Go Down

Topic: Ponte raddrizzatore: di fabbrica o con diodi schottky? (Read 2 times) previous topic - next topic

Michele Menniti



Ma a questo punto diventa ininfluente anche la caduta o è vero che è preferibile usare gli schottky per diminuire la caduta?


Non è ininfluente, infatti ho scritto che tocca sottrarre il valore della caduta per i due diodi che vanno in conduzione di volta in volta, ovvero circa 1.4 V con diodi normali, circa 0.8V con diodi schottky.
Per capirci meglio, se la tensione AC nominale è 12V ai capi del condensatore, a vuoto, misuri (12-1.4) * 1.41 = 14.9V

Poiché prima scrivevi che la tensione a vuoto in realtà non va considerata in quanto sotto carico scende, ed inoltre aumenta il ripple, quello che vorrei capire è se, a conti fatti, usare un ponte con 4x1n5819 permette di ottenere una tensione UTILE maggiore di quella che si ha con 4x1n4007. Perché se il vantaggio non è reale ma solo fittizio, mille volte meglio un ponte già fatto.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Testato

Mike la caduta di tensione c'è' sempre, AC.DC.sotto carico.no carico quindi se sei tu a scegliere il trasformatore no Problem per i diodi standard, ma se devi raddrizzare una tensione preesistente puoi recuperare quel po di V con diodi schottky
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

astrobeed


Poiché prima scrivevi che la tensione a vuoto in realtà non va considerata in quanto sotto carico scende, ed inoltre aumenta il ripple, quello che vorrei capire è se, a conti fatti, usare un ponte con 4x1n5819 permette di ottenere una tensione UTILE maggiore di quella che si ha con 4x1n4007. Perché se il vantaggio non è reale ma solo fittizio, mille volte meglio un ponte già fatto.


Fin da subito ho scritto questo :

Quote

E' vero che se misuri ai capi del condensatore dopo il ponte trovi una tensione pari a quella alternata in ingresso - la caduta sul ponte, tipicamente 1.4 V, moltiplicata per 1.41, questo perché il valore di targa dei trasformatori/generatori è quello della tensione efficace e non quello della tensione di picco, la tensione efficace, o rms, è pari a Vp / 1.41


Ovvero che la tensione finale in uscita è pari alla Vp AC - la tensione di caduta su due diodi del ponte il tutto moltiplicato per 1.41, va da se che se perdi 1.4V sul ponte la reale tensione DC utilizzabile alla  massima corrente è pari Vac (nominale del trasformatore/generatore) meno la caduta su i diodi, ovvero se il trasformatore è 12 Vac, con ponte di diodi classico, la tensione a vuoto sul filtro è (12-1.4) * 1.41 = 14.9V mentre la reale tensione DC sfruttabile, a monte del regolatore, è pari a 12-1.4 = 10.6V, oppure 12-0.8 = 11.2 Volt.
Va da se che se vuoi una reale tensione DC pulita e stabile è obbligatorio mettere un regolatore di tensione dopo il filtro il che ci porta a perdere ulteriore tensione per via del drop out su questo, ovvero da 12Vac in realtà puoi ottenere circa 9.5V DC reali se usi un buon LDO, inutile dire che serve una bella aletta di raffreddamento se il regolatore è di tipo lineare perché in funzione della corrente la tensione in ingresso parte da 14.9V il che comporta una discreta dissipazione di calore anche con correnti basse.

Michele Menniti

OK, chiaro, quindi nel suo caso, che lamentava una tensione di partenza piuttosto bassa, la soluzione con i 4 diodi schottky è utile perché gli fa recuperare oltre ½ Volt (anche se ho sempre letto che la caduta di tensione sugli schottky dovrebbe essere di 0,2V), poi cosa deve farne, se gli serve un regolatore e di che tipo, non è argomento che ha affrontato quindi è una parte di discorso che è utile conoscere ma che non serve approfondire. Grazie!
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

astrobeed


(anche se ho sempre letto che la caduta di tensione sugli schottky dovrebbe essere di 0,2V)


Dipende da diverse variabili, non ultimo la corrente massima che reggono, tipicamente i diodi  schottky ad uso raddrizzatore hanno una caduta di tensione di circa 0.3-0.4V, quando si fa il dimensionamento è sempre bene prendere in considerazione i casi peggiori.

Go Up