Go Down

Topic: Progetto ReleDuino (Aggiornamento files al 18.07.2013) (Read 24298 times) previous topic - next topic

Testato

te l'ho chiesto perche' vedo che la Mega non c'e' nella sezione Hardware del tuo sito, nemmeno nella sezione dove hai inserito le schede ufficiali Arduino supportate.
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

veseo

Si è vero, perché io non ho una Mega e quindi non l'ho mai provata. Però in generale, le uniche parti di codice che varierebbero tra Uno/Duemilanove e Mega sono quelle relative a SPI ed I/O, che in Souliss sono comunque basate sulle API di Arduino.

Ultimamente c'è anche un utente che ha iniziato ad usare una Mega con una Ethernet Shield W5100, non funzionerebbe con Mega ed Ethernet ENC28J60, ma solo perché sarebbe da ridefinire il Chip Select di SPI.

Il sito non è aggiornatissimo, appena finisce il giro di codice sulla prossima release, sarà da allineare.

Saluti,
Dario.
Souliss - Open-source Distributed Home Automation with Arduino and Android

http://www.souliss.net
Follow at @soulissteam

@veseotech

benke



Ciao Federico,
come procede il lavoro?
Credo possa essere d'interesse segnalare anche queste schede, hanno un approccio simile su RS485.
E' un lavoro portato avanti con Marco Signorini di Ethermania, nato un annetto addietro nel forum Home Automation di Arduino e rimasto fermo per un po di tempo.
Saluti,
Dario.


Ciao Dario,
Il lavoro procede. Purtroppo c'è molta roba e devo spostare un pò tutti i componenti con relative piste.
Come puoi notare dallo schema elettrico, di roba ce n'è veramente tanta per lo spazio a disposizione. Sto valutando l'ipotesi di separare la parte alimentazione dal resto della scheda, ma prima voglio vedere se ce la faccio ad assemblare tutto "all in one". Un'altra soluzione sarebbe quella di inserire dei connettori a pettine dove inserire uno schield arduino col w5200.
Comunque l'attesa sarà relativamente breve; dopo però si dovrà attendere i prototipi e la prova finale. Se t'interessa potrei inviartene due, ovviamente prima testate da me, dove tu potrai lavorare con souliss, voglia e tempo permettendo.
Saluti, Federico.



Federico hai ultimato le modifiche? come procede il lavoro?

Federico_Paiano

Quote

Federico hai ultimato le modifiche? come procede il lavoro?


Scusa se rispondo solo adesso.
Il lavoro sta procedendo anche se non mi sto facendo sentire.
Ho apportato tantissime modifiche alla pcb e si è fatta molto densa di componenti.
Non è stato facile progettare le piste con sole due facce, ma era essenziale per mantenre bassi i costi della board.
Devo cambiare il chip centrale, l'ATMega328P con l'ATMega 32u4, quello montato nell'Arduino Leonardo, perchè in questo modo sarà molto più facile programmarlo utilizzando una presa usb al posto della presa rj45.
Prima di ripostare schema elettrico e layout della board voglio prima far stampare dei prototipi e montare i componenti per farla funzionare.
Credo che ribattezzerò questa pcb con "ReleDuino V2", perchè è profondamente diversa dalla prima versione.
Scusate se procedo con lentezza ma sono solo e le ore che posso dedicare sono limitate.
Saluti, Federico.

PaoloP

Ricorda che il 32U4 ha a disposizione solo 28K perche il bootloader ne prende 4.

Federico_Paiano


Ricorda che il 32U4 ha a disposizione solo 28K perche il bootloader ne prende 4.


Grazie Paolo,
Conosco questo piccolo handicap del 32u4 ma credo non sarà un problema; poi tieni presente che parte del firmware verrà anche trasferito sull'attiny84 avendo a disposizione altri 7,5 kb netti da aggiungere. Spero che 28 kb bastino per souliss; col w5200 credo non ci siano problemi, o almeno spero.

veseo

Quote

Grazie Paolo,
Spero che 28 kb bastino per souliss; col w5200 credo non ci siano problemi, o almeno spero.


C'è ne entrano due :) dipende dalla configurazioni, con il W5100/W5200 viaggia su 50% di flash e 42% di RAM.

Saluti,
Dario.
Souliss - Open-source Distributed Home Automation with Arduino and Android

http://www.souliss.net
Follow at @soulissteam

@veseotech

Federico_Paiano

#262
Dec 08, 2013, 09:04 pm Last Edit: Dec 08, 2013, 09:09 pm by Federico_Paiano Reason: 1
@Veseo
Mi fa molto piacere sapere che segui ancora il topic.
Ho visto la Dino II ed é molto simile alla ReleDuino, in aggiunta hanno anche gli ingressi optoisolati (mi sembra esagerato però).
Mi piace molto e credo sia un'ottima scheda e l'idea di cambiare il 328 con il 32u4 nella ReleDuino è partito proprio dallo studio delle Dino.
Ci sono dei lati però che non approvo, ma è questione di scelte:
1) Non viene alimentata direttamente dalla 220: questo significa che l'installatore deve aggiungere un alimentatore esterno che le faccia funzionare;
2) I relè sono monostabili: questo significa che qualora si collegasse il relè ad una presa di corrente a circuito normalmente chiuso, il mantenimento dello stato del relè sarebbe un continuo (ed inutile) dispendio di energia, nella ReleDuino invece sono bistabili e per far avvenire la commutazione basta solo un impulso di 30 millisecondi di energia (io ne do 50 per sicurezza);
3) I relè hanno una tenuta di corrente limitata: se non sbaglio sono relè da 10 ampere massimali, il che li rende vunnerabili a carichi molto alti (oltre i 2200 watt, che non sono comunque pochi, ma se ci agganciamo una stufa elettrica potrebbero essere superati), mentre nella ReleDuino sono da 16 ampere (resistono fino a 20 ampere per alcuni secondi);
4) I relè non sono protetti: nella ReleDuino ho inserito un fusibile di protezione da 16 ampere su ogni singolo relè in modo tale che al superamento di questa soglia si brucia il fusibile (20 centesimi di euro) ma non il relè, e viene salvaguardata l'integrità globale della scheda.
Riassumendo, seppur mi piacciano molto vedo le Dino come una soluzione generica ma che non risponde a specifiche esigenze, come le ReleDuino che sono state concepite per operare in ambiti legati alla domotica.
Se poi ci soffermiamo alla domotica, ci sono altre cosette che secondo me non sono appropriate: ad esempio ogni 4 pulsanti e 4 relè bisogna avere una scheda, ognuna delle quali ha ha un w5200 e un 32u4 installati, e moltiplicando per il numero di punti luce viene un bel dispendio di energia. La ReleDuino può gestire 8 pulsanti e 8 relè ognuna (il doppio) e si divide in Master e Slave: solo la Master ha in aggiunta il w5200 e il 32u4, le slave hanno solo l'attiny84 che, pre-progammato, accetta un comando impartito dal 32u4 in seriale tramite un driver rs485, e comanda i relè in base ai vari codici trasmessi. Il vantaggio è che hai un consumo nettamente inferiore (il w5200 non consuma poco), e con soli due fili colleghi master e slave (master e master si collegano tramite ethernet), lo svantaggio è che se si rompe il master rimani al buio, ma si potrebbe sempre mettere una master di scorta facendola funzionare come una slave (con un interruttore si toglie l'alimentazione al w5200 e al 32u4).
Quando terminerò la scheda te le invierò pure io perchè credo che souliss abbia bisogno di un adattamento specifico anche per le ReleDuino.
Grazie dell'attenzione e saluti, Federico.
P.S.
Buon Natale a tutti se non ci sentiamo.

veseo

@Federico,

ad onor del vero, la soluzione migliore in termini di risparmio energetico è il buon e vecchio interuttore  a muro.

Per quanto riguarda i consumi, gestire correnti alternate di valore così elevato direttamente a bordo scheda mette a rischio il funzionamento, intendo per emissioni, conviene sempre un teleruttore a distanza sufficente.

Per quanto riguarda il supporto in Souliss, potrà valere solo per le schede basate su 328 o 32U4, perché i tiny non hanno flash e RAM a sufficienza, quindi servirà una libreria dedicata per vedere quelle schede come periferiche. Se segui questo approccio non ci vorrà molto per far girare Souliss sulle tue schede.
Se avrò modo proverò a sviluppare direttamente io il codice necessario per il supporto, ma in generale il tempo che dedico a Souliss è sempre meno, perché si è ormai giunti ad un livello di sviluppo quasi maturo ed un riscontro molto basso, quindi non c'è poi tanto motivo per continuare a lavorarci.

Saluti,
Dario.
Souliss - Open-source Distributed Home Automation with Arduino and Android

http://www.souliss.net
Follow at @soulissteam

@veseotech

Federico_Paiano

#264
Dec 08, 2013, 10:36 pm Last Edit: Dec 09, 2013, 11:17 am by Federico_Paiano Reason: 1

ad onor del vero, la soluzione migliore in termini di risparmio energetico è il buon e vecchio interuttore  a muro.

Concordo, se pensiamo esclusivamente a consumi e stabilità di funzionamento, non c'è paragone, ma anche la vecchia linea telefonica è molto pià sicura e stabile rispetto al voip, però .................

Quote

Per quanto riguarda i consumi, gestire correnti alternate di valore così elevato direttamente a bordo scheda mette a rischio il funzionamento, intendo per emissioni, conviene sempre un teleruttore a distanza sufficente.

Sui disturbi generati dalla commutazione di carichi induttivi e resistivi (credo che è a questo che ti riferisci) ho letto un un pò di materiale e non a caso ho inserito la rilevazione dello zero crossing sulla scheda, ma devo concordare con ciò che dici, conviene sempre mettere un teleruttore a distanza: non ho mai escluso la possibilità di optare per questa soluzione, ma prima vediamo come si comporta l'attuale soluzione adottata senza scartarla a priori, e poi prima di giungere ai teleruttori ci sono anche altri metodi per la soppressione dei disturbi.

Quote

Per quanto riguarda il supporto in Souliss, potrà valere solo per le schede basate su 328 o 32U4, perché i tiny non hanno flash e RAM a sufficienza, quindi servirà una libreria dedicata per vedere quelle schede come periferiche. Se segui questo approccio non ci vorrà molto per far girare Souliss sulle tue schede.

Hai inteso perfettamente ciò che voglio creare. Gli attiny non avrebbero direttamente souliss ma solo i programmi per leggere i pulsanti e dare l'impulso ai relè tramite comandi impartiti dal 32u4 agli attiny (in seriale) e dall'attiny ai gpio sulla stessa scheda (in i2c).

Quote

Se avrò modo proverò a sviluppare direttamente io il codice necessario per il supporto, ma in generale il tempo che dedico a Souliss è sempre meno, perché si è ormai giunti ad un livello di sviluppo quasi maturo ed un riscontro molto basso, quindi non c'è poi tanto motivo per continuare a lavorarci.

Il tuo supporto sarebbe molto gradito, altrimenti dovrei modificare direttamente io Souliss. Onestamente il tuo progetto mi piace troppo per rinunciarci.

Quote

Saluti,
Dario.

Saluti, Federico.

benke

Federico una domanda, no ho visto tutto lo schema (e non con attenzione) ma come fai ad accendere una lampada con un trasformatore da 12v 1 ampere?

Federico_Paiano


Federico una domanda, no ho visto tutto lo schema (e non con attenzione) ma come fai ad accendere una lampada con un trasformatore da 12v 1 ampere?


Il trasformatore non serve ad alimentare direttamente i carichi di corrente (e ci mancherebbe).
Il trasformatore serve ad alimentare i chip della scheda e le bobine dei relè, i quali chiudendo i circuiti fanno transitare la corrente con i carichi necessari (massimo 16 ampere a relè, praticamente l'intera fornitura elettrica per un contratto residenziale standard).
Saluti, Federico.

Federico_Paiano

A tutti i frequentatori del forum, a tutti coloro che mi hanno aiutato e non, a tutti quelli che credono nella festa del Natale e anche a Babbo Natale.
TANTI AUGURI.

Testato

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Federico_Paiano

#269
Dec 26, 2013, 12:43 am Last Edit: Dec 26, 2013, 06:19 pm by Federico_Paiano Reason: 1
Il progetto ovviamente sta andando avanti.
Ho fatto tutti i collegamenti e ora devo sostituire solo il 328P-AU con il 32U4 perchè mi permetterebbe di programmarlo direttamente da usb senza adattatori.
Attualmente sto testando la comunicazione seriale tra un 328P standalone e attiny standalone, fortunatamente con successo.
L'attuale releduino avrà degli attiny con un firmware pre-inserito che faranno da interfaccia tra inputs/outputs e controllore, e se c'è spazio (speriamo) inserisco anche 8 optoisolatori sui relè per controllare l'effettivo passaggio di corrente e dare una segnalazione in caso di guasto. La ReleDuino Master avrà il W5200, l'AtMega 32u4, e un'attiny, mentre le ReleDuino slaves avranno solo l'attiny (per risparmiare energia) e comunicheranno col 32u4 tramite rs485 (max485).
Finita la scheda vorrei farne un'altra versione con i triac............... insomma c'è tanta roba da fare ancora.
Per qualsiasi quesito sono a disposizione naturalmente.
Auguri ancora a tutti e buon Natale.
P.S.
Appena finisco di sostituire il chip centrale vorrei postare schema elettrico e layout scheda affichè qualcuno interessato mi possa far sapere se ho commesso qualche castroneria prima di farmi fare il circuito stampato e assemblare tutti i pezzi.

Go Up