Go Down

Topic: [OT] Un nuovo progetto della serie "vintage": l'OROLED (Read 8 times) previous topic - next topic

leo72

I dati dei pannellini solari sono attendibili solo se messi a pieno sole, ma per pieno sole intendo a perpendicolo di esso  ;)
Astro chiarì in passato i miei dubbi circa l'uso di questi pannelli, dubbi che erano simili ai tuoi: com'è che un pannello dichiarato per un certo valore di tensione/corrente in realtà avesse mediamente valori ben al di sotto.

Un pannellino solare messo in casa, illuminato di tralice da un neon (che non è una luce ricca di fotoni come quella solare o di una lampadina ad incandescenza, ti fornirà il minimo indispensabile. Te lo dimostra l'enorme caduta di tensione che ha non appena gli attacchi un carico anche minimo come la R che hai usato di prova.

Michele Menniti

Sì, infatti non ho mai fatto affidamento sui neon di casa, anche le lampade a risparmio energetico e luce calda non fanno granché, qualcosa fanno i 60 led della lampada da tavol, ma glieli devo "incollare" sopra.
Io spero che quando fuori casa c'è il sole "serio", la luce che penetra dentro sia sufficiente a fornirmi quel minimo che mi basta, se così non sarà non potrò certo mettere l'OROled fuori dal balcone, dovrò rinunciare al sistema di ricarica.
In verità ho un'altra speranza: avevo fatto delle prove con un pannellino da 2W, una cosetta molto più seria di questi francobolli che mi sono arrivati ora: collegando questo solo pannello alla bread con l'OROled mi è bastato accendere la lampada a 60 led per vedere funzionare il circuito, ecco perché pensavo di risolvere con 3 pannelli piccoli o, ora, con sei.
Il fatto è che il pannello da 2w non saprei proprio come montarlo, mentre questi pannellini sono l'ideale per i sei lati dell'esagono in plexiglass che conterrà l'OROled.
Quindi al limite potrei tentare con qualcosaa di meno economico di questi.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Etemenanki

#107
Jun 21, 2013, 09:58 am Last Edit: Jun 21, 2013, 10:03 am by Etemenanki Reason: 1
Michele, solo un consiglio ... dato che i pannelli li hai montati sui lati di un'esagono, e quindi non capitera' praticamente mai che i due pannelli in serie parallelo (errore mio) di ogni coppia ricevano la stessa luce, ti consiglierei di disaccoppiarli con un diodo in serie per ogni pannello (senza piu il diodo finale ovviamente, che non servirebbe piu) ... e' vero che c'e' una caduta e che la cosa ti porta via un po di tensione, ma in questo modo eviti di alimentare alla rovescia il pannello piu scuro della coppia in parallelo, altrimenti quando uno dei due e' in piena luce e l'altro e' allo scuro, parte della corrente generata da quello illuminato ritorna in reverse attraverso quello meno illuminato, riducendoti di parecchio l'efficenza (se i pannelli fossero piu grossi rischieresti anche di danneggiarli per surriscaldamento, ma con pannelli cosi piccoli il rischio non c'e') ... comunque per quelle correnti si possono usare anche dei comuni 1N34A, che reggono 50mA continui, oppure dei diodi schottky, un po piu costosi ma che reggono molta piu corrente, per minimizzare le cadute ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

flz47655

Ciao Michele,
Secondo me dovresti valutare dei moduli di pannelli amorfi, in condizioni di bassa radiazione solare rendono meglio..

Michele Menniti

Etem, questi pannelli vengono venduti a coppie, ora capisco perché in ogni confezione c'erano due 1n5819 :smiley-mr-green:, in realtà il problema me l'ero posto, ma avevo pensato proprio alla questione della perdita di tensione, considerando che questi pannelli non vedranno MAI la luce diretta del sole ma solo quella che penetra nella stanza tramite il balcone, comunque oggi nel primo pomeriggio farò altre prove, poi posto gli aggiornamenti, ieri ho iniziato troppo tardi....

flz link e costi indicativi please :) devo capire se l'uovo vale la candela, per la mia situazione personale potrei fare qualsiasi cosa, anche un sistema di specchi archimediano :D, ma se il progetto dovesse essere pubblicato devo fare i conti anche con i costi di realizzazione.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Testato

x iscrizione,
(credevo di essere gia' iscritto visto che ricordo la presentazione di questo progetto, rileggero' le pagine :-)
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

flz47655

Il costo mi sembra sia simile, ho visto solamente pannelli già finiti (>50W), prova a cercare "amorph cell" per vedere se qualcuno vende delle singole celle anche se probabilmente dovrai contattare qualche produttore per avere dei campioni.

leo72

I migliori pannelli arrivano ad un'efficienza bassa, 20% di media, 30% nei pannelli migliori. E si parla di dati a pieno sole, non a luce indiretta. Per quanto luminosa sia una stanza, se non ci batte sopra il sole il silicio cristallino non produce corrente. La produzione è infatti affidata ai fotoni luminosi che devono avere così tanta energia da far passare gli elettroni delle orbite più esterne del silicio nella fase di conduzione.
Riguardo ai pannelli in silicio amorfo, ho letto che hanno un'efficienza inferiore agli altri ma una perdita di efficienza legata al tempo minore per cui inizialmente sono meno produttivi ma alla lunga rendono maggiormente perché appunto il silicio amorfo va incontro ad un degrado minore.

Michele Menniti

OK, alle 13 la tensione gobale è aumentata a 6V a vuoto, una R da 470 ohm ed un led l'hanno fatta scendere a 1,6V con una accensione debolissima del led. Il balcone è esposto a ovest per cui la massima luminosità la riscontro dalle 14 alle 17, ma oggi non ho potuto proseguire le prove; poiché mi sembra poco opportuno mettere i pannelli solari sul tetto :D abbandono l'idea dei pannelli solari casalinghi, come applicazione personale, però lascio il connettore per chi dovesse avere una situazione migliore della mia (stanza esposta a sud-est, p.es.), o possibilità di portare un pannellino fuori. A circuito finito lo sfizio me lo levo: ne metto una coppia in parallelo fuori dal balcone e installo l'OROled sulla corrispondente parete interna, tanto un foro c'è..... alla fine potrei decidere di lasciarlo lì :smiley-sweat:
Grazie per le info ed il supporto. :)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

nid69ita

Una fotografia ? Son curioso di vedere come è venuto, anche con i pannelli solari  8)
my name is IGOR, not AIGOR

Michele Menniti


Una fotografia ? Son curioso di vedere come è venuto, anche con i pannelli solari  8)

ovviamente...ma quanto sarà pronto :smiley-mr-green: il circuto è tutto su bread e la foto dovrebbe essere in un post precedente, i pannellini li ho invece fissati ad un esagono in legno che era la carcassa di uno scadentissimo orologio da parete, quindi niente di "guardabile"  :~ :~
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Michele Menniti

Cari amici, ieri ho completato il montaggio del LED Panel e della LOGICA CMOS, oltre alla foratura (85 x 5mm  :smiley-sweat:) della mascherina di un orologio da parete svuotato per l'occasione :D. Allego due foto, se poi la cosa dovesse riscuotere particolare interesse posso mettere un video, ma comunque si tratta di tre led accesi, con cambiamento ogni 60 secondi, mica di fuochi artificiali.
Funzionamento: è di una semplicità estrema:
- il centrale bianco scandisce i secondi
- i 60 esterni (rossi, escluso i 5-10..... che sono bianchi alta luminosità) sono i minuti
- i 12 bianchi normali interni sono le ore
- i 12 arancio interni sono le mezzore.
Al di là dell'aiuto che fornisce la mascherina serigrafata, l'orario è tipicamente analogico: si parte dal led delle ore/mezzore e si traccia una linea virtuale verso i secondi e da qui verso i miinuti; la chicca sta nell'uso delle mezzore; tutti gli analogici a led hanno il problema che, superata la mezzora, danno visivamente un'ora in meno. P.es. alle 13.45 è acceso il led dell'1 e quello del 9, ma così dà la sensazione delle 12.45; invece in questo caso si accende il led arancio tra 1 e 2 e la rappresentazione visiva è perfetta. Quindi dalle 13 alle 13,29 si accende il led bianco 1, dalle 13.30 alle 13.59 quello arancio tra 1 e 2. In questo modo l'orario è visibile anche di notte, i tre led forniscono costantemente le coordinate per le due linee virtuali.
Le immagini non sono un granché ma rendono l'idea, che ne dite?
Attualmente è in funzione l'alimentazione esterna a 5V, devo ancora montare i due schedini di regolazione dell'orario e per le alimentazioni alternative. Come spiegato in precedenza il circuito potrà essere alimentato:
1 - alimentatore esterno 5V con batteria tampone (3 duracell AA o AAA, dipende dall'autonomia che si vuole)
2 - batteria LiPo a lunga durata ricaricabile mediante: pannelli solari o alimentatore esterno.
Il circuito definitivo assorbe mediamente 10-12mA
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Etemenanki

Per essere un prototipo, e' venuto piuttosto bene, complimenti :)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Michele Menniti

Grazie! L'idea iniziale, ancora non completamente abbandonata, è quella di un contenitore esagonale in plexiglass ed una mascherina, sempre esagonale, ma più grande, sempre in plexiglass; in tal modo si avrebbe tutto in trasparenza; poi ci sarebbe però il problema della serigrafia della mascherina, per non parlare della difficoltà di lavorazione del plexiglass, sia al taglio che alla foratura. Allora ho svuotato un vecchio orologio da parete; quando ho disegnato le dimensioni del LED Panel ho preso come riferimento una decina di questi modelli di orologi elettro-meccanici e ho stabilito un diametro standard, che vada bene per tutti, così chiunque si volesse cimentare nella costruzionre, avrà almeno risolto il problema del contenitore. Ieri l'ho tenuto acceso in lab mentre facevo altro, basta un'oretta e ci si abitua rapidamente al sistema di lettura, la serigrafia aiuta moltissimo, ma l'idea dei LED delle mezzore lo rende leggibile anche in assenza di essa e addirittura al buio.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

ratto93

Bello Bello, io l'avrei fatto in legno più scuro per esaltare i led ma pure così deve avere il suo bell'impatto :)
Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

Go Up