Go Down

Topic: Domotica con Arduino (Read 76 times) previous topic - next topic

Guglio

#435
Dec 29, 2010, 07:55 pm Last Edit: Dec 29, 2010, 07:57 pm by Guglio Reason: 1
Secondo me questo progetto non può andare avanti perchè tutti hanno esigenze diverse: c'è chi parla di diversi nodi, di un nodo centrale, chi di ethernet chi di RF...
Secondo me l'unica soluzione è copiare uno standard come X10 rendendolo "meno costoso" cioè almeno penso che queste ditte che vendono questi adattatori sparino prezzi assurdi ma non credo che l'elettronica all'interno di questi aggeggi sia così costosa
Quindi direi di partire pensando a come scopiazzare adattatori tipo X10, che più o meno servono a tutti (in una scatola di derivazione o dietro alla poltrona della nonna) e che sono anche la parte più difficile, poi si passa alla gestione dove si può fare un progetto generale e poi lo si modifica a seconda delle esigenze
ArduMAP: Mappa degli utenti che utilizzano Arduino.
http://www.guglio.net/ArduMAP

Ambrogio

Ma no, secondo me non è vero. Si era trovata una strada che poteva mettere daccordo più o meno tutti. Siamo fermi alla realizzazione dell'hardware ... speriamo che non sia tutto morto ! Io potrò contribuire con qualche mia idea quando parleremo di protocollo ... per ora attendo ma non mi sembrava male ciò che è stato fatto fino ad ora.

TicioTIX

#437
Dec 30, 2010, 08:35 am Last Edit: Dec 30, 2010, 08:36 am by ticiotix Reason: 1
@ Ambrogio.
Se il problema è l'hardware quanto ho descritto nel mio messaggio precedente esiste già e funziona, o per lo meno minaccia di farlo (i led lampeggiano, la memoria si legge e scrive, l'orologio comunica l'ora e il termostato scatta). Ora, visto che dal punto di vista hardware sono decisamente un principiante potrei vedere di pubblicare lo schema (Fritzing?) per poterlo controllare ed eventualmente migliorare tutti insieme.
@ Guglio
Non sono del tutto d'accordo. Che tutti abbiano esigenze differenti è normale in impiantistica. In fase progettuale bisognerà essere altamente flessibili per poi poter implementare il maggior numero di esigenze possibili. E fin qui non è stato detto nulla che tagli fuori una qualche esigenza. Il protocollo di Ambrogio non ha problemi con RS485, CANBUS o Ethernet, nè con una implementazione centralizzata nè con intelligenza distribuita. E', semplicemente, ad un livello superiore. Poi, eventualmente, si penseranno alle implementazioni di basso livello per creare la colla logica fra protocollo e livelli hardware sottostanti. Sono invece d'accordo, come ho già detto, sul fatto che non fosse da disprezzare l'idea (sempreché possibile...) di usare un protocollo esistente, per le note ragioni. Ma visto che, prendendo in mano un listino dell'esistente, potremmo uscire con dei periferici ad un costo di un decimo dell'esistente, direi che potremmo andare benone così.

A questo punto secondo me bisogna procedere con la progettazione dell'intelligenza da mettere sulla/sulle centrali/e (Arduini) e sulla decisione della gestione dei periferici (pulsanti, relay, dimmer, ...).

Ciao
TT:

Simo89

Secondo me è inutile accavallare n progetti quando si era partiti con uno, anche per non buttare via il lavoro che i ragazzi che si sono trovati in skype hanno portato avanti fino a questo punto.

Putroppo in questo periodo sono stato un po preso e non ho potuto parteciparvi ma confido in un aggiornamento dopo le feste ;)

stefano72

Ciao Ragazzi,
Buon Anno a tutti!
Da un po' nn c'è più movimento qui: quali sono le novità? Riprendiamo?
@Morodor, che news ci sono?
Ciao!

Go Up