Go Down

Topic: Arduino "alternativi", come testarli? (Read 2388 times) previous topic - next topic

BaBBuino




@Babbuino:
hai delle idee buone, ma le esprimi come se fossi al bar.  :smiley-sweat:

In effetti un Forum lo vivo un pò come essere al Bar tra amici. Devo pensare diversamente?  :smiley-roll:


E allora passa la birra, caspita !!!    :smiley-mr-green:

A parte gli scherzi, sei al bar, tra amici ma sei comunque ospitato in un locale pubblico non di tua proprietà e con delle regole. Anche non scritte, magari solo di buona educazione (parlo in generale, nessun riferimento a qualcosa di accaduto).
Non sei d'accordo?
Che il padrone del "bar" si possa un pò incacchiare se fai pubblicità nel suo bar di un altro locale posso capirlo (logico che qui stiamo anche parlando di Arduino e Open mentre un bar è per fare soldi).  ^_^


Condivido ma non completamente. La critica, specie se posta nelle dovute maniere, deve essere accettata in QUALUNQUE ambito. Solo nei totalitarismi e nei regimi non è accettata, e se quà fosse censurata, ne dovrei trarre le dovute conseguenze.

ardubep

Boia deh! uno non fa in tempo ad andarsene a dormire e rischia di perdersi il giro delle birre XD
Provo a far chiarezza sul virgolettato: francamente non intendevo solo cloni illegali (dove l'illegalità starebbe nell'abuso del marchio Arduino)  o solo materiale legittimamente trasceso dal progetto originale. La provenienza prevalentemente cinese mi ha portato a virgolettare il termine 'alternativo'.
Sta di fatto che non ho citato alcun prodotto o distributore.
Arduino è una filosofia, come tutto l'Open Source d'altronde, e dalla contaminazione e dalla rimasticazione del progetto originale ci si aspetta una robusta evoluzione dell'intero sistema.
Inevitabilmente il processo evolutivo si può orientare anche verso la creazione di prodotti a costi più contenuti, ma non necessariamente "fradiciumi".
Spesso i dispositivi proposti sono identificati nel catalogo come "Arduino Compatibile", poi magari guardando le immagini proposte si può notare che per irrobustire il concetto di compatibilità hanno provato a rendere "compatibile" anche la grafica, il marchio, i colori, ecc.
Il che può effettivamente essere fastidioso, ma dubito sia in qualche modo evitabile.
Visto che il thread ha preso una deriva etica, provo ad aggiungere una ulteriore personale osservazione:
Nel caso in cui un sito mi propone un prodotto definito 'Compatibile' nella descrizione e praticamente identico all'originale nella presentazione grafica (insomma una copia bella e buona), non credo di stropicciare troppo la mia coscienza se ne acquisto un pezzo per vedere com'è. Altro sarebbe se lo rivendessi ad altri speculandoci sopra e spacciandolo per originale, qui sì che ci starebbe la mascalzonata.
Potrebbe andare peggio, pensate che se ad occuparsi del sito che vende il clone ci fosse uno dei nostri politici potremmo trovare la definizione di "Diversamente Arduinico"  :D
Detto questo, qualcuno mi può aiutare a separare evangelicamente il "Lolio dal Grano" ;) suggerendomi qualche protocollo di testing di una scheda equipaggiata con un ATMEL, una porta USB ed una manciata di componenti vari?

gpb01


Detto questo, qualcuno mi può aiutare a separare evangelicamente il "Lolio dal Grano" ;) suggerendomi qualche protocollo di testing di una scheda equipaggiata con un ATMEL, una porta USB ed una manciata di componenti vari?


Magari QUESTO è un po' troppo ???   XD XD XD

Però è uno standard ampiamente usato ;)

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

ardubep

Ma tu vedi  :smiley-eek-blue:
Proprio vero quel che si dice: "Attento a quel che desideri, perché rischi di ottenerlo" XD
Ora me lo vado a leggere, vedi mai.....

gpb01


...
Ora me lo vado a leggere, vedi mai.....


Può esserti sicuramente utile per saperne di più ...
... io, per alcuni prodotti fatti alcuni anni fa ... ci sono passato e...  non solo sotto quello, ma anche sotto le DOD-STD-2167A e le ESA-PSS-05 ...  =( =( =(

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

ardubep

Piccolissimo inciso [OT]: ho dato un'occhiata all'ora di emissione dei vari messaggi anche in topic adiacenti  :smiley-eek-blue:
C'è qualche problema nell'orologio di qualche server o ho incontrato un club di guardiani di fari ? XD

ardubep

Beh, dopo essere passato per i processi di certificazione 93/42 mi credevo d'aver fatto chissà che. Ma con te è come assistere a Juventus-Roccacannuccia, non c'è partita :(

gpb01


ho dato un'occhiata all'ora di emissione dei vari messaggi anche in topic adiacenti  :smiley-eek-blue:
C'è qualche problema nell'orologio di qualche server o ho incontrato un club di guardiani di fari ? XD


... mmm ... ma no, molti di noi sono solo ... animali notturni o ... grandi insonni  :smiley-mr-green: :smiley-mr-green: :smiley-mr-green: :smiley-mr-green:

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

gpb01


... Ma con te è come assistere a Juventus-Roccacannuccia, non c'è partita :(


Search is Your friend ... or I am Your enemy !

leo72

@Babbuino:
mi riferisco ai modi "coloriti" che usi per enfatizzare i tuoi pensieri  :P:

uwefed


Beh, dopo essere passato per i processi di certificazione 93/42 mi credevo d'aver fatto chissà che. Ma con te è come assistere a Juventus-Roccacannuccia, non c'è partita :(

La CE 93/42 non é piú in vigore. Adesso vale la CE 2007/47

icio

Il successo di arduino è dovuto esclusivamente al fatto che l'ideatore ha fornito sorgenti per il pcb, e per le librerie, migliaia e migliaia di programmatori hanno dedicato milioni di ore lavoro per scrivere applicazioni che oggi tutti possono scaricare,

adesso l'ideatore non si sogni neppure di cambiare le carte in tavola per trarre il massimo lucro da un lavoro che ormai appartiene alla comunità mondiale, al massimo può riservarsi il diritto di mantenere il layer serigrafia nel pcb,  avendo pubblicato i sorgenti del pcb cambiare questo layer è un gioco da ragazzi

tanto per farvi portare i piedi per terra le ditte cinesi che producono pcb e che assemblano usano macchinari nuovissimi e di ultima generazione , non hanno bisogno di bambini lavoro,   la complessità delle schede arduino è di tipo bassa-mediocre e qualsiasi ditta al mondo che produce pcb è in grado di farla senza problemi,   tanto per inciso io mi fornivo da anni da una nota ditta italiana che produce pcb di cui non è bene fare il nome, negli ultimi tempi i loro pcb fanno pena, soprattutto per la scarsa resistenza della metallizzazione dei fori passanti, alcuni sono poveri di metallo e già alla sotituzione di un solo componente vengono via come il burro,  per contro ormai da un anno mi servo da ditte cinesi con grande soddisfazione, non tanto per il prezzo ma proprio per la qualità maggiore, per cui sorrido quando molti di voi cominciano a parlare male di qualsiasi prodotto cinese,   altra nota: l'ATMEL possiede da un paio d'anni credo un stabilimento di produzione di microcontrollori in cina , penso a guandong.


Testato

Tornando in tema ricordi unosketch che fa il test velocità del micro, prova a cercarlo, magari lo lasci in loop 24ore
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH


BaBBuino


Il successo di arduino è dovuto esclusivamente al fatto che l'ideatore ha fornito sorgenti per il pcb, e per le librerie, migliaia e migliaia di programmatori hanno dedicato milioni di ore lavoro per scrivere applicazioni che oggi tutti possono scaricare,

adesso l'ideatore non si sogni neppure di cambiare le carte in tavola per trarre il massimo lucro da un lavoro che ormai appartiene alla comunità mondiale, al massimo può riservarsi il diritto di mantenere il layer serigrafia nel pcb,  avendo pubblicato i sorgenti del pcb cambiare questo layer è un gioco da ragazzi

tanto per farvi portare i piedi per terra le ditte cinesi che producono pcb e che assemblano usano macchinari nuovissimi e di ultima generazione , non hanno bisogno di bambini lavoro,   la complessità delle schede arduino è di tipo bassa-mediocre e qualsiasi ditta al mondo che produce pcb è in grado di farla senza problemi,   tanto per inciso io mi fornivo da anni da una nota ditta italiana che produce pcb di cui non è bene fare il nome, negli ultimi tempi i loro pcb fanno pena, soprattutto per la scarsa resistenza della metallizzazione dei fori passanti, alcuni sono poveri di metallo e già alla sotituzione di un solo componente vengono via come il burro,  per contro ormai da un anno mi servo da ditte cinesi con grande soddisfazione, non tanto per il prezzo ma proprio per la qualità maggiore, per cui sorrido quando molti di voi cominciano a parlare male di qualsiasi prodotto cinese,   altra nota: l'ATMEL possiede da un paio d'anni credo un stabilimento di produzione di microcontrollori in cina , penso a guandong.




Amen!

Prima o poi un pensiero del genere doveva saltare fuori...

Go Up