Go Down

Topic: Open Source??......solo nel termine stretto (Read 3430 times) previous topic - next topic

vittorio68

intervengo solo ora soltanto a causa di impegni di lavoro...

Posso capire il disagio di chi vuole imparare qualcosa ed è costretto a leggere la documentazione in una lingua che non gli è familiare, ma mi pare un po' esagerato "pretendere" uno sforzo maggiore da parte di chi ha già condiviso gratuitamente il proprio lavoro. Questo a prescindere dalle motivazioni che hanno spinto il team ad utilizzare esclusivamente la lingua inglese.

Quote
ma allora lo sforzo di redarre una guida a pagamento per gli utenti lo fa e aggiornare il sito no? A questo punto non fare neanche la guida! perchè sembra ancora di più che chi non sa l'inglese deve letteralmente pagare per conoscere le basi di Arduino.E che dire del sito shop ufficiale ..........Ma guarda! C'è anche in italiano, allora quando si dve far spendere i soldi agli utenti è giusto che capiscano per bene altrimenti non comprano.....è giustificabile?


Questo poi, scusami, ma mi pare proprio il colmo. In passato ho più volte visto la scritta Micro$oft utilizzata dai sostenitori dell'open source per polemizzare contro la maledettissssssima politica di una azienda di scegliere di far pagare il proprio lavoro. Non mi era però ancora capitato di vedere il contrario... Polemizzare contro un team che ha scelto l'open source (anche hardware, non solo software...) perchè profonde qualche energia *anche* nella parte commerciale. Con il prossimo intervento chiederemo al team Arduino di rendersi disponibile non per corsi di formazione personali e gratuiti ma direttamente per progettarci i nostri shields/sketch.

Mi permetto di sottolineare che "open source" non è mai stato sinonimo di "gratuito" come molti pensano... Io personalmente non ci trovo nulla di strano quando vedo il team Arduino promuovere gli aspetti commerciali del proprio progetto.

uwefed

stenoxp stai polemizzando per il gusto di polemizzare. Questo é una cosa brutta. Non condivido la Tua opinione che Arduno dovrebbe curare di piú la documentazione in italiano. Se non sei d' accordo allora scrivi Tu una guida in italiano. Se non Ti piace il progetto Arduino allora lascialo stare. Sará una cosa non adatta a Te e percui perché dovresti perderci tempo?

per la cronaca: Massimo Banzi non ha scritto il libro "Getting Started With Arduino" in italiano, ma ha scritto la versione inglese. La casa editrice ha i diritti di tradurrlo e l'ha fatto tradurre da altri senza coinvolgere Massimo.

Tanti saluti Uwe

leo72

Stenoxp:
Qui la maggioranza accetta Arduino così com'è, e tu sei libero di pensarla in modo diverso, l'Arduino non è un dogma. Puoi criticarlo quanto vuoi, è nel tuo diritto. Però a me sembra che tu ponga la critica sulla tua personale scarsa conoscenza dell'inglese e non su basi più serie.  ;)

astrobeed


stenoxp stai polemizzando per il gusto di polemizzare. Questo é una cosa brutta. Non condivido la Tua opinione che Arduno dovrebbe curare di piú la documentazione in italiano. Se non sei d' accordo allora scrivi Tu una guida in italiano. Se non Ti piace il progetto Arduino allora lascialo stare. Sará una cosa non adatta a Te e percui perché dovresti perderci tempo?


Concordo al 100% :)
Per la questione lingua esistono i vari forum localizzati dove si può chiedere aiuto nel proprio linguaggio, quello italiano è il più attivo in assoluto, non si è mai negato l'aiuto a nessuno anche se fa domande terra terra, basta fare una ricerca con google per trovare tantissimi siti italiani che parlano di Arduino con tanto di tutorial, non mi pare che ci sia questo grande problema linguistico e/o scarsità di documentazione in italiano.

stenoxp


Non mi era però ancora capitato di vedere il contrario... Polemizzare contro un team che ha scelto l'open source (anche hardware, non solo software...) perchè profonde qualche energia *anche* nella parte commerciale. Con il prossimo intervento chiederemo al team Arduino di rendersi disponibile non per corsi di formazione personali e gratuiti ma direttamente per progettarci i nostri shields/sketch.

Mai detto che deve essere gratuito! L' UNO l'ho pagato e anche una sciocchezza rispetto a quello che vale e non critico che ci guadagnino da questo progetto....ci mancherebbe , la mia osservazione era solo che se la politica doveva essere inglese=internazionale dovevano applicarla anche nel e-commerce e non che al primo accesso vedi queste 3 belle icone tra le quali sventola il tricolore.Se guardiamo alla forma il sito shop ufficiale è ben costruito e ci sono 3 lingue disponibili inglese , italiano , spagnolo e non cinese,hindi ed arabo.
Mi duole solo constatare che quando c'è del guadagno le cose sono fatte per bene e curate (sacrosanto) e come presentazione della piattaforma si è scelto un'altra strada e la scelta non la condivido.

Stenoxp:
Qui la maggioranza accetta Arduino così com'è, e tu sei libero di pensarla in modo diverso, l'Arduino non è un dogma. Puoi criticarlo quanto vuoi, è nel tuo diritto. Però a me sembra che tu ponga la critica sulla tua personale scarsa conoscenza dell'inglese e non su basi più serie.  ;)

Ribadisco che considero questa piattaforma una rivoluzione e benedico gli sviluppatori per una scelta tanto coraggiosa , in quanto alla disponibilità di far conoscere il progetto in varie lingue direttamente dalla homepage e non implementarla la considero eccome una cosa seria si parla di serietà e dimostrazione di elasticità , imporre una sola lingua è solo una presa di posizione e stop troppo comodo continuare a nascondersi dietro all'internazionalità.

stenoxp stai polemizzando per il gusto di polemizzare. Questo é una cosa brutta. Non condivido la Tua opinione che Arduino dovrebbe curare di piú la documentazione in italiano. Se non sei d' accordo allora scrivi Tu una guida in italiano. Se non Ti piace il progetto Arduino allora lascialo stare. Sará una cosa non adatta a Te e percui perché dovresti perderci tempo?

per la cronaca: Massimo Banzi non ha scritto il libro "Getting Started With Arduino" in italiano, ma ha scritto la versione inglese. La casa editrice ha i diritti di tradurrlo e l'ha fatto tradurre da altri senza coinvolgere Massimo.

Tanti saluti Uwe

Io polemizzo perchè  è sacrosanto farlo non stò gettando fango sull'intero progetto o su Banzi in particolare hanno fatto e penso continuino a fare un buon lavoro , quello che mi rode è che anche tu come altri travisate quello che intendo dire e mi fa capire che è meglio gettare la spugna , ho l'impressione di parlare con dei seguaci che difendono a spada tratta il loro beniamini a discapito di qualche mancanza da essi commessa perchè di questo si tratta di una mancanza e non di chissà che abominio.
Ho rispetto per il loro lavoro e li ammiro , sono un sostenitore attivo di questo progetto ,nonostante le poche conoscenze, e cerco di divulgare a mio modo che è questa la filosofia giusta da adottare in questo secolo ma questo non può sottrarmi dal fare qualche critica se sensata e civile.

Concordo al 100% :)
Per la questione lingua esistono i vari forum localizzati dove si può chiedere aiuto nel proprio linguaggio, quello italiano è il più attivo in assoluto, non si è mai negato l'aiuto a nessuno anche se fa domande terra terra, basta fare una ricerca con google per trovare tantissimi siti italiani che parlano di Arduino con tanto di tutorial, non mi pare che ci sia questo grande problema linguistico e/o scarsità di documentazione in italiano.

ma li leggete i post o postate tanto per riempire il forum.......LO SO!! se so qualcosa su Arduino è grazie a questi canali , non è questo che intendo e continuate a riproporre le stesse risposte.........ed io ad affermare la sola cosa che ho detto sin dall'inizio ossia che sarebbe stata cosa equa e coerente proporre il Main Site in varie lingue per il semplce e logico fatto che se uno sente parlare di Arduino va nel sito di Arduino a cercare le prime informazioni e se non ha una formazione linguistica adeguata si trova in imbarazzo e magari ci rinuncia a priori.

E con questo concludo non ha senso portare così avanti la discussione per una , chiamatela come volete , considerazione ,critica,polemica,eresia.
Ci tengo a precisare ,e spero lo capiate tutti ,che sono un sostenitore di questa piattaforma e che ne parlerò sempre bene e che il fatto che ci siano degli ostacoli non mi fa demordere dall'imparare anzi sono uno sprono a superarne di altri .Grazie comunque per l'attenzione e spero di non essermi reso ridicolo o antipatico a voi con questo intervento XD XD

lesto

Quote
Mai detto che deve essere gratuito! L' UNO l'ho pagato e anche una sciocchezza rispetto a quello che vale e non critico che ci guadagnino da questo progetto....ci mancherebbe , la mia osservazione era solo che se la politica doveva essere inglese=internazionale dovevano applicarla anche nel e-commerce e non che al primo accesso vedi queste 3 belle icone tra le quali sventola il tricolore.Se guardiamo alla forma il sito shop ufficiale è ben costruito e ci sono 3 lingue disponibili inglese , italiano , spagnolo e non cinese,hindi ed arabo.
Mi duole solo constatare che quando c'è del guadagno le cose sono fatte per bene e curate (sacrosanto) e come presentazione della piattaforma si è scelto un'altra strada e la scelta non la condivido.


in effetti almeno la hompege potevano falra multi-lingua, magari con un sistema tipo playground, la lingua inglese bloccata e un disclamer che avvisa che la traduzione dall'inglese è ad opera della comunità..
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

leo72

@lesto e stenoxp:
Ma la home page è solo qualche decina di paragrafi di presentazione per sommi capi dell'Arduino. Quindi che sia in italiano o in altra lingua, cosa aggiunge di più? Non vedo quella difficoltà a leggere quei testi, non riportano nulla di così complicato che un normale studente delle medie non riesca a leggere.
Un altro pezzo della home è costruita dalle prime righe dei post del blog, e questo è in inglese e nessuno mette post in altre lingue sul blog. Andrebbero tradotti anche quelli? Lavoro immane...


lesto

le notizie del blog sno già scritte alcune in inglese alcune in italiano in base al target. La vera cosa importante sono quei 2 paragrafi che dicono cosa è arduino, e gli atri 2 paragrafi che dicono che esiste e come si usa, in particolare:

Quote
Getting Started
To get started, follow the instructions for your operating system: Windows, Mac OS X or Linux; or for your board: Arduino Nano, Arduino Mini, Arduino BT, LilyPad Arduino, Wireless shield. If you're having trouble, check out the troubleshooting suggestions.
Learning
Examples of how to work with the Arduino language and common electronic components; further readings on the foundations; information on hacking and extending the Arduino hardware and software; external resources.


ovviamente i link alle risorse sarebbero in italiano, ove esistono. Per esempio di quei link nessuno, in tal caso aggiungerei il link al libro "getting started with arduino" nella traduzione della lingua selezionata. Et voilà uno che non sa manco cos'è l'inglese ha una base da cui partire per fars un'idea se la cosa gli interessa abbastanza, e se poi rimane intossicato dai firmware si imparerà l'inglese come tutti.  :smiley-mr-green:
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

leo72

Lesto, sei ufficialmente insignito dell'alta carica di rappresentante degli anglofobi per perpetrare la cause della traduzione multilingua dell'home del sito  ;)

lesto

per tradurre cose, che nessun uomo ha tradotto fino ad ora... verso /dev/null, e oltre!!!
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

leo72


per tradurre cose, che nessun uomo ha tradotto fino ad ora... verso /dev/null, e oltre!!!

stupenda!!! (anche se non so in quanti l'hanno capita  ;) )

astrobeed


per tradurre cose, che nessun uomo ha tradotto fino ad ora... verso /dev/null, e oltre!!!


Arduino, ultima frontiera dello smanettone.
Ecco i viaggi del prode lesto durante la sua missione di traduzione dall'inglese all'italiano allo scopo di diffondere il verbo in tutte le italiche regioni alla ricerca di nuovi dialetti ed etnie locali fino ad arrivare dove il traduttore di google è mai giunto finora.  :D :smiley-mr-green: :D

stenoxp



per tradurre cose, che nessun uomo ha tradotto fino ad ora... verso /dev/null, e oltre!!!

stupenda!!!


E limitarsi a commentare così ? O pensi realmente quello che affermi ossia che la maggioranza non capisce la metafora del "nullo" o del "vuoto" ;)

lesto

io penso che si riferisse al fatto che le traduzioni finiscono nello /dev/null  ]:D
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

leo72


io penso che si riferisse al fatto che le traduzioni finiscono nello /dev/null  ]:D

Che invenzione che è, /dev/null  ;)

Go Up