Poll
Question: Centrale Antifurto Pro (ArduoAlarm)
Hardware - 3 (50%)
Software - 3 (50%)
Total Voters: 6

Pages: 1 2 [3] 4 5 6   Go Down
Author Topic: Centrale Antifurto  (Read 9659 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-small
Ecco la nuova versione migliorata della centrale ArduoAlarm R.0.3A.

Questa versione precede la definitiva filare, in quanto occorre sistemare due bug importanti:
- Conteggio orario errato di circa 40 secondi al giorno
- Scelta del protocollo di comunicazione ed apparati via radio/seriale

Sono state implementate diverse funzioni sinteticamente sotto riportate:
- Sistemazione bug realese 0.2
- Aggiunta programmazione parametri di configurazione da tastiera
- Aggiunta buzzer segnalazione preallarme e tempo ritardo ingresso
- Selezione zone per attivazione Linea1, Linea2, Totale
- Inserimento ingresso Tamper 24h per protezione antimanomissione impianto
- Semplificato circuito tastiera, con utilizzo di resistenze uguali da 220 ohm


Troverete tutto su:      http://www.arduoalarm.blogspot.com/

PS.: Come richiesto, ho inserito gli schemi con una migliore risoluzione, ed il file utilizzato per la generazione FidoCad.
Per scaricare il programma FidoCAD V.0.96 dell' amico Lorenzo: http://www.enetsystems.com/~lorenzo/fidocad_win.asp

Qualcuno può aiutarmi sulla sistemazione del conteggio orario di sistema che sbaglia di circa 40 sec/giorno ed il tipo di
protocollo da implementare per i sensori via radio ed apparati esterni?  please ?  smiley-cry

« Last Edit: February 19, 2011, 09:11:27 am by Giuseppe G. » Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ma tu usi un RTC? Nello schema che ho visto sul tuo sito non parrebbe.
Secondo me risolvi solo con quello perché il contatore interno dell'Atmega è comodo per brevi lassi di tempo (millisecondi) non è affidabile come orologio.
Logged


Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley
Ciao leo72.

No effettivamente non uso un RTC e credo di avere problemi ad utilizzarlo per mancanza di pin I/O.

Quale secondo te potrebbe andar bene ed eventualmente quani pin occorrono per il collegamento ?

Grazie per l'info.

Ciao
Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Il più semplice di tutti è l'ultrafamoso DS1307. Funziona col protocollo I2C per cui usa i pin A4 e A5 che, mi pare di vedere, tu hai liberi.
Inoltre tieni presente che il DS1307 usa una propria batteria (con una 2450 da 3V il DS1307 è dato per 10 anni!), se va via la corrente, alla successiva ritensione l'Arduino ritrova l'ora esatta!

Già che ci sono ti vorrei dare un'idea, non so se l'hai già implementata oppure no.
Siccome il protocollo I2C permette di collegare più periferiche, e tutte tramite l'uso di quei 2 pin (ogni periferica sarà riconoscibile con un ID univoco), potresti prevedere l'aggiunta di un piccolo chip di EEPROM sempre I2C dove conservare esternamente all'Arduino tutte le anomalie lette dal sistema, es. cali di tensione, aperture di qualche infisso mentre l'allarme è inserito ecc...
Grazie anche all'RTC avresti stampigliato anche l'orario esatto a cui si è verificata tale anomalia.
Logged


Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-mr-green

Geniale !!!

Ottima idea, devo acquistare in DS1307 ed una EPROM , e cominciare a fare qualche prova.

Ho visto che ci sono diverse applicazioni che ne parlano.

Unica pecca è che occorre poi lavorare solo con il protocollo I2C e trovare poi, un ricevitore radio
con questo, che servirà in futuro per interfacciare i sensori ed altri apparati.

Mi sà che per quella versione si dovrà utilizzare un Arduino MEGA, a meno che esista un ricevitore
radio con questo protocollo. Purtroppo, non ho alcuna dimistichezza con questo.

Per affrontare questo problema, sarebbe utile l'intervento di qualche esperto. smiley-eek

Ancora grazie.

Ciao.
Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ricordati che il DS1307 ha bisogno di alcuni componenti per funzionare, se cerchi sul forum il problema è stato anche trattato di recente.
Per quanto riguarda il collegamento radio, sinceramente non ho capito...  smiley-confuse
Se devi leggere la EEPROM, potresti prevedere un codice che visualizzi i dati sul display facendoli scorrere con i pulsantini. Oppure, nella più semplice delle ipotesi, montarla su uno zoccolino e toglierla se devi fare un'investigazione più profonda.
Logged


Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-roll

Il problema è che i pin liberi della seriale, erano dedicati ad una unità esterna che mi avrebbe permesso la comunicazione con altri dispositivi, come un modulo  radio a 433Mhz che avrebbe a sua volta permesso la comunicazione radio per telecomandi, sensori via radio ecc...
Quindi, se il modulo radio "che è ancora da scegliere" non utilizza I2C non posso eventualmente integrare questa opzione.

Ok per la visualizzazione degli eventi storici su display della EPROM.
Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

So che c'è anche il DS1302, mi pare che usi 3 fili e comunichi tramite semplice seriale.
Un'altra soluzione potrebbe essere quella di creare un modulo con un piccolo uC tipo un Attiny e far gestire il clock a lui, e poi chiedere tramite SoftSerial il tempo al modulo RTC. In questo modo puoi usare i pin che più ti aggradano.
Logged


Offline Offline
Newbie
*
Karma: 0
Posts: 4
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ciao a tutti!

Sto studiando lo schema della centrale di Giuseppe versione 2, e come dicevo in precendenza, per iniziare e sopratutto per imparare, la sto semplificando per usare una sola linea, senza display. Quando avrò fatto qualcosa di funzionante posterò il tutto smiley
Giuseppe, potresti spiegare meglio come funziona il fotoaccoppiatore nello schema? Se ho capito bene succede questo: quando l'interruttore On/Off è chiuso e L2 è chiuso e i contatti sono chiusi al pin 7 arrivano i 5 V dal pin 5V della scheda(si possono fare entrare così diretti senza resistenza?). Quando però un contatto viene aperto il fotodiodo viene portato in conduzione e di conseguenza il transistor conduce. in questo caso arrivano i 5V poichè il collettore del transistor è attaccato al pin 5V. Forse ho capito male, perchè in questo caso il pin della linea 2 non andrebbe mai a 0 V facendo scattare l'allarme. grazie se puoi dedicarmi un minuto a spiegarmi questa cosa.
un'altra cosa veloce: il condensatore di filtro in parallelo al diodo a monte dei sensori, vicino al fotoaccoppiatore è 104 microF? ceramico o elettrolitico? e la resistenza che sullo schema indichi con 100R è da 100 ohm?

grazie ancora
buon arduino a tutti  smiley

Nicola
Logged

Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-roll-sweat

Ciao Nicb.

E' proprio come hai spiegato tu, il funzionamento del fotoaccoppiatore.
Il + 5v può entrare dentro direttamente ad un pin del micro, purchè questo sia configurato come input !!!!
Comunque, il +5v in questo caso non sarà mai +5v perchè sarà sempre presente una caduta di tensione
tra il collettore ed l'emettitore del transistor, che si aggira intorno a 0,5 - 0,6 v.

Se vuoi, per sicurezza, inserisci una resistenza da 1k in serie al segnale, in maniera da proteggere il pin di ingresso.

Il segnale di ingresso è forzato a 0v da una resistenza da 10k, che se noti bene, si trova dove sono presenti
i pulsanti di test pARM, pL1 e pL2 a sx dello schema.

Il condensatore non è da 104 uF, ma da 100 nF, rappresentato con 104 ed è di tipo poliestere.

La resistenza 100R, indica la scala 0 cioè 100 ohm.

Se hai voglia, guarda il post della realese 0.3A, usando solo la tastiera, puoi evitare di inserire tutto il resto.

La versione HD e SW 0.3A la trovi su   http://arduoalarm.blogspot.com  


Buona giornata.

Giuseppe G.
« Last Edit: February 25, 2011, 05:31:59 am by Giuseppe G. » Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-wink
Progetto OPEN SOURCE Ceantrale Allarme ArduoAlarm Release 0.4 filare 2 zone programmabile

Ecco il progetto fresco fresco di collaudo della centrale antifurto filare completa e funzionante.

Un mio piccolo personale regalo a tutti gli appassionati di Arduino. Blog: http://www.arduoalarm.blogspot.com/

Questa release (R.0.4), conclude sostanzialmente il progetto filare, dove vengono adottate delle soluzioni HD affidabili ed immuni ai disturbi, testate in real-time da me a casa mia.


Qualche bug SW sistemato, qualche altro da sistemare ma di poca importanza..


Lo schema ha le sembianze ancora del primo, ma verrà rifatto in maniera chiara e semplice per una maggiore comprensione.


Si accettano aiuti di qualsiasi tipo, anche se al giorno d'oggi, tutti sono bravi a chiacchere.


Il tutto, appena possibile, sarà corredato da un elenco componenti, PCB e foto della realizzazione definitiva che posterò nel blog.

Un saluto a tutti.

PS.: La versione del file fornita nel formato FCD (FidoCad), può esser modificata solo da chi possiede un sistema operativo Win, in quanto la versione del software FidoCad è stata realizzata solo per Windows. L'opzione consigliata è EAGLE, ma non è FULL FREE.
Se qualcuno sà indirizzarmi con qualcos' altro FREE, provvederò al più presto, a fornire qualcosa di standard, così da accontentare tutti.

Giuseppe G.  smiley-draw


 
« Last Edit: February 25, 2011, 05:55:06 am by Giuseppe G. » Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Un solo appunto. Mi spiace per quel software, che oltretutto è di un italiano, ma NON puoi distribuire un progetto con FidoCAD... non è... standard  smiley-grin
E chi non ha Windows (come me) cosa fanno? Si attaccano?  smiley-lol
Ci vuole Eagle, mi spiace  smiley-wink
Logged


Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 328
Posts: 22733
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ah, e visto che siamo alle critiche costruttive, i file dal tuo sito sono scaricabili solo se si ha un account su Google....
Logged


Torino (Italy)
Offline Offline
Sr. Member
****
Karma: 0
Posts: 269
Fare insegna a fare.Do teaches how to make.
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

 smiley-neutral

Caro  Leo72,

riguardo alle critiche costruttive, credo non troppo, per quanto riguarda il download, lo si può effettuare tranquillamente da qualsiasi pc, anche senza essere registrato su Google, basta premere il Download che appare al centro della pagina. (verificato su almeno 10 postazioni)

Per quanto riguarda FidoCad, non è un problema mio se tu usi un SO che non lo supporta. Io ho usato gli strumenti facilmente reperibili in rete ed esclusivamente FREE, che come fai notare non sono standard.

Nel sito ufficiale di EAGLE trovi questo:
__________________________________________________________________________________   
Freeware
The EAGLE Light Edition can be used for free!

Limitations

The following limitations apply to the EAGLE Light Edition in general:

    * The useable board area is limited to 100 x 80 mm (4 x 3.2 inches).
    * Only two signal layers can be used (Top and Bottom).
    * The schematic editor can only create one sheet.
__________________________________________________________________________________

Come risposta creativa che posso darti, è quella di provare ad installare un emulatore windows sul tuo SO oppure, se EAGLE è veramente free per Windows ti chiedo cortesemente di darmi l'indirizzo di dove trovarlo, provvederò al volo a scaricarlo ed a riportare il tutto, su questo.

Comunque, Grazie per l' osservazione.

PS: Provvedo subito alla correzione dell' annuncio, precisando che il mio progetto HD può al momento esser modificato solo da chi è in possesso di Windows.

Ciao.  smiley-grin
« Last Edit: February 25, 2011, 05:50:59 am by Giuseppe G. » Logged

Un saluto a tutta la comunità.
Giuseppe G.

0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 31
Posts: 2908
Arduino rocks
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Un tempo provavo ad argomentare con il fine di convincere qualcuno, ma per mille motivi a me ignoti finiva tutto per ritorcersi contro di me, come se io ci ricavassi qualcosa.

Dunque Eagle non è libero e solo gratuito cosi come lo è fidoCad, con la differenza che Eagle gira su GNU/Linux nativamente, fidocad no forse si potrebbe tentare di usare wine per far girare fidocad su GNU/Linux ma rimane il fatto che tutti e due non sono software libero.

Un software libero sotto GPL c'è, ma a quanto pare tutti preferiscono EAGLE, io preferisco kicad a geda. Il fatto di usare o meno uno strumento "standard" è puramente soggettivo, per una cerchi di persone fidocad può essere considerato standard, quindi uno alla fine usa quello che ritiene più opportuno.
Diverso è il discorso se si chiede di usare strumenti open source disponibili per entrambe le piattaforme win e *nix, ma anche qui è tutto soggettivo, anche se discutendone potrebbe venirne fuori che non lo è poi così soggettivo, nel senso che un'insieme di motivazioni oggettive portano all'uso di software open source, ma io mi guardo bene da voler convincere qualcuno.

Le vere motivazioni che mi spingono a scrivere e che mi ero proposto di portare tutto il progetto su kicad, ma mi si deve aiutare il più possibile in quanto sono già abbastanza impegnato con vari progetti.

Io posso realizzare lo schematico con kicad, ma per il pcb la cosa diventa complicata, poi ritengo non necessario realizzare lo schematico con kicad se poi non si deve realizzare il pcb con kicad, cioè lo schema e li in formato immagine ed è leggibilissimo e questo lo ritengo sufficiente.

Io sono sempre disposto a portare tutto su kicad, ma ho bisogno di sapere se interessa e se mi aiutate.

Ciao.
Logged

AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

Pages: 1 2 [3] 4 5 6   Go Up
Jump to: