Go Down

Topic: [OT] Stampa 3D per tutti ... novità, curiosità, amenità, chiacchiere varie (Read 69240 times) previous topic - next topic

astrobeed

Si se devo tipo stampare una persona il supporto automatico magari tocca un solo punto delle mani ed è molto sottile ed alto.. speravo fosse un pò meglio questo software che non è neanche regalato..
In questi casi devi usare la generazione dei supporti in manuale, con l'automatico non puoi sperare che siano ottimali anche in condizioni particolari.
Scientia potentia est

astrobeed

acqua tiepida e sapone,
La lacca per capelli è idrosolubile, basta solo l'acqua, meglio se calda, l'aggiunta di qualche goccia di sapone per piatti permette  anche l'eliminazione del grasso depositato dalle dita.
Scientia potentia est

tazzo

Ok, vi ringrazio per le dritte.

Io ogni volta che tolgo e rimonto il piatto rieffettuo l'allineamento dell'offset della stampante perché nel rimontarlo sposto sempre il carello un pò verso il basso. E' un passaggio superfluo o è buona pratica?

doppiozero

Io ogni volta che tolgo e rimonto il piatto rieffettuo l'allineamento dell'offset della stampante perché nel rimontarlo sposto sempre il carello un pò verso il basso. E' un passaggio superfluo o è buona pratica?
Io non lo faccio e secondo me non serve farlo, soprattutto con la witbox che fa la calibrazione in automatico del piano di stampa.

Se tutte le volte che stampo dovessi ricalibrare l'offset avrei smesso con la stampa 3d mesi fa, sai che due @@  :D
"Doc, ma che diavolo è un Gigowatt? "

tazzo

La calibrazione automatica penso che compensa eventuali inclinazioni ma non un offset assoluto in Z.

Più che altro la stampante non ha modo di sapere a che altezza è il piatto se facendo forza quando lo riposiziono lo sposto manualmente di qualche mm in giù.

doppiozero

La calibrazione automatica penso che compensa eventuali inclinazioni ma non un offset assoluto in Z.

Più che altro la stampante non ha modo di sapere a che altezza è il piatto se facendo forza quando lo riposiziono lo sposto manualmente di qualche mm in giù.
Sparerò una cavolata.. ho sempre pensato che quando si setta l'offset Z la stampante memorizzi il valore resituito dal sensore montato sull'estrusore. Non vedo altre vie per mantenere un offset corretto (parlo per la mia hephestos 2). Per la witbox, se ha il finecorsa su Z(credo proprio di si), potrebbe contare i passi una volta completata la procedura di ritorno a Home ma non mi sembra un sistema preciso se il piatto di abbassa come dici tu di qualche mm. In ogni caso penso che settare l'offset Z ogni volta che si toglie il piatto non sia necessario
"Doc, ma che diavolo è un Gigowatt? "

astrobeed

La Hephestos 2 in pratica è una Withbox 2 senza case e cambiano alcune cose sulla meccanica, però l'autocalibrazione lavora allo stesso modo pertanto anche se il piatto dovesse finire qualche mm in più o in meno, come elevazione, ogni volta che lo smonta/rimonta questa cosa cosa viene compensata in automatico.
L'offset che si fa da menù serve per compensare la lettura del sensore distanza piatto per l'asse Z, non serve per la reale elevazione del piatto, in pratica la stampante ogni volta che esegue l'autocalibrazione per ognuno dei punti scendo fino a trovare il piatto e non tiene conto del offset.
L'offset entra in gioco solo quando si inizia a stampare, dice alla stampante di quanto deve spostare l'asse z dal punto di rilevazione del sensore per portarsi alla distanza ottimale per il primo layer.
Scientia potentia est

gpb01

L'avete vista la nuova di XYZprinting? ... a colori ... 16M di colori, tecnologia ink-jet unita alla tecnologia FFF  :smiley-mr-green:

Date un occhiata anche al seguente servizio ... QUI

Ok, al momento costicchia (... siamo sui €3500) ... ma non molto più di una Ultimaker3 o stampanti di quel livello ...

Se verrà sviluppata è una bella idea ...

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

astrobeed

Bella l'idea di colorare direttamente il pla durante la stampa, mille problemi in meno per il cambio filamento/testina e possibilità del true color, certo costicchia, sopratutto dal punto di vista esercizio dato che si parla di 38 E per 600 grammi di pla e 60 Euro per le cartucce colore, da vedere quanto durano, però per un uso professionale è sicuramente interessante.
Immagine che se la cosa funziona sul serio anche gli altri produttori tireranno fuori prodotti simili con conseguente riduzione dei costi, sopratutto per i materiali di consumo.
Scientia potentia est

gpb01

... certo costicchia, sopratutto dal punto di vista esercizio dato che si parla di 38 E per 600 grammi di pla e 60 Euro per le cartucce colore ...
... non moltissimo di più di qualsiasi PLA professionale ::) .  "Blueish White" di ColorFabb costa, per un rotolo da 750gr, €29,71 + IVA che sono circa €36 ... stiamo vicini ... :smiley-confuse:

Le cartuccie ink-jet dipende quanto durano e da quanti ml sono ...
... potrebbero essere carissime come potrebbero essere economiche (... ne so qualche cosa ... per uso fotografico ho una Epson Stylus PRO 4800 ... vai a vedere quanto costano le cartuccie Epson da 220 ml ... e ne monta 8 :smiley-cry: ).

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

Etemenanki

Era solo questione di tempo ... dopo le stampanti a catalisi con laser UV e quelle a metallo sinterizzato (realizzata dalla NASA, costo 500.000$ , pero' esiste e funziona pure :P), i colori erano giusto la naturale "evoluzione della specie" ... :D
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

5a2v0

ciao a tutti.. finalmente ho anch'io una stampante 3d, ma è arrivata con qualche problema..
Intanto la stampante è questa LINK EBAY (mi è stata regalata) e si, so che allo stesso prezzo c'erano altre inserzioni dove davano la prusa con il piatto di dimensioni "normali". Ma a caval donato...
Una volta assemblata ed accesa, sul display si notava la presenza del fw Repetier v 0.91 e riuscivo a collegarmi tranquillamente con il RepetierHost e l'esecuzione di comandi manuali andava a buon fine.
Dopo aver fatto una veloce configurazione sui profili di slicing e stampa, abbiamo provato a stampare un semplice cubetto di prova e sono iniziati i problemi.

Qualunque stampa io lanciavo da pc o da SD, partiva regolarmente ma dopo un tot imprecisato la stampante o si spostava e continuava a stampare in posizioni errate, o si fermava e in tutti i casi il RepetierHost rilevava problemi di comunicazione e si arrestava la connessione.

Dopo svariate letture e ricerche su web ho deciso di intraprendere la strada dell'aggiornamento firmware e passare al Marlin (consigliatomi da un amico) cosa che non sono riuscito a fare in quanto pur provando le versioni dell'IDE 1.0 1.05 1.6 e 1.8 riuscivo a compilare e a caricare usando solo la 1.05 ma il display della stampante non era funzionante. Ho tentato di abilitarlo nel config di Marlin ma ottenevo sempre e solo errori di compilazione o caricamenti che non davano frutti..

Cercando cercando, ho trovato una versione del  Repetier fatta apposta per la mia stampante con display a 5 tasti, la provo (0.92.5) e parte regolarmente. Regolo qualche impostazione e stampo da pc --> stesso problema. Riprovo da SD e stavolta va, senza problemi e ho fatto molto piu di una stampa di prova proprio per testare.

Ho anche provato a far partire la stampa da SD ma mentre era collegata al pc leggere da RepetierHost lo stato della stampa e anche stavolta ha avuto problemi di comunicazione (ma la stampa ha continuato perchè era stata lanciata da sd..)


La scheda di controllo è una Melzi 2.0 v5 ovvero questa: LINK
Per poter caricare il firmware ho dovuto scrivere il bootloader usando come board "Melzi 1284p 16mhz".


Il mio dubbio è se il problema potesse essere semplicemente il chp FTDI che magari durante la stampa e l'uso intensivo dello stesso (invio dei vari stati e ricezioni di tutti i comandi) crei errori di comunicazione.
Ho provato ad abbassare tantissimo il baudrate e diminuire la cache size ma non ho mai risolto nulla.
Potrei provare secondo voi a sostituire il chip ?

Etemenanki

http://www.ebay.it/itm/Foxpic-3D-Penna-Pen-Intelligent-stampante-Tridimensione-100-240V-regolabile-/282606728845

... 16 Euro spedizione gratuita, per una "penna 3D" ? ... in grado, secondo loro, di "stampare" ABS ? ... anche se a vederla sembra solo un giocattolo per bambini, mi sembra un po una presa per i fondelli ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

astrobeed

Video di presentazione della nuova Prusa I3 MK3, tra le varie nuove caratteristiche molto interessante la presenza del sensore filamento direttamente nel gruppo motore estrusore, dicono che la stampante è in grado di riprendere la stampa anche in caso di interruzione corrente.
Il prezzo della nuova I3 MK3 è leggermente maggiore della MK2, per il momento solo preordine con inizio consegne a Novembre.
Scientia potentia est

5a2v0

...cut...
Il mio dubbio è se il problema potesse essere semplicemente il chp FTDI che magari durante la stampa e l'uso intensivo dello stesso (invio dei vari stati e ricezioni di tutti i comandi) crei errori di comunicazione.
Ho provato ad abbassare tantissimo il baudrate e diminuire la cache size ma non ho mai risolto nulla.
Potrei provare secondo voi a sostituire il chip ?
Ho provato a dissaldare il chip FTDI dalla Melzi e rimpiazzarlo con uno presente su un programmatore di quelli che danno in genere con gli arduino Mini Pro su ebay..
Sarà stato un caso ma ben 2 stampe di cui una abbastnza lunga come tempo di stampa e grandezza dell'oggetto me le ha fatte tramite usb senza problemi.

Il giorno dopo, durante una stampa di un oggetto piu piccolo e dunque più breve, si è ripresentato il problema.
Il cavo utilizzato è sempre lo stesso di quando è riuscita la stampa, stessa porta usb e stesso pc.. che altro potrebbe essere?

Avrei pensato anche ad un malfunzionamento del atmega 1284p proprio.. ma allora perchè da SD non da mai problemi ?

Suggerimenti ?

Go Up