Go Down

Topic: Pilotare contatti puliti esterni (Read 400 times) previous topic - next topic

Brunello

Quote
A questo punto la soluzione più sicurà è utilizzare un relè, considerando però che dovrei comandare 10 ingressi della centralina vorrei, se possibile, utilizzare qualcosa di più compatto e non meccanico.
Puoi usare dei relè reed ( Vedi ).
"C' è chi legge Guerra & Pace e non ci capisce un tubo vuoto; c'è chi legge l'etichetta delle patatine fritte e ci trova la spiegazione del mondo" (J.S. S. architetto napoletano)

m4tteo

Grazie, non li conoscevo.

Dato il costo più alto rispetto ad un foto accoppiatore 4N35 perché dovrei preferirli? (la domanda non è polemica)

uwefed

Non so risponderti consigliandoti qualcosa che andrá poi bene per tutte le centraline in comercio.

Di che entrate della centralina stiamo parlando?

Ciao Uwe

m4tteo

Con Arduino vorrei pilotare gli ingressi della centralina d'allarme predisposti per il collegamento con i sensori filari (es: quelli magnetici per le finestre/porte)

uwefed

#19
May 26, 2015, 08:38 pm Last Edit: May 26, 2015, 08:55 pm by uwefed
Questo lo ritengo una butta idea.

Per primo le entrate sono fatte in modo da riconoscere un filo tagliato e non solo se il sensore é azionato o no.
Per secondo sabotti un sistema affidabile come un antifurto comerciale pilotandolo con un circuito fatto da te.
In poche parole lascia stare.

Ciao Uwe

m4tteo

Non è corretto dire che non è una buona idea in quanto andrei ad aggiungere un numero maggiore di sensori alla centrale. Arduino serve semplicemente per rivelare segnali/stati non del tutto previste dalla sensoristica messa a disposizione di una centrale d'allarme e non andare a sostituire i sensori relativi alle finestre con anti tamper/cut (solo nel caso la centrale preveda 4 fili).





uwefed

È corretto dirlo perché vuoi combinare un prodotto commerciale che é stato proggettato come si deve e che é stato testato per bene e venduto su scala nazionale/mondiale con un circuito che vuoi costruirti da te da principiante.

Di quali "segnali/stati non del tutto previste dalla sensoristica" stai parlando?
Ciao Uwe

Etemenanki

...
Dato il costo più alto rispetto ad un foto accoppiatore 4N35 perché dovrei preferirli? (la domanda non è polemica)
Come informazione generale ... i fotoaccoppiatori sono legati alla presenza di una tensione di alimentazione (senza non funzionano) e possono funzionare nel range di tensione del transistor interno al fotoaccoppiatore, mentre i reed funzionano come dei pulsanti fisici (sono cioe' dei contatti mecanici), solo pilotati da una tensione, per cui possono essere usati anche in campi in cui i fotoaccoppiatori non funzionerebbero (ad esempio, per connettere linee di segnale, linee con potenziali non riferiti a massa o anomali, in parallelo a tasti scansionati a matrice o per valore resistivo, e cosi via) ... il fatto poi di usarli o meno dipende appunto dalla tua applicazione ... solo per fare un'esempio, se ci devi solo chiudere degli ingressi verso massa o verso il positivo, non sono indispensabili, se ci devi chiudere delle linee con resistenza nota, come quelle antimanomissione, ti servono per forza)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Go Up