Go Down

Topic: Giocando con l'Attiny85 (Read 48 times) previous topic - next topic

dab77

Ciao! leggendo sul datasheet dell'ATtiny85, a pag.127, sta scritto chre si può usare il riferimento interno per gli ADC sia di 1.1V che di 2.56V! (pensavo solo l'1.1..)
ovviamente mi serve quello a 2.56...
si abilita sempre con:
analogReference(INTERNAL2V56);     ?

altra domanda, una volta settato a 1.1V, o a 2.56V, se per sbaglio arrivano su un pin analogico 5V, cosa mi devo aspettare? brucio il convertitore? no, ma mi arriva un valore inaspettato?

grazie..
p.s. lo chiedo perchè non ho modo di provare...

Testato

#546
Apr 06, 2012, 08:45 pm Last Edit: Apr 06, 2012, 08:48 pm by Testato Reason: 1


calcolando che con la ide 1 si caricano ufficialmente micro senza bootloader, sarebbe ottimo che gestisse i fuse.
Diventerebbe tutto piu' user friendly, poter caricare lo sketch su un micro vergine modificandogli anche i fuse in un solo colpo.

e' da testare  :)

No, aspetta, a me ha spiegato e mi pare di averlo specificato, che lui cambia i fuse caricando il bootloader, che io ricordo essere una specie di file finto, poi carica gli sketch, tutto via ISP esattamente come facciamo con il 328P.

capisco, diciamo che io sto' aggiungendo un carico  :)
cioe' che caricando il bootloader si programmino i fuse e' normale, almeno per i micro ufficiali, e quindi non mi mereaviglierei che funzionasse anche con attiny, mentre il test che conviene fare e' se con la ide 1 abbiano inserito al possibilita' di programmare i fuse durante il caricamento del solo sketch.
Prima non era possibile, pero' il tutto era giustificato dal fatto che ufficialmente il sl sketch non era gestibile, ora che e' diventato ufficiale potrebbe essere che funziona, o cmq si potrebbe pensare di chiederne l'implementazione.
E' da testare sia con 328P che attiny  (ho preso un paio di 85 ed un 2313)

p.s. mi sono fornito dal tua amico leccese, e' stato veloce e professionale, l'avvocato l'ho chiamato ugualmente perche' mi ha mandato dei PCF8574P invece dei PCF8574AP
scherzo, anzi gliel'ho fatto presente ed ha detto che correggera' subito il sito  :) ringraziandomi
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Michele Menniti


altra domanda, una volta settato a 1.1V, o a 2.56V, se per sbaglio arrivano su un pin analogico 5V, cosa mi devo aspettare? brucio il convertitore? no, ma mi arriva un valore inaspettato?

alla prima domanda non so rispondere, ma immagino di sì; a questa ti dico che forse non bruci il micro visto che lo stai alimentando a 5V (ma mi piacerebbe la conferma di qualcuno che ha approfondito la cosa), se non lo bruci ottieni semplicemente 1023, nessun valore inaspettato; ovviamente meglio mettere un partitore in modo da sfruttare tutta la scala per il riferimento settato, altrimenti che vantaggio ne avresti?

@ Test: visto che lavori con la 1.0 ovvio che aspettiamo i tuoi risultati, se avrai tempo e modo di fare qualche prova; riguardo il mio amico (diciamo che io non ci compro più da un bel po', l'ho sponsorizzato perché è serio e vedo che continua ad esserlo :)), mi fa piacere che stai notevolmente migliorando il tuo self-control :D, ma dimmi: che diff c'è tra i due modelli?
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

dab77

#548
Apr 06, 2012, 10:14 pm Last Edit: Apr 07, 2012, 01:43 am by dab77 Reason: 1


altra domanda, una volta settato a 1.1V, o a 2.56V, se per sbaglio arrivano su un pin analogico 5V, cosa mi devo aspettare? brucio il convertitore? no, ma mi arriva un valore inaspettato?

alla prima domanda non so rispondere, ma immagino di sì; a questa ti dico che forse non bruci il micro visto che lo stai alimentando a 5V (ma mi piacerebbe la conferma di qualcuno che ha approfondito la cosa), se non lo bruci ottieni semplicemente 1023, nessun valore inaspettato; ovviamente meglio mettere un partitore in modo da sfruttare tutta la scala per il riferimento settato, altrimenti che vantaggio ne avresti?

Allora, intanto grazie, se qualcuno ne sa di più dica la sua.
hai ragione sul fatto che se supero la soglia il risultato rimane 1023. La mia prova è questa: come spiego in un altro post uso una cella di carico amplificata con INA128, e taro l'INA con un trimmer in modo da avere in uscita da 200mV a 1V circa (questo usando l'Aref INTERNO da 1.1V..), ma la taro su un carico che prevedo sia il mio massimo.
La domanda l'ho fatta perchè se nelle prove supero il mio carico massimo arrivo a mandargli anche 1.5V. ...ebbene ho provato (per ora l'unico riscontro che ho è un LED attaccato ad un pin digitale dell'ATtiny85 da far lampeggiare più o meno veloce) e una volta superata la soglia il LED continua a lampeggiare con la stessa frequenza.

Ora rimane la possibilità o meno di settare l'Aref Interno a 2,56V, perchè ho provato con INTERNAL2V56, ma sembra non funzionare..
idee?

Testato

x menny: cambia l'indirizzo i2c, quindi finche' devi progettare da zero un circuito non ci sono problemi, ma se lo avessi dovuto usare per una riparazione non avrebbe funzionato
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Go Up