Go Down

Topic: Corretta carica di una batteria (Read 5463 times) previous topic - next topic

Testato

grazie Etem per la risposta, ma a questo punto la domanda resta, cosa succede quando su uno di questi aggeggi solo step up, la tensione di ingresso supera quella voluta in uscita?
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Etemenanki

... cosa succede quando su uno di questi aggeggi solo step up, la tensione di ingresso supera quella voluta in uscita?


Dipende ovviamente dalla configurazione del modulo e dal fatto che ci siano o meno protezioni, ma nel 95% dei casi, Vout=Vin , e saltuariamente regolatore fritto.

Mi spiego meglio, quasi tutti quei regolatori step-up sono configurati come pompa di energia in serie, quindi l'ingresso e' connesso all'uscita tramite un'induttanza ed un diodo in serie ... per darti un'idea migliore, guarda il datasheet di uno di quegli integrati cdn.vicorpower.com/documents/applications_manual/200VIJ00_Sect_03.pdf ... gia a pagina uno, c'e' la configurazione minima di funzionamento, e come puoi vedere, se segui il percorso dalla Vin, trovi in serie l'induttanza ed il diodo schottky che portano direttamente al pin out ... e' facilmente intuibile che il questa configurazione se metti in ingresso una tensione maggiore di quella regolata, te la ritrovi diretta all'uscita senza alcuna regolazione attraverso questi due componenti, inoltre questa condizione pone un secondo rischio, cioe' che se per qualsiasi motivo le protezioni interne non intervengono in modo adeguato ed il transistor finale va in conduzione, ti cortocircuita l'alimentazione a massa attraverso la resistenza di limitazione interna, e si frigge ... e cio e' male ;).
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Testato

grazie del link, son d'accordo con la tua analisi,
hai il tuo primo karma  ;)
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Aledexter

ho fatto alcune prove a vuoto con il boost e per ora tutto ok, devo ancora comprare la batteria, ma prima volevo chiedervi:

che resistenza devo mettere tra boost e batteria? per queste potenze (13 volt e mezzo per max 3ampere) quale devo cercare? di che valore e tipo?

il diodo rettificatore posso metterlo solo tra batteria e boost o serve anche tra boost e pannello?

nel boost ci sono già due condensatori, serve ugualmente un ulteriore condensatore all' ingresso e o all' uscita del boost?

Etemenanki

Be', considerando l'uso con pannello solare, ti servono alcune cose ... il boost, che hai gia, mi pare ... almeno 3 diodi che reggano un po di corrente, direi tipo 5A, possono andare bene qualsiasi tipo di diodo al silicio da 5A per usi generici, ad esempio 50SQ080, o simili ed equivalenti ... un diodo schottky per la connessione dal pannello solare al regolatore boost (schottky perche' hanno una caduta di tensione minore, quindi l'efficenza di tutto il sistema aumenta), anche qui se vuoi esagerare usa un SBS540 da 5A, ma bastano anche 3A di diodo ... come resistenza minima di limitazione dal pannello al boost, che serve solo come protezione, puoi metterci 2,2 ohm 5W o simili, mentre la resistenza di limitazione della batteria la puoi mettere da 22 ohm 5W ... per la connessione dei diodi alla batteria, ne avevamo gia parlato in un'altro post, e' questa http://www.freeimagehosting.net/hag26 (lo so, il disegno fa schifo :P :D) ... dove c'e' scritto "step down", ci va il tuo utilizzatore, mentre dove c'e' scritto "alimentatore 14V" ci va l'uscita del tuo boost regolata a 14V ... i diodi BY254 reggono 3A massimi, se prevedi di aver bisogno di piu corrente, usa gli altri ;)

Per quanto riguarda i condensatori, be' , in un'applicazione di questo tipo, in genere piu ne metti e meglio stai ... aggiungi un condensatore da 4700uF o pium che regga almeno 25V, sull'ingresso del boost, ed almeno un condensatore da 470uF 25V sull'uscita, ognuno con in parallelo anche un condensatore da 100nF ceramico (gli elettrolitici grossi non filtrano bene le alte frequenze, quindi i ceramici aiutano in questo).

La batteria puoi usarla di quelle per gruppi di continuita', da 12V 6 o 7 Ah ... ne vendono talmente tante che ormai costano di meno di quelle con capacita' inferiori :)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Aledexter

ok devo aver fatto un bel pò di casino con il calcolo delle resistenze  =( per ora ho un banco di condensatori elettrolitici in parallelo all' entrata che reggono 16volt 8.120uF e un diodo da 5 o 10 Ampere (non ricordo) in serie tra negativo e negativo del pannello e dei condensatori e gnd-in del boost, una resistenza da 8,2ohm 20watt e un diodo da 10A in uscita, rispettivamente sul gnd e sul pos, come batteria ho comprato una 12v 7Ah al piombo

inoltre ho costruito un faretto con 48 led bianchi 5mm normali da 3 volt, in configurazione 4 in serie per 12 file, in questo modo ho 12 file da 12 volt e 40/50mah ciascuna, quindi dovrebbe essere un faretto da 480/600mah giusto?

giusto oggi avevo intenzione di uscire a comprare una resistenza per il faretto a led, magari un potenziometro per regolarne la luminosità, ma sono in dubbio perchè da alcuni calcoli non dovrei metterne perchè funziona a 12 volt, ma ho paura di bruciarli senza resistenza per l'assorbimento

per quanto riguarda i condensatori ceramici, non sono obsoleti in questa occasione? In fondo il cambiamento di tensione/corrente è basato sulla luminosità ambientale e a meno di aerei o uccelli non cambia così velocemente da dare problemi, credo


Testato

cambierei disposizione:

- i led bianchi probabilmente hanno una tensione superiore ai 3v, hai guardato il datascheet ?
- restando cosi' le cose la corrente richiesta dal faretto e' inferiore, fortunatamente, perche' la corrente che circola nella serie di led e' sempre 15/20mA
volendoli sfruttare al massimo 20mA x 12file 240mAh, il che significa che ti dura di piu' la batteria

cmq lavorare senza resistenze e' pericoloso per la tecnica costruttiva stessa dei diodi che non sono tutti uguali
quindi io farei serie da 3led con una resistenza da 180Ohm per ogni serie, quindi 12 resistenza.
ho fatto i calcoli per una fV di 3V e 20mA
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Aledexter

non saprei proprio come cercare il datasheet dei led perchè non hsnno sigle ne' marchi del fabbricante, li ho vomprati su ebay dove l'unica info era che funzionano a 3volt

ho pensato anch' io di fare file da tre led in serie, purtroppo ho già bruciato due led
spiegami una cosa

Aledexter

visto che mi sono reso conto di aver male interpretato le formule, potresti dirmi come calcolo la potenza di una resistenza? devo tenere conto della tensione e corrente massimi che vi scorrono attraverso o il calore da dissipare è basato solo sui 3volt di dropout (12batteria - 9dei led) ?

nell'atto pratico, dovrò moltiplicare la corrente assorbita (240mA) per 3, 9 o 12 volt per conoscere i watt della resistenza da usare?

Etemenanki

Devi prendere la tensione di alimentazione, toglierci la caduta sul led, e calcolare la corrente, poi moltiplichi la tensione per la corrente ed hai la potenza.

Esempio, poniamo di avere 12V di alimentazione, un led bianco (caduta media 3,6V) ed una resistenza da 470 ohm:

12-3,6=8,4V (la tensione ai capi della resistenza) -> 8,4/470=0.01787ecc Ampere (abbreviamo per semplicita' in 18mA, corrente che attraversa il circuito) -> 8,4*0,018=0.1512W, o 150mW (potenza dissipata dalla resistenza, una R da 1/4 di W e' sufficente)

Esempio 2, 12V, led da 10W (caduta media 10,6V, corrente massima circa 900mA, diciamo che vuoi farlo funzionare a 750mA :

trova la resistenza-> 12-10,6=1,4 -> 1,4/0.75=1,86 ohm (la tua resistenza, ma 1.86 ohm non esiste, quindi mettiamo che ne trovi una da 1.8 )  -> 1.4/1.8=777mA (ok, accettabile compromesso) -> 1.4*0.777=1,08W (ma siccome scalderebbe comunque parecchio in quelle condizioni, usala da almeno 3W)

Poi ci sarebbero da considerare anche le tolleranze, ma qui non ci interessano poi molto ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Aledexter

wow grazie, ottima spiegazione :)

Go Up