Go Down

Topic: Pannello sostituzioni giocatori (Read 5612 times) previous topic - next topic

Etemenanki

#45
May 03, 2013, 12:29 pm Last Edit: May 03, 2013, 02:57 pm by Etemenanki Reason: 1
E' solo un suggerimento, ognuno lo realizza come preferisce ;) ... ho riguardato i datasheet, il 4511 sembra meglio del 4055, perche' non visualizza le lettere H L P A per le combinazioni sopra il 9 ... che potrebbero generare confusione ...

EDIT: dimenticavo, questa e' la versione con il 4511, i piedini non sono gli stessi del 4055 :P
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Ciao,
mi ricollego a questa discussione perchè stavo pensando ad un progetto che idealmente è simile.
Devo fare un tabellone visibile da un campo all'aperto.

Il tabellone deve mostare delle informazioni dei due giocatori che in particolare sono:

- 6 numeri da 0 a 9 (gestisce in generale la partita)
- 2 numeri da 0 a 99 (gestisce il punteggio)

Pensavo quindi di usare in totale 10 display a 7 segmenti e il max7219 per pilotare il tutto.
Il cambio punteggio dovrebbe avvenire tramire 2 telecomandi (uno per giocatore).

Mi è stato consigliato di cominciare a fare degli esperimenti con dei display piccoli e sto aspettando che arrivino.
I miei dubbi ancora prima di provare sono:
- è possibile far alimentare il tutto con una (o più) batteria/e: display a 7 segmenti di 15cm +arduino+un punto luminoso che si accende per gestire il turno dei 2 giocatori?
-per i telecomandi quali componenti mi servono?

Grazie

uwefed

Non puoi usare il MAX7219 insieme a dei moduli 7 segmenti con piú LED in serie come quelli di dimensioni grandi.
Devi pilotare i display in modo diverso.

Ciao Uwe

Etemenanki

Puoi usare lo schema di principio che ho postato, pilotando i contatori con arduino, ad esempio ... in quello schema, il display a 7 segmenti (quello con le resistenze) e' usato solo come visualizzatore, mentre le cifre sono fatte con degli spezzoni di striscie a led (quelle da 6 led ogni 10 cm) ... dato che usa gli ULN, ci puoi pilotare anche strip di led ad alta visibilita' ;)

(nota: nel disegno ho messo delle serie di led per semplicita', e perche Eagle non ha alcun simbolo per le strip di led, per indicare i segmenti della cifra grande ... nella realta' le strip di led hanno gia le loro resistenze sulla striscia e sono in parallelo, per quello si usano a 12V senza resistenza esterna)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Grazie mille per le risposte.
Scusa Etemenanki ma non riesco a trovare gli schemi di cui parli

Etemenanki

lo schemino allegato sotto il mio post precedente (reply 45 del 3 maggio) ... clicca sull'immagine piccola per aprirla ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Trovato :D
Premetto che di elettronica conosco solo le basi (sono un programmatore).

Se ho capito bene ULN2003 mi serve per pilotare gli strip LED e il 4511 e 4518A sono dei contatori che collegherò al mio arduino.
Quindi visto che devo pilotare 8 cifre che vanno da 0 a 9 e 2 cifre che vanno da 0 a 99 con gli strip led "creo" in totale 10 visualizzatori di cifre, ci vorrano 10 ULN2003 per ogni cifra visualizzata?

Etemenanki

Si potrebbe anche fare in multiplexing, ma la visibilita' poi diminuisce, perche' ogni cifra resterebbe accesa solo 1/10 del tempo ... oppure si potrebbero multiplexare due diversi gruppi, quello dei due "99" e quello delle cifre singole, ma cosi credo si incasini un po il programma (ed io di software ancora non ne capisco a sufficenza per poter dare una mano con quello) ... oppure si puo alimentare la parte dei display grossi, quelli realizzati con le strip, con una tensione maggiore di 12V, in modo da compensare la luminosita' rimanendo all'interno dell'assorbimento medio dei led ... vediamo ...

Mi sembra di capire che a te' non serve un pannello tipo quello dello schema (sostituzione giocatori, ad azionamento manuale), bensi un pannello che poi gestiresti tutto con arduino ed il software, giusto ? ... se e' cosi, posso cercare di disegnarti uno schema di principio che usi una sola decodifica e driver, e che pilota le cifre in multiplexing, oppure un sistema a due gruppi gestiti da shift register, che pero' richiederebbero molti piu componenti (un ULN ed uno shift register per ogni cifra, quindi 10 e 10, ed inoltre in questo modo dovresti gestirti tu le cifre accendendo e spegnendo i segmenti da programma) ... oppure ci sarebbe una soluzione "ibrida", usando 5 shift register, ma poi servirebbero ancora piu componenti ...

Facciamo cosi, intanto ti allego uno schema per il circuito multiplexato, che e' quello che richiede meno componenti esterni, anche se il multiplexing lo devi fare poi tu da software, poi vediamo.

Tieni presente che e' uno schema indicativo, non dettagliato ... ti ho disegnato solo 3 "cifre" perche' sono tutte collegate allo stesso modo, tutti gli anodi di una singola cifra sono connessi insieme e pilotati da un transistor PNP (quindi in logica inversa, per accendere la cifra devi dargli uno zero), mentre i catodi di tutti i segmenti uguali di tutte le cifre sono collegati insieme ed alla corrispondente uscita dell'ULN (puoi usare anche un 2803 al posto del 2003, l'unica differenza e' che il 2803 ha un transistor in piu)

Il pilotaggio in multiplexing e' (relativamente :P) semplice ... mandi il codice BCD della prima cifra sulle uscite collegate agli ingressi del decoder (A0, A1, A2, A3), poi mandi a zero l'uscita collegata a DS1 per, diciamo, 2mS, poi la riporti ad uno, mandi il codice della seconda cifra al contatore, mandi a zero DS2, e cosi via in sequenza, poi ripeti il tutto in un loop continuo ... ovviamente il positivo che va connesso ai display (mi sono dimenticato di disegnarlo :P  :smiley-sweat:) non e' il 5V dell'arduino, ci vanno almeno 12V, meglio se 14 o 15 per aumentare la luminosita' delle cifre, dato che in multiplexing, rimanendo accese solo un decimo del tempo complessivo, sarebbero meno luminose che alimentate in continuazione ... la gestione del multiplexing e' un po complessa a livello di programma, ma ti consente di pilotare 10 cifre usando solo 14 pin, il che non e' poi male ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Esatto, vorrei gestire tutto con arduino e il software perchè vorrei (oltre ad imparare arduino :D ) che il tutto sia controllato con dei telecomandi dai 2 giocatori, nel senso che ogni volta che fanno punto siano loro stessi tramite telecomando ad aumentare i punti e poi una delle estensioni che mi piacerebbe fare una volta finito questo progetto è quella di far interagire arduino con una pagina php.

Nella pratica come posso dargli 15V? Arduino al massimo eroga 5v, quindi, oltre ad alimentare con una batteria arduino, devo usare un'altra batteria per far funzionare tutto il circuito? -->forse dico delle boiate assurde...


Etemenanki

Se intendi usarlo a batterie, non so quanto potrebbero durare, specie se dovessero rimanere sempre accesi (le strip consumano abbastanza :P) ... se ad esempio usi dei pezzi da 10cm e 6 led 5050 per ogni segmento per avere il massimo di luce, con 10 display hai 70 segmenti, cioe' 7 metri di strip, considerando che consuma circa 1,2A per metro, se fossero tutti accesi in continua, sarebbero circa 8ampere e mezzo  :smiley-eek-blue: ... comunque, multiplexandoli, la luminosita' si riduce ed anche i consumi ... se usi il multiplexing di tutti e 10 in sequenza, rimangono accesi uno alla volta, quindi al massimo avresti meno di 1A di consumo effettivo ... ma a batteria, sempre tanti sono ... ti consiglio di prevedere un'alimentatore esterno dalla rete, ed al massimo una batteria interna di backup, cosi se e' disponibile una presa, si usa quella, se invece non c'e', anche con un po di luminosita' in meno funzionerebbe lo stesso, almeno finche' dura la batteria ...

Poi l'alimentazione di arduino la prendi dalla batteria principale, o con un regolatore lineare, o con uno switching, disaccoppiandola e filtrandola con un diodo ... potresti fare in questo modo: alimentazione a 16 V dalla rete (un normale alimentatore per vecchi notebook ibm di quelli da 16V, tipo questi http://www.ebay.com/itm/16V-4-5A-Laptop-Battery-Charger-AC-Adapter-5-5mm-x-2-5mm-Power-Cord-for-IBM-/271091686768?pt=Laptop_Adapters_Chargers&hash=item3f1e52dd70 o simili) , piu pacco di batterie interno, ad esempio una PB-gel per i 12V (minore luminosita'), oppure una dozzina di mezze torce Ni-Mn per avere 14,5 / 15 V , con un circuito che le ricarica quando l'alimentatore di rete e' inserito, e che le connette automaticamente quando manca la rete ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Il pannello conta punti è portatile, quindi, vorrei fare in modo che funzioni anche a batterie. Il massimo sarebbe farlo funzionare sia a batterie che con l'alimentatore(quando in funzione le batterie si ricaricano)

Pensi sia fattibile?

Saranno accesi tutti e 10 senza interruzione per un massimo di 3h.

Etemenanki

#56
Aug 15, 2013, 04:43 pm Last Edit: Aug 15, 2013, 04:45 pm by Etemenanki Reason: 1
Io personalmente, dato il tipo di utilizzo, lo farei in questo modo (schema allegato), molto semplice e senza tanti fronzoli, ma funzionale ...

Usando un'alimentatore come quello che ti ho linkato ... i due diodi in serie riducono i 16V a circa 14,5, e la resistenza di potenza limita la corrente di carica delle batterie (e' una carica relativamente "lenta" ma abbastanza sicura, perche' piu si carica e meno corrente richiede, e dato che continua anche per tutto il tempo in cui il pannello rimane acceso, ed anche quando e' spento ma con l'alimentatore inserito, e' sufficente attaccarlo la sera prima per avere gia le batterie cariche quando servono) ... il diodo dalla batteria allo switch e' una protezione, mentre quello che "salta" gli altri, fra l'ingresso e l'interruttore evita che la batteria venga usata dal circuito quando l'alimentatore e' inserito ... le uscite vanno al positivo dei led (+V LED, circa 16V con l'alimentatore e circa 14V con la batteria, sufficenti a compensare in parte il calo di luminosita' dovuto al multiplexing) ed al jack di arduino (circa 10V con l'alimentatore e circa 8V con la batteria) ...


EDIT: hai gia pensato alla parte "meccanica" ? ... anche quella e' importante, se vuoi una buona visibilita' ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

fenicexx

Meccanica intendi il rivestimento? Stavo valutando di usare il plexiglas e delle cerniere per poter ripiegare il tutto in due in modo da occupare il minorspazio possibile.

Lo schema finale, quindi è l'unione tra gli ultimi due che hai allegato? Il primo il multiplexer dove sono anche presenti gli strip led e poi quest ultimo che "gestisce l'alimentazione"?

Comunque grazie mille per l'aiuto :D

icio

Fenicexx, perchè non hai aperto un altro argomento con la tua domanda invece di inquinare questo argomento?

Non ti rendi conto che tutto ciò che và oltre l'argomento in esame rende più difficoltoso qualsiasi ricerca da parte degli utenti e autorizza qualsiasi utente a fare di ogni topic un bla-bla-bla?

Etemenanki

Per parte meccanica intendo anche l'assemblaggio dei display in se ... le striscie di led sono abbastanza luminose, ma sono pur sempre 6 punti in 10 cm di spazio, senza una qualche soluzione per definire le sagome dei segmenti e diffondere la luce in modo uniforme, e magari aumentarne il contrasto, restano punti luminosi che potrebbero risultare non chiaramente leggibili.

Ci sono parecchi sistemi per realizzare il tutto, comunque ... cosi al volo, a me viene in mente, ad esempio, polistirolo e "lucidi" da disegno in poliestere ... o plexiglass sabbiato, se disponibile, ma il plexiglass ha la brutta abitudine di costare discretamente :P ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Go Up