Go Down

Topic: punte saldatore di ricambio (Read 3141 times) previous topic - next topic

euge95

ciao a tutti,
domanda facile facile, sto giocherellando con un saldatore che avevo in casa, però la punta era veramente **** cioè praticamente è diventata ISOLANTE per quanta ruggine c'è sopra, poi l'ho portata al negozio di zona, mi ha dato una punta(l'unica che aveva e pure costosissima) che dopo 1 saldatura la punta è diventata NERA e già alla seconda sembrava mozzata alla peggio... cmq lasciamo perdere, visto che in zona è l'unico negozio stavo pensando di prenderla su ebay, e mi sto perdendo perchè nessuno dice la dimensione delle punte.... ho misurato con il micrometro(non trovavo il calibro) ben 4.97 mm di diametro, la lunghezza è di 5,7 cm, però c'è spazio, lo blocco con una vite, quindi penso che la lunghezza alla fine c'è poca importanza.
stavo vedendo questa
http://www.ebay.it/itm/PUNTA-SALDANTE-NORMALE-stazione-saldatura-saldatore-regolabile-NUOVO-stagno-/110781211245?pt=Saldatori_e_Tester&hash=item19cb13226d&_uhb=1#ht_1781wt_952

però non riesco a capire se è compatibile.... consigli? qual'è la migliore?


leouz

ogni volta che la utilizza la punta devi pulirla! con la punta ancora calda sfregala con una spugnetta di ferro (va bene quella per pulire le padelle) e la tua punta tornerà come nuova.


cece99


secondo te non lo faccio?

Può darsi anche di no, comunque DEVI usare stagno buono, mica di paperino o dei cinesi (anche a me succedeva, ho preso lo stagno buono et voilà)
Il Vero Programmatore non ha bisogno di manuali sull'assembler, sono
  sufficienti i data sheet dei microprocessori.

euge95

ma tipo rispondere alla domanda? cmq vabbe si l'ultima volta non l'ho pulito, ma le prime volte le ho pulite con una spugna umida, diciamo che un po' si appianava ma restava sempre uno strato, e poi ha cominciato anche a deformarsi sopratutto la punta. non credo che lo stagno sia di alta qualità, so che è un 40/60 o 60/40 cmq quello con il 60% di stagno, però costava pochi euro. stavo pensando anche di prendere uno stagno migliore

uwefed

Che potenza ha il saldatore?
Se ha un potenza maggiore di 30 W allora é probabile che diventa troppo caldo e percui si ossida la punta.
Se deformi la punta vuol dire che usi il saldatore in modo errato. Non deve mai essere usato come cacciavite per far forza sui componenti per dissaldarli.
Ciao Uwe

euge95

non applico molta pressione, giusto a tocco per riscaldarlo. cmq anche il saldatore non è che sia granchè è un yamato da 40w. quindi può darsi che sia il saldatore a sparare la temperatura troppo alta?

Michele Menniti

sì, 40w sono tanti, ci vuole una punta specifica per quella potenza e comunque nell'uso comune (per intenderci quello che puoi farci nel mondo Arduino) è assolutamente inadeguato (= esagerato).
Invece di spendere altri soldi per questo saldatore, che magari conservi per qualche saldatura di massa impegnativa, dovresti pensare a comprarne uno nuovo, di tipo stilo e di marca nota, così non avrai problemi a trovare le punte nel tempo.
Riguardo la pulizia anch'io uso la spugnetta umida, ma molti dicono che ossida la punta, questo però vale solo se usi il saldatore ogni 5-6 mesi; comunque ho comprato un barattolino di pasta salda dove immergo la punta dopo averla passata sulla spugnetta, ma solo prima di spegnere il saldatore, e sto ottenendo ottimi risultati.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

uwefed

Un saldatore da 15 a 25 W é sufficente.

Se vuoi proprio spendere tantissimi soldi ci sono quelli della Weller da 60W con termostato magetico incorporato. La punta ha la parte posteriore di un materiale che perde il ferromagnetismo a una determinata temperatura e cosí fa intervenire l' interrutore che regola la temperatura. Ci sono punte per diverse temperature.

Ciao Uwe

cyberhs

Adesso dirò qualcosa che vi farà ridere, ma funziona!

Si potrebbe usare un semplice tondino di rame oppure uno in acciaio.

uwefed

Le punte decenti sono in rame e cromate.
Se si usa un tondino di rame il flussante mangia il rame e la punta a casua della temperatura alta si ossida velocemente.
Un tondino di acciao ha una conducibilitá termica troppo bassa che funzioni bene.

Ciao Uwe

cyberhs

Uwe, hai ragione sulla questione dell'ossido, ma poiché il nostro amico euge95 è probabilmente uno studente (e come tutti gli studenti con poche risorse economiche) ho indicato un metodo economico: lo usavo io quando non trovavo il ricambio e dovevo fare delle saldature in emergenza.

hreplo

1) saldatore decente: weller o ersa e punte originali
2) stagno di buona qualità
3) pulizia con apposita spugnetta umida
4) saldatore adeguato all'uso (15w x smd) (30w per uso normale)


hreplo

aggiungo:

la pasta salda la usano solo gli stagnini, è altamente corrosiva

Go Up