]   Go Down
Author Topic: ardu uno ce la fà? quanto è potente??  (Read 2116 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Offline Offline
Newbie
*
Karma: 0
Posts: 1
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Io per fare il monitoraggio dell 'impianto fotovoltaico avevo pensato di leggere in uscita dall'inverter la potenza con uno di quei misuratori che inviano un impulso ogni 0,5w e che hanno lo schermino dove conteggiano i kW/h
invece per verificarne l'efficienza pensavo di montare un pannellino pilota con caratteristiche note in termini di W e di V (5V nello specifico) e di monitorarlo con l'Arduino.... chi mi sa dire come potrei fare a determinarne la potenza effettivamente prodotta? Io pensavo di leggere i V prodotti sfruttando un pin analogico e con un sensore tipo http://www.robot-italy.com/it/1187-acs714-current-sensor-carrier-30-to-30a.html di determinarne la corrente per poter poi determinare i W e confrontarli con i W nominali, chiaramente pensavo di inserire un carico per permettere il corretto funzionamento del pannello!
 
Che ne pensate? Idee in merito?? Proposte???
« Last Edit: February 28, 2013, 12:47:26 pm by pnstefano » Logged

Selvazzano Dentro - Padova
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 45
Posts: 1560
"Chi sa fa, chi non sa insegna"
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Vorrei correggerti solo per evitare che altri che leggono possano confondersi.

L'energia si misura in Wh e non in W/h, essendo il multiplo kWh.

Il misuratore digitale a cui alludi emette 2 impulsi ogni Wh.
In teoria, contando il numero di impulsi ricevuti in un ora, si riesce a determinare la potenza (W), ma non è molto significativa, a meno che il carico non sia puramente resistivo (cosFi = 1).

Infatti, se il carico ha una componente induttiva o capacitiva, la potenza è determinata dal prodotto P = V x I x cosFi ove cosFi (un numero variabile tra (0 e 1) indica lo sfasamento temporale tra Tensione e Corrente (se minore di 1 siamo in presenza di sfasamento).

Buona la scelta del sensore ACS714 per la misura della corrente, a patto di misurare il valore medio raggiunto dopo almeno 50 cicli a 50Hz (20ms x 50 = 1 s): questo significa che dovresti campionare per ridurre il rumore almeno 4 volte (meglio smiley-cool ogni ciclo, quindi ogni 5ms (o 2.5ms). 
Logged

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 49
Posts: 6023
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Io ho preso un cosino da 20A, ad effetto hall, per misurare la corrente di casa, ma poi guardandolo mi sono chiesto, ma potro' mai mettere in serie alla fase del contatore enel quest'aggeggio ?
secondo voi e' corretto far passare tutto il carico di un appartamento attraverso due miseri pin di un integrato ?  smiley-eek





* ACS712.jpg (130.21 KB, 600x600 - viewed 13 times.)
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 336
Posts: 23152
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Leggendo il datasheet, viene detto che quel chippino ha la pista in rame capace di reggere fino a 5 volte la massima corrente per cui è tarato.
Logged


BZ (I)
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 272
Posts: 21940
+39 349 2158303
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Vorrei correggerti solo per evitare che altri che leggono possano confondersi.

L'energia si misura in Wh e non in W/h, essendo il multiplo kWh.

Il misuratore digitale a cui alludi emette 2 impulsi ogni Wh.
In teoria, contando il numero di impulsi ricevuti in un ora, si riesce a determinare la potenza (W), ma non è molto significativa, a meno che il carico non sia puramente resistivo (cosFi = 1).

Non capisco: la potenza attiva misurata dal contatore Enel é la potenza attiva. Perché non dovrebbe essere significativa quando il cosFi é diverso da 1 ?

Quote from: cyberhs
Infatti, se il carico ha una componente induttiva o capacitiva, la potenza è determinata dal prodotto P = V x I x cosFi ove cosFi (un numero variabile tra (0 e 1) indica lo sfasamento temporale tra Tensione e Corrente (se minore di 1 siamo in presenza di sfasamento).

Buona la scelta del sensore ACS714 per la misura della corrente, a patto di misurare il valore medio raggiunto dopo almeno 50 cicli a 50Hz (20ms x 50 = 1 s): questo significa che dovresti campionare per ridurre il rumore almeno 4 volte (meglio smiley-cool ogni ciclo, quindi ogni 5ms (o 2.5ms). 
Visto che la corrente é alternata si deve trovare il valore massimo della corrente per calcolarne il valore effettivo. 4 o 8 campionamenti in un semionda sono troppo poche per pensare di determinare il valore massimo.
Per calcolare la potenza attiva di un generatore di elettricitá o un utenza devi misurare la corrente, la tensione e il sfasamento tra i due.

Ciao Uwe
Logged

Selvazzano Dentro - Padova
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 45
Posts: 1560
"Chi sa fa, chi non sa insegna"
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Per Uwe:

Per il contatore ENEL sicuramente hai ragione (all'interno dovrebbe esserci un misuratore di cosFi), ma per quel misuratore?

Non ho letto nulla a riguardo. Certo mettere sul mercato un misuratore digitale che misura sola la potenza apparente sarebbe pressoché inutile, ma ormai non mi meraviglio più di nulla. 
Logged

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 49
Posts: 6023
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

scusate se insisto (grazie leo per aver letto il datasheet), ma a me anche meccanicamente non convince, ripeto la domanda, cosa ne pensate di quello che vedente in foto in serie alla fase del contatore enel ? a me fa paura  smiley
Se esplode con uno sbalzo di tensione/fulmine resto con la casa isolata. Servirebbe anche un interruttore di bypass in parallelo ?
grazie dei vostri pareri
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 336
Posts: 23152
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

scusate se insisto (grazie leo per aver letto il datasheet), ma a me anche meccanicamente non convince, ripeto la domanda, cosa ne pensate di quello che vedente in foto in serie alla fase del contatore enel ? a me fa paura  smiley
Se esplode con uno sbalzo di tensione/fulmine resto con la casa isolata. Servirebbe anche un interruttore di bypass in parallelo ?
grazie dei vostri pareri
Potresti mettere un relé normalmente chiuso, tenuto aperto dal segnale elettrico prelevato in uscita dal sensore.
In questo modo finché la corrente scorre attraverso il sensore, il relé è aperto.
Nel momento in cui saltasse il sensore (per guasto/fulmine), verrebbe meno il segnale in uscita ed il relé si diseccita, chiudendosi, ridando così tensione all'abitazione.
Logged


Selvazzano Dentro - Padova
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 45
Posts: 1560
"Chi sa fa, chi non sa insegna"
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

La normativa in merito è chiara, Testato: le apparecchiature connesse a valle del contatore devono essere omologate ed installate da personale autorizzato.

Meglio installare un sensore di Hall non invasivo come questo:
www.panucatt.com/product_p/cs-45al.htm
Logged

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 336
Posts: 23152
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

La normativa in merito è chiara, Testato: le apparecchiature connesse a valle del contatore devono essere omologate ed installate da personale autorizzato.
Allora non si potrebbe neanche attaccare alla presa di casa un qualsiasi circuitino autocostruito, se la si dovesse rispettare alla lettera  smiley-wink
Logged


Monselice PD Italy
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 28
Posts: 5515
фон Крыса
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

scusate se insisto (grazie leo per aver letto il datasheet), ma a me anche meccanicamente non convince, ripeto la domanda, cosa ne pensate di quello che vedente in foto in serie alla fase del contatore enel ? a me fa paura  smiley
Se esplode con uno sbalzo di tensione/fulmine resto con la casa isolata. Servirebbe anche un interruttore di bypass in parallelo ?
grazie dei vostri pareri
Ciao Test smiley-wink
io ho usato la versione da 5A di quell'integrato ed un giorno per colpa di un corto credo di avergli fatto passare più di 20A e non si è fritto solo che dava 1024 la lettura dell'ADC xD
Poi se non vuoi usare un ACS o similari puoi usare una pinzetta amperometrica o un trasormatorino... di quelli da mettere in serie e che ti danno in uscita una tensione pari al carico, non li ho mai usato però e non ti so consigliare...
Logged

Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 49
Posts: 6023
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Grazie a tutti dei pareri. Il test di ratto farebbe capire che può rompersi elettronicamente ma non apre il circuito.
Cmq quello postato da cyberhs è eccezionale. Vedo sia più preciso e semplice usare un effetto hall rispetto alla classica pinza a trasformatore, siete d'accordo ?
Cyber tu lo hai già usato con Arduino ?
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Monselice PD Italy
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 28
Posts: 5515
фон Крыса
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Grazie a tutti dei pareri. Il test di ratto farebbe capire che può rompersi elettronicamente ma non apre il circuito.
Cmq quello postato da cyberhs è eccezionale. Vedo sia più preciso e semplice usare un effetto hall rispetto alla classica pinza a trasformatore, siete d'accordo ?
Cyber tu lo hai già usato con Arduino ?
Perdon, devo essermi spiegato in malo modo, il corto era a valle dell'ACS e quest'ultimo pur continuando a condurre senza problemi (dava ovviamente la massima lettura che poteva fare ovvero 1023), una volta tolto il corto ha ripreso a funzionare senza problemi senza accusare alcun sintomo di cedimento, tant'è che a distanza di quasi un anno è li che funziona ancora...
Logged

Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 49
Posts: 6023
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

grazie della precisazione, ancora meglio, oltre a non interrompersi ha anche continuato a funzionare, d'altronde e' proprio l'effetto hall che garantisce isolamento tra primario e secondario, chiamiamoli cosi'  smiley

cmq il sensore di cyber non obbligando al taglio del filo della fase e' molto meglio, qualsiasi cosa succede non puo' aprirsi l'impianto di casa, nemmeno se ci cade dentro un fulmine direttamente  smiley

la differenza in positivo con il classico trasformatore a pinza dovrebbe essere sia la ridotta dimesione, cosa utile per racchiuderlo nel quadro elettrico, sia la comodita' di utilizzo per via dell'uscita meno ostica, che ne pensate ?
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 336
Posts: 23152
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

la differenza in positivo con il classico trasformatore a pinza dovrebbe essere sia la ridotta dimesione, cosa utile per racchiuderlo nel quadro elettrico, sia la comodita' di utilizzo per via dell'uscita meno ostica, che ne pensate ?

Che senz'altro è meglio sganciare un filo per passarlo in un anello che tagliarlo
Logged


Pages: 1 [2]   Go Up
Jump to: