Pages: 1 ... 3 4 [5] 6   Go Down
Author Topic: Amperometro con arduino  (Read 6745 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Switzerland
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 111
Posts: 5881
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Scusate, riuscite a spiegarmi, con parole semplici, di cosa state parlando?
...

Stiamo parlando di oggetti che, in modo non invasivo, ti ritornano una "tensione" DC proporzionale al valore RMS della "corrente" che scorre in un cavo AC smiley

Guglielmo
Logged

Search is Your friend ... or I am Your enemy !

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Pienamente daccordo con gli indirizzi di utilizzo sottolineati da Guglielmo
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 118
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ho capito. Preferisco usare i CT ( o TA x gli elettrotecnici ).
Non mi piace l'idea di far passare 30 amper, per i quali si usa un conduttore da 6mmq, su una basetta con pochi millimetri di rame.
Grazie
Logged

Switzerland
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 111
Posts: 5881
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ho capito. Preferisco usare i CT ( o TA x gli elettrotecnici ).
Non mi piace l'idea di far passare 30 amper, per i quali si usa un conduttore da 6mmq, su una basetta con pochi millimetri di rame.
...

Neanche a me (... anche se è solamente una questione psicologica e non realtà smiley-wink ) ...
... per questo stiamo parlando degli i-Snail ed ho detto NON INVASIVO ... perché è un oggetto tipo un trasformatore con il buco al centro dove devi far passare il cavo ! Nessuna basetta e nessuna interruzione del cavo !

Qualche messaggio prima avevo allegato il datasheet ...  smiley-twist

Guglielmo
Logged

Search is Your friend ... or I am Your enemy !

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 118
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao Guglielmo, forse ho letto la tua risposta troppo frettolosamente .
Grazie

Elvis
Logged

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Oggi ho messo mano alla Emonlib per la prima volta,
volevo un paio di conferme veloci sulle tempistiche di blocco della libreria.

Usando lo sketch di esempio della sola corrente, ho 250ms bloccanti tra una stampa del risultato e la successiva
Code:
double Irms = emon1.calcIrms(1480);
dove 1480 sono il numero di sample acquisiti ad ogni lettura (giusto ?)

Mentre usando lo sketch di corrente e tensione ho 4000ms di blocco
Code:
emon1.calcVI(20,2000);
dove 20 sono la quantita' di semionde analizzate, 2000 e' un timeout, quindi non so quanti sample vengono acquisiti.

Devo stare 4 secondi in attesa obbligatoriamente ?
La mia idea era gestire tutta la casa con un unico Mega, pero' se mando il comando di accensione di una luce durante questi 4 secondi, logicamente avrei un ritardo sulla risposta inaccettabile
« Last Edit: August 06, 2013, 04:29:24 pm by Testato » Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ho fatto ulteriore prova, con segnali sinusoidali lo sketch di corrente e tensione finisce in circa 300ms, questo rende tutto piu' gestibile.
Pero' vorrei dei chiarimenti da chi ha usato questa libreria sul tipo di misura.
Cioe' se io dopo una prima lettura, che impiega 300ms, inizio a fare altre cose, mettiamo che durano 1secondo, solo dopo questo secondo faro' una seconda misura ? oppure i sample di acquisizione sono genstiti via interrupt ?
Se non e' cosi' non e' possibile misurare i consumi in KWh, perche' tra la prima misura e la seconda passerebbe un tempo indefinito. Posso misurare la potenza reale ma solo a spot, se tra una misura ed un altra accendo e spengo un carico questo non viene misurato ?

Per il discorso del sesnore corrente da prendere, ho visto che la libreria come default usa il sesnore da 100A inserendo esternamente la resistenza di burden, pero' per usi casalinghi credo sia meglio il sensore da 20A. Questo sensore ha una burden integrata che porta ad 1V di uscita la tensione quando in ingresso ci sono 20A. A questo punto credo che sarebbe opportuno smontare il trasformatore e' sostituire la burden al fine di avere la massima tensione utile per coprire tutti i 5V dell'ingresso ADC. Che ne pensate ?
« Last Edit: August 22, 2013, 04:38:06 pm by Testato » Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

0
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 24
Posts: 2288
Have you mooed today?
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao Test, immaginavo che non saresti stato con le mani in mano  smiley

Quote
Cioe' se io dopo una prima lettura, che impiega 300ms, inizio a fare altre cose, mettiamo che durano 1secondo, solo dopo questo secondo faro' una seconda misura ? oppure i sample di acquisizione sono genstiti via interrupt ?
Se non e' cosi' non e' possibile misurare i consumi in KWh, perche' tra la prima misura e la seconda passerebbe un tempo indefinito. Posso misurare la potenza reale ma solo a spot, se tra una misura ed un altra accendo e spengo un carico questo non viene misurato ?

io la uso "banalmente" facendo una lettura ad intervalli regolari (mediamente 10 secondi). Se tra due letture accendo un phon e lo tengo per 3 secondi, di sicuro non verrà monitorato come consumo, ma credo che per lo stesso motivo influisca infinitesimamente.
Chiaro che se devo monitorare realtà in cui questi picchi son frequenti e incidono in gran parte sui consumi, dovrò modificare il mio codice.

Quote
Per il discorso del sesnore corrente da prendere, ho visto che la libreria come default usa il sesnore da 100A inserendo esternamente la resistenza di burden, pero' per usi casalinghi credo sia meglio il sensore da 20A. Questo sensore ha una burden integrata che porta ad 1V di uscita la tensione quando in ingresso ci sono 20A. A questo punto credo che sarebbe opportuno smontare il trasformatore e' sostituire la burden al fine di avere la massima tensione utile per coprire tutti i 5V dell'ingresso ADC. Che ne pensate ?

io in casa uso sensori da 30A max.
Relativamente al burden, per ottenere i 5v non credo proprio sia sufficiente cambiare una resistenza.
E non lo vedo un problema, il segnale con le opportune conversioni viene letto correttamente (così come avviene per esempio con svariati sensori temperatura).
Logged

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

grazie pit per la tua esperienza. Quindi volendo accettare l'approssimazione da te usata, se ricordo tu usi anche Emoncms, invii quindi al database una lettura ogni 10secondi e poi e' EmonCMS che ti fa la conversione in KWh ?

Sul discorso CT la burden e' l'unico componente che ti gestisce il fondoscala del sensore, se lo smonti non c'e' null'altro dentro, aumentando la resistenza si aumenta la tensione di uscita.
' corretto fare questo ragionamento perche' tu in questo momento, se usi un arduino a 5V, stai usando circa la meta' della risoluzione possibile dall'ADC del micro, anzi meno, facciamo dei calcoli:
all'assorbimento massimo di casa, 16A hai un uscita di 0,53V che corrispondono a 1,5Vpp

Capisci che nel caso migliore, cioe' alla massima potenza e copn un'alimentazione di 3,3V del micro stai usando meno del 50% della risoluzione, alimentato a 5V scendi al 30% della risoluzione.
Questo porta drammatiche conseguenze nella misura di piccole correnti, gia' un 5A di assorbimento, piu' di 1KW, ti porta a far lavorare l'ADC su meno di mezzo volt pp

se ci pensi con la pinza da 100V si fa rpoprio questo, scegliere la burden al fine di coprire la piu' ampia finestra possibile dell'ADC.
La domanda e', cambiare la burden altera la curva di risposta della CT ?
Perche' se la altera la cosa migliore e' lasciare quella originale e diminuire la VREF dell'ADC

p.s. scusa i calcoli, non e' per fare il professore, li ho scritti per me stesso  smiley
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Lamezia Terme
Offline Offline
Shannon Member
****
Karma: 497
Posts: 12299
Le domande di chi vuol imparare rappresentano la sua sete di sapere
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao Test, sulla burden non so dirti nulla in quanto non ho mai usato questi sensori, sulla R da cambiare, di primo impulso mi verrebbe da dire che ha ragione Pitusso però, visto che c'è in ballo scorrimento di corrente, anche una sola R potrebbe incidere.
Detto tutto ciò ti ricordo però che nell'ADC ha ancora il Ref internal da 1,1V, quindi con una minima riduzione di quegli 1,5Vpp ad 1,1Vpp avresti comunque l'intera scala coperta.
Non dimenticare infine che, ricorrendo ad un buon op-amp, potresti fare l'opposto, cioè prendere in ingresso segnali da 0 a 1,5Vpp e portarli fino a 5Vpp.
Spero di non essere stato inutilmente invadente.
Logged

Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

yes, grazie del tuo parere, l'op-amp e' una terza strada che non avevo valutato.
Per il ref interno tu lo hai provato giusto ? e' affidabile ? soffre di variazioni dell'alimentazione ?(specialmente le uscite usb sono tutt'altro che stabili a 5V  smiley)

Ripeto sulla R, smontando fisicamente il trasformatore, c'e' proprio solo una resistenza, non c'e' un circuito stampato o altri componenti dentro. Tanto che nella versione da 100A non c'e' nemmeno quella e la scegli tu esternamente.
Se poi per "altre modifiche" intendiamo a livello sw allora si, di certo c'e' da gestire la diversa calibrazione del sensore nella libreria.

Non avendo la 100A una resistenza di Burden interna, credo e spero che la scelta della stessa influenzi solo il fondoscala e non la curva di risposta, ma ricordo un intervento di Uwe critico in tal senso, speriamo magicamente si accorgi di questo topic  smiley
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Lamezia Terme
Offline Offline
Shannon Member
****
Karma: 497
Posts: 12299
Le domande di chi vuol imparare rappresentano la sua sete di sapere
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Stai imparando a scrivere alla Fantozzi (ultima frase..... smiley-mr-green)
Il riferimento interno è soprattutto stabile, il valore è 1,1V ±0,01V e le variazioni di alimentazione non gli fanno nulla di serio, è molto efficiente, ovvio che lo devi misurare circuito per circuito se vuoi la massima precisione, specialmente se passi alla lettura a 11-12bit; se invece resti sui 10 bit e ricorri alle medie di molte letture, la cosa viene abbastanza assorbita; in ogni caso servono altri accorgimenti hardware, soprattutto in tema di disaccoppiamento, ne riparliamo al momento opportuno, per ora "vadi avanti lei" geom Filini  smiley-lol
Logged

Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

non ci crederai ma me ne ero accorto, poi l'afa estiva mi ha fatto desistere dal correggerlo, comunque saro' stato influenzato dal bimbo, che mi chiede in continuazione di mettere su retequattro, che secondo lui e' il canale di fantozzi (e non credo abbia torto, in tutti i sensi  smiley)

Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

0
Offline Offline
Edison Member
*
Karma: 24
Posts: 2288
Have you mooed today?
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao,
grazie prof del contributo, che quoto  smiley

Cmq Test dai una letta anche qui (se non lo hai già fatto)
http://openenergymonitor.org/emon/buildingblocks/ct-and-ac-power-adaptor-installation-and-calibration-theory
Logged

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

la pagina indicata, quando si parla del CT con burden integrata, fa riferimento al reference di 1,1v tu stai usando quello o usi il 5V ?
Con i 5V rientriamo nei miei calcoli, cioe' sfruttamento molto basso della capèacita' risolutiva dell'ADC, se stai suando il 1,1V di ref alle massime correnti si e' in saturazione, nell'articolo non fa menzione pero' di un partitore, che altererebbe anche la formula da usare.
bha  smiley
comunque karma +1 a tutti  smiley
Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Pages: 1 ... 3 4 [5] 6   Go Up
Jump to: