Go Down

Topic: LED IR multipli e NE555 (Read 1 time) previous topic - next topic

Gaspa

Feb 16, 2013, 04:20 pm Last Edit: Feb 16, 2013, 04:45 pm by Gaspa Reason: 1
Ciao a tutti.
Per un progetto che sto portando avanti ho la necessità di pilotare dei LED a infrarossi,
con un ondra quadra a 38Khz. Siccome le 'file' di LED IR saranno molte, per alleggerire il carico
all'Arduino (UNO R3) ho pensato di utilizzare un NE555 come generatore di onda quadra,
attivandolo e spegnendolo semplicemente alzando/abbassando un pin d'uscita dell'Arduino.
In pratica ci sono N uscite dell'Arduino che pilotano N NE555, e ogni NE555 pilota 8 LED.

Ho trovato questo bellissimo schema sulla configurazione di un NE555 per generare un onda quadra a 38Khz,
il mio problema è che il LED che il NE555 deve pilotare non è solo uno, ma sono molti (8 nella prima demo).
I led sono TSAL6200 (datasheet), con una caduta di tensione
ai capi di circa 1,35v e corrente massima 100mA.

A complicare il tutto c'è pure il fatto che vorrei modificare l'intensità dei LED in modo che raggiungano
una certa intensità stabilita (solo la prima volta, poi al posto del potenziometro metterei una resistenza fissa).

Il NA555P che utilizzerò (a 5v) ha una corrente massima in uscita di 225mA.

Secondo voi come dovrei procedere?

Mi viene da pensare che dovrei prima provare con un LED unico e vedere a quanta corrente lo voglio far andare,
e poi fare i calcoli per tutti gli altri. Il problema è che sto facendo la spesa di tutti i componenti e mi andrebbe
comodo prendere già i transistor giusti per il pilotaggio.. voi che dite?

Grazie :)

EDIT: Provo a rispondermi da solo.
Ho messo i dati di cui sopra in questo calcolatore: http://led.linear1.org/led.wiz
E fin qui tutto ok. Mi dice che l'array di LED consuma 300mA, e visto che il 2n2222 va bene fino a 800mA
ci siamo. Giusto?
Ora, per diminuire l'intensità dei LED come posso procedere? Provo con uno, con in serie un potenziometro, e
quando ho trovato l'intensità giusta misuro la corrente che attraversa il LED e metto quella nel calcolatore?

EDIT2: Questo http://www.robotroom.com/Infrared555Schematic.gif bellissimo schema  :D

Michele Menniti

Conosco quello schema, effettivamente è simpatico :) detto questo il 555 lavorerà a 38kHz fissi e R2 ti serve proprio per ottenere tale frequenza (una volta trovato il valore puoi mettere una R commerciale fissa, i LED IR tollerano benissimo frequenze tra 36 e 40KHz).
In quel circuito il limitatore di corrente è la R3 da 47ohm che intanto dovrai ricalcolare in base alla corrente di 300mA, ovviamente gli 8 LED dovranno essere montati in parallelo, altrimenti con 5V non vai da nessuna parte. Calcolato il valore per la massima corrente puoi mettere un reostato a filo in serie alla R ed in tal modo potrai limitare la corrente a piacimento, fino a spegnere i LED:
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

superzaffo

Scusa Michele, ma vista la mia voglia e curiosità di colmare le mie lacune.. (molte) ti chiedo... come mai un reostato e non un potenziometro ?
Ci sono reostati comandabili tramite segnale analogico o digitale ?

grazie

Michele Menniti

la differenza che io intendo tra reostato e potenziometro è che il primo ha solo due capi, più o meno come un laterale ed il centrale del potenziometro; in realtà volevo scrivere reostato a filo, perché sono i tipi in grado di sopportare correnti elevate, un comune potenziometro si danneggerebbe.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

cyberhs

Aggiungo che però sarebbe meglio ritoccare il valore di R4 (4.7k) di quello schema.

La corrente di collettore che scorre, posto una hfe = 80, è solo circa 80 mA: meglio portare la resistenza a 470 ohm

Michele Menniti


Aggiungo che però sarebbe meglio ritoccare il valore di R4 (4.7k) di quello schema.

La corrente di collettore che scorre, posto una hfe = 80, è solo circa 80 mA: meglio portare la resistenza a 470 ohm

verissimo, il guadagno di quel transistor è piuttosto basso
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Gaspa

Grazie a tutti delle risposte, farò così!

nid69ita

A questo link molto sul NE555 (in inglese)
http://www.sentex.ca/~mec1995/gadgets/555/555.html
Per gli esperti di elettronica, sono affidabili gli schemi e le info?
my name is IGOR, not AIGOR

Michele Menniti

Guarda, il 555 è una benedizione dell'Elettronica, oscilla pure se lo leghi ad uno spago, è a rischio di moto perpetuo. Esistono in giro migliaia di circuiti basati su questo integrato, non ricordo mai di averne trovato uno non funzionante, quindi puoi stare tranquillissimo.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Go Up