Go Down

Topic: Arduino Yún (Read 31 times) previous topic - next topic

BaBBuino

Il prezzo mi sembra abbastanza salato.

Per 60e c'è OpenPicus che ha ben altro Hardware.

Un pic24 a 16 bit, 32MHz, 256k di flash, RTC a 32.768 KHz, 18 I/O rimappabili runtime, 16Mbit Flash memory onboard (per il web server) un IDE molto potente e nativamente molto ben interfacciato con pagine WEB.

Mi pare che tutte le soluzioni Arduino, ultimamente, abbiano un prezzo abbastanza livellato verso alto per essere in linea con la diffusione "per tutti". Mi sembra un pò una contraddizione nei termini e molto molto "commerciale" (fermo restando tutti i meriti della piattaforma).

La Ethernet costa abbastanza, la WiFi è proibitiva, questa con hardware non da urlo a 64e, ecc. ecc.

veseo

Il prezzo non è bassimo, è vero, ma unisce in modo interessante due mondi con la filosofia di rendere i primi passi molto semplici. E' per tutti nell'uso (almeno nelle intenzioni), nel prezzo credo sia nella norma.

La WiFi è un buco nell'acqua.

Saluti,
Dario.
Souliss - Open-source Distributed Home Automation with Arduino and Android

http://www.souliss.net
Follow at @soulissteam

@veseotech

BaBBuino

Mi correggo... OpenPicus sta a 39e!

Ribadisco il mio pensiero sul prezzo.

BaBBuino

C'era in preparazione, su Kickstart, il progetto di una scheda integrata con l'equivalente Hardware di 4 Raspberry con un un SAM3 (Arduino DUE) al costo di circa 100e. Non ricordo il nome.

Quelli si che sarebbero 100e spesi bene!

Federico Vanzati

Occhio che poi la open picus funziona a 3.3V.

Comunque fate attenzione non andare troppo OT.
F

BaBBuino

Ah! Ok, se la discriminante per il prezzo sono i 3.3V allora...

Cmq ho inteso.

lesto

scusate ma in Arduino carcate il prezzo basso? allora avete sbagliato.
Arduino da un prezzo un po più alto in cambio di una facilità di utilizzo difficilmente che trovi da altre parti.

la wifi o la ethernet costano tanto rispetto ad altre soluzioni perché non gravano sul micro: esempio eclatante lo stack tcp gestito dal wiznet vs gestito da Arduino (rubando un sacco di risorse) dell'ecj o quel che l'è.

insomma, si paga la qualità, semplicità e pure la comunità (eventi, fablab etc mica sonp free)

e ve lo dice uno che all'inizio usava l'atmega su breadboard (mai avuto esperiwnze con altri micro), e nonostante sia andato avanti così per un anno, alla fine la uno me la sono comprata lo stesso, se non altro per supportare un poco la comunità. con gli stessi soldi né avrei fatte almeno altre 3 di armega au breadboard, ma chè dire.. I soldi meglio spesi fin'ora.

poi stiamo discutendo di un sistema che ancora non esiste su carta, su api, che è qyello che conta veramente. magari è un flop, un accozzaglia di codice e bug, magari invece è un sistema perfettamente pkig n play, cosa che ti scordi usando un altra scheda che non abbia un'immagine creata ad hoc.
sei nuovo? non sai da dove partire? leggi qui: http://playground.arduino.cc/Italiano/Newbie

BaBBuino

Tra un prezzo basso ed uno alto, ci può essere un prezzo giusto.

E se altre realtà simili ci riescono, non vedo perchè Arduino debba essere diverso e spostato verso l'alto. Specie poi con le intenzioni che ci dovrebbero essere dietro questa piattaforma, tipo: "per tutti", Open Source, condivisione delle risorse, fratellanza universale, volemose bene ecc. E poi c'è una speculazione sul prezzo, che si fa forte di quanto sopra.

Ora non ho elementi per valutare, ma un pò "ipocrita" mi pare l'approccio di posizione di prezzo degli oggetti. Ma forse mi sbaglio.

Tra il programmatore che realmente condivide con "coscienza" il frutto del suo lavoro, rendendolo di pubblico dominio ed uso (che muore povero), e chi specula sul lavoro di migliaia di persone che hanno contribuito gratuitamente, in maniera determinante, alla diffusione di un sistema (e quindi si aricchisce), tra questi due estremi non saprei come collocare a posizione di chi fornisce un oggetto con certe caratteristiche, orientandolo ad una fascia alta di prezzo, ma di certo non vicino alla prima figura.
Non troppo, almeno.

pitusso

#38
Jul 03, 2013, 01:56 am Last Edit: Jul 03, 2013, 02:02 am by pitusso Reason: 1
Babbuino, che succede?

Arduino è OpenSource.
Gli schemi son tutti disponibili e ti puoi fare la tua board da chi vuoi, se quella che Arduino vende ti sembra cara.

Inoltre anche tutto il sw è opensource.
Forse che non ti viene concesso  di usarlo su una breadboarduino, o su un derivato o pure su un clone?
Forse se usi un Atmega montato su una breadboard invece di una UNO non puoi iscriverti a forum?
Oppure quando sarà disponibile il fw e linino della Yùn, ci sarà qualcuno a vietarti di fare un porting su raspberry o su tplink?

Arduino è anche un'azienda, e come tale dovrà avere degli introiti, altrimenti sarebbe una onlus  :smiley-mr-green:
Dove sta la speculazione?

:P



zoomx

Quoto in parte lesto: Arduino e RaspberryPI non sono il meglio tecnicamente parlando ma  come facilità di utilizzo, dovuta specialmente alla enorme comunità di utilizzatori, non hanno concorrenti.

Andando su Ethernet e WiFi però emergono le limitazioni del micro scelto per Arduino. Tutte le soluzioni proposte sono perdenti rispetto all'accoppiata di Arduino con RaspberryPI o con minirouter modificati di ampia diffusione come il WR703n che adesso su Ebay si trova a circa 15 euro spedizione compresa, nonostante che il wr703n è tutto in cinese.
Qui abbiamo dei sistemi attaccati all'Arduino che sono più potenti sia come calcolo che come RAM dell'Arduino stesso e si tenta di comandarli dall'Arduino. Ma questo, secondo me, ha poco senso. Credo sarebbe meglio che l'Arduino tornasse a fare quello che fa bene (gestione di porte, PWM, volendo anche l'acquisizione A/D) e lasciare che sia comandato dai sistemi più potenti.

Quello che probabilmente succederà è che le librerie verranno portate sia sul RaspberryPI che sul WR703n o altri sistemi più economici.

veseo

A mio avviso non è un controsenso, gestire l'I/O direttamente da un processore su cui gira Linux è sicuramente più complesso e meno intuitivo che farlo con un ATmega. Yun segue la filosofia di Arduino Ethernet dove il W5100 fa tutto, solo che i protocolli supportati arrivano fino al livello applicazione.

Saluti,
Dario.

Souliss - Open-source Distributed Home Automation with Arduino and Android

http://www.souliss.net
Follow at @soulissteam

@veseotech

PaoloP

Non ci sono altre novità sulla scheda.  =(
Tutto tace anche sul fronte github. Se stanno lavorando sul codice, come pensao che stiano facendo, al momento non hanno pubblicato neanche mezza righetta.  :|
Forse ad Ottobre al MF a Roma.  :smiley-mr-green: :smiley-mr-green:

Veseo, il porting di Soulis sulla YUN, mi pare d'obbligo.
Per la Domotica/HomeWebServer questa scheda diventerà un MUST.
Code fast. Code easy. Codebender --> http://codebender.cc/?referrer=PaoloP

pighixxx

Ciao a tutti, ben ritrovati  :smiley-mr-green:
Ho visto che su Robotitaly ce l'hanno già a listino a 62,92€ (http://www.robot-italy.com/it/arduino-yun.html)
per non parlare dell'Arduino robot (http://www.robot-italy.com/it/arduino-robot.html) a 237€  :smiley-eek:


(cut)
Per la Domotica/HomeWebServer questa scheda diventerà un MUST.


Mah, il prezzo non è sicuramente dalla loro parte...

astrobeed


Mah, il prezzo non è sicuramente dalla loro parte...


L'Arduino robot è decisamente costoso visto che è totalmente sprovvisto di sensori, salvo un magnetometro, i motori utilizzati sono, ad essere gentili, robetta da pochi soldi.



leo72


Non ci sono altre novità sulla scheda.  =(
Tutto tace anche sul fronte github. Se stanno lavorando sul codice, come pensao che stiano facendo, al momento non hanno pubblicato neanche mezza righetta.  :|

Saranno in ferie  ;)

Go Up