Go Down

Topic: Problemi realizzazione ragno 4 zampe/8 servomotori (Read 2426 times) previous topic - next topic

gbyolo

intendevo usare un regolatore ogni due servo altrimenti avrei solo 1,5A per tutti i servo il che è poco :S quindi dovrei prendere un regolatore che regga più corrente, ci piazzo due condensatori e sto a posto :)
Grazie a tutti!

uwefed


intendevo usare un regolatore ogni due servo altrimenti avrei solo 1,5A per tutti i servo il che è poco :S quindi dovrei prendere un regolatore che regga più corrente, ci piazzo due condensatori e sto a posto :)
Grazie a tutti!

1 regolatore per 2 Servo va bene. Basta collegare tutte le masse.
Altrimenti prendi un aaliemntatore switching di potenza e tensione adeguata.

Ciao Uwe

gbyolo

#17
Jun 23, 2013, 10:15 am Last Edit: Jun 23, 2013, 12:27 pm by gbyolo Reason: 1

1 regolatore per 2 Servo va bene. Basta collegare tutte le masse.
Altrimenti prendi un aaliemntatore switching di potenza e tensione adeguata.

Ciao Uwe


Un regolatore ogni due servo, quindi 4 regolatori con Vin che è sempre quella del generatore, la massa in comune con servo e arduino, e la Vout va ad alimentare i due servo. Grazie per la pazienza!


oppure usa il regolatore per pilotarci uno o piu transistor di potenza connessi come regolatori in serie (ovviamente se piu di un transistor, ognuno dovra avere la sua brava resistenza di potenza da 0,1 ohm o simile sull'emettitore :) ) ...


Uhm, questa cosa mi interessa...

Etemenanki

Ti ho buttato giu uno schema di principio ... i condensatori elettrolitici vanno bene da 220uF in su, a parte l'ultimo che deve essere dimensionato in base alla corrente totale che ti serve (regola "spannometrica", sui 2000uF per ogni A, se e' di piu non fa male), i condensatori non elettrolitici possono essere normali 100nF poliestere, il transistor puo anche essere un vecchio 3055, o un MJE, o comunque uno NPN che regga piu della corrente che ti serve, la resistenza sulla base mettila da 1 ohm 3 o 5 W se il transistor e' bello robusto.

Il risultato migliore si ottiene usando un regolatore variabile, tipo LM117 o simili, cosi la regolazione compensa anche le cadute (anche con un regolatore fisso puoi comunque compensare la caduta sul transistor, mettendo un diodo 1N4007 fra il terminale GND del regolatore fisso e la massa, catodo a massa ... non e' il massimo ma funziona ;) )
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

uwefed


Ti ho buttato giu uno schema di principio ...


e buttalo subito nel cestino.
Con un transistore messo cosí non avrrai mai una tensione stabile sull'uscita.

http://www.circuit-zone.com/?electronic_project=697

Ciao Uwe

Etemenanki

Ciao uwe, si, quella configurazione la conosco, ma il problema di usare un PNP di potenza e' che non se ne trovano molti, e reggono meno corrente di un'NPN.

In compenso con un PNP hai meno caduta di tensione e piu stabilita'.

E' anche per quello che consigliavo di usare con quella configurazione un regolatore variabile, come ad esempio i 117 o i 1117 , cosi la controreazione della regolazione viene presa direttamente dall'uscita e compensa anche le cadute e le instabilita' (l'ho usato con il 117 per alimentare un carico che varia in continuazione da 5 a 25A, con un TIP3055 che ne pilota altri 4, e fin'ora sta funzionando senza problemi ;) )
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

gbyolo

Provato con l'alimentatore per PC, i servo impazzivano lo stesso!
Abbiamo riprovato con l'alimentatore vecchio e 4 regolatori di tensione, ognuno per una gamba, però oltre ad impazzire i servo, i regolatori bruciavano e c'era una caduta di tensione a 3V.
La cosa strana è che la scorsa volta che abbiamo provato tutto funzionava, questa volta invece no, eppure il circuito e i componenti sono sempre gli stessi.

Non sappiamo più cosa fare...

Go Up