Go Down

Topic: sensori contapezzi help me!!! (Read 7554 times) previous topic - next topic

tinman66

#30
Oct 16, 2009, 11:07 pm Last Edit: Oct 16, 2009, 11:09 pm by tinman66 Reason: 1
Il nastro di carta e' sicuramente di colore bianco, se lo sfondo sotto e' nero o comunque di colore scuro meglio un rilevatore a riflessione, appena finisce un nastro hai un attimo di scuro che non riflette o riflette meno.
Questo funziona se lo sfondo sotto al sensore e' scuro ( o se puoi metterlo ) a questo punto il sensore con il laser e la fotoresistenza ( meglio un fototrasnstor o fotodiodo sono piu veloci ) vanno usati in riflassione, quando finisce la carta hai un segnale.

Questo metodo e' usato ad esempio per i robot inseguitori di linea, seguono una linea nera su sfondo bianco (o bianco su sfondo nero).
Ecco un esempio di sensore:
http://www.roboticsconnection.com/p-80-single-line-following-sensor.aspx
Oppure:
http://www.roboticsconnection.com/p-67-line-following-sensor.aspx

O ancora l'ottimo pololu:
http://www.pololu.com/catalog/product/959

Di cui per arduino esiste una libreria gia pronta:
www.pololu.com/docs/pdf/0J19/QTR_arduino_library.pdf




cecco88

tinman66 la cosa è un pò diversa.
I pezzi transitano su un nastro di colore scuro, però il problema è rilevarli quando ci sono più pezzi attaccati...

Ho guardato i link che hai postato.
Le distanze arrivano fino a 12mm, qualcosa di più rispetto alla fotocellula che arriva a 5mm.  

Secondo te possono essere compatibili con arduino?
Quasi la totalità dei rotoli di carta sono bianchi, ma a volte si fanno anche altre colorazioni... questo sarebbe un motivo per scartare questo tipo di sensori?

Polulu mi sembra interessante... se poi hai detto che esiste una libreria vuol dire che qualcuno lo avrà già usato...
quello che mi sembra poco è sempre la distanza di rilevamento... 3mm che equivalgono a posizionare il sensore quasi a contatto del pezzo che passa sul nastro.

Siccome il nastro si divide in 4 corsie, in ognuna delle quali passano i pezzi, dovremmo fare una struttura che sia a "cavallo" del nastro e vorrebbe dire posizionarli immediatamente sopra ai pezzi... non esiste qualcosa che si potrebbe mettere un pò più distante?

grazie


tinman66

Mi sa che meglio se definisci meglio il problema.
Vediamo quello che ho capito fino ad adesso:
tu hai 4 nastri su cui scorrono i rotoli di carta di vari colori
una macchina li taglia
vuoi contare quanti tagli fa

una cosa che devi dire pero' è: a che velocita scorrono? la macchina che li taglia che spazio lascia tra i 2 rotoli ?
questo per sapere che velocita di rilevamento ti serve nel sensore.

L'ambiente e' molto illuminato ?
Avresti la possibilita di mettere al buio una zona ( esempio una copertura parziale del nastro di scorrimento)



dadebo1

#33
Oct 19, 2009, 12:37 pm Last Edit: Oct 19, 2009, 12:46 pm by dadebo1 Reason: 1
in effetti ,.. ci stiamo un po perdendo ...
comunque ci sono (più costosi) fotosensori a distanze maggiori:
http://it.rs-online.com/web/search/searchBrowseAction.html?method=retrieveTfg&binCount=201&Ne=4294958127&Ntt=prossimit%c3%a0&Ntk=I18NAll&Nr=AND%28avl%3ait%2csearchDiscon_it%3aN%29&Ntx=mode%2bmatchallpartial&N=4294954572&Nty=1

dove vuoi contare?

cecco88

#34
Oct 19, 2009, 02:15 pm Last Edit: Oct 20, 2009, 10:05 am by cecco88 Reason: 1
Innanzitutto ringrazio tinman66 e dadebo per aver dato importanza al mio problema.
Risponderò ad entrambi in questo post, sperando di essere sufficientemente chiaro :)

Abbiamo una bobina di carta e dopo il primo stadio vengono prodotti dei log (rotoli che successivamente verranono tagliati) che vengono accumulati su un "polmone" di modo che quando è necessario il cambio bobina, la macchina non si fermi.

Dopo questo stadio, 4 log per volta vengono disposti su un nastro, già suddiviso in "corsie". I log, parallelamente, passano attraverso una lama che li taglia tenendo conto del tipo di prodotto (carta igienica, asciugatutto e altro ancora).

Dopo il taglio, questi rotoli proseguono il loro percorso lungo le 4 corsie, dove erano posizionati inizialmente anche i log di carta.

(La quasi totalità dei rotoli è bianca, qualche volta si fanno anche rosa o azzurri.)

A questo punto a noi interessa contare i pezzi tagliati, ovviamente dovremmo mettere 4 sensori, uno per ogni corsia.

Spero di essere stato chiaro ad entrambi.
Volevo chiedere a dadebo.. non è che ci sarebbero sensori da una decina-venti euro circa??

grazie!!
Dovremmo aver risolto il problema di avere i rotoli contigui, perchè c'è un punto in cui, mal che vada sono quasi attaccati, ma il sensore dovrebbe essere in grado di rilevare anche pochi millimetri di distanza.

Per rispondere a tinman66...

Non scorrono a una velocità molto elevata, non + di un pezzo al secondo per intenderci, quindi credo che un sensore non troppo sofisticato dovrebbe farcela.
Per quanto riguarda l'illuminazione... non è illuminato a giorno, ma c'è buona visibilità. Queste macchine lavorano su tre turni, quindi la notte ci sarà un pò meno illuminazione che verrà compensata con lampade apposite (che potremmo eventualmente potenziare).
Per quanto riguarda la possibilità di mettere al buio una zona, non credo si possa fare... nel caso si potesse quali sarebbero i vantaggi?

Federico Vanzati

#35
Oct 19, 2009, 04:57 pm Last Edit: Oct 19, 2009, 05:07 pm by Federico_Vanzati Reason: 1
se usi come emettitore di infrarossi/laser un segnale continuo, nasce la necessità di mettere al buio il rivelatore perchè se usi un rilevatore di ir capterebbe anche la luce del sole o quella delle lampade che comunque hanno componenti in infrarosso, stesso problema se usi una fotoresistenza.
Per ovviare a questo problema le barriere a ir/fotocellule emettono un segnale (onda quadra) ad una determinata frequenza, così il rivelatore sa cosa riconoscere e può operare anche esposto alla luce.

facendo una ricerca tra i kit ho trovato:
http://www.nuovaelettronica.it/it/kit/index.cfm?fb=scheda_kit&ww_articoli_id=16625
http://www.nuovaelettronica.it/it/kit/index.cfm?fb=scheda_kit&ww_articoli_id=16626

sono economiche di sicuro, probabilimente poco "industriali", magari per delle prove vanno bene.
F

tinman66

Ok si inizia a definire meglio quello che ti serve.

Come sensore vedrei bene questo allora:

http://www.shimpoinst.com/pdf/manuals/sensors/LS-S50MLR_Manual.pdf

Pero' siamo sui 150 $ e quindi molto fuori dal tuo budget.

dadebo1

si rs .. è caro .. ma ha la praticità di dare tutte le info ....
poi .. si cerca...
io rimmarrei sul NON VISIBILE.... appunto infrarosso .. per evitare appunto l'nfluenza della luce...
per quanmto riguarda il sensore....
beh quelli proposti nn sono male .. bina vedere se funzionano a ribbalzo .... ma credo di si ...
0  0
 \ /
  [ch9608]
nn so ..... andiamo avanti .. dai .. che ce la facciamo ..... :)

cecco88

Per rispondere a Federico...
ho dato un'occhiata ai sensori che si trovano nei link che hai postato.
Per fare delle prove potrebbero andare bene, anche se magari pensavo di passare subito a provare i componenti che dopo useremmo sulle linee di produzione.
Sono molto economici... ma sono schedine già fatte oppure si dovrebbero realizzare con i vari componenti? (leggo che le istruzioni di montaggio si trovano sulla rivista).

Per rispondere a tinman66...
Come distanza di rilevamento sarebbe ottimo (25-400mm). Poi sarà sicuramente molto sofisticato per costare cosi tanto.
Però noi (azienda) dovremmo acquistarne 8 per il macchinario più grosso, e altri 6 o 7 per altri macchinari. Per un totale di 15 sensori, la spesa sarebbe oltre 2000 euro... probabilmente ce ne saranno di meno costosi? magari anche per provarli e se poi dovessero andare bene, si potrebbe acquistare in numero sufficiente per le nostre esigenze.

Per rispondere a dadebo1...
Bisogna vedere se anche i primi sensori (quelli + economici) dopo aver fatto alcune prove, potrebbero andare bene sui macchinari. Aspetto la risposta di federico ;)

Grazie a tutti

P.S: speriamo di farcela, cosi evito di disturbarvi continuamente ;) :)

Federico Vanzati

io tempo fa ho comprato un kit e il negozio che li vendeva aveva anche le riviste di riferimento.
Comunque in azienda visto che i macchinari avranno sicuramente altri sensori, ci sarà qualcuno che potrebbe sapere queste cose....chiedi.
In alternativa anzichè continuare a cercare su internet ti consiglio anche di andare da un rivenditore di materiale elettrico, se vende plc e affini, venderà anche tutto il contorno, no? ;)
Se ti andrà bene ci sarà una persona che conosce molte marche e ne sa molto più di noi!!!
F

dadebo1

si si .. concordo con federico.... su internet.. ci sono spesso i più professionali....
anche negozzi che vende prodotti elettronici , alcune volte trovi .. commessi "coi capelli bianchi" ... e loro ne sanno e  sanno come aiutarti.....
sui riferimenti che ti ho dato io .. te lo detto .. era solo per praticità :)
ciao

cecco88

Mi è arrivato il kit con arduino 2009...
sto provando a fare i primi esercizi, quelli del libro Getting start with arduino... per ora ho fatto i primi due, domani proseguo con gli altri.

Proverò anche a sentire il mio tutor e l'elettricista che magari sapranno consigliarmi, cmq vi terrò informati!!!

Ci sentiamo presto, hehe!! ;) :)

Saluti!!!

cecco88

Eccomi di nuovo qui...

ormai è quasi giunta la fase di acquistare i sensori poichè la prima parte di lavoro è stata effettuata (scambio di dati tra arduino e pc e acquisizione dati in java)

Tra tutti i sensori che mi avete proposto, credo che quelli più adatti siano le fotocellule sharp:
- http://www.acroname.com/robotics/parts/R49-IR15.html
- http://www.acroname.com/robotics/parts/R120-GP2Y0D02YK.html

Entrambi sono digitali e la differenza sostanziale tra i due è che il secondo può essere posto a distanze maggiori.

Ecco la descrizione del primo:
"This sensor takes a continuous distance reading and returns a logic value corresponding to object detection with a pre-set range of 24 cm (10"). The sensor package includes a JST 3-pin connector, three pre-crimped wires, and a booklet with detailed information and examples."

mi chiedo... il pre-set range di cui si parla, rappresenta la distanza a cui bisogna posizionare la fotocellula?

a me servirebbe posizionare la fotocellula sopra il nastro sul quale transitano i pezzi. Potrebbe andar bene quella che ho postato nel primo link?

Da quanto visto nell'immagine sembra una fotocellula a corpo unico, ma vi chiedo conferma anche di questo.

Grazie


GentlemanRider

Secondo me potresti prendere uno di questi e piazzarlo su una corsia:

http://www.robot-italy.com/product_info.php?cPath=15_47&products_id=34

poi vediamo come gira e all'uso ragioniamo sul codice. Il fatto che i rotoli siano attaccati è un falso problema, portesti impostare un tempo t (il tempo che impiega un rotolo a transitare) e poi incrementare il contatore anche in base a quello. Ricordati di prendere anche il cavetto apposta, perchè ha un connettore particolare.

cecco88

#44
Oct 27, 2009, 09:16 pm Last Edit: Oct 27, 2009, 10:41 pm by cecco88 Reason: 1
GentlemanRider ti ringrazio del consiglio, anche secondo me questo è ottimo... e il vantaggio rispetto al suo eguale digitale è che può essere messo a una distanza non prefissata, questo invece può essere messo tra 10 e 80 cm.

Al massimo se ne può acquistare uno, tanto non è una gran cifra.
Se poi anche sfruttando una variabile di tempo, salvo trovare un punto in cui i rotoli non sono mai attaccati, si dovrebbe poter riuscire a fare il tutto... ti ringrazio moltissimo per i tuoi consigli ;)

Ultima cosa... ho letto la descrizione del cavetto:


Questo cavo si connette ai sensori della Sharp a 3 pin, GP2D12, GP2D120 e GP2D15. E' dotato di connettore JST su un capo e un connettore standard passo 2.54 sull'altro. Il cavo e a 3 conduttori, due per l'alimentazione (rosso e nero) e uno per il segnale (giallo).

Ma quindi i 3 pin di cui parla si possono collegare a 3 pin della scheda arduino?

Go Up